Società digitale

Proteggere i minori dai rischi del digitale senza censurare: il ruolo dell’educazione

Bisogna tener conto delle particolari fragilità proprie dei minori online. Inoltre è necessario evitare l’emergere o il rafforzarsi degli scenari di tecnocontrollo o le contraddizioni già insite nel sistema dei diritti fondamentali presenti nei contesti digitali. Ecco come trovare un punto di equilibrio

Pubblicato il 06 Mar 2023

Stefano Gazzella

Responsabile Comitato Scientifico, Privacy Officer Associazione Italiana Influencer

social minori bambini azione

Il tentativo quotidiano di creare ecosistemi digitali “sicuri” per i nativi digitali minorenni si deve conciliare con il tentativo di individuare un punto di equilibrio fra tecnologie di controllo, compressione di diritti e massima partecipazione alla digitalità.

La questione non è semplice, soprattutto tenendo conto delle particolari fragilità proprie dei nativi digitali. Inoltre bisogna evitare l’emergere o il rafforzarsi degli scenari di tecnocontrollo o le contraddizioni già insite nel sistema dei diritti fondamentali presenti nei contesti digitali. Ecco qual è il ruolo dell’educazione digitale.

Tutela dei minori online, ecco la svolta delle regole

L’imperfetta tutela dei minori negli ecosistemi digitali

Nell’ambito dell’offerta dei servizi online, i minori sono indicati come interessati emblematicamente vulnerabili. Ma nel corso degli ultimi anni si osservsa un’evoluzione della domanda di sempre maggiori e migliori tutele. Cresce infatti la sensibilità sull’argomento e in risposta a rischi specifici emergenti che sono anche stati oggetto di fatti di cronaca.

La progettazione e l’offerta di servizi digitali devono adattarsi a quelle che sono rinnovate esigenze, dettate o dal mercato o dalle norme. Di conseguenza, i servizi a cui possono avere accesso i minori, o che li contemplano come principale cluster di utenza, nella progettazione o ri-progettazione devono integrare specifiche tutele e garanzie di protezione.

Nell’ambito del web esistono anche ambiti di attività che non possono avere come pubblico i minori e dunque devono essere loro precluse. O ulteriori ambiti in cui bisogna limitare l’accesso solo a determinati contenuti o attività.

Coerentemente con l’ampia gamma di esigenze, nascono di conseguenza le necessità di adottare sistemi di age verification, in grado però di assolvere diverse funzioni. Le due categorie principali si distinguono in base agli effetti che comportano sono:

  • l’esclusione di chi non è in grado (o non vuole) fornire prova della propria maggiore età o di una differente età stabilita come valore-soglia per la fruizione del servizio;
  • la classificazione, selezione e filtro dei contenuti con riferimento ad una o più fasce d’età prestabilite.

Fatte queste premesse, dunque, il presupposto, affinché sia possibile configurare un ecosistema digitale in modo sicuro per la più efficace tutela dei minori, consiste nel definire alcuni passaggi fondamentali.

I sistemi di age verification

Innanzitutto, occorre distinguere e classificare le categorie di soggetti che accedono. Dunque, è necessario stabilire le correlazioni di età, prevedendo quali siano le tutele rafforzate in astratto che da porre in essere. Infine, bisogna predisporre meccanismi operativi perché la tutela possa concretizzarsi in una vera realizzazione pratica.

Una complessità intrinseca, dal punto di vista giuridico in base alle intersezioni dei vari diritti, comunque meritevoli di protezione in considerazione degli impatti e dei rischi intrinseci dell’attività svolta sui dati personali di tutti gli utenti, caratterizzano i sistemi di age verification adottati.

Occorre “gradare i controlli”, in modo tale che producano un risultato efficace e significativo. Infatti non si possono fermarsi ad una dimensione di mera apparenza, come limitarsi, per esempio, ad acquisizioni puramente dichiarative relative all’età dell’utente. Altrimenti, la conseguenza è quella di svilire i presupposti su cui si fonda l’intero proposito di tutela dei minori. Non solo, i minorenni risulterebbero ancor più esposti nell’erroneo convincimento di partecipare a un ecosistema sicuro.

Bilanciamento fra volontà di protezione e controllo

Si realizza così un’attività di controllo con una profondità e una significativa persistenza d’azione, per non limitarne l’efficacia. In alcuni casi si prevede il monitoraggio dei comportamenti, la possibilità di raccogliere segnalazioni e la richiesta di una verifica di età rafforzata, grazie all’applicazione di sistemi aggiuntivi di ID verification.

La raccolta dei dati personali si estende così per dichiarati scopi di tutela dell’utenza e controlli antifrode (come il furto di identità). Dall’applicazione operativa emergono, dunque, esigenze di compresenza di più diritti, fra cui la protezione dei dati personali. Esso non può essere considerato come aprioristicamente recessivo, ma va contemperato con altri diritti fondamentali in ossequio al principio di proporzionalità [1].

Il principio esprime e realizza le concorrenti tutele di diritti di pari rango, affinché possano convivere all’interno dei moderni ordinamenti e adeguarsi agli scenari tecnologici in evoluzione.

L’operazione di bilanciamento si svolge e rendiconta attraverso la conduzione di una valutazione d’impatto privacy [2] da cui può emergere anche la necessità di una consultazione preventiva dell’autorità di controllo [3].

Si rende così necessario lo svolgimento di un’operazione di bilanciamento rendicontabile attraverso lo svolgimento di una valutazione d’impatto privacy. O facendo addirittura ricorso alla consultazione preventiva dell’autorità di controllo. Occorre però operare con cura il computo dei diritti in gioco, affinché non sia una mera operazione formalistica. Inoltre non bisogna soddisfare l’esigenza in concreto di individuare correttivi e garanzie affinché i rischi inevitabili – che possono emergere dall’applicazione di determinate misure – non risultino sproporzionati rispetto ai benefici concretamente realizzati.

Le tentazioni del soluzionismo tecnologico

L’approccio di soluzionismo tecnologico è il voler ritenere che l’adozione o il divieto di una tecnologia possa comportare di per sé soltanto un effetto dirimente per una questione giuridica complessa.

Ma il soluzionismo tecnologico non può produrre altro che facili sensazionalismi e un progressivo svilimento – o svuotamento – di tutti i diritti coinvolti.

Trovare un punto di equilibrio fra l’adozione di tecnologie di controllo individuate come necessarie, con una minimizzazione dell’impatto sui diritti e la promozione di una partecipazione diffusa alla digitalità, è un’opera di costruzione meticolosa e trasversale. Ma i più solerti fautori della ricerca di soluzioni a riguardo non sono stati attori pubblici, bensì i gestori delle grandi piattaforme, con proposte orientate ad acquisire un vantaggio competitivo.

Il modello di business deve necessariamente guardare non solo a requisiti normativi, ma anche alle richieste da parte dell’utenza di ricevere maggiori tutele, nonché una più diffusa sensibilità su argomenti oggetto di attenzione mediatica.

La ricerca di una sintesi

Le Big Tech hanno svolto nel tempo – anche per le colpevoli inerzie da parte dei policy maker – un ruolo preminente nella definizione delle regole di funzionamento di internet, influenzandone inevitabilmente l’evoluzione nel modo in cui lo si conosce oggi.

Ma ciò non esclude che gli interventi regolatori possano essere inefficaci, o che nel futuro tanto il legislatore quanto le autorità indipendenti non potranno comportare un cambio di paradigma. Anzi, gli interventi sanzionatori spesso comportano il duplice effetto di limitare le attività e comportano ricadute reputazionali considerevoli, impattando sui bilanci dei giganti tecnologici.

I minori sul web, tanti rischi: ecco tutte le sfide educative

Ma nella ricerca di una sintesi, fra la necessità di tutelare da un lato il corretto funzionamento del mercato digitale europeo e dall’altro i diritti dei soggetti che operano all’interno, si colloca la ragion d’essere e di agire delle autorità indipendenti come l’Antitrust e le autorità di controllo per la protezione dei dati personali.

È fuor di dubbio che la soluzione debba transitare anche per una tecnologia. Invece è discutibile che tale tecnologia sia in grado di esaurire ogni problema.

Anche perché occorre tenere conto di alcuni elementi del contesto digitale in continua evoluzione che vanno inevitabilmente a definire correttamente il rischio nei confronti proprio di quei soggetti indicati come principali destinatari delle tutele. Elementi che sono accomunati dall’essere – anzi, dal dover essere – riconducibili ad una dimensione fondamentalmente umana.

Aver cura delle fragilità dei nativi digitali

Uno degli elementi umani, di cui bisogna tenere conto nel momento in cui si devono individuare le tutele da dover predisporre nei confronti dei minori, così come i rischi, non può che consistere nello stato di fragilità specifico dell’essere “nativi digitali”.

Esiste infatti un’estesa categoria di soggetti che possono accedere o interagire con i servizi online, senza aver vissuto un percorso di trasformazione ed evoluzione, poiché manca l’esperienza di un mondo analogico precedente.

Chi nasce nella digitalità, e si colloca al suo interno senza un orientamento o un’educazione a riguardo, rischia di non diventare un cittadino consapevole, bensì di limitare il proprio ruolo a mero utente o operatore, “subendo” un mondo senza avere capacità di comprensione e interazione, se non limitate.

La ricaduta più evidente riguarda la capacità di percepire non solo i rischi, ma anche le opportunità. Ma non è l’unica. C’è anche in gioco la capacità di autodeterminarsi che si esprime anche nella dimensione digitale. Riguarda non solo la selezione degli ambiti e delle modalità di partecipazione, ma anche e soprattutto la possibilità di avere strumenti per valutare e selezionare alternative analogiche.

Il ruolo dell’educazione digitale

Questo particolare stato di fragilità si può superare attraverso una cultura digitale, fatta di competenze e conoscenze in grado di colmare quel gap di esperienza e giovare allo sviluppo autonomo di una capacità di pensiero critico.

Gli strumenti dell’educazione da sempre forniscono la chiave di lettura della realtà, la messa in discussione delle proposte con cui si interagisce e una maggiore autonomia decisionale. Altrimenti, l’unica libertà che si può esercitare è destinata a collocarsi in un elenco paradossale di concessioni secondo termini e servizi. E si esprimerà nell’accettazione passiva dell’una o dell’altra proposta tecnologica. Spesso con approccio acritico e secondo modelli del tipo take-it-or-leave-it.

Il ruolo svolto dall’educazione digitale è fondamentale sia presso i minori che presso educatori, famiglie e tutti coloro che sono chiamati ad assumersi responsabilità di protezione nei confronti dei soggetti più vulnerabili. Responsabilità che, anche all’interno di mondi digitali e virtuali, assumono una dimensione ed impatti reali e significativi.

Bibliografia

  1. Considerando n. 4 GDPR.
  2. Art. 35 GDPR.
  3. Art. 36 GDPR.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati