assistenza sanitaria

Telemedicina di emergenza sui mercantili: come superare i limiti delle attuali tecnologie



Indirizzo copiato

Le navi mercantili mancano di servizi medici a bordo, limitando l’assistenza in caso di emergenze. Tuttavia, le tecnologie attuali mostrano limitazioni, come la trasmissione di immagini in tempo reale e barriere linguistiche. Le nuove tecnologie promettono miglioramenti, ma richiedono integrazione e aggiornamenti per garantire assistenza efficace e conforme alle norme internazionali

Pubblicato il 12 apr 2024

Francesco Beltrame Quattrocchi

Ordinario di Bioingegneria Università degli Studi di Genova; Presidente di ENR – Ente Nazionale di Ricerca e promozione per la standardizzazione

Antonio Pernice

membro del CdA di ENR – Ente Nazionale di Ricerca e promozione per la standardizzazione, Palermo



cargo-ships

A differenza delle navi da crociera, dai traghetti e delle navi militari, le navi mercantili non sono attrezzate con personale o servizi medici a bordo, e dunque le possibilità di assistenza in caso di malattia o incidente a bordo è limitata sia in termini di efficacia per il paziente, sia in termini di efficienza, in quanto tutta la procedura passa attraverso una fase, spesso non breve, di intervento da remoto.

Assistenza sanitaria sui mercantili, Italia pioniera

L’Italia ha intuito l’importanza e la necessità di intervento in questo ambito fino dal 16 febbraio 1935 con l’istituzione del C.I.R.M. (Centro Internazionale Radio Medico), ideato e fondato a Roma dal Professore Guido Guida che ne fu Presidente fino al 1969 e che continua a rappresentare un punto di riferimento di eccellenza a livello internazionale per la qualità del servizio reso ai marittimi. Gli attuali servizi di assistenza sanitaria in mare fanno capo a livello internazionale alla rete SAR/MRCC – TMAS a cui tipicamente accedono solo le grandi navi dotate di comunicazione satellitare, mentre a minore distanza dalla costa le barche da diporto e da pesca possono accedere ai servizi territoriali di assistenza della Guardia Costiera.

I limiti delle attuali tecnologie

Un’analisi dei servizi disponibili in mare aperto mostra ancora oggi un approccio sostanzialmente limitato alle comunicazioni via e-mail e telex su canali radio o satellitari tra la nave e la stazione a terra. La banda degli apparati satellitari tradizionalmente disponibili (Inmarsat C) non consente infatti la trasmissione di immagini real-time, e la comunicazione asincrona via e-mail provoca ritardi e interruzione nella fluidità di erogazione dell’intervento remoto. Considerazioni a parte merita la difficoltà di comprensione tra i soggetti a bordo e a terra per ragioni linguistiche, semantiche e di diversa standardizzazione di dati e informazioni (per esempio, codifica di malattie, di segni e sintomi, di farmaci).

Le nuove tecnologie (comunicazione satellitare a larga banda, Internet, intelligenza artificiale, realtà aumentata, etc.), già presenti in alcune soluzioni avanzate di telemedicina di emergenza terrestre (quali quelle di diversi servizi 118 in Italia), hanno avuto fino a oggi poco impatto sulle modalità e prestazioni dell’analogo servizio in ambito marittimo. Va altresì notato come, sempre sulla base del principio OMS della continuità di cura, sia necessario prevedere integrazione fra servizi di telemedicina di emergenza a terra e in mare per garantire compiutezza al servizio reso.

La necessità di una soluzione tecnologicamente aggiornata, efficace e competitiva

In questo quadro è possibile progettare, sviluppare e verificare una soluzione tecnologicamente aggiornata, efficace e competitiva, che si affianchi e sia capace di far avanzare lo stato dell’arte corrente, e che sia accessibile al trasporto marittimo commerciale e anche al mondo professionale del brokeraggio nautico e della pesca e al mondo consumer della nautica da diporto. Benché tali bacini di utenza presentino alcune specificità diverse, la modularità, la flessibilità e l’interoperabilità a livello hardware/software a costi limitati supportano questa opportunità.

L’obiettivo generale dovrà essere quello di rispondere alla domanda di assistenza del personale e dei soggetti imbarcati, così come emerge dall’analisi condotta per i principali bacini di utenza identificati, assicurare adeguata copertura sanitaria in caso di incidente come previsto dalla normativa internazionale e nazionale, ridurre la necessità di dirottare l’imbarcazione verso un porto attrezzato o di evacuare in elicottero il soggetto infortunato limitandola ai soli casi di severità documentata, assicurare interventi di prevenzione e monitoraggio e favorire l’adozione di buone pratiche di comportamento volte a migliorare le condizioni di lavoro e la salute e il benessere a bordo. Ciò corrisponde peraltro in modo compiuto alle raccomandazioni ILO/2006 e IMO/STCW e fa esplicito riferimento alla raccomandazione congiunta IMO/ILO, in particolare laddove essa sottolinea l’importanza di una valutazione preventiva e oggettiva delle condizioni del soggetto condotta anche tramite strumenti di telemedicina, collegando gli interventi di assistenza remoti, anche ai fini di audit delle responsabilità, a un protocollo di valutazione della severità del caso (“triage”) e di esecuzione dell’intervento noto, ripetibile e internazionalmente approvato.

