cultura digitale

Cybersecurity, le insidie ignorate degli smartphone: ecco perché la formazione è una priorità

La quantità di dati che generiamo dal nostro smartphone, senza rendercene conto, è impressionante. Per questo quando pensiamo di occuparci della nostra sicurezza è come se la stessimo difendendo con un colabrodo. Partiamo con l’orientamento e inseriamo le tecnologie ad alta intensità di dati nel curricolo scolastico

06 Set 2022
Mirta Michilli

direttore generale della Fondazione Mondo Digitale

ragazzi smartphone

Il sociologo scozzese David Lyon, che si occupa da tempo di sicurezza e sorveglianza, definisce lo smartphone come un “Personal tracking device”[1]. Secondo Lyon il connettore principale tra persone e “sorveglianti” è il nostro telefonino, che registra anche le nostre reazioni ai fatti, come i like, le condivisioni di contenuti, i commenti.

La pandemia, inoltre, ha accelerato l’uso dello smartphone anche per accedere alle applicazioni di servizio, dalla gestione dell’identità digitale (più di 31 milioni di Spid attivi) a IO, l’app dei servizi pubblici con oltre 30 milioni di download (dati a luglio 2022). Questo significa che i nostri cellulari custodiscono informazioni e dati sempre più preziosi. Ma sono strumenti sicuri o sono vulnerabili?

Quanto (e come) ci spia lo smartphone? Tutte le trappole che ignoriamo

La nostra sicurezza è un colabrodo

Noi ci preoccupiamo soprattutto di tutelare le informazioni “statiche” che definiscono la nostra identità, ma siamo poco consapevoli di cosa facciamo con il telefonino, anche se sta sempre con noi come un’estensione del nostro corpo. La quantità di dati che generiamo, senza rendercene conto, è impressionante. Quando pensiamo di occuparci della nostra sicurezza è come se la stessimo difendendo con un colabrodo: informazioni e dati che ci riguardano scorrono via passando da una miriade di buchi…

WHITEPAPER
Coinvolgi i tuoi dipendenti con una formazione che guardi alle loro esigenze, ecco come!
Risorse Umane/Organizzazione
Competenze Digitali

Se decidiamo di installare un’app sul nostro dispositivo, forniamo una serie di autorizzazioni leggendo frettolosamente o non leggendo affatto le descrizioni che spiegano cosa viene usato e per quale scopo. Quando facciamo clic su “Accetto” sappiamo davvero su cosa stiamo esprimendo un consenso? Sono testi lunghi, noiosi, confusi, respingenti… Progetti come Trust aWare ci aiutano a capire se stiamo agendo in modo superficiale e cosa possiamo fare per proteggere le nostre informazioni personali. E questa non è un’impresa facile considerando che ci servirebbero più di 70 giorni lavorativi a tempo pieno per leggere le politiche sulla privacy dei servizi usati in un anno! Secondo il rapporto State of Mobile elaborato da App Annie, usiamo le app per quasi cinque ore al giorno, scegliendo tra 21 milioni di applicazioni disponibili tra App Store e Play Store.

Non abbiamo una formazione adeguata: non solo noi che siamo migranti digitali ma anche i nativi digitali, perché a oggi, salvo sporadiche sperimentazioni, le tecnologie ad alta intensità di dati, come l’intelligenza artificiale, non sono ancora entrate nel curricolo scolastico.

Tutte le incognite del nostro cellulare

Ho scelto l’esempio del cellulare perché è diventato lo strumento tecnologico più diffuso e nello stesso tempo è quello che conosciamo meno, più strumento social che vero e proprio terminale di dati. Faccio ancora un esempio. Quanti di noi sanno cos’è il codice Imei? È l’acronimo di International Mobile Equipment Identity e indica il codice univoco associato ad ogni telefono cellulare prodotto, utilissimo in caso di furto del telefono per richiedere alle autorità di pubblica sicurezza di bloccarlo. Telefoni Android e Apple hanno sistemi diversi per trovarlo se avete perso la confezione originale dell’acquisto. Come fare? Basta digitare la domanda su un motore di ricerca per trovare la soluzione.

Le competenze digitali di base

L’ultimo Indice di digitalizzazione dell’economia e della società (DESI 2022), nonostante i progressi conseguiti a ritmi sostenuti, ci rivela che ancora oggi oltre metà dei cittadini italiani non dispone neppure di competenze digitali di base. Mentre credo non esistano dati sulla nostra presunzione di sapere, cioè su quanti di noi scambiano il “digital lifestyle”, lo stile di vita digitale, con la padronanza delle competenze minime per lavorare o partecipare. Il cosiddetto effetto Dunning-Kruger porta le persone con bassi livelli di competenza a sovrastimare le proprie abilità e conoscenze. Quando infatti si leggono i dati sull’uso di strumenti e servizi che richiedono perlomeno competenze di base, la percentuale di persone attive è ancora bassa. Ad esempio, solo il 40 % degli utenti di internet italiani fa ricorso ai servizi pubblici digitali, rispetto a una media UE del 65%.

Queste competenze digitali fanno ormai parte a tutti gli effetti delle competenze funzionali che tutti i cittadini dovrebbero possedere in una società della conoscenza inclusiva, perché garantiscono la possibilità di comprendere a fondo i fenomeni del nostro tempo, sempre più complessi e veloci nelle trasformazioni. “Man mano che le tecnologie si sviluppano, si alza sempre più la richiesta di competenze. Non possiamo più permetterci il lusso dell’ignoranza che ci siamo concessi per molto tempo”, sosteneva già molti anni fa Tullio De Mauro, tra i più attenti studiosi dei livelli culturali degli italiani.

Ecco perché non basta più dotare i giovani di un bagaglio fisso di abilità o conoscenze; è necessario che sviluppino resilienza, un ampio corredo di competenze, la capacità di interpretare velocemente i cambiamenti e di rispondere alle trasformazioni. Non possiamo finalizzare le attività di orientamento alla scelta della scuola o dell’università. Dobbiamo investire nell’orientamento come processo continuo che aiuti nuove e vecchie generazioni a leggere le coordinate per stare al mondo, a comprendere la realtà che cambia in continuazione a ritmi sempre più veloci. Solo così possiamo formare giovani orientati al futuro, capaci di capire come si trasforma il mercato del lavoro, esplorare le nuove professioni emergenti costruite su conoscenze e competenze multidisciplinari.

Comprendere quanto un cellulare ci renda vulnerabili se non ne padroneggiamo il funzionamento con adeguate competenze digitali, ci aiuta a visualizzare con più efficacia quanto abbiamo bisogno di formazione continua e di una scuola aperta a quello che succede nel mondo. Con un’adeguata formazione scolastica e una vera cultura digitale è facile capire quanto siano strategiche le figure degli esperti in sicurezza informatica. Secondo l’Agenzia nazionale per la cybersicurezza in Italia servono almeno 100mila figure specializzate, perché siamo il terzo paese al mondo più colpito da attacchi ransomware. La cybersecurity è un investimento sociale di interesse collettivo, non riguarda solo hacker, super esperti o squadre speciali. Per questo stiamo lavorando con le scuole e soprattutto i giovani (vedi Ambizione Italia per la cybersecurity), ma non solo, perché non dobbiamo dimenticarci di formare anche i cittadini più vulnerabili.

Note

  1. Tecnologia e diritti, Il tuo smartphone ti sorveglia, L’Espresso, 17 luglio 2022
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4