l’intervento

Agid: “Fatte le linee guida sugli Open Data, ora l’execution”



Indirizzo copiato

Fatte le regole per l’apertura dei dati e il riutilizzo dell’informazione del settore pubblico ora bisogna attuarle: tocca alle PA e agli altri soggetti destinatari delle Linee Guida Agid concretizzare requisiti e raccomandazioni, in modo da favorire l’aumento dell’offerta di dati pubblici preziosi a fini di riutilizzo

Pubblicato il 28 set 2023

Antonio Rotundo

Servizio Gestione dati e banche dati Agenzia Italia Digitale (AGID)



Digital,Data,Flow,On,Road,With,Motion,Blur,To,Create

L’Agenzia per l’Italia Digitale ha adottato, lo scorso agosto, le Linee Guida per l’apertura dei dati e il riutilizzo dell’informazione del settore pubblico, un documento che fornisce indicazioni a supporto delle Pubbliche Amministrazioni e degli altri soggetti interessati (organismi di diritto pubblico, aziende pubbliche e private che svolgono un servizio pubblico in specifici settori) nel processo di apertura dei dati e di riutilizzo dell’informazione del settore pubblico.

Si tratta di indicazioni che riguardano formati, modalità di pubblicazione, profili di metadati, licenze e tariffazione, richieste di riutilizzo e strumenti di ricerca, oltre a raccomandazioni su aspetti organizzativi e qualità dei dati: un insieme di regole comuni fondamentali per uniformare e disciplinare l’apertura di dati sempre più preziosi per la collettività e per lo sviluppo di nuovi servizi digitali.

L’iter di approvazione

Il documento è stato emanato in attuazione dell’art. 12 del D. Lgs. n. 36/2006 (modificato dal D. Lgs. n. 200/2021, che recepisce la Direttiva 2019/1024, la cosiddetta Direttiva Open Data), il riferimento normativo italiano in tema di apertura dei dati. Questo articolo attribuisce ad AgID il compito di predisporre le Linee Guida secondo le modalità previste dall’art. 71 del CAD, che includono il coinvolgimento delle Amministrazioni interessate, una consultazione pubblica, il parere della Conferenza Unificata e il pronunciamento del Garante per la protezione dei dati personali.

Nell’ambito di questo iter, grande attenzione è stata data alla consultazione pubblica – i cui risultati erano stati già illustrati su Agenda Digitale – per fare in modo che il processo fosse più partecipato e inclusivo possibile. Anche per rafforzare la consapevolezza della partecipazione, è stata condotta un’intensa attività di informazione e formazione, sia prima che dopo la consultazione, con l’organizzazione di diversi cicli di webinar (alcuni previsti dal Piano Triennale) che hanno affrontato tutti i temi presenti nelle Linee Guida. Una sintesi del percorso partecipativo e dell’intero iter seguito per l’adozione del documento è disponibile in un report conclusivo pubblicato sul portale dati.gov.it.

Cosa prevedono le Linee Guida

Il requisito base è che tutti i titolari di dati pubblici, che rientrano nell’ambito di applicazione identificato dalle norme indicate e dettagliato ulteriormente nelle Linee Guida, debbano renderli disponibili per il riutilizzo, anche a fini commerciali, secondo le caratteristiche proprie dei dati aperti che si ricavano dalla definizione presente nel CAD: in formato aperto e leggibile meccanicamente, accessibili attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, gratuitamente o con al massimo costi marginali, secondo i termini di licenze aperte standard e provvisti dei relativi metadati. Il documento fornisce indicazioni sui più comuni formati aperti recependo, per ciascun formato, ove applicabili, le raccomandazioni presenti nel documento “Data.europa.eu data quality guidelines”, pubblicato dal Publications Office della Commissione Europea.

Dati dinamici e di elevato valore

Specifici requisiti e raccomandazioni, che si aggiungono al requisito comune indicato sopra, riguardano le tipologie di dati identificate nella Direttiva in quanto dati che, se resi disponibili per il riutilizzo, possono innescare occasioni di sviluppo economico attraverso l’implementazione di servizi a valore aggiunto. Si tratta dei dati dinamici e dei dati di elevato valore, per i quali la Direttiva identifica sei categorie, demandando ad un atto esecutivo (il citato Regolamento n. 2023/138) l’individuazione dei singoli dataset per ciascuna di esse. Per tali tipologie di dati il requisito più importante è che debbano essere resi disponibili (in maniera tempestiva per quanto riguarda i dati dinamici proprio per non disperdere il valore economico degli stessi che dipende appunto dall’immediata disponibilità) attraverso API e download in blocco. A tale proposito, si ribadisce che in Italia, in tema di API, si deve fare riferimento al modello di interoperabilità e alle Linee Guida sull’interoperabilità tecnica definiti da AgID.

Dati della ricerca e territoriali

Oltre ai dati dinamici e di elevato valore, particolare attenzione è rivolta, inoltre, ai dati della ricerca e ai dati territoriali. Per i primi, che ricomprendono tutti i dati raccolti o prodotti nel corso della ricerca scientifica finanziata con fondi pubblici, viene indicato di seguire i cosiddetti principi FAIR per rendere i dati reperibili, accessibili, interoperabili e riutilizzabili; principi che, però, sono raccomandati fortemente anche per tutti gli altri dati. Per i secondi (dati territoriali), si chiarisce che il framework di interoperabilità di riferimento è rappresentato dalla Direttiva INSPIRE e dalle norme e regole tecniche che ne sono derivate.

