il commento

Commissione Ue, lo sviluppo del digitale passa dalla sovranità tecnologica: quali priorità

Nella nuova Commissione Europea il tema del digitale acquista un valore centrale, anche per la scelta della sovranità tecnologica europea, ma alcuni aspetti potrebbero avere un maggiore approfondimento, come i temi delle città e delle competenze digitali. Ecco alcune considerazioni e qualche spunto per il governo italiano

24 Set 2019
Nello Iacono

Esperto processi di innovazione

European Innovation Scoreboard 2018

Cambia il governo del digitale nell’ambito della nuova Commissione Europea e il tema della sovranità digitale dell’Europa sembra per la prima volta al centro delle strategie per il futuro. Sviluppo promettente, ma bisogna al tempo stesso evidenziare che la Commissione – almeno a livello di definizione di compiti tra i commissari – pare trascurare aspetti importanti che sono strumenti necessari per raggiungere quello stesso obiettivo.

Competenze digitali in primis.

Le indicazioni strategiche

Le indicazioni strategiche della Presidente eletta Ursula von der Leyen sono chiare: “La digitalizzazione ha un enorme impatto sul nostro modo di vivere, lavorare e comunicare. In alcuni settori l’Europa deve recuperare — ad esempio nei rapporti commerciali tra imprese e consumatori — mentre in altri siamo all’avanguardia, ad esempio nel business-to-business. Dobbiamo far sì che il nostro mercato unico sia preparato per l’era digitale, sfruttando al meglio l’intelligenza artificiale e i big data e migliorando la cibersicurezza e dobbiamo impegnarci a fondo per la nostra sovranità tecnologica“.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Non ci si propone, in altri termini, soltanto di ottenere lo sviluppo europeo sfruttando l’opportunità del digitale e delle nuove tecnologie (o “tecnologie emergenti”), ma si vuole che questo sviluppo si inneschi nel solco del perseguimento della sovranità tecnologica europea, unico ambito in cui può costruirsi un circolo virtuoso che dalle università e dalla ricerca possa transitare fino al mercato.

La struttura di governance del digitale

La struttura della Commissione è stata pensata dalla Presidente in modo da poter lavorare in modo più efficace come squadra, così superando l’ostacolo primario della numerosità dei commissari (28).

Nella nuova commissione sono infatti previsti otto Vicepresidenti, tra i quali l’Alto rappresentante dell’Unione per la Politica estera e la politica di sicurezza. I Vicepresidenti sono responsabili delle principali priorità enunciate negli orientamenti politici, e guideranno le attività della commissione sulle questioni generali più importanti, come il Green Deal europeo, un’Europa pronta per l’era digitale, un’economia che lavora per le persone, la protezione dello stile di vita europeo, un’Europa più forte nel mondo e un nuovo slancio per la democrazia europea. I Commissari, al centro della struttura del nuovo collegio, gestiranno le competenze specialistiche fornite dalle direzioni generali.

Tre Vicepresidenti esecutivi avranno una doppia funzione: saranno nel contempo Commissari e Vicepresidenti responsabili di uno dei tre temi centrali dell’agenda della Presidente eletta. Una di questi è la vicepresidente esecutiva Margrethe Vestager (Danimarca), che coordinerà l’intera agenda per “un’Europa pronta per l’era digitale” e sarà Commissaria per la Concorrenza, con il sostegno della direzione generale della Concorrenza. Il suo compito sarà quello di coordinare le iniziative sul digitale sia in termini di sviluppo industriale (in particolar modo per le PMI, la cui scarsa digitalizzazione è certamente uno dei risultati negativi dell’attuazione dell’Agenda Digitale europea) sia di normativa, dove l’obiettivo fissato è di definire un “Digital Services Act” dove inserire nuove norme adeguate alle evoluzioni delle piattaforme, dei servizi e dei prodotti digitali, ma anche di proporre una normativa omogenea europea per la tassazione di servizi e prodotti digitali. Il tema delle competenze digitali è stato invece inquadrato nell’ambito della missione “Proteggere il nostro stile di vita europeo“.

In particolare il lavoro di coordinamento sul digitale da parte della vicepresidente Vestager sarà

  • rispetto alle attività della commissaria per il “Mercato interno” Sylvie Goulard (Francia), in materia di politica industriale e promozione del mercato unico digitale. Tra i compiti assegnati a Sylvie Goulard nell’area “Digital economy and society” sono quelli di occuparsi della cybersecurity (anche in termini di mercato unico) e definire una unità dedicata, di  lavorare per migliorare la sovranità tecnologica europea sia investendo sulle nuove tecnologie sia definendo standard ad esempio in ambito 5G, di occuparsi del Digital Services Act e di collaborare a un nuovo “Digital Education Action Plan“. Nell’area “A future-ready European industry and single market” a Sylvie Goulard viene chiesto di guidare la definizione della strategia di lungo termine dello sviluppo industriale europeo, monitorando gli effettivi progressi anche a livello nazionale e regionale, oltre che di temi specifici come quello della proprietà intellettuale, in un contesto digitale e di concorrenza molto cambiato;
  • rispetto alle attività della commissaria a  “Innovazione e gioventù” Mariya Gabriel (Bulgaria), che nella precedente commissione era responsabile dell’area digitale, in materia di ricerca e innovazione. Tra i compiti assegnati a Mariya Gabriel la definizione di reti e di cooperazioni necessarie per un’area di ricerca europea, il sostegno alle innovazioni radicali perché possano passare dalla ricerca al mercato, il sostegno all’industria creativa. Tutto orientato a far sì che i giovani possano essere protagonisti del futuro europeo.

A Mariya Gabriel è assegnato anche il compito di guidare l’aggiornamento del “Digital Education Plan“, in modo da affrontare in modo globale il tema del gap di competenze digitali che in Europa rimane una delle principali emergenze per lo sviluppo sociale ed economico. Per questo piano, a cui collaborerà anche la commissaria Sylvie Goulard, è previsto il coordinamento e la supervisione del vicepresidente Margaritis Schinas (Grecia), a cui è assegnata la missione di “Proteggere il nostro stile di vita europeo” anche dal punto di vista dell’adeguatezza delle competenze della popolazione.

Saranno poi molto interessanti i contributi e le correlazioni di questi lavori sul digitale con la conferenza sul futuro dell’Europa di cui dovrà occuparsi la commissaria Dubravka Šuica.

Gli aspetti da migliorare

La scelta della governance sul digitale operata dalla Presidente ha lo scopo di rendere centrale la creazione delle condizioni per la “sovranità tecnologica europea“, facendo sì che tutti gli elementi delle politiche sul digitale (la digitalizzazione dei servizi, lo sviluppo industriale, le strategie di ricerca e innovazione, la normativa fiscale) fossero strettamente correlati con la politica sulla concorrenza, poiché la sovranità tecnologica (e di qui la leadership) si raggiunge anche salvaguardando investimenti e iniziative europee dallo strapotere delle multinazionali digitali, basate tutte in USA e in Asia. In questo senso le scelte sulla struttura  di governo indicano il digitale come priorità di base per la crescita economica europea.

Appaiono da approfondire invece alcune altre scelte, che possono rappresentare dei punti di debolezza dell’approccio al digitale:

  • il tema delle competenze digitali, che dovrebbe essere trattato nella sua interezza e complessità rispetto a tutte le sue articolazioni (competenze di base per tutti i cittadini, competenze per i lavoratori, competenze specialistiche, competenze per la leadership) viene di fatto affrontato in modo coerente dal punto di vista dei cittadini (è questo il senso di porre il Digital Education Plan sotto il coordinamento di Schinas), mentre sembrano non essere evidenziate le forti correlazioni tra questo tema e quello, ad esempio, dell’attuale immaturità digitale presente in ambito di PMI, di pubblica amministrazione o del fabbisogno insoddisfatto di specialisti ICT;
  • tutti gli indicatori sul digitale e sull’innovazione mostrano un forte ritardo nella digitalizzazione da parte delle pubbliche amministrazioni, anche legato a una significativa complessità burocratica, ma non si rilevano iniziative focalizzate alla comprensione e al superamento di questo problema;
  • altro aspetto persistente nelle rilevazioni del DESI (Digital Economy and Society) e dell’EIS (European Innovation Scoreboard) è l’elevata disomogeneità nelle performance tra i Paesi europei. Questo indica che la costruzione di una “Europa forte” passa anche attraverso la comprensione e il supporto a quei Paesi che stentano a definire e attuare politiche efficaci di trasformazione digitale. Così, negli ambiti dove sono presenti eccellenze e buone pratiche, sarebbe importante istituire degli organismi e delle task force per  favorire il trasferimento e la condivisione delle esperienze, attraverso supporti sistematici ai singoli Paesi, definendo una iniziativa ad hoc;
  • la dimensione delle città sembra essere considerata sostanzialmente come livello inferiore a quello regionale, e non come un contesto da affrontare in modo specifico considerando anche le dinamiche che hanno posto al centro dell’attenzione internazionale il tema della smart city. Sarebbe auspicabile la previsione di un’iniziativa di raccordo delle esperienze delle principali città europee.

Alcune considerazioni per il governo italiano

Dalla strutturazione e dalle scelte della nuova Commissione Europea possono venire delle indicazioni e degli spunti anche per il nuovo governo italiano. Provo a riassumerne alcuni:

  • è sempre più un fattore chiave affrontare in modo netto il tema della sovranità tecnologica europea, che deve essere favorita da ciascun Paese. Questo significa ad esempio porre attenzione, allo stesso tempo, a favorire (curando la filiera università-ricerca-mercato) lo sviluppo di competenze specialistiche ICT e di iniziative imprenditoriali dove le tecnologie innovative diventano centrali per i nuovi prodotti e i nuovi servizi, allineando i meccanismi di procurement da parte della pubblica amministrazione nell’ambito di politiche di spinta del riuso e dell’open source oltre che di attenzione alle start-up e alle PMI. Rendendo organico questo approccio anche con le strategie sull’intelligenza artificiale e sulle nuove tecnologie in generale;
  • le politiche sull’innovazione devono guardare in modo coerente e coordinato ai diversi contesti del mercato, della ricerca e del settore pubblico. Questo significa che è necessario sia chiaramente attribuito alla Ministra dell’Innovazione, ad esempio, il coordinamento sulle politiche industriali per il digitale e le nuove tecnologie portate avanti dal MISE, così come sul piano di ricerca e innovazione guidato dal MIUR. Con competenze assegnate chiaramente ai diversi ministri, ma con altrettanto chiara identificazione e assegnazione delle competenze di coordinamento alla Ministra dell’Innovazione, per scongiurare del tutto il rischio che il focus sia limitato all’innovazione della PA;
  • in un contesto sempre più complesso è fondamentale riuscire a operare attraverso programmi di ampio respiro a cui possono contribuire più attori. La Commissione ha impostato il suo funzionamento in questo senso. Sarebbe auspicabile che la stessa strada fosse seguita dal governo italiano con progetti-Paese, grandi programmi con un chiaro coordinamento ma anche chiare responsabilità dei diversi ministri. Penso, ad esempio, a un programma per le competenze digitali o a uno per lo sviluppo delle PMI, programmi sui quali incardinare le diverse iniziative governative, anche con un dialogo più efficace con le iniziative europee.

Sembra, questo, un contesto favorevole allo sfruttamento delle migliori opportunità di sviluppo sociale ed economico. L’auspicio è che questa volta il metodo di lavoro abbia la stessa attenzione rivolta di solito soltanto ai contenuti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4