Le limitazioni tecniche e procedurali da superare

Ci si attende un significativo avanzamento rispetto alle limitazioni tecniche e procedurali che caratterizzano le attuali soluzioni legacy:

  • permettendo l’identificazione e la valutazione rapida delle condizioni del paziente da remoto, anche tramite algoritmi di IA (e-triage), nel rispetto delle indicazioni di best practice in corso di definizione da istituzioni internazionali e nazionali relativi all’impiego dell’IA e alle sue implicazioni di carattere etico (si veda anche il recente documento UE in merito);
  • collegando un kit di sensori e dispositivi medici portatili per rilevare e interpretare i sintomi e monitorare da remoto parametri biomedici in grado di meglio definire in termini oggettivi le condizioni del paziente;
  • applicando la realtà aumentata (AR) per guidare da remoto un operatore anche non qualificato ad attuare protocolli standard e procedure di primo intervento nell’assistere la vittima di incidente, entrambi internazionalmente riconosciuti;
  • favorendo la prevenzione e l’auto-assistenza (self care) tramite formazione continua e una procedura guidata agli interventi in loco.

I progressi scientifici e tecnologici su cui fare leva

Nell’affrontare questa sfida, occorre fare leva su alcuni elementi significativi del nuovo contesto scientifico e tecnologico:

  • la tecnologia informatica e di comunicazione oggi disponibile (copertura satellitare a larga banda, Internet, sistemi di identificazione, crittografia e sicurezza, multimedialità, miniaturizzazione della sensoristica e degli apparati a bordo e remoti, capacità periferica di calcolo e rendering, strumenti di data analytics, applicazioni software di realtà aumentata, algoritmi di intelligenza artificiale, cloud, modelli di erogazione dei servizi as-a-service, etc.);
  • la disponibilità di strumentazione medica e sensoristica miniaturizzata e/o mobile, e di dispositivi come tablet e palmari o soluzioni edge anche connesse con la sensoritica ambientale e di navigazione, che elaborano i dati e segnali acquisiti localmente e li inoltrano al sistema di trasmissione primario della nave. Questi oggetti possono essere ora facilmente contenuti in un kit di emergenza che può essere immediatamente reso disponibile sul luogo dell’incidente, o anche indossati dal soggetto per il monitoraggio dell’attività (i.e. smart watch);
  • l’evoluzione della medicina dell’emergenza che prevede un approccio integrato di tipo orizzontale comprendente l’insieme delle conoscenze, competenze e capacità mediche riguardanti le fasi acute di tutti i tipi di malattie e lesioni. La disciplina va verso una crescente concertazione e standardizzazione a livello internazionale basata su linee guida e buone pratiche riconosciute a livello scientifico;
  • la platea allargata di destinatari (agli equipaggi della marina mercantile a cui il servizio era tradizionalmente indirizzato si aggiunge oggi un nuovo target fatto di diportisti, regatanti, navigatori e pescatori professionali e amatoriali);
  • i principi di standardizzazione, portabilità, scalabilità e interoperabilità della soluzione, che portano a superare la frammentazione insita nelle soluzioni correnti, e a volte la loro ridotta disponibilità, insieme ad assicurare una maggiore sensibilità per gli aspetti etico-legali e di sicurezza e di protezione dei dati sanitari personali.

Come consolidare le procedure di assistenza sanitaria remota

È dunque possibile oggi la progettazione, lo sviluppo e la verifica di componenti innovativi e di applicazioni di supporto basate su Intelligenza Artificiale (IA) e su modalità di interazione vocale e visiva tramite dispositivi di AR, con l’obiettivo di definire e consolidare procedure di assistenza sanitaria remota fondate su procedure e protocolli standardizzati, ripetibili e auditabili.

Lo schema generale di una simile soluzione prevede un collegamento audio-video-dati tra una stazione a bordo dell’imbarcazione e una stazione a terra via satellite e/o 4-5G in relazione alla distanza dalla costa e all’infrastruttura disponibile sull’imbarcazione. A bordo l’operatore è assistito da strumentazione e sensoristica contenuti in un kit di emergenza, con un tablet che ospita app e interfacce in grado di rilevare e trasmettere a terra i parametri riconosciuti scientificamente come critici della vittima di incidente e informazioni ambientali e di contesto, e di fornire un supporto alla valutazione in loco della severità tramite algoritmi interpretativi basati sulla casistica, sempre intesi quali strumenti di supporto e non sostitutivi per le decisioni dei diversi attori umani coinvolti. La stazione di terra affianca l’intervento svolto dal personale a bordo con specialisti in ascolto h24, assiste nel qualificare e quantificare la gravità del caso in base alle informazioni e ai dati ricevuti, offre un supporto di primo intervento e attiva servizi convenzionati di assistenza remota da parte di personale sanitario specialistico e/o i servizi di emergenza in caso di necessità. È opportuno sottolineare che in questo contesto il servizio di telecomunicazione realizzato tra l’imbarcazione e la stazione di terra svolge il ruolo esclusivamente tecnico di collegamento tra il soggetto a bordo e il servizio autorizzato a svolgere un atto medico in telemedicina o teleconsulto, e ciò anche ai sensi delle Linee Ministeriali di indirizzo per la telemedicina. I dati raccolti dal soggetto a bordo dovranno essere protetti con crittografia end-to-end e strutturati in base alle raccomandazioni previste per favorire l’interoperabilità con i sistemi disponibili presso le strutture di ricovero a terra e l’integrazione con il fascicolo sanitario del soggetto, ove esso è disponibile. Una struttura dati minimale e facilmente leggibile contenente le informazioni necessarie per la gestione del caso è già utilizzata come riferimento nelle procedure SAR/TMAS internazionali attualmente in uso. Ai dati clinici, aggregati e anonimizzati potranno poi essere applicati strumenti di data analytics per analisi storiche, benchmark e valutazioni procedurali.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4