Aspetti organizzativi

Per quanto riguarda gli aspetti organizzativi, viene proposto un possibile percorso di preparazione dei dati per garantirne la produzione e la pubblicazione e/o messa a disposizione di qualità. Viene raccomandato alle Amministrazioni di definire una chiara data governance interna con l’individuazione di ruoli e relative responsabilità, a partire dall’individuazione di un gruppo di lavoro per i dati aperti (con un responsabile e il coinvolgimento dei referenti tematici), eventualmente nominato dal Responsabile per la Transizione al Digitale, come possibile struttura per il governo del processo di apertura dei dati, che comunque si raccordi anche con le altre figure coinvolte nel processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (responsabile per la conservazione documentale, responsabile per la prevenzione della corruzione e la trasparenza, responsabile della protezione dei dati, ecc…). Un’ulteriore importante raccomandazione riguarda la definizione di un percorso di apertura dei dati sulla base di una scala di priorità basata su un approccio di tipo “demand-driven”, che tenga conto dell’impatto economico e sociale nonché del livello di interesse e delle necessità degli utilizzatori. A tal proposito, è regolamentata anche la procedura per le richieste di riutilizzo, attraverso cui tutti i soggetti interessati possono richiedere l’apertura di dati non ancora disponibili.

Qualità dei dati

Viene affrontato poi anche il tema rilevante della qualità dei dati, per cui si indicano come riferimento le caratteristiche di qualità e relative misure definite dagli Standard UNI CEI ISO/IEC 25012:2014 e UNI CEI ISO/IEC 25024:2016, con la raccomandazione di garantire il rispetto almeno delle 4 caratteristiche di qualità dei dati (ovvero accuratezza, coerenza, completezza e attualità), fra le 15 previste dallo standard citato, come da indicazioni della Determinazione Commissariale n. 68/2013 di AgID.

Condizioni d’uso

Relativamente alle condizioni d’uso, le Linee Guida forniscono indicazioni utili per supportare i soggetti titolari dei dati nella scelta della licenza da applicare ai dati aperti e nell’eventuale addebito, a carico del riutilizzatore, dei costi marginali sostenuti, con approfondimenti sulla compatibilità tra licenze e indicazioni per l’applicazione del principio “open by design”. Sono, quindi, identificate chiaramente le licenze da applicare ai dati disponibili per il riutilizzo: per i nuovi dati, la CC-BY 4.0 o la CC0 o, in alternativa, qualsiasi altra licenza aperta equivalente o meno restrittiva (in linea con le indicazioni del recente Regolamento (UE) n. 2023/138 sui dati di elevato valore); per i dati già pubblicati con licenze diverse, la raccomandazione è di adeguare la licenza alle indicazioni suddette.

Sono presenti, infine, requisiti e raccomandazioni relativi alle modalità per facilitare la ricerca di dati e documenti resi disponibili per il riutilizzo, con il ruolo dei due strumenti nazionali deputati a tale scopo e tra loro interoperabili, ovvero il portale nazionale dei dati aperti dati.gov.it e il Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali.

L’Italia tra i Paesi europei più avanzati sugli open data

Nell’ultimo rapporto europeo sulla maturità dei dati aperti (Open Data Maturity Report) pubblicato a dicembre 2022, l’Italia ha visto riconosciuta un’importante prestazione relativamente alla dimensione “Policy”, la dimensione che considera le politiche, le strategie e i modelli di governance per i dati aperti in atto nei Paesi dell’UE, oltre alle misure applicate per attuare tali politiche e strategie. Le buone pratiche relative alla dimensione citata in alcuni Stati Membri, tra cui l’Italia, saranno oggetto di una ‘data story’ (che sarà pubblicata nei prossimi giorni sul portale europeo data.europa.eu) e di un webinar dedicato in programma per il prossimo 29 settembre.

In alcuni casi, le politiche italiane hanno addirittura anticipato le disposizioni europee, come, per esempio, nel caso di alcune previsioni del recente Regolamento (UE) n. 2023/138 sui dati di elevato valore già contemplate, limitatamente al dominio di applicazione della norma, nel decreto italiano del 2011 per la definizione delle regole tecniche sul DataBase Geo-Topografico.

Tale risultato è dovuto principalmente all’esistenza di un insieme di disposizioni normative e tecniche (CAD, Piano Triennale ICT, norme e documenti tecnici di settore) che costituiscono il quadro di riferimento nazionale anche per le politiche e le strategie sui dati aperti in cui si inseriscono anche le Linee Guida.

I prossimi passi

Fatte le regole, si apre ora la fase dell’execution: tocca alle Pubbliche Amministrazioni e agli altri soggetti destinatari delle Linee Guida passare all’attuazione di requisiti e raccomandazioni in esse contenute, in modo da favorire l’aumento dell’offerta di dati pubblici preziosi a fini del riutilizzo e, quindi, attraverso la loro valorizzazione, dare attuazione al principio guida indicato dal Piano Triennale: “dati pubblici un bene comune”, “supportare gli obiettivi definiti dalla Strategia Europea in materia di dati, garantire la creazione di servizi digitali a valore aggiunto per cittadini, imprese e, in generale, tutti i portatori di interesse e fornire ai policy maker strumenti data-driven da utilizzare nei processi decisionali e/o produttivi”.

Nel frattempo, AgID, insieme alle PA interessate, sta già lavorando ad un documento di orientamento sui cosiddetti dati di elevato valore perché, quando il Regolamento (UE) 2023/138 (emanato in attuazione della Direttiva Open Data) sarà applicabile, i titolari di quei dati siano pronti e si possano cogliere appieno i benefici socioeconomici che deriveranno da apertura, pubblicazione e riutilizzo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4