elezioni e democrazia

Fake news: come può TikTok diventare tana di disinformazione elettorale

Germania, Colombia, Filippine: TikTok ha avuto un impatto importante sulle recenti elezioni di molti Paesi. I brevi video si prestano alla propaganda e alla diffusione virale di disinformazione elettorale. Le misure di contrasto della piattaforma e l’allarme in Italia

23 Set 2022
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

fake news

Contenuti che inquinano, con effetti tossici, il dibattito politico-sociale trovano sempre più terreno fertile su TikTok. La piattaforma, in attuazione delle linee guida della community, sta intensificando impegno e risorse per garantire la cosiddetta “integrità elettorale”, ma malgrado lo sforzo manifestato dai gestori dei social media, i pericoli di inquinamento comunicativo sono all’ordine del giorno. 

La politica sbarca su TikTok: qualche vantaggio, molti rischi

Tik Tok e disinformazione elettorale: gli esempi recenti

Le fake news sembrano trovare terreno fertile proprio nelle piattaforme sociali, ove l’interazione massimizzata dei contenuti generati dagli utenti si disperde virtualmente in condizioni di elevata viralizzazione informativa difficilmente controllabile ex ante e verificabile ex post, neppure ricorrendo a sofisticati sistemi algoritmici di ricerca e selezione di notizie false o infondate.

WHITEPAPER
Tutto quello che c'è da sapere oggi per la collaboration nella PA

A maggior ragione se si tratta di brevi video (dall’esclusiva natura divertente di entertainment?) come indiretti possibili veicoli di propaganda falsa, violenta o estremistica, che pare abbia raggiunto picchi di disinformazione elettorale molto critici già ora riscontrabili nel continente africano.

Per tale ragione, non sorprende di certo il recente approfondimento curato dal “The New York Times”, secondo cui “la disinformazione elettorale prospera su TikTok” al punto da paventare un significativo timore di crescente allerta generale in funzione delle prossime elezioni negli Stati Uniti d’America, sulla falsariga di quanto avvenuto in occasione di recenti votazioni verificatesi all’estero.

L’articolo fornisce un’interessante ricognizione di casi concreti, da cui si evince il rilevante impatto di TikTok sulle competizioni elettorali in vari Paesi (Germania, Colombia, Filippine), per sottolineare il pericolo di contenuti fuorvianti, suscettibili di compromettere il pluralismo informativo e il dibattito politico-sociale, propedeutici ad assicurare il regolare processo elettorale, destinato a concludersi con la proclamazione dei vincitori, chiamati ad espletare il ruolo di rappresentanti istituzionali al vertice dei sistemi pubblici democraticamente scelti dal popolo.

La netiquette di TikTok e le fake news

Pur orientando la propria “mission” a una specifica esclusiva funzione di intrattenimento, volta a “stimolare la creatività e portare allegria” nell’ambito di “una community globale in cui tutti possano creare e condividere, scoprire il mondo che li circonda ed entrare in contatto con altre persone”, TikTok formalizza esplicitamente nelle sue ufficiali “linee guida il rigoroso rispetto dei principi di “sicurezza, diversità, inclusione e autenticità” nell’ottica di favorire, tra l’altro, lo sviluppo di un “ambiente che promuova interazioni veritiere” e che “non tolleri la discriminazione”, anche con l’ausilio della moderazione effettuata dal proprio personale incaricato unitamente all’applicazione di sofisticati algoritmi all’uopo perfezionati per le medesime finalità di monitoraggio e controllo dei contenuti.

Alla luce di quanto enunciato dalla citata cosiddetta “netiquette” applicabile alla piattaforma sociale, la disinformazione, rientrante tra le attività esplicitamente vietate, è definita in termini generali come qualsivoglia contenuto e/o comportamento falso e fuorviante, posto in essere da singoli individui o mediante azioni collettive coordinate, diretto a cagionare “danni significativi” provocati dall’incitamento all’odio o al pregiudizio, ovvero in situazioni in grado di “scatenare il panico”, o ancora suscettibile di pregiudicare la salute fisica di un individuo, nonché di “ingannare” gli utenti su “temi quali elezioni o altre attività civiche”.

