identità digitale

Eidas, scatta la roadmap in Europa: ecco che vuole dire e i vantaggi (futuri)

Cosa cambia con il regolamento eIDAS, i vantaggi per aziende e individui in termini di riduzione della burocrazia, la sfida dell’implementazione in tutti i servizi e processi, sia pubblici che privati, per massimizzarne i benefici. Tutto quello che c’è da sapere

03 Ott 2018
Daniele Tumietto

Dottore commercialista

eidas

Il Regolamento UE/910/2014, noto anche come eIDAS ha cominciato la via verso l’obbligatorietà in Europa dal 29 settembre, ma per vederne davvero i vantaggi – che per noi significa accesso via Spid ai servizi pubblici di tutta l’Unione, cosa utile soprattutto alle aziende – bisognerà aspettare. L’Europa sta dando infatti ai Paesi membri un anno ancora per adeguarsi.

E, per una volta, l’Italia è uno dei Paesi meno in ritardo.

Cosa è Eidas

Il Regolamento del 23 luglio 2014 ha ridefinito il quadro normativo delle firme elettroniche, e dalle relative leggi nazionali di recepimento che era stato introdotto dalla Direttiva Europea 1999/93/EC.

Esso è entrato in vigore il 1° luglio 2016 in tutti gli Stati membri, obbligatorio da subito per tutte le Pubbliche Amministrazioni, ed è destinato a diventare un fondamentale punto di riferimento giuridico europeo orientato a garantire la piena interoperabilità a livello comunitario, non solo della firma elettronica, ma anche dell’insieme dei servizi fiduciari di terza parte (Trust Service provider) nonché dei servizi di identificazione e di autenticazione.

Dal 29 settembre 2018 tutti i paesi dell’UE sono obbligati a riconoscere i sistemi nazionali che sono già stati notificati alla Commissione europea e che sono conformi ai regolamenti di identificazione elettronica, autenticazione e servizi fiduciari, come definiti da eIDAS.

eIDAS, Italia e Germania in prima fila

La Germania e l’Italia sono stati i primi a completare il processo di notifica con dietro Spagna, Lussemburgo, Estonia, Croazia, Belgio, Portogallo che lo saranno presto in quanto sono già state avviate tutte le procedure per completare il processo di notifica.

Il regolamento eIDAS mira a promuovere e migliorare la fiducia, la sicurezza e la convenienza online sotto forma di una singola serie di norme sull’identificazione elettronica e sui servizi fiduciari, tra cui firme elettroniche, sigilli, timestamp, servizi di consegna e autenticazione del sito web.

In parole povere le aziende e gli individui possono utilizzare le proprie identità nazionali elettroniche nello svolgimento delle attività commerciali, anche quando sono o risiedono in un altro paese dell’Unione Europea, per sostenere gli sforzi del Regolamento che mira anche a ridurre sensibilmente la burocrazia per permettere la piena realizzazione del mercato unico digitale in Europa che sarà pienamente in vigore presto.

Questo grazie a eliminazione dei tradizionali schemi di verifica dell’identità, comprese quelle delle persone, verso un sistema che supporti l’alta velocità online e la mobilità transfrontaliera delle interazioni tra differenti soggetti di diversi stati membri.

La sfida dell’implementazione

La sfida ora si gioca sull’implementazione di eIDAS in tutti i servizi e processi, sia pubblici che privati, per massimizzare i benefici derivanti dall’interoperabilità transfrontaliera dei sistemi di identificazione elettronica, autenticazione e gli altri servizi fiduciari digitali, rendendo tali servizi dei processi molto più efficienti e meno burocratici rispetto da oggi.

L’Identità Digitale di eIDAS può essere utilizzata in ogni ambito delle transazioni, sia nel business verso business che nel business verso il consumatore, inoltre offre alle imprese l’opportunità di effettuare controlli più rigorosi sull’identità dei clienti e delle altre aziende.
Tale attività di controllo è particolarmente significativa quando sono commercializzati prodotti che sono soggetti a restrizioni particolari (alcolici) o con transazioni di alto valore (trasferimenti di grandi quantità di denaro).
Dall’altro lato l’Identità Digitale di eIDAS permette alle aziende di creare un nuovo meccanismo di fiducia che può favorire l’espansione della propria base di clienti grazie all’utilizzo e fornitura di un’identificazione affidabile per i clienti (aziende o privati) anche in altri paesi dell’Unione Europea.
Sarà possibile anche l’utilizzo di sistemi nazionali di identificazione elettronica nelle transazioni commerciali transfrontaliere tra paesi dell’Unione Europea, a condizione che avvenga la fase di notifica da parte di ogni singolo Stato membro dell’Unione Europea.
Per notifica s’intende il processo di selezione, revisione e aggiunta di un sistema nazionale di identificazione elettronica alla rete di schemi di identificazione elettronica che devono essere riconosciuti da altri paesi. La notifica garantisce che tutti i sistemiIdentità Digitale nazionali notificati soddisfino i requisiti di qualità e di sicurezza stabiliti nel regolamento eIDAS, garantendo un’interoperabilità dell’Identità Digitale univoca e non equivoca.
Secondo il regolamento eIDAS, tutti i paesi dell’Unione Europea dovranno riconoscere i regimi di identificazione elettronica stranieri che sono stati notificati alla Commissione europea, e molti sono già in fase di attuazione delle loro soluzioni.
Va notato infine che gli Stati membri possono anche notificare i loro regimi nazionali di identificazione elettronica ma scegliere di non aprire questi regimi al settore privato, sebbene siano incoraggiati a farlo.

Grazie all’eID di eIDAS sarà possibile:

  • presentare le dichiarazioni dei redditi in modalità telematica in tutta Europa,
  • creare ed aprire da remoto un conto bancario anche all’estero,
  • creare da remoto una società in tutta Europa,
  • iscriversi alle scuole ed alle università europee,
  • accedere alle cartelle cliniche personali,
  • utilizzando un sistema che garantisce i più elevati standard per la protezione dei dati personali.

Per le imprese, l’Identità Digitale in Europa permetterà di:

  • ottenere un accesso futuro a nuovi mercati nell’Unione europea attraverso l’Identificazione/autenticazione transfrontaliera di potenziali clienti o clienti,
  • risparmiare tempo, e quindi denaro, attraverso l’Identificazione rapida e fidata dei clienti,
  • ottenere una maggiore sicurezza nelle transazioni transfrontaliere attraverso un’Identificazione più rigorosa dei dettagli del cliente,
  • aumentare la convenienza per i clienti esteri abilitando l’utilizzo della loro Identità Digitale nazionale (che già possiedono).

Andrus Ansip, il commissario europeo per il mercato unico digitale ha dichiarato che, grazie al principio “una sola volta” si potrà arrivare a “risparmiare più di 855.000 ore e le aziende più di 11 miliardi di euro per ogni anno”.

La Commissione europea ha realizzato diverse iniziative volte a sostenere e supportare la diffusione dei servizi eIDAS, eID in primis.

Merita di essere segnalata go.eIDAS, una iniziativa che supportata dall’Unione Europea attraverso i progetti di ricerca come FutureTrust e LIGHTest per sensibilizzare in tutta Europa ed altrove quali sono i vantaggi di eIDAS all’interno dei servizi applicativi, illustrando le opportunità commerciali per l’Unione Europea provenienti dalla promozione del framework eIDAS a livello internazionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati