i report

Sorveglianza digitale, un problema globale e nel 2023 sarà anche peggio: gli allarmi

Non solo l’Onu, anche Meta lancia l’allarme sull’escalation della sorveglianza digitale che, grazie anche all’opera di esperti “cyber-mercenari”, prende di mira una vasta platea di individui, compresi dissidenti politici, giornalisti e attivisti per raccogliere e manipolare le loro informazioni personali

Pubblicato il 13 Gen 2023

Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

videosorveglianza

Se il 2022 si è chiuso in modo pressoché allarmante a fronte delle preoccupanti evidenze sullo stato negativo di salute di Internet sempre più compromesso dal pervasivo utilizzo di tecnologie in grado di controllare, processare, tracciare e monitorare tutto ciò che circola nell’ambiente virtuale, non sembra prospettarsi un differente scenario evolutivo nell’orizzonte temporale del 2023: anzi, potrebbe persino aggravarsi il dilagante lato oscuro della Rete al punto da materializzarsi, come irreversibile definitivo cambio di rotta, l’apice di massima escalation del cosiddetto “autoritarismo digitale.

La tecnologia realizza l’incubo della sorveglianza globale: allarme ONU

Sorveglianza digitale, un problema globale: l’allarme dell’Onu

Emblematici, in tal senso, i due rapporti pubblicati dalle Nazioni Unite (rapporto A/77/196 “Right to privacy”; e rapporto A/HRC/51/17 “The right to privacy in the digital age”), per scongiurare le minacce alla privacy digitale: oltre a indicare un decalogo di principi guida da utilizzare come orientamenti applicativi di riferimento, gli Stati sono sollecitati a predisporre un sistema di regolamentazione conforme agli standard internazionali definiti in sede di cooperazione multilaterale, contestualmente alla necessità di stabilire una temporanea moratoria sulla vendita degli strumenti di “hacking” e “spyware” in attesa di introdurre un quadro normativo armonizzato più stabile e incisivo.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity

Il report di Meta

A riprova ulteriore dell’esistenza di un problema globale divenuto centrale nell’ecosistema digitale a causa dei pericoli per la protezione dei dati personali cui gli utenti possono frequentemente incorrere quando effettuano qualsiasi attività quotidiana, dopo la formale presa di posizione dell’ONU, anche Meta ha reso noto il recente Report “Threat Report on the Surveillance-for-Hire Industry”, ove si descrivono le medesime inquietanti criticità.

In particolare, riportando svariate fonti di approfondimento citate nell’indagine effettuata, lo studio sottolinea la crescita esponenziale dell’industria di sorveglianza “su commissione” che, avvalendosi di una rete tentacolare di esperti “cyber-mercenari”, prende di mira indistintamente, ben oltre la ristretta cerchia di presunti criminali da monitorare nel compimento di attività delittuose, una vasta platea di individui, compresi dissidenti politici, giornalisti e attivisti ostili alle forze politiche dominanti, per “raccogliere” e “manipolare” le informazioni personali dopo aver “infettato” i relativi dispositivi.

Il problema dei mercenari informatici

Prendendo atto della rilevanza del fenomeno, anche il Gruppo di lavoro sull’uso dei mercenari, istituito dalle Nazioni Unite ha già da tempo riscontrato l’uso massiccio di spyware, malware, strumenti di intelligenza artificiale e di sorveglianza forniti da soggetti che mettono a disposizione sul mercato un’ampia gamma di servizi di spionaggio utilizzabili nel cyberspazio per scopi illeciti, di cui si possono dotarsi, come potenziali clienti, entità private e autorità statali, per effettuare operazioni informatiche – offensive o difensive (come ad esempio: proteggere le infrastrutture critiche, indebolire le capacità militari delle forze armate nemiche, controllare gli oppositori politici, ecc.).

I “cyber-mercenari” nuova insidia dell’ambiente digitale: chi sono e i rischi che corriamo

Il Report Meta “Threat Report on the Surveillance-for-Hire Industry” riporta, al riguardo, l’avvenuta disattivazione di svariate organizzazioni dedite a pratiche di controllo localizzate in oltre 100 Paesi (prevalentemente in Cina, Israele, India e Nord Macedonia), all’esito di una lunga e complessa ricerca compiuta dal team di “intelligence” per rafforzare la sicurezza degli utenti all’interno delle piattaforme sociali, con l’intento di contribuire, anche in un’ottica generale di sensibilizzazione sociale, a minimizzare l’impatto dannoso provocato da simili tecnologie sulla stabilità dei sistemi democratici, auspicando al contempo, mediante un concreto intervento dei governi, l’adozione di misure di protezione adeguate a fronteggiare i pericoli esistenti nell’ambiente digitale.

Non si tratta, peraltro, di una novità assoluta, poiché negli anni passati sono state più volte identificate complesse attività di hackeraggio effettuate da mercenari informatici.

Pur avendo intrapreso concrete azioni volte a bloccare i sistemi di sorveglianza, mettendo al contempo in guardia gli utenti controllati dalle insidie subite, Meta prospetta il rischio di un progressivo perfezionamento tecnico delle relative operazioni in grado di eludere potenzialmente qualsivoglia controllo preventivo effettuato al fine di paralizzarne l’uso.

Una metodologia collaudata dietro gli attacchi

Nel merito dello studio realizzato, l’analisi ricostruisce la cd. “catena di sorveglianza”, caratterizzata da specifiche fasi cicliche (“Reconnaissance”, “Engagement”, and “Exploitation”) individuabili in qualsiasi “cyber-attacco” effettuato mediante l’utilizzo di software intrusivi offerti direttamente sul mercato, ove si “democratizza” il relativo scambio tra l’industria tecnologica di sorveglianza e un’eterogenea clientela di consumatori che, dal lato della domanda, incrementano la disponibilità di acquistare tali prodotti per le finalità di controllo massivo cui essi assolvono.

Emerge, infatti, una sofisticata metodologia collaudata per realizzare gli attacchi informatici che realizzano una preliminare sorveglianza “a distanza” funzionale a monitorare gli interessi di un individuo, per poi passare alla successiva “fase di coinvolgimento” in modo da stabilire un contatto e cercare di creare un rapporto di fiducia al fine di sollecitare la condivisione di informazioni, sino al momento del “inganno” che si realizza mediante l’invito a cliccare i link di collegamento a determinati file da scaricare.

Spyware e fake account per raccogliere dati e sorvegliare

Più precisamente, secondo il Report di “Meta”, la prima fase della “catena di sorveglianza” (“Reconnaissance”), come forma invisibile e quindi più insidiosa di “ricognizione” delle informazioni personali, consente di attivare un processo impercettibile di profilazione dei dati mediante l’utilizzo di sofisticati “spyware”, gestiti dai fornitori o direttamente dai propri clienti, in grado di automatizzare la raccolta, la conservazione e l’analisi dell’integrale flusso di dati estratti online su larga scala, non solo da siti web, blog, social media e forum (come parte più o meno percepibile dello spazio virtuale visibile), ma altresì archiviati più in profondità nell’ambiente sommerso del “Deep Web” e del “Dark Web”.

Ricorrendo anche alla creazione di “fake account”, la strategia di sorveglianza va alla ricerca di ogni minimo dettaglio personale che comprende, mediante una complessiva schedatura dell’individuo da controllare, l’analisi completa del profilo virtuale, delle interazioni pubblicamente visibili (“mi piace, ecc.), della cerchia di contatti e delle adesioni a eventuali gruppi ed eventi creati all’interno delle piattaforme sociali.

Tecniche di ingegneria sociale

La seconda fase della “catena di sorveglianza” (“Engagement”) prevede, mediante tecniche di “ingegneria sociale”, la creazione di finti utenti, perfettamente credibili e adattabili a ogni tipo di target di destinatari, che comunicano tramite e-mail e messaggi diretti sui social media o persino con chiamate vocali e video-call, allo scopo di stabilire un contatto diretto per indurre le persone, in un clima di fiducia che l’interazione instaurata genera, ad effettuare incautamente collegamenti link o il download di file, come vera e propria “esca” strumentale ad attivare la successiva terza fase di ““Exploitation”, ove si materializza il cd. “hacking for hire” per effetto della raffinata creazione di appositi domini di phishing, integrati da correlati URL, progettati con l’intento di realizzare la sorveglianza generale del dispositivo, mediante l’accesso a qualsiasi dato ivi custodito (incluse password, cookie, foto, video, messaggi, rubriche, oltre ad attivare silenziosamente il microfono, la fotocamera e il tracciamento della geolocalizzazione).

Sulla falsariga dei recenti rapporti delle Nazioni Unite, anche il Report pubblicato da “Meta” auspica la necessità di predisporre efficaci standard internazionali di trasparenza e supervisione definiti in sede di sinergica cooperazione “multistakeholder” tra governi nazionali, settore imprenditoriale “high-tech” e società civile per ridurre gli abusi esistenti e rafforzare la governance dell’ecosistema digitale nell’ambito di una generale revisione della legislazione vigente che incentivi anche una maggiore consapevolezza sulle implicazioni etiche derivanti dall’uso massivo e sistemico delle tecnologie di sorveglianza.

Basterà o si resta ancora soltanto sul piano delle buone intenzioni prive di riscontri effettivi?

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4