Riconoscendo l’impatto che i temi politici – anche quando si tratta di contenuti creativi ascrivibili a forme originali di manifestazione artistica realizzata online – possono avere sulla fiducia collettiva a presidio della stabilità sociale, TikTok dichiara, ad esempio, di non accettare annunci politici a pagamento e, con l’intento di combattere la diffusione della disinformazione sulla piattaforma, si avvale della collaborazione qualificata di un team di esperti (come, ad esempio, il Content Advisory Council) per rafforzare la sicurezza degli utenti.

Inoltre, il servizio Hashtag PSA fornisce in tempo reale avvisi sugli hashtag più condivisi, compresi quelli relativi alle elezioni, come ulteriore strumento che consente di verificare fatti e segnalare contenuti ritenuti anche potenzialmente in contrasto con le linee guida vigenti.

TikTok afferma altresì di incentivare la promozione di campagne di “alfabetizzazione mediatica” per aiutare la comunità a pensare in modo critico ai contenuti che crea e ai contenuti che consuma”.

È stata pianificata la pubblicazione di video educativi TikTok “che forniscono ai membri della comunità gli strumenti di cui hanno bisogno per diventare cittadini digitali più esperti”, così come risulta attivato un sistema di raccomandazione progettato per monitorare costantemente – ed eventualmente rimuovere – i contenuti condivisi, inclusi spam, e video in corso di revisione o recensiti ove siano considerati “scioccanti per un pubblico generico”.

Peraltro, in occasione delle presidenziali statunitensi del 2020, è stata sviluppata una guida in-app al fine di veicolare informazioni autorevoli su tale competizione elettorale, realizzando anche un caso di studio curato dal Centro di sicurezza di TikTok, incaricato di fornire “aggiornamenti quotidiani” sulle misure adottate “per ridurre al minimo le opportunità di interferenza e i danni sulla piattaforma”.

TikTok, secondo quanto indicato dal suo Report sulla Trasparenza riportato dal “NYT”, ha dichiarato, tra le concrete azioni operative realizzate, di aver “rimosso quasi 350.000 video” associati alla disinformazione elettorale, bloccando altresì “441.000 video con affermazioni infondate”.

Resta però centrale, e oltremodo complesso, il problema della disinformazione elettorale online in presenza di un difficile bilanciamento tra libertà di opinione e salvaguardia della “verità” (che postula un giudizio talvolta troppo discrezionale, comunque rimesso agli operatori telematici nella veste di imprenditori e non di autorità pubbliche), da cui di fatto dipende il monitoraggio preventivo di una dilagante insidia tuttora irrisolta.

Conclusioni

Il nostro Paese è ritenuto vulnerabile a presunte ingerenze esterne, in grado di condizionare il regolare svolgimento delle imminenti elezioni politiche. Il fenomeno della disinformazione è quindi in questo momento storico estremamente attuale e il rischio di possibili frodi elettorali davvero concreto.

Anche perché, pur ammettendo che gli strumenti di rimozione e di disabilitazione dei contenuti falsi sui social media funzionino perfettamente, senza nessuna “falla” critica di imperfezione tecnica, è comunque realistico ipotizzare che le informazioni fuorvianti, una volta immesse online, raggiungano velocemente un ampio numero di utenti, grazie alla rapidità con cui si propagano le centinaia di migliaia di visualizzazioni associate: a riprova di ciò, ad esempio, “durante il primo trimestre del 2022, oltre il 60% dei video con disinformazione dannosa è stato visualizzato dagli utenti prima di essere rimosso” (secondo alcune evidenze emerse da una recente ricerca scientifica menzionata dal “The New York Times”).

Sembra così tratteggiarsi l’avvento della cosiddetta “era della post-verità” come nuova “società dell’incertezza”, ove le persone potrebbero persino rassegnarsi a convivere con la dilagante disinformazione esistente, senza più nettamente distinguere dal flusso comunicativo di notizie autorevoli e credibili il contenuto “tossico” delle fake news prodotte – anche intenzionalmente – con la finalità di inquinare il dibattito dell’opinione pubblica e compromettere la stabilità dei sistemi politici vigenti.

WHITEPAPER
Vantaggi economici, flessibilità e scalabilità: perché scegliere il cloud oggi!
Cloud
Digital Transformation
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4