Lo scenario

DESI, non c’è nulla da festeggiare: non siamo degni dell’Europa migliore

Gli sforzi dell’Italia nello spingere la digitalizzazione dei servizi sono stati riconosciuti e hanno portato al risultato di due posizioni più in alto rispetto al 2021 nell’indice DESI: tuttavia, il digitale nel nostro Paese è ancora sotto la media europea. I servizi pubblici digitali cartina tornasole del nostro status

05 Ago 2022
Riccardo Berti

avvocato Centro Studi Processo Telematico

Franco Zumerle

Avvocato Coordinatore Commissione Informatica Ordine Avv. Verona

Italia_digitale-1170x1170

No, non è confortante il risultato dell’analisi svolta in seno alla Commissione Europea e contenuta nell’indice DESI 2022 (Digital Economy and Society Index) recentemente diffuso dalle istituzioni comunitarie. L’indice, anche se vede l’Italia recuperare due posizioni rispetto al 2021 (si passa dalla ventesima posizione alla diciottesima, a scapito di Croazia e Repubblica Ceca) comunque denuncia una digitalizzazione del nostