Identità digitale: la via dell’attuazione pratica

L’occasione più adatta per avere una identità SPID sarà quando aggiorneremo le credenziali già possedute per svolgere attività quotidiane per le quali sono già identificato in maniera sicura. Lo SPID (idealmente) dovrebbe essere rilasciato dal provider di cui il cittadino si fida di più e i cui servizi usa con maggiore frequenza, con procedure che usano tecniche e passaggi già noti. E’ tuttavia dal lato dell’Amministrazione che l’attuazione sconta le maggiori complicazioni

Pubblicato il 28 Lug 2015

Eugenio Prosperetti

avvocato, docente Informatica Giuridica Facoltà Giurisprudenza

prosperetti-121126185354

Dopo la “bufera” della sentenza TAR che annulla parzialmente il DPCM SPID e in attesa di comprendere se essa verrà o meno appellata, si può dire che lo SPID è sopravvissuto ed è vivo e vitale. La sentenza non blocca e non rallenta in nessun caso, tutt’al più potrà consentire l’accesso all’attività di Identity Provider a una platea più ampia di soggetti e dunque aumentare le potenzialità del sistema federato.

E’ bene allora portare la riflessione a quali siano le implicazioni dell’attuazione pratica dell’identità digitale, che tipo di processo potrà essere ed a quali saranno le conseguenze dell’attuazione SPID.

Un processo di questa portata, probabilmente, in Italia è stato affrontato, su scala però molto più ridotta, solo con l’introduzione del Processo Civile Telematico grazie al quale, oggi, pur tra molte difficoltà e con innegabili problemi tecnici ed interpretativi, gli atti delle causa si notificano telematicamente ed è possibile depositare in tutti gli uffici giudiziari italiani qualsiasi atto giudiziario in via telematica e tenere monitorato l’esito sempre in via telematica.

Le analogie sono nel fatto che un numero relativamente elevato di amministrazioni ed utenti delle medesime abituati a lavorare in modo molto “cartaceo” e tradizionale, sono stati portati in un certo tempo a lavorare in maniera digitale.

Passato il giro di boa del processo telematico, con la possibilità di depositare gli atti introduttivi delle cause (alla quale tutti gli Uffici Giudiziari si stanno adeguando pur con qualche ritardo), quel che si nota è che le maggiori proteste sono verso le procedure che ne impediscono la piena attuazione (es. verso gli Uffici Giudiziari che richiedono il deposito della copia cartacea “di cortesia” di quanto depositato telematicamente o verso l’obbligo di depositare fisicamente le marche da bollo e, appunto, verso gli Uffici Giudiziari in ritardo). Gli utenti sembrano infatti favorevoli a poter digitalizzare le proprie interazioni con l’Amministrazione della Giustizia, non vi sono richieste di tornare all’antico ma di accelerare sulla completa attuazione. Il nuovo sistema porta insomma vantaggi ed efficienze, pur senza negare che vi siano ancora molti problemi attuativi ed interpretativi da risolvere.

E’ un processo che ha molte similitudini con quanto potrà avvenire con l’introduzione dello Spid con alcune interessanti differenze. E’ dunque interessante spendere qualche considerazione al riguardo.

Nel caso del processo telematico gli utenti sono professionisti e operatori del diritto che hanno necessità di utilizzare il nuovo sistema per poter lavorare. Questo costituisce un indubbio incentivo alla formazione e gli ordini professionali hanno organizzato importanti momenti di formazione adatti alle varie categorie di “utenza”. Per un avvocato che ha iniziato a lavorare con il computer davanti è stato incredibile vedere colleghi anziani partecipare ai corsi sul processo telematico, prendere appunti e, ora, alcuni direttamente, altri avvalendosi dell’aiuto dei colleghi più giovani, padroneggiarne il funzionamento e capire il nuovo metodo.

L’altra differenza fondamentale riguarda il fatto che per il processo telematico tutte le amministrazioni coinvolte (i tribunali) avevano strutture informatiche molto simili, dovendo gestire i medesimi servizi all’utenza ed è stata applicata a livello nazionale una procedura identica a servizi omogenei.

Ulteriore differenza riguarda la disponibilità dei professionisti a dotarsi di token fisici (smartcard e chiavette USB di firma digitale), sopportandone il relativo costo e di software gestionale.

L’ultima differenza riguarda le sanzioni: il mancato utilizzo del processo telematico comporta chiare sanzioni sia per gli avvocati che per l’Amministrazione. Questo è un altro motivo per cui l’attuazione sta andando bene.

Nel caso dello SPID l’attuazione è parimenti difficile ma vi sono differenze di rilievo nei predetti tre aspetti: formazione, tipologia di servizi e sanzioni le quali devono essere affrontate.

La necessità di utilizzare i servizi SPID per il cittadino non deriva necessariamente dal poter svolgere il proprio impiego o professione. Quale allora l’occasione per dotarsene? Sarà certamente possibile avere l’identità SPID in procedure apposite, ma probabilmente l’occasione più adatta sarà quella di aggiornare credenziali già in possesso del cittadino per svolgere attività quotidiane per le quali viene già identificato in maniera sicura (ad esempio per avere a che fare con banca, telefono, scuola, pensioni, tasse, posta, internet, assicurazione, ecc.); le credenziali SPID non dovrebbero cioé essere un oggetto alieno, da andare ad acquisire appositamente ma dovrebbero essere invece un portato di servizi che il cittadino usa già abitualmente, siano essi pubblici o privati.

Sarà l’interazione con un provider di servizi noto e di fiducia del cittadino a risolvere il problema della formazione all’uso. In sostanza lo SPID (idealmente) dovrebbe essere rilasciato dal provider di cui il cittadino si fida di più e i cui servizi usa con maggiore frequenza, con procedure che usano tecniche e passaggi già noti.

In tale maniera, nell’utilizzo dello SPID, in sostanza, il cittadino, utilizza uno strumento nella sostanza già noto per funzioni “nuove”. La credenziale con la quale prima si accedeva solo ai servizi online di un determinato privato o ente pubblico, nella nuova versione “SPID” funziona presso tutte le pubbliche amministrazioni e presso i principali siti privati, con modalità analoghe a quelle cui il cittadino è abituato.

Saranno questi provider a negoziare con il cittadino la dotazione tecnologica (auspicabilmente nessuna) per utilizzare lo SPID. Si spera che si possano ad esempio utilizzare le più ampie tecnologie di virtualizzazione che facciano a meno di token fisici e smartcard laddove il cittadino non ne voglia avere con sé.

E’ tuttavia dal lato dell’Amministrazione che l’attuazione sconta le maggiori complicazioni.

Probabilmente una prima difficoltà deriva dal fatto che sistemi che, nel disegno del Legislatore, erano pensati per essere approntati assieme hanno, per motivi di lentezze attuative, tempi di attuazione ora divergenti. In particolare ciò sembra accadere per il sistema dell’identità digitale e per quello dell’Anagrafe Nazionale Persone Residenti. E’ ragionevole ritenere che il sistema dell’Identità Digitale partirà prima che l’ANPR sia pienamente attuata. Dunque SPID dovrà probabilmente trovare un modo diverso per fornire agli Identity Provider una fonte autoritativa dal quale avere riscontro dell’identità. Su questo la competenza non può che essere dell’Agid, la quale ha, ai sensi del DPCM Spid, come noto, il compito di disegnare le specifiche Spid delle quali è attesa la nuova versione dopo che è stato ottenuto il parere del Garante Privacy che si presume saranno rilasciate nei prossimi mesi, anche per consentire ai potenziali Identity Provider, di conoscere con certezza quali siano i requisiti di accreditamento, anche questi rilasciati solo in bozza.

L’altro tema, come dicevo, riguarda l’adeguamento delle Pubbliche Amministrazioni: in questa sede mi soffermerò soltanto su un particolare aspetto delle conseguenze in caso di mancato adeguamento. Come noto le Amministrazioni devono adeguarsi a partire dalla disponibilità effettiva delle identità digitali. Non sembra però prevista una sanzione, se non per il fatto che il CAD prevede lo Spid come l’unica modalità di accesso online (oltre alla CNS) ai siti della Pubblica Amministrazione.

Escludendo, per ovvi motivi, che la sanzione possa essere l’impossibilità di rendere i servizi ai cittadini, l’Amministrazione che continuasse, decorsi i termini di cui al DPCM, a consentire l’accesso con credenziali diverse avendo mancato di adeguare il sito a Spid, erogherebbe servizi online su un sito non a norma di Legge, con responsabilità dei propri vertici in caso di problemi relativamente ai servizi resi. Ad esempio, se un cittadino dotato di Spid lamentasse, decorso il termine, di non poter accedere a un atto/servizio in quanto mancante della credenziale propria di quell’Amministrazione, sarebbe con ogni probabilità l’Amministrazione ad essere in difetto nei confronti del cittadino. Ogni Amministrazione potrà tuttavia contare sul risparmio dei costi derivante dal fatto che utilizzando lo Spid avrà presumibilmente meno complessità di gestione informatica poiché il sistema di autenticazione sarà gestito via identità digitale.

L’importante sarà per l’Amministrazione dare ai cittadini sicurezze sul fatto che l’identità digitale abilita il cittadino a procedure di maggiore efficienza e non crea svantaggi. Ciò è legato in qualche modo al tema del domicilio digitale. Sono in molti a sostenere che la PEC (e, in particolare la CEC-PAC) non abbia raggiunto un soddisfacente livello di diffusione presso l’utenza non professionale/aziendale per due motivi: in primo luogo perché percepita come una casella su cui la P.A. avrebbe potuto facilmente notificare anche atti “sgradevoli” con procedure estremamente rapide e che potevano cogliere il cittadino di sorpresa, in secondo luogo perché molte Amministrazioni sconsigliavano l’invio di istanze via PEC perché più lente, più complicate, meno dirette. La riforma del CAD affronterà, come noto, il tema del domicilio digitale, sinora previsto ma non attuato. L’auspicio è che il cittadino possa dichiararlo ma che lo SPID non diventi ipso iure domicilio digitale. D’altra parte molte Amministrazioni Regionali e Comunali oltre che Nazionali offrono online servizi di recupero online della corrispondenza ente-cittadino che potrebbero, se fosse attivo il domicilio digitale evitare plurime notifiche cartacee che aggravano di molto i bilanci dei vari enti.

In conclusione, sembra vi siano tutti i presupposti perché l’identità digitale possa avviarsi, ma i temi da risolvere sono molti e si dovrà prestare molta attenzione a non ripetere errori passati e far percepire correttamente il vantaggio del servizio per arrivare, questa volta, a una capillare diffusione che è il vero presupposto per la vera partenza di una vera e propria amministrazione digitale.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3