#SAA2018

La PA del futuro sarà invisibile al cittadino, ecco come

Ogni innovazione distrugge l’esistente per ricrearlo in forme nuove: la PA del futuro, grazie alla disintermediazione degli open data, sarà basata meno sui rapporti umani ma più efficiente, grazie a servizi quali Spid, Anpr, PagoPa. Serve però ancora molto lavoro (anche) sull’alfabetizzazione dei cittadini

22 Feb 2018
synthetic data

La Settimana dell’Amministrazione Aperta #SAA2018 e i tanti eventi organizzati in tutta Italia sono stati sicuramente una buona occasione per soffermarsi a riflettere su tanti aspetti legati alle trasformazioni in corso all’interno della Pubblica Amministrazione.

Sono stato invitato a tenere una relazione nell’evento organizzato dal comune di Bari presso l’ex palazzo delle Poste. Mi è stato chiesto di parlare di Open Data e delle opportunità che possono generare per PA, cittadini e imprese.

Vi racconto in breve alcune delle riflessioni fatte durante l’intervento. Ho voluto cominciare dalla parola “Open”, a sottolineare il fatto che stavamo celebrando la Settimana della Amministrazione Aperta. Oggi utilizziamo l’aggettivo “Open” in tanti contesti tra loro diversi. Parliamo infatti di “Open Data”, di “Open Government”, facciamo gli “Open Day”, riconosciamo il valore dell’“Open Knowledge”. È stato svariati anni fa che abbiamo cominciato ad utilizzare la parola “Open” essenzialmente riferendoci al software “Open Source” ma negli anni successivi ne abbiamo esteso l’utilizzo un po’ ovunque.

LeggiOpen data pubblici, la strategia perché siano (davvero) utili all’Italia

Open data e disintermediazione per un nuovo rapporto con la PA

Open è diventato un modo di pensare, di vedere il mondo, un modo di essere e di agire. Possiamo declinare l’”Openness” in vari modi, ma quello che vale la pena sottolineare è l’effetto di disintermediazione che viene generato quando qualcosa diventa “Open”.

WHITEPAPER
I dati sono davvero il nuovo petrolio? Se si, ecco come sfruttarli al meglio! Una guida per te

La disintermediazione cambia e stravolge gli equilibri prestabiliti. Diventa così possibile agire, intervenire direttamente su cose che in precedenza erano ben “presidiate” da altri. Con un inevitabile (e direi benefico) effetto sulla crescita e il rafforzamento delle competenze individuali. Quando infatti qualcosa diventa Open ha l’effetto di poter essere utilizzata direttamente da tutti. A patto ovviamente di sapere come fare.

Una pubblica amministrazione “aperta” è una pubblica amministrazione che va a ridisegnare il rapporto con i cittadini e le imprese e lo fa essenzialmente su due “canali”, quello dei servizi e quello dei dati. Sono due “canali” che non sono indipendenti ma che al contrario sono fortemente interconnessi tra loro. Ad esempio, l’Istat produce dati per mandato istituzionale. Il servizio che Istat fornisce ai cittadini sono quindi i dati. D’altra parte sono sempre più numerose le PA che hanno cominciato non solo a fornire servizi “online”, in cui il cittadino può fare da sé quello che prima doveva necessariamente fare recandosi di persona presso gli uffici competenti, ma anche a fornire e pubblicare i dati prodotti da quella PA come ulteriore servizio in aggiunta a quelli di propria competenza. Pensiamo ad esempio a tutte le iniziative Open Data che sono state avviate negli ultimi anni da parte delle PA, a volte anche con dati di qualità e utilizzando modalità tecnologiche avanzate.

LeggiOpen Innovation, solo così la PA può cambiare davvero

Tutto questo perché la PA che abbiamo in mente è essenzialmente una PA digitale e la transizione verso il digitale sta inevitabilmente trasformando il modo con cui la Pubblica Amministrazione interagisce con cittadini e imprese.

Già ora è possibile utilizzare da casa vari servizi online erogati da diverse Pubbliche Amministrazioni. Pensiamo ai servizi di Inps, alla possibilità di presentare la dichiarazione dei redditi alla Agenzia delle Entrate, alla possibilità di iscrivere i figli a scuola (Miur), a tutti i servizi locali delle città metropolitane (ad esempio i servizi egov della città metropolitana di Bari).

Le tre I della PA Digitale

Sappiamo però che non basta che ogni PA trasformi in digitale processi che una volta erano gestiti in modo analogico.  Anzi. Quello che serve veramente è pensare ad un “Sistema Pubblica Amministrazione Digitale”, un sistema cioè dove i singoli Enti Pubblici si “sciolgono” all’interno per dare vita ad una Pubblica Amministrazione Interconnessa Integrata e Invisibile. (le potremmo chiamare le tre “I” della PA Digitale)

Per fare ciò serve pensare ad una infrastruttura su cui poggiare la PA digitale e pezzi di questa infrastruttura sono già in cantiere. Pensiamo a SPID, il sistema pubblico d’identità digitale, ad ANPR, l’anagrafe nazionale della popolazione residente, a pagoPA. Sono tutti progetti che sono in cantiere da tempo, che hanno passato momenti di forte difficoltà e che ultimamente, grazie al lavoro del Team Digitale e di Agid si sono in qualche modo risvegliati da uno stato comatoso che sembrava dovesse essere irreversibile.

Questa è la buona notizia. La notizia un po’ meno buona che ovviamente siamo ancora molto lontani da un “Sistema PA” dove le Pubbliche Amministrazioni siano interconnesse, integrate e invisibili al cittadino.

Leggi: Quale politica digitale per una società migliore: ecco le scelte da fare

La PA del futuro, invisibile ai cittadini

Da quando ho cambiato banca e sono passato ad una banca completamente online non so più dove sia la mia banca. Non conosco e non ho mai incontrato nessuno e tutto quello che faccio lo faccio collegandomi alla piattaforma Web. È probabile che così sarà anche la PA del futuro. È probabile cioè che la PA del futuro diventi invisibile ai cittadini. Ne perderemo in rapporti umani e questo ovviamente mi spiace un po’. Ogni innovazione distrugge l’esistente per ricrearlo in forme nuove, ma ne guadagneremo sicuramente in efficienza e in servizi.

E veniamo infine ai dati. L’effetto dei servizi digitali è che generano automaticamente dati man mano che vengono utilizzati. Abbiamo detto più volte che i dati possono essere visti come l’acqua. Non è un concetto nuovo tanto è vero che diciamo “fonte” quando vogliamo indicarne la provenienza (es: dati di fonte Istat).

E così come facciamo con l’acqua, anche i dati vanno in qualche modo “canalizzati”. Una pubblica amministrazione che sia interoperabile e interconnessa la si costruisce partendo proprio dai dati che vengono generati in modo automatico dalle singole pubbliche amministrazioni nell’espletamento del proprio mandato istituzionale.

Dati che non solo diventano funzionali all’implementazione di servizi (pensiamo ad esempio ad ANPR che viene usata e mantenuta dagli uffici anagrafe di tutti i comuni italiani ma che diventa un pezzo di infrastruttura su cui andare a disegnare e implementare servizi di altre pubbliche amministrazioni che necessitano di avvalersi della anagrafica dei cittadini) ma che opportunamente canalizzati diventano gli elementi di base per il monitoraggio del funzionamento degli enti pubblici e delle politiche messe in campo. Parte di questi dati possono essere poi resi pubblici come Open Data. Non Open Data qualunque, ma Open Data di qualità che nascono da processi ingegnerizzati.

Cittadini digitali e l’alfabetizzazione che ancora manca

In tutto ciò va tenuto conto anche della realtà che ci circonda. E la realtà che ci circonda è descritta molto bene dall’indagine Istat Cittadini, Imprese e ICT”.

In sintesi, migliorano lentamente i dati relativi alle famiglie che dispongono di una connessione, ma siamo ancora molto indietro rispetto alla media europea. E avere una connessione internet non è che il primo passo. Serve una forte alfabetizzazione all’uso dei servizi digitali che ancora manca. Qualche giorno prima dell’evento di Bari sono stato invitato a celebrare la settimana dell’amministrazione aperta presso il Liceo Scientifico di Laterza (TA). Mi hanno raccontato che quest’anno ci sono state 150 nuove richieste di iscrizione. Ben 149 sono state presentate a mano con la compilazione di un modulo cartaceo. Solo una è stata inoltrata attraverso l’apposito servizio online del ministero. E resta il dubbio se l’autenticazione sia stata fatta o meno con SPID.

In conclusione, vorrei ringraziare dell’invito l’assessore Angelo Tomasicchio e Antonio Cantatore, direttore ICT del Comune di Bari. Il mio intervento si è svolto all’interno di un panel moderato dal giornalista Lino Patruno (un pezzo di storia del giornalismo di Puglia e non solo) e dove ero in compagnia di Pino Bruno (direttore responsabile di Tom’s Hardware Italy), Andrea Lisi (presidente ANORC nonchè fondatore del gruppo dei Digital Minions di cui faccio orgogliosamente parte) e Luigi Santangelo (esperto autorità di gestione dell’Agenzia per la Coesione Territoriale).

Leggi:Settimana dell’amministrazione aperta: il valore dell’esempio

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2