L'approfondimento

CIE come SPID, ecco come la carta d’identità elettronica va verso la rivoluzione

Il decreto dell’8 settembre spinge il Paese a un ulteriore passo avanti nella gestione delle identità digitali, potenziando le funzioni della CIE, la carta d’identità elettronica sempre più diffusa tra gli italiani: ecco cosa cambia e quali sono le novità, alla luce anche dell’impatto del nuovo regolamento eIDAS

14 Ott 2022
Matteo Panfilo

Chief Solutions Officer Intesa, a Kyndryl company

CIE

Il 5 ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto dell’8 settembre del Ministero dell’Interno, con il Ministero per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale e il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che porterà il nostro Paese a fare un ulteriore sostanziale passo avanti nella gestione delle identità digitali con la CIE.

Dopo che è stata finalmente quasi abbandonata la produzione di carte d’identità cartacee, la CIE oggi è nelle mani di oltre 31 milioni di cittadini Italiani di tutte le fasce d’età, dai neonati ai più anziani. È uno strumento notificato nel 2019 alla Commissione Europea in conformità al Regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) e contiene un certificato di autenticazione e di firma elettronica. È un documento obbligatorio di identificazione e la sua emissione è riservata al Ministero dell’Interno, avvalendosi del Poligrafico di Stato, con il contributo economico del cittadino. È uno tra i documenti d’identità più avanzati in Europa, con la recente aggiunta del logo della bandiera comunitaria, che ha consentito un soddisfacente raggiungimento dell’obiettivo della copertura della maggioranza della popolazione con un’unica tipologia di documento d’identità. Veniamo alle novità.

CIE, verso nuovi modelli per l’identità digitale: cosa cambia con il decreto 8 settembre

CIE, cosa cambia

La CIE potrebbe fare un significativo passo in avanti grazie a questo decreto che prevede sostanzialmente:

  • L’introduzione del “portale dell’identità del cittadino” per inserire dati personali non anagrafici, quali il proprio indirizzo e-mail e il numero di cellulare, oltre a recuperare il PUK e gestire la propria CIEId.
  • La possibilità di visualizzare, esprimere o revocare la propria volontà in merito alla donazione di organi e tessuti.
  • L’aggiunta di autenticazioni livello 1 e 2 (L1-L2) per l’accesso ai servizi, quindi senza necessariamente la lettura via NFC della carta fisica con livello 3 (L3).

In queste introduzioni appaiono evidenti alcune similitudini con SPID. D’altronde, come previsto dal Decreto Semplificazioni 2020, per accedere ai portali della PA i cittadini possono scegliere entrambi gli strumenti come modalità di identificazione e accesso ed entrambi gli strumenti notificati alla Commissione Europea in conformità al Regolamento eIDAS.

e-book
Smart Manufacturing e Industry 4.0: come “iniettare” intelligenza nei processi
ERP
Manifatturiero/Produzione

Guardando ai dettagli, occorre però fare diverse distinzioni e osservazioni:

  • I 32 milioni di identità SPID attivate corrispondono a maggiorenni (da poco anche alcuni minorenni) che hanno scelto attivamente di investire tempo e/o denaro per attivare la propria identità digitale. Può essere di 3 livelli ma viene erogato e utilizzato quasi unicamente con il livello 2.
  • Nel caso della CIE, i 31 milioni di fruitori sono cittadini che sono obbligati ad avere un documento di riconoscimento, dai neonati ai più anziani, che certamente utilizzeranno ben poco funzionalità di firma elettronica e identità digitale, pertanto i due numeri apparentemente simili vanno visti in modo diverso.
  • L’esperienza in fase di identificazione è altresì decisamente diversa: con lo SPID ci si può autenticare in pochi passaggi su qualsiasi device con modalità leggermente diverse a seconda dell’Identity Provider, mentre con la CIE attualmente è necessario utilizzare un sensore RFID/NFC (tipicamente il proprio smartphone) avvicinando fisicamente il documento; pertanto è decisamente più complesso e dispendioso (L3). In questo le novità del decreto citato sono decisamente significative e porteranno a una sostanziale equiparazione dell’esperienza di autenticazione, senza necessità di avere la CIE a portata di mano.
  • Altro dato significativo è quello del modello economico. SPID è stato sostanzialmente creato e mantenuto da 9 Identity Provider (IdP) di cui 2 di emanazione pubblica, ed è gratuito per i cittadini (ad eccezione del riconoscimento che si svolge con modalità e costi diversi a seconda degli IdP, che negli anni hanno supportato il sistema con ingenti investimenti). La CIE, oltre che essere un documento d’identità di cui si deve essere provvisti, prevede un corrispettivo una tantum da parte del cittadino.
  • SPID è di gran lunga lo strumento più utilizzato, nel 2021 le autenticazioni sono state oltre 570 milioni, quelle con la CIE 22 milioni. Per quanto riguarda SPID, questi numeri sono significativi e si tratta di un traguardo di cui andare fieri come Paese.

La situazione italiana è oggi decisamente positiva in termini di diffusione e di strumenti, a conferma delle competenze del nostro Paese nell’ambito digitale e in materia di regolamentazione eIDAS a cui le stesse afferiscono, per la quale, non a caso, siamo tra i paesi europei con maggior diffusione e presenza di QTSP (Qualified Trust Service Provider).

L’impatto del nuovo regolamento eIDAS

Guardando oltre alla situazione odierna occorre prendere in considerazione anche un altro elemento, quello del nuovo regolamento eIDAS di prossima emanazione e del wallet europeo ivi presente. Il regolamento eIDAS del 2014 ha reso possibile la diffusione di identità digitali e firme elettroniche e la sua nuova versione 2.0, in discussione in queste settimane, porterà entro il 2023 alcune novità significative che incideranno sensibilmente alla diffusione degli strumenti di identificazione e dei servizi fiduciari. Tra questi è stato introdotto il servizio di wallet provider, ovvero uno strumento che entro il 2030 dovrebbe coprire l’80% della popolazione europea e permettere ad ogni cittadino di spendere la propria identità, firmare elettronicamente e condividere attributi aggiuntivi con delle c.d. relying parties.

Uno degli argomenti più dibattuti riguarda le implicazioni relative al Level Of Assurance richiesto per l’accesso al wallet, per intenderci con un processo molto simile all’autenticazione tramite SPID o CIE per l’accesso all’App IO che già conosciamo. Il LoA è sostanzialmente il livello associato e notificato ad ogni identità digitale, che ne caratterizza la “robustezza” (definita Low, Substantial, High) essenzialmente legata alla modalità di erogazione e di fruizione. I tre livelli sono assimilabili ai L1-L2-L3 di SPID e CIE e pertanto le scelte sui tavoli europei potranno condizionare significativamente la diffusione di questi strumenti in Italia e confermare o minare il primato del nostro Paese, soprattutto quello di SPID. La sfida è ambiziosa e gli elementi da tenere in considerazione sono molti tra cui: privacy, sicurezza e centralità dell’utente, per cui certamente la sintesi e il peso dei vari interessi in gioco sono complessi da valutare.

La proposta di un “modello italiano”

Apprezzando quanto recentemente fatto dai Ministeri competenti e dal legislatore, auspichiamo quindi che venga chiaramente definito e confermato un “modello italiano” sui temi di identità digitale. Gran parte del contributo alla diffusione degli strumenti digitali in Italia è stato fino ad oggi sostanzialmente a trazione privata, ma questo modello non è più economicamente sostenibile. La scelta del mercato, seppure regolamentato, ha nei fatti dimostrato di essere vincente e di stimolo per una sana competizione e diffusione degli strumenti, nonostante l’assenza di risorse economiche a supporto.

Ben 32 milioni di utenti hanno scelto SPID e considerevoli risorse del PNRR sono dedicate a questi temi; occorre capitalizzare gli ingenti investimenti e trovare un modello sostenibile, oppure decidere chiaramente di optare per soluzioni differenti. Tornare a logiche dove lo Stato diventa il principale e potenziale unico gestore, sia per l’identità digitale tramite CIEid sia tramite wallet, è certamente un cambio di rotta significativo e con impatti di lungo periodo da considerare. Inoltre, in questo momento politicamente complesso sarà determinante la scelta di competenze per valorizzare esperienze ed investimenti italiani anche sui tavoli europei. L’iter legislativo si concluderà nel 2023 e – volenti o nolenti – potrebbe avere impatti ragguardevoli per il nostro Paese che, per quanto costruito in questi anni, auspichiamo possa continuare ad essere un punto di riferimento europeo anche in futuro.

Conclusione

In conclusione, dal punto di vista degli erogatori di servizi digitali, soprattutto quelli privati, è certamente tempo di investire. In uno scenario evolutivo certamente mutevole, le identità digitali sono una realtà. Gli utenti sono ormai abituati a utilizzarle quotidianamente e non è tempo di attendere per rivedere in questa logica i propri processi di identificazione/onboarding e firma. Occorre avviare dei percorsi con strategie di breve e medio periodo per l’adozione di questi strumenti.

Dando la parola a dati e utenti la scelta è già chiara: nei progetti su cui ha visibilità l’osservatorio di Intesa, a Kyndryl Company (che è service provider per CIE e SPID) oltre il 70% degli utenti già ora sceglie di utilizzare processi di identificazione tramite identità federate, grazie ai significativi vantaggi di user experience. Perché attendere?

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4