gdpr

Codici di condotta Gdpr: tutti i vantaggi per PMI e associazioni di categoria

A un anno dalla piena vigenza e mentre finiscono anche gli otto mesi di tolleranza del Garante privacy, il sistema industriale italiano non è conforme al Gdpr e dunque a rischio. Un aiuto per le PMI è rappresentato dai Codici di Condotta, previsti per abbassare il costo della compliance. Vediamo le opportunità

20 Mag 2019
Sergio Fumagalli

responsabile Data Protection di P4I

GDPR-1

Se si vuole parlare concretamente di GDPR in Italia, non si può prescindere dal considerare che la realtà profonda dell’economia italiana non è quella delle grandi banche o delle poche grandi imprese. Anzi. Il nostro tessuto imprenditoriale è composto per la gran parte da imprese medio-piccole, per le quali adeguarsi ai dettami del Gdpr – entrato nella piena vigenza ormai da circa un anno – è pressoché impossibile.

I rischi di questa mancata compliance, come vedremo, sono molti ma fortunatamente il legislatore si è posto il problema in anticipo, prevedendo, nel GDPR, strumenti (cioè articoli) finalizzati ad abbassare la complessità e quindi il costo della compliance, proprio pensando alle PMI, non solo italiane. Sono i Codici di condotta, normati dagli articoli 40 e 41 del Regolamento europeo redatti  a cura delle associazioni di categoria a vantaggio degli operatori del proprio settore.

Vediamo di cosa si tratta e perché i Codici di condotta sono un’opportunità anche per le associazioni (sul tema, segnaliamo l’evento omonimo del 28 maggio a Roma).

Applicare il GDPR è complesso per tutti

La statistica è impietosa. Il nostro è il Paese europeo con il maggior numero di imprese ma, tra i grandi Paesi europei, è anche quella con il minor numero di imprese medio-grandi e grandi: il 28% del numero di imprese tedesche, il 77% di quelle francesi, la metà delle inglesi.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Per converso, ha quasi il doppio delle micro-imprese della Germania (Figura 1).

Una recente ricerca dell’Osservatorio Privacy e Sicurezza del Politecnico di Milano rileva che anche una parte significativa delle grandi imprese non si è ancora posta il problema di adeguarsi al Regolamento, anche se sono scaduti tutti i termini, a dimostrazione della complessità dell’operazione.

Se è difficile adeguarsi al GDPR per le grandi imprese, per le PMI con meno di 250 addetti, tutti concentrati sull’operatività, è addirittura impossibile.

Non è neppure un problema di soldi: essere conformi al GDPR comporta l’adeguamento delle prassi operative, gli strumenti tecnologici e richiede la capacità di documentare le scelte che si compiono, cioè richiede un intervento sull’organizzazione aziendale che le PMI sono del tutto impreparate a fare, salvo eccezioni virtuose.

Non ne parla nessuno ma questo significa che, a 3 anni dalla entrata in vigore parziale (maggio 2016), a un anno dalla piena vigenza (maggio 2018), mentre finiscono anche gli otto mesi di tolleranza del Garante italiano, il sistema industriale italiano è sostanzialmente non conforme e dunque a rischio.

Due aspetti fondamentali da considerare

Si potrebbe anche dire “chi se ne importa” se non fosse per almeno due aspetti.

Il primo: uno dei punti chiave del GDPR riguarda il rapporto tra titolare e responsabile, cioè fra committente e fornitore che diventano, in molti casi, corresponsabili in solido, e l’impresa italiana, soprattutto la medio-piccola, è un’impresa di sub-fornitura.

Dunque, in primis, non sarà il Garante – lontano e verosimilmente concentrato sulle grandi aziende – a creare problemi: saranno le aziende clienti, italiane ed europee, a scaricare sulle PMI italiane i loro rischi di compliance con clausole contrattuali ineludibile che le PMI potranno solo sottoscrivere, firmando impegni che non potranno rispettare e candidandosi a prendersi tutti i rischi connessi.

Il secondo: non si può dire “chi se ne importa” al digitale. La digitalizzazione delle attività operative e delle relazioni industriali e commerciali è una delle trasformazioni più rilevanti in atto, l’unica capace di incidere profondamente sull’efficienza e dunque sulla competitività delle imprese. La protezione dei dati è uno dei pilastri di questa trasformazione.

Non solo. Il GDPR è concentrato sulla protezione dei dati personali ma, nel farlo, accende un faro sulla protezione del dato in generale, sul diritto delle nuove tecnologie, sulla sicurezza, fino alla governance e alla valorizzazione del patrimonio informativo delle imprese. Per questo dire “chi se ne importa” del GDPR è come dirlo della trasformazione digitale e, dunque, significa dire “chi se ne importa” della competitività, delle imprese e del sistema Paese.

Insostenibile, culturalmente e operativamente.

I codici di condotta

Lenin avrebbe detto: “Che fare?”.

Forme innovative di soft-law affidate a soggetti privati che possono predefinire un insieme di regole operative, approvate dal Garante e, dunque, affidabili, specifiche per settore di attività.

Un fatto nuovo, un nuovo rapporto fra leggi e soggetti tenuti ad applicarle.

Il contenuto dei Codici di Condotta può riguardare tutti i diversi aspetti del GDPR, ovviamente concentrandosi su quelli che sono più rilevanti per la specifica categoria di imprese a cui si rivolge ciascuno specifico Codice: dalle informative all’utilizzo del legittimo interesse come base giuridica per il trattamento, ad esempio, dei dati marketing, dal registro dei trattamenti alle misure di sicurezza, alle procedure aziendali per la privacy by design fino ai temi dell’esportazione di dati fuori dalla UE.

I Codici di Condotta sono, però, anche un’opportunità anche per le associazioni di categoria, per rilanciare il rapporto con i propri associati, trovando una nuova missione 4.0, in un contesto produttivo e di relazioni sempre più disintermediato dalla tecnologia.

Le Associazioni di categoria sono, infatti, il perno su cui il GDPR ha incentrato la strategia di sostenibilità della compliance per le PMI, affidando a loro il potere di iniziativa nella redazione dei Codici di Condotta. Anche questo è un aspetto da non trascurare, guardando al futuro, se si pensa al ruolo positivo che questi corpi intermedi hanno svolto nelle stagioni del grande sviluppo italiano.

In febbraio sono state pubblicate dal board europeo le linee guida applicative relative ai Codici di Condotta che danno certezze e riferimenti anche relativamente al processo per la loro redazione.

La strada è dunque aperta e può essere percorsa.

A Roma il confronto sui Codici di Condotta

Il 28 maggio a Roma, Agendadigitale.eu, con il patrocinio di Clusit e degli Osservatori del Politecnico organizza un confronto sui Codici di Condotta che sarà introdotto da Anna Cataleta, tra i pochi professionisti con un’esperienza concreta in materia, e vedrà la partecipazione del Garante, di Confindustria, del Governo e del Parlamento, oltre a importanti voci del mondo professionale.

L’Italia, che si vanta di essere il Paese delle PMI, deve e può assumere la leadership continentale su questo tema, appropriandosene e sfruttando l’opportunità, concessa dal GDPR, di trasformare in Codici di Condotta a valenza europea quelli elaborati inizialmente per il contesto italiano.

La capacità del sistema paese di trarre pieno vantaggio dalla trasformazione digitale passa anche dalla risposta che Istituzioni, Autorità e imprese sapranno dare su questo tema, minore, forse rispetto ad altri ritardi della nostra economia, ma chiaro indicatore della consapevolezza con cui la sfida digitale verrà raccolta.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4