L'approfondimento

Servizi pubblici digitali, da SPID alle missioni del PNRR ecco la fotografia di Assonime

Assonime con la circolare numero 29 del 18 ottobre 2021 ha fatto il punto della situazione dei servizi pubblici digitali attualmente disponibili in Italia, presentando lo stato dell’arte in relazione agli indirizzi europei e al PNRR

26 Ott 2021
Alessandro Mastromatteo

Avvocato, Studio Legale Tributario Santacroce & Partners

spid identità digitale, in quali ambiti si usa

Con la circolare n. 29 pubblicata il 18 ottobre 2021, Assonime fornisce un quadro di insieme dei servizi pubblici digitali disponibili in Italia, soffermandosi sul loro stato di avanzamento e puntando particolarmente l’attenzione sulle modalità di accesso ai servizi online, sul sistema per la gestione delle deleghe relative all’identità digitale, sul domicilio digitale e sulla piattaforma per la notifica digitale degli atti della PA a cittadini e imprese. Vediamo la situazione.

Servizi pubblici online, il ruolo dell’identità digitale

Di assoluto interesse risulta essere soprattutto il richiamo alle misure in materia di identità digitale e delle correlate deleghe considerando il superamento del termine finale, stabilito al primo ottobre scorso, per l’utilizzabilità delle credenziali di accesso in precedenza rilasciate dai singoli enti. Lo sviluppo e la diffusione delle identità digitali, che trovano nello SPID lo strumento principe per interagire e fruire dei servizi on-line di pubbliche amministrazioni e dei privati aderenti, costituiscono gli architravi su cui si fonda il riconoscimento dei diritti di accesso in rete.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Deleghe Spid, ecco come gestirle su Inps e non solo

Più in generale proprio la volontà di favorire la diffusione dei servizi pubblici digitali e agevolare l’uso delle tecnologie da parte di cittadini e imprese ha costituito la motivazione di fondo ritraibile da una serie di misure, contenute nei decreti-legge n. 76 del 2020 e n. 77 del 2021, con cui il percorso di trasformazione digitale dei servizi pubblici è stato intrapreso in maniera decisa: il tutto anche in funzione della realizzazione di alcune delle misure contenute nel PNRR. Più precisamente, l’analisi della normativa risulta accompagnata da una breve ricognizione dello stato di avanzamento dell’Italia dei servizi pubblici digitali, preceduto dal quadro europeo di riferimento, oltre che dall’illustrazione delle iniziative in materia previste dalla Missione 1, Componente 1 (M1C1) del PNRR.

Secondo i più recenti dati del Digital Economy and Society Index (DESI), per quanto riguarda la completezza dei servizi online e la disponibilità di servizi digitali per le imprese e open data, l’Italia si colloca meglio della media europea, mentre l’effettiva fruizione dei servizi pubblici digitali da parte di cittadini e imprese risulta nettamente al di sotto della media.

Il quadro europeo

Nella comunicazione della Commissione europea, Digital Compass Bussola per il digitale 2030: il modello europeo per il decennio digitale datata 9 marzo 2021, con cui sono stati fissati gli obiettivi della politica per la trasformazione digitale al 2030, la digitalizzazione dei servizi pubblici costituisce una dei quattro punti cardinali della strategia, unitamente a competenze, infrastrutture digitali e trasformazione digitale delle imprese. Nelle intenzioni del Legislatore europeo la modalità preferita di accesso ai principali servizi pubblici per cittadini ed imprese, ed entro il 2030, dovrebbe essere quella digitale, pur senza eliminare del tutto l’accessibilità dei servizi in presenza. Facilità di utilizzo, efficienza e rispetto dei più elevati livelli di sicurezza e tutela dei dati personali dovranno ad ogni modo costituirne le caratteristiche di riferimento.

Sullo specifico punto, e avuto riguardo al termine del 2030, ad avviso della Commissione tutti i cittadini europei dovrebbero avere accesso online ai loro dati nel settore sanitario e l’80 per cento dei cittadini dovrebbe utilizzare una soluzione affidabile e sicura di identità digitale, che assicuri il pieno controllo del soggetto sulle proprie interazioni e la propria presenza online. L’offerta di servizi pubblici efficienti in formato digitale by default dovrebbe in questo senso costituire un volano in grado di aumentare la produttività delle imprese europee e incentivare le imprese di minori dimensioni a una maggiore digitalizzazione. La Commissione, infine, consapevole delle mole di attività da pianificare e realizzare in quanto gli Stati membri risultano avere reso disponibili online solamente servizi basilari, come la compilazione ad esempio di moduli via web, ha ritenuto indispensabile un cambio di atteggiamento e di interazione nei rapporti tra cittadini, imprese e pubblica amministrazione. In questo senso, viene fortemente incoraggiato l’utilizzo sinergico dei fondi nazionali ed europei, incluse le risorse della Recovery and Resilience Facility (RRF).

Digitalizzazione e PNRR

Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza italiano (PNRR), i servizi pubblici digitali e la cittadinanza digitale sono affrontati nell’ambito della Missione 1, dedicata a digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo, in particolare nell’ambito della Componente 1 (M1C1) riguardante la digitalizzazione della pubblica amministrazione. Tra gli obiettivi della componente M1C1 vi è proprio quello di “sviluppare l’offerta integrata e armonizzata di servizi digitali all’avanguardia orientati a cittadini, residenti e imprese, permettendo così all’Italia di realizzare l’ambizione europea del Digital Compass 2030, quando tutti i servizi pubblici chiave saranno disponibili online”.

I principali servizi su cui la M1C1 insiste sono:

  • identità digitale;
  • anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR);
  • pagamenti digitali tra cittadini e pubblica amministrazione;
  • notifiche delle pubbliche amministrazioni a cittadini e imprese.

Agli investimenti per lo sviluppo dei servizi digitali e della cittadinanza digitale (Investimento 1.4) sono destinati 2,01 miliardi di euro, a cui si aggiungono 1,4 miliardi di euro del Fondo nazionale complementare di cui al decreto-legge n. 59/2021.

Principali misure in Italia

In quest’ottica il decreto-semplificazioni n. 76 del 2020 ha proceduto ad ampliare il perimetro dei soggetti obbligati a concedere l’accesso mediante identità digitali ai propri servizi in rete, ricomprendendovi, accanto alle pubbliche amministrazioni e ai gestori di servizi pubblici, anche le società a controllo pubblico. Peraltro tale diritto di accesso deve potere essere esercitato anche attraverso la app IO e cioè il punto di accesso unico telematico.

L’utilizzo di SPID, inoltre, offre e garantisce non solo l’identificazione degli utenti ma anche la possibilità, per cittadini ed imprese, di compiere attività in rete. Anche i soggetti privati possono erogare i propri servizi on-line identificando gli utenti mediante le credenziali SPID: in caso di riconoscimento richiesto per l’accesso, l’utilizzo di tali strumenti esonera l’operatore dall’obbligo generale di sorveglianza delle attività sui propri siti secondo l’articolo 17 del decreto legislativo n. 70 del 2003 in materia di commercio elettronico. Il ricorso alle identità digitali viene favorito anche dal Sistema di gestione delle deleghe – SGD che permette agli interessati di attribuire una delega al proprio rappresentante, presentandola in modalità digitale o in formato cartaceo agli sportelli e associando così un attributo qualificato all’identità digitale del delegato che può interagire per conto del delegante utilizzando i servizi on-line offerti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3