privacy

Stop al telemarketing sul cellulare: cosa cambia dal primo dicembre 2020

Il tanto atteso registro pubblico delle opposizioni per i numeri mobili riservati sarà attivo dal primo dicembre 2020. Ecco cosa cambia, quali sono le tutele del Gdpr nell’ambito del marketing diretto e quali sono stati finora i limiti che hanno ridotto i benefici del RPO

05 Feb 2020
telemarketing - registro pubblico opposizioni

A quasi due anni dall’entrata in vigore del Gdpr, i tempi sembrano ormai maturi per l’estensione del Registro Pubblico delle Opposizioni anche alle numerazioni, fisse ed in particolari mobili, non inserite negli elenchi pubblici.

Il tanto atteso registro per i cellulari sarà attivo dal primo dicembre 2020.

Il Regolamento di estensione del Registro Pubblico delle Opposizioni, che andrà a modificare quanto stabilito dalla precedente legge n.5/2018 è stato approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri il 17 gennaio, anche se necessita ancora dei pareri del Consiglio di Stato e delle Commissioni Parlamentari competenti.

A partire dal prossimo primo dicembre, quindi, sarà possibile iscriversi al registro delle Opposizioni per evitare di ricevere telefonate di telemarketing e cancellare tutti i consensi già rilasciati alle aziende: gli operatori dei call center, infatti, saranno tenuti a consultare il registro prima di fare le loro chiamate.

Il diritto di opporsi al trattamento dei propri dati personali per finalità di marketing è uno degli aspetti chiave del Gdpr, in questo specifico contesto.

L’art. 21 del Gdpr, al punto 2 recita testualmente: “Qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto, l’interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per tali finalità, compresa la profilazione nella misura in cui sia connessa a tale marketing diretto”.

Diritto di opposizione e telemarketing

Analizzando nello specifico, il diritto di opposizione è evidentemente strettamente connesso al trattamento dati per finalità di marketing, il classico e conosciutissimo strumento del telemarketing, che nella sua definizione rappresenta l’insieme delle attività di marketing effettuate mediante l’utilizzo dello strumento telefonico diretto, svolto mediante aziende ed operatori commerciali, spesso anche consociati, verso clienti o potenziali utenti, per la vendita di beni o servizi o per pubblicizzazione di attività o prodotti sempre ai fini commerciali. Solitamente tale attività viene effettuata dai call center, ossia società strutturate ed organizzate con sistemi informatici e risorse umane formate, in grado di gestire ed effettuare chiamate e campagne di vendita telefoniche, che però non vanno confusi con gli Help Desk, che hanno finalità prevalentemente di assistenza.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

L’attività di telemarketing viene generalmente svolta, nell’ambito del Call center, mediante due principali modalità:

  • telemarketing outbound (in uscita);
  • telemarketing inbound (in entrata).

Nella prima modalità, il contatto telefonico fra cliente e operatore avviene tramite quest’ultimo, che contatta uno o più clienti attraverso l’utilizzo liste di numeri di telefono solitamente disponibili in azienda. Nel secondo caso, le telefonate vengono effettuate direttamente dal cliente verso il call center, componendo un apposito  numero verde messo a disposizione, in questo caso l’operatore, oltre a fornire le informazioni richieste dal cliente, avrà anche il compito di indirizzare la telefonata verso il canale commerciale dell’azienda.

Negli ultimi anni, c’è da segnalare l’utilizzo quasi sistematico delle registrazioni delle conversazioni telefoniche – che, ove previsto dalla legge – rappresenta a mio avviso l’unico modo efficace e la soluzione migliore per accertare i fatti in caso di eventuali dispute che dovessero insorgere tra cliente e azienda, soprattutto in ambito bancario e assicurativo.

La decentralizzazione dei call center

Spesso si verifica che molte aziende, per ridurre i costi di produttivi e di gestione, decentralizzano i processi di supporto, affidandoli in gestione a ditte esterne, che hanno sede nei paesi dell’est Europa oppure nelle nazioni del nord Africa, fenomeno che ha scatenato notevoli proteste e malcontento ad opera degli utenti, che lamentavano difficoltà nella comunicazione e insoddisfazione per il servizio. Quante volte ci siamo sentiti rispondere o essere chiamati con le seguenti frasi:

“Buongiorno, parlo con il titolare? Sono Natalia operatore xxx la chiamo dalla Romania, oppure buongiorno sono Samira, rispondo dall’Albania, come posso esserle utile?”

L’art.24 bis articolo di un decreto legislativo del 2012, impone agli operatori dei call center, la possibilità di poter far scegliere agli utenti di poter parlare con un operatore in Italia, disponendo una cosa molto semplice, la facoltà di selezionare digitando sulla tastiera il tasto 1 o il tasto 2, per potersi far rispondere dall’Italia o dall’estero. Purtroppo occorre constatare che questo ottimo D.lgs. è stato completamente disatteso, in quanto nonostante questa disposizione di legge sia ancora attiva ed in vigore, raramente si verifica la possibilità di poter selezionare l’operatore con cui parlare, si viene indirizzati direttamente al primo operatore disponibile, o chiamati direttamente che spesso è situato oltre il nostro confine.

Il registro pubblico delle opposizioni

L’abuso e la diffusione di pratiche “scorrette e fastidiose” nell’utilizzo di telemarketing selvaggio, hanno comportato l’introduzione del registro pubblico delle opposizioni, ad opera del Ministero dello Sviluppo Economico.

Il Registro Pubblico delle Opposizioni, istituito con il D.P.R. n° 178/2010 e aggiornato con il D.P.R. n° 149/2018, è uno strumento gratuito istituito per la tutela dei numeri di telefono e dei corrispondenti indirizzi postali associati,  seppur presenti in elenchi telefonici pubblici.

A cosa serve e come funziona il registro pubblico delle opposizioni

Il RPO, come abbiamo detto, è un servizio gratuito attraverso il quale è possibile bloccare il trattamento dei propri dati personali, presenti negli elenchi telefonici pubblici, da parte di tutti gli operatori che utilizzano tali elenchi per svolgere attività di marketing attraverso il telefono e la posta cartacea.

Sia ben chiaro che l’opposizione non annulla e non sostituisce la validità di quei consensi per contatti con finalità commerciali rilasciati direttamente dagli utenti alle singole società, ma comunque resta salvo il diritto di opposizione di cui all’art. 21 del Regolamento (UE) 2016/679.

Allo scopo di voler evitare comunicazioni commerciali indesiderate, l’utente iscritto negli elenchi telefonici pubblici, gratuitamente può inserire il proprio numero di telefono al RPO ed opporsi al trattamento dei propri dati, effettuato mediante telefono e/o posta cartacea.

Tutti gli utenti possono richiedere l’iscrizione, l’aggiornamento e la revoca dei propri dati al RPO attraverso quattro modalità:

  • via web (con la compilazione di un modulo online)
  • via telefono (chiamata al numero verde RPO 800 265 265)
  • email a abbonati.rpo@fub.it. (invio tramite posta elettronica di un apposito modulo);
  • raccomandata.

Per quanto riguarda gli operatori, nella cui tipologia rientrano tutte le società, che in qualità di titolari del trattamento dei dati personali, svolgono quale attività prevalente forme di marketing mediante gli strumenti telefonici e/o l’utilizzo della posta cartacea, utilizzando in particolare anche dati degli utenti presenti negli elenchi telefonici pubblici (numeri di telefono e indirizzi postali associati), la buona prassi prevede che siano tenuti a registrarsi al RPO e a comunicare la lista che ha intenzione di contattare.

Chi gestisce il servizio

Le attività che implementano la realizzazione, gestione e manutenzione del registro delle opposizioni, è affidata mediante incarico contrattuale, al fine di garantirne la completa e totale veste di ente terzo, impegnato in attività di pubblico interesse, da parte del Ministero dello sviluppo economico alla Fondazione Ugo Bordoni, che svolge attività di ricerca scientifica, istituzionale, nel settore delle telecomunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.

I limiti del registro pubblico delle opposizioni

Purtroppo nonostante l’ottimo strumento, il Garante della Privacy in un’audizione al Senato un po’ di tempo fa, faceva notare che l’efficacia e la funzionalità del registro non era ancora ottimale, e che occorrevano delle modifiche strutturali e operative. La motivazione principale consisteva nella limitazione di poter iscrivere soltanto numeri fissi escludendo i cellulari, oltre che nella previsione di un costo a carico dei call center per la consultazione del registro, suscitando lamentele e malcontento da parte dei cittadini.

Infatti, purtroppo, le statistiche indicano che negli ultimi cinque anni il Garante ha ricevuto oltre 25 mila segnalazioni, contestando circa seimila casi, per un valore complessivo di 7,8 milioni di euro.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4