diritto all'oblio e imprese

Proteggere l’azienda dalle fake news: gli strumenti della Riforma Cartabia

Quali sono gli strumenti che le imprese possono utilizzare per evitare o limitare danni reputazionali sul web? Con la Riforma Cartabia, l’Italia si è finalmente dotata di una disposizione in tema di regolazione della indicizzazione dei contenuti giudiziari su internet: gli strumenti a tutela del brand

Pubblicato il 10 Mag 2023

Andrea Di Comite

Polis Avvocati

Alessandro Lorusso

Polis Avvocati

Gaja Martinelli

Polis Avvocati

diritto all'oblio

Sempre più spesso si assiste al diffondersi di notizie di cronaca nei quali l’imprenditore viene accusato di gravi reati, con evidenti conseguenze sul core business dell’azienda del quale è rappresentante.

Può accadere, ad esempio, che il Sig. Rossi, capo dell’omonima Azienda Rossi, produttrice di biscotti per bambini, venga indagato (e magari sottoposto a misura cautelare) perché si ipotizza a suo carico il reato di cui all’art. 444 c.p. (commercio di sostanze alimentati nocive), per avere utilizzato, nella produzione dei dolciumi, sostanze cancerogene.

Come cambia il processo civile, passo per passo: la roadmap della riforma Cartabia

Al termine del processo – ovviamente a distanza di anni dal clamore mediatico suscitato dalla chiusura delle indagini preliminari o dall’applicazione della misura cautelare – il Sig. Rossi potrà anche essere assolto ma la memoria di internet, immensa, universale, totalmente disorganizzata, densa, volatile, oltre che indubbiamente persistente, potrebbe conservare in eterno la notizia che l’Azienda Rossi è stata coinvolta in un caso nel quale veniva messa in dubbio la salubrità dei suoi prodotti.

Per l’impresa, il danno reputazionale di quella che, magari, successivamente si rivelerà essere una fake news – perché smentita dalle risultanze processuali – rischia, pertanto, di essere permanente e illimitato.

É evidente, quindi, che eventuali articoli aventi ad oggetto passate vicende giudiziarie, se immediatamente rintracciabili mediante l’utilizzo dei diversi motori di ricerca disponibili in rete, possono segnare irreversibilmente la dignità del soggetto coinvolto.

A causa della mancanza di regole chiare e precise, da anni, si sono moltiplicati – giorno dopo giorno – gli effetti nocivi per le imprese sul piano della percezione del brand anche nel mondo offline: in questo contesto è intervenuta, dal 1° gennaio 2023, la cd. “Riforma Cartabia” (dal nome dell’ex guardasigilli Marta Cartabia).

Come le aziende possono difendere la reputazione dagli effetti nocivi delle fake news

E allora come difendersi? Quali sono gli strumenti che le imprese possono utilizzare per evitare o limitare danni reputazionali sul web?

Fino a ieri, in casi come quello illustrato, le imprese di solito ricorrevano alla SEO (“Search Engine Optimization”), branca del web marketing che ricomprende una serie di tecniche e pratiche messe in atto allo scopo di aumentare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca.

A società specializzate veniva affidato un incarico finalizzato a far sì che il sito web ufficiale dell’azienda – o, in generale, i link a notizie positive riguardanti, ad esempio, iniziative benefiche realizzate per conto dell’impresa – apparisse il più in alto possibile tra i risultati dei motori di ricerca, a scapito delle bad news riguardanti fatti aventi rilievo penale che, di conseguenza, con questa tecnica andavano a finire ‘in coda’ nelle ricerche online.

Dal 1° gennaio 2023, tuttavia, l’Italia si è finalmente dotata di una disposizione in tema di regolazione della indicizzazione dei contenuti giudiziari su internet: un punto di partenza fondamentale nell’ottica di tutelare, concretamente, la “reputazione digitale” (o web reputation) di cittadini e imprese, garantendo il diritto all’oblio, teorizzato dalla normativa europea e solo annunciato dalla Corte di legittimità nazionale.

In particolare, per gli indagati la cui posizione viene archiviata o per gli imputati assolti viene introdotto il diritto di richiedere la cancellazione del proprio nominativo dai motori di ricerca, ai sensi e nei limiti dell’articolo 17 del Regolamento del Parlamento europeo n. 679 del 27 aprile 2016 (GDPR).

Diritto all’oblio nel Gdpr, ecco tutte le novità

Le richieste di cancellazione possono essere tanto di preclusione ‘preventiva’ alla indicizzazione, quanto di ottenimento della deindicizzazione ‘a posteriori’: la competenza, in tal senso, è della cancelleria dell’Autorità Giudiziaria che ha emesso il provvedimento, tenuta ad apporre e sottoscrivere l’annotazione prevista dalla norma di nuovo conio.

Il diritto all’oblio e il mondo delle imprese

Ad oggi, avere una buona reputazione online è fondamentale non solo per le persone fisiche, ma anche per le aziende, poiché la “reputazione digitale” incide inevitabilmente sulla relativa attività di interesse.

Diritto all’oblio e privacy, cos’è e come esercitarlo: tutto quello che devi sapere

Attualmente, difatti, è quasi impossibile distinguere la reputazione offline dalla web reputation, data la preponderante influenza della rete nel modellare idee, opinioni, costumi e amplificare a dismisura qualunque giudizio, positivo o, come sempre più spesso avviene, negativo.

E non importa che questo giudizio sia o meno fondato, perché la stragrande maggioranza dei fruitori di contenuti online non è in grado di effettuare alcuna seria verifica circa l’attendibilità delle notizie veicolate dalla rete (e, in primo luogo, dai social network).

La permanenza dei dati in internet, quindi, ha fatto emergere la necessità di tutelare maggiormente l’individuo, le aziende e la loro identità digitale.

Il diritto all’oblio – vera e propria ancora di salvezza per la salvaguardia dell’immagine pubblica delle imprese – si concretizza nella pretesa di un individuo di riuscire a controllare, anche a distanza di tempo, la propria storia personale, garantendo il rispetto del diritto alla propria autodeterminazione, assicurando l’eliminazione di quel che non appartiene più all’identità dell’interessato, ma, al tempo stesso, salvando ciò che risulta essere di forte interesse per la società.

Il Regolamento UE n. 2016/679, all’art. 17, rubricato “Diritto alla cancellazione (‘diritto all’oblio’)”, ha fatto da apripista, sancendo la sussistenza del diritto di ciascuno ad ottenere la cancellazione dei dati personali che lo riguardano e, di contro, l’obbligo per il titolare della conservazione dei dati di cancellarli.

In relazione alle vicende giudiziarie, il vero problema risiede nel fatto che le informazioni afferenti denunce, indagini o arresti raggiungono l’utente in tempo reale e sottopongono, sin da subito, non solo le persone fisiche, ma anche le società che queste rappresentano, ad un vero e proprio “processo mediatico”, quasi istantaneo, le cui tracce hanno una permanenza sul web pressocché infinita.

Il cd. ‘casellario di internet’, difatti, presenta un’accentuata resistenza, in grado di cristallizzare peraltro, molto spesso, le sole fasi iniziali – di solito quelle cautelari – di una determinata vicenda penale.

La potenzialità lesiva della circolazione via web di informazioni relative a ipotetiche responsabilità penali, quindi, deriva dalla micidiale combinazione fra istantaneità (del processo mediatico) e persistenza (della memoria virtuale).

È abbastanza agevole ipotizzare, dunque, l’autentico disastro che può investire un’impresa che si trova a dover affrontare una circolazione incontrollata di notizie in grado di avere un impatto devastante sulla affidabilità commerciale e sulla stessa immagine che della compagine hanno tutti gli stakeholder (a partire dai clienti/consumatori).

La Riforma Cartabia e i nuovi strumenti a tutela del brand

Da diverso tempo, quindi, si avvertiva – soprattutto nel mondo imprenditoriale – la stringente necessità di mettere il titolare dei dati personali nella condizione di esercitare la propria ‘libertà digitale’, dotandolo di strumenti finalizzati a scongiurare il rischio della creazione di una identità non corrispondente alla realtà.

Questo bisogno di cittadini ed imprese è stato recepito dal D. Lgs. n. 150/2022, con il quale è stato introdotto il nuovo articolo 64-ter tra le norme di attuazione del codice di procedura penale, rubricato “diritto all’oblio degli imputati e delle persone sottoposte alle indagini”.

La norma riconosce – per la prima volta in ambito penale – il diritto all’oblio per gli indagati in caso di provvedimento di archiviazione e per gli imputati in caso di sentenza di assoluzione o di non luogo a procedere.

Più nello specifico, la disposizione in parola offre due innovativi strumenti per dare effettività al ‘diritto all’oblio’, ovvero: l’impedimento della indicizzazione del provvedimento – ex ante – e la più comune richiesta di delisting – ex post – dei dati relativi al procedimento penale cui si riferisce il provvedimento.

Ma cosa significa, in concreto?

L’impedimento della indicizzazione del provvedimento

Nel primo caso, l’interessato, destinatario di un provvedimento di archiviazione o di una sentenza assolutoria, può, chiedere ed ottenere – nel suo interesse e, dunque, anche in quello dell’azienda che rappresenta – una preclusione alla indicizzazione, ossia l’obbligo a rendere non raggiungibili dai motori di ricerca tutti gli articoli che saranno scritti da quel momento in poi.

L’istanza deve essere rivolta alla cancelleria del giudice penale che ha emesso il provvedimento che provvederà ad apporvi un’annotazione volta a precludere l’indicizzazione degli articoli riguardanti la vicenda penale, evitando, quindi, che questi appaiano nei risultati proposti dai motori di ricerca.

Si tratta di uno strumento estremamente innovativo, finalizzato ad agire in via preventiva, intervenendo anticipatamente sul posizionamento digitale del dato.

Da una prima lettura, peraltro, sembrerebbe che con questa misura a carattere inibitorio sia interdetto al destinatario della misura qualsiasi potere valutativo.

Il delisting – ex post – dei dati relativi al procedimento

Il secondo strumento previsto dalla nuova norma, invece, riguarda la più classica fattispecie di intervento successivo al trattamento dei dati con la quale il soggetto può chiedere la deindicizzazione dai portali online dei risultati della ricerca già reperibili su internet, all’esito di un giudizio conclusosi in modo a lui favorevole.

La struttura di questo secondo istituto, invece, parrebbe lasciare spazio a scelte discrezionali dei destinatari del ‘titolo’.

Ad ogni modo, questo strumento, azionabile ‘a posteriori’ richiedendo sempre alla cancelleria del giudice penale l’apposizione di una particolare annotazione, si traduce, di fatto, in un titolo rafforzativo che dovrebbe facilitare l’accoglimento della richiesta da parte del motore di ricerca.

In conclusione, dunque, quella realizzata con la Riforma Cartabia è certamente un’operazione importante dal punto di vista dell’azionabilità, in concreto, del diritto all’oblio, anche e soprattutto a vantaggio delle imprese e della loro reputazione in rete.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati