Il cambiamento

Registro pubblico opposizioni, se persiste il telemarketing illegale: come fare

Il ROP – Registro unico delle opposizioni ha l’obiettivo di tutelare i consumatori, che potranno evitare di essere contattati da operatori telemarketing se non lo desiderano: resta però il problema dei teleseller illeciti, che non rispettano le regole e telefonano lo stesso, per cui è importante cercare soluzioni

05 Apr 2022
Lelio Borgherese

Presidente di Assocontact

Davide Natale

Vice Presidente Assocontact

Il 27 luglio 2022 sarà il D-Day dei consumatori: grazie all’iscrizione al Registro pubblico delle Opposizioni chi lo desidera potrà non essere mai più contattato dagli operatori di telemarketing. Ciò ovviamente fatta eccezione per gli operatori illegali che, non rispettando le regole, sono i protagonisti di truffe, chiamate aggressive e molestie.

Telemarketing: ecco perché quello legale va tutelato

Gli obiettivi del ROP

Il “Regolamento recante disposizioni in materia di istituzione dei propri dati personali, e del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Dopo un’attesa di oltre quattro anni i consumatori saranno finalmente liberi dalle chiamate moleste e dai tentativi di truffa telefonica. Ci si aspetterebbe, dopo quattro anni di studi, un’iniziativa impeccabile anche a ragione dei tanti e delicati piani che la faccenda tocca: diritto alla privacy, diritto alla libera iniziativa economica, diritto all’informazione e tutela del principio della concorrenza così come del principio della certezza del diritto. Leggendo il regolamento emerge, senza alcun dubbio, la volontà di tutela del consumatore, ma anche il rischio di una sostanziale inefficacia del provvedimento.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Il Registro delle Opposizioni punta a fare tabula rasa di tutti i consensi precedentemente dati e a blindare i numeri di telefono cellulare come delle utenze fisse ma ‘dimentica’ che il telemarketing aggressivo è illegale ed opera al di fuori della legge. E continuerà a farlo senza alcuna restrizione.

Il ROP agisce, infatti, in stretta correlazione con il ROC, il Registro degli Operatori di Comunicazione. Ciò significa che solo gli operatori iscritti al ROC devono sottostare ai limiti del ROP. Occorre, tuttavia, fare un ulteriore passo indietro e specificare che anche oggi chi è iscritto al ROC deve sottostare a regole e leggi come il divieto di contattare i consumatori in alcune fasce orarie e il divieto di ricontattare chi ha espresso la volontà di non essere richiamato. La trasparenza delle informazioni è inoltre supportata da un decalogo di comportamenti corretti, tra cui: la leggibilità e riconoscibilità del numero chiamante che deve sempre essere in chiaro; l’obbligo per chi parla di dichiarare l’azienda per cui lavora nonché l’obbligo di rispondere all’utente che gli chieda conto del data base che sta utilizzando e di cancellare il numero di telefono dell’utente che lo richieda espressamente.

Il problema dei teleseller aggressivi

Eppure, il telefono continua a squillare a tutte le ore con offerte moleste. Perché avviene? Perché i teleseller aggressivi non sono iscritti al ROC e non hanno alcuna intenzione di rispettare alcuna regola. Alla luce di questo è lecito chiedersi come può un ulteriore inasprimento delle regole fermare o anche solo intimidire quei teleseller che hanno scelto di fare affari in modo criminale. Il meccanismo, del resto, è noto: quando non si può perseguire chi non rispetta la legge si inaspriscono le leggi per coloro che già le rispettano. Lo Stato fa sentire la propria presenza facendo passare l’idea ‘che le cose cambieranno’. E in effetti cambieranno. Ma in peggio.

Restringendo la platea dei consumatori che possono sfruttare i vantaggi del telemarketing – che nella sua vocazione nobile serve a informare le persone sui vantaggi economici di un prodotto o un servizio – si restringe il mercato del telemarketing legale. Il che avrà tre effetti distopici:

  • sulle poche utenze non iscritte si concentreranno le chiamate dei molti teleseller legali ( e di tutti gli illegali che il ROP nemmeno lo aprono)
  • le utenze iscritte al ROP continueranno a essere contattati da tutti i teleseller illegali
  • la restrizione del mercato avrà ripercussioni sulla capacità di vendita dei teleseller legali che convertiranno o chiuderanno le proprie attività, lasciando campo aperto agli illegali.

L’intervento del Garante privacy

Se lo scenario apparisse troppo paradossale per essere considerato veritiero si rileggano le parole del Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, Pasquale Stanzione: “il sistema nel suo complesso non riesce ancora a contrastare del tutto il telemarketing selvaggio, che resta un fenomeno endemico per diffusione e radicamento nelle strutture economico-sociali, non solo italiane”. Una considerazione che ha ancora più peso se si guarda alle numerose iniziative introdotte dall’Autorità Garante negli ultimi anni nel tentativo di fronteggiare e contenere il fenomeno.

Ma il Telemarketing illegale è una piaga sociale: arrendervisi non è un’opzione. Oltre alle truffe milionarie e ai danni materiali e psicologici inferti ai consumatori occorre conteggiare i danni collaterali: la quota parte di mercato sottratta agli operatori iscritti al ROC e alla filiera di cui fanno parte; la squalifica del servizio e la conseguente diminuzione degli investimenti che determina una contrazione dei diritti dei lavoratori quando non il loro licenziamento; la disarticolazione generata nella relazione di fiducia che sussiste sia tra Brand – Outsourcer e Consumatore sia tra questi e le Istituzioni che dovrebbero tutelarle. A fronte di un fenomeno così importante non si capisce quale ragione impedisca a tutti gli stakeholder di sedersi a un tavolo comune per trovare soluzioni di sistema. Che ci sono.

La proposta: un golden number

Assocontact, l’Associazione di Categoria dei Business Process Outsourcer, con l’Osservatorio Imprese e Consumatori ha di recente organizzato un convegno sul tema, avanzando proposte e raccogliendo i suggerimenti di tutte le Autorità Garanti. Il passaggio agli smart contract, contratti redatti sfruttando la tecnologia blockchain per garantirne la tracciabilità e immutabilità, è una soluzione capace di fare la differenza perché annullerebbe la possibilità di trarre vantaggio economico dall’utilizzo di scorciatoie e pratiche illegali. Il golden number, l’adozione di un numero unico per ciascun brand, permetterebbe la riconoscibilità di chi ci contatta distinguendo immediatamente chi prova a truffarci.

E per coloro che tentano di camuffare il proprio numero appropriandosi del Golden Number, si può introdurre l’ID Authenticator, una tecnologia in grado di svelare l’inganno. Queste sono solo alcune soluzioni che possono agire in combinato disposto con le buone pratiche che alcuni attori del settore stanno mettendo in atto. Il Telemarketing è infatti una delle costole del più ampio e complesso settore dell’Outsourcing che in Italia sta cambiando volto grazie ai cospicui investimenti in nuove tecnologie – la media di investimenti è dell’8% contro una media investimenti del comparto industriale ferma allo 0.7% e ciò sta avvicinando il BPO/CRM all’ICT, ridisegnando il loro ruolo anche come partner della trasformazione digitale dei Top Player del Paese.- Sanare il telemarketing significa, dunque, anche dare una politica industriale a un asset strategico per la produttività del Paese.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2