l'analisi

Mochi: “Troppa tifoseria sul digitale, per cambiare il Paese serve coerenza”

Le proposte del Governo sul digitale, complici i titoli strillati dei giornali, hanno creato un clima di tifosera, non di confronto. Dal ritorno al contante allo Spid, al cellulare in classe, proviamo a vedere se possiamo imparare qualcosa, pur restando contrari a quello che può rallentare la trasformazione del Paese

Pubblicato il 02 Gen 2023

Document,Management,System,(dms),Used,To,Archive,,Search,And,Manage

04La riflessione su quel che ci aspetta in questo 2023 per rispettare gli impegni presi e per proseguire senza arretrare nel cammino verso uno sviluppo equo e sostenibile, sorretto da una trasformazione digitale giusta ed inclusiva, non può che partire da quel che è successo negli ultimi due mesi, ossia dall’insediamento del nuovo Governo.

Non parlerò qui delle grandi sfide come il Polo Strategico nazionale o la cosiddetta Rete nazionale o, ancora, dell’Italia a un giga, perché già ampiamente trattati da questa testata, ma piuttosto di quei provvedimenti che, seppure minori, hanno dato all’opinione pubblica la netta impressione di un cambio di rotta nella digitalizzazione del Paese e hanno riempito i giornali di posizioni rigidamente pro o contro.

Meloni, guai a distrarsi sul digitale: 50 miliardi da spendere bene

Le false antonomie che ostacolano il confronto

In un recente articolo nella sua rubrica “L’amaca”, Michele Serra ricorda tutti i recenti interventi, arrivati al traguardo o meno, che in un qualche modo sono stati realmente, o sono stati comunque percepiti come “contro” la digitalizzazione del Paese. Conclude che è tutto sommato un bene “la manifestazione di un pensiero limpidamente reazionario, nel senso classico: reazione negativa di fronte alle novità.”

WHITEPAPER
Banking&Insurance: inizia l’era dei servizi istantanei e customizzati. Rimani al passo
Amministrazione/Finanza/Controllo
Digital Transformation

Come sempre Serra è stimolante anche nelle provocazioni, ma credo che sia necessario per noi, che della trasformazione digitale abbiamo fatto il nostro campo d’azione professionale, andare a guardar dentro a queste proposte di nuove norme. Proviamo a vedere se comunque, pur conservando noi una decisa opposizione a tutto quello che possa rallentare questo processo, possiamo imparare qualcosa da questa vicenda.

La mia tesi è che, ancora una volta, rischiamo di farci trascinare in una gabbia fatta da false antinomie che disegnano un continuo gioco della torre, quello in cui si deve decidere chi buttar giù. I media, soprattutto quelli online, ma anche i cartacei con i loro titoli strillati, non ci aiutano in questo senso e spesso ci troviamo, inconsapevolmente, in un clima di tifoseria piuttosto che di confronto.

Le proposte del Governo Meloni

Cominciamo proprio dai provvedimenti o dalle proposte del Governo Meloni, in tema di trasformazione digitale, che hanno fatto più discutere.

Il ritorno al contante

Certamente il primo tema è quello del ritorno al contante rispetto alla moneta elettronica. Tralascio la parte che riguarda il limite al contante perché ci porterebbe lontano dal ragionamento che voglio fare e mi concentro sull’importo minimo al di sotto del quale scatta l’obbligo di accettare i pagamenti elettronici da parte di qualsiasi operatore economico. Qui la falsa scelta, che è passata in quasi tutta la comunicazione, era tra la libertà di pagare come ciascuno vuole, anche ricordando quella parte della popolazione che si trova meglio con i contanti, e la libertà di usare sempre, anche per importi molto bassi, le carte o i sistemi di pagamento digitali. Qui la confutazione è banale: nessuno ha mai pensato di limitare la libertà di usare il contante, non c’è mai stato nessun pericolo, per chi ha difficoltà con le carte o ama tirar fuori le banconote, di non poterlo fare liberamente ovunque; casomai la norma, per fortuna rientrata (grazie Europa!), era una limitazione della libertà di chi, come me, preferisce girare senza contante e lo fa tranquillamente in tutto il mondo. Abbiamo detto che da ogni norma, sia o no andata a buon fine, dovremmo imparare qualcosa e qui l’insegnamento è chiaro: diffidiamo delle semplificazioni della comunicazione politica. Sentir dire che il tetto a 60 euro dell’obbligo di accettare i pagamenti elettronici potrebbe sfavorire il turismo non è solo fuorviante, è ridicolo.

Addio alle sanzioni Pos, il Governo sta sbagliando: ecco perché

L’uso del cellulare in classe

Se nel caso del contante la gabbia dell’antinomia aveva grossi buchi attraverso i quali, con un po’ di buon senso, non era difficile uscire, più rischiosa è la scelta relativa all’uso del cellulare in classe, la cui proibizione, vecchia di quindici anni, è stata con forza reiterata dal Ministro dell’Istruzione e del merito Giuseppe Valditara, paragonando l’addiction da telefonino all’addiction da cocaina.

Smartphone sì o smartphone no in classe? Anche qui il gioco della torre non funziona e mi rifiuto di infilarmi nella gabbia. La risposta, infatti, non può che dipendere dalla qualità e dalla metodologia di insegnamento che si svolge in ogni classe e da quanto la scuola italiana sia oggi capace di interloquire con la vita dei ragazzi fuori delle aule, in una dialettica continua che, senza complicità né acquiescenza, istituisca un ininterrotto dialogo tra dentro e fuori. Riprendo una frase da un ottimo articolo di Antonio Polito sul Corriere della Sera del 21 dicembre scorso, che sottoscrivo in pieno. Dice Polito: “Gli smartphone e la vita scolastica sono oggi incompatibili. E questo è un fatto. Ma temo che sia una brutta notizia più per la scuola che per gli smartphone.” Come sa chiunque che, come me, organizza convegni e riunioni, il cellulare acceso può essere un enorme disturbo e indurre a volare fuori dalla sala, in altre faccende affaccendati, ma può essere anche uno straordinario strumento di interattività, ovunque si abbandoni una comunicazione ad un solo senso e si accetti che le lezioni, così come le relazioni congressuali, non possono essere più solo frontali. Questo vuol dire che il cellulare in classe va sempre bene e che dobbiamo comunque accettarlo? Certo che no: riecco la gabbia. Dobbiamo usare sapienza e discernimento, professionalità ed empatia per capire quando e come questo strumento così importante per tutti i nostri ragazzi può essere un alleato. Soffermarci a riflettere, anche qui, ci aiuta a evitare giudizi apodittici e definitivi e ad entrare nei problemi con lo spirito di chi vuol sciogliere i nodi e non tagliarli con improbabili spade.

Smartphone a scuola, le contraddizioni del Ministero

Spid sì o Spid no?

Infine, una terza falsa antinomia, che ha portato anche a molta confusione, si è affacciata nel difficile percorso del Paese verso una maggiore digitalizzazione. Parlo del giudizio sullo Spid e quindi la decisione se il Sistema Pubblico di Identità Digitale debba essere piano piano abbandonato e spento in vista di un unico strumento dato dalla Carta di Identità Elettronica (CIE). Spid sì o Spid no quindi? Torna il gioco della torre che già in premessa abbiamo rifiutato. E’ palesemente assurdo abbandonare uno strumento che a oggi ha 33.173.400 identità erogate (oltre il 54% della popolazione italiana) con oltre 12mila amministrazioni attive e quasi 150 gestori privati che danno accesso ai propri servizi tramite Spid. Insomma, se chiudere Spid sarebbe sbagliato, come peraltro lo stesso Sottosegretario Butti, dopo una prima dichiarazione un po’ troppo tranchant, ha ammesso, allora vuol dire che va bene così? Anche qui una manichea semplificazione non ci aiuta. Acquisire l’identità digitale è ancora troppo complicato per una fetta non piccola della popolazione, i servizi offerti sono ancora troppo pochi e spesso non sono servizi in senso stretto, ma adempimenti che i cittadini attraverso Spid fanno come supplenti di amministrazioni che non si parlano tra loro e continuano a chiedere a ciascuno di noi cose che dovrebbe ben sapere, se solo avessero database accessibili (evito la parola interoperabili perché sono ormai allergico). Quindi, se lo “spegnimento” dello Spid è sbagliato e impraticabile, è invece corretta e condivisibile la preoccupazione: avere servizi digitali più facili e inclusivi. La trasformazione digitale non ha senso se invece che ridurre aumenta le disuguaglianze, ma perché sia uno strumento di inclusione non possiamo tornare indietro.

Spid: si può migliorare, ma spegnerlo è un errore

Conclusioni

Questi tre esempi, che peraltro hanno portato a interminabili discussioni intorno a una scelta alternativa, bianco o nero, che in effetti non c’era, ci inducono ad augurarci un 2023 di lavoro intenso, ma normale, senza stravolgimenti né grandi annunci. Abbiamo tante cose da fare, tanti traguardi da raggiungere già definiti in migliaia di pagine di documenti, tanti ostacoli da superare, soprattutto in termini di qualità e quantità delle competenze a disposizione di cittadini e imprese, che consiglio un passo da montanaro. Un passo regolare che non fa strappi di corsa, ma che, un piede avanti all’altro, non si ferma sino a che non è arrivato alla meta. E spesso arriva prima di chi, per sciatteria o fretta, accelerando non vede i segni del sentiero e deve poi tornare indietro per rientrare sulla corretta via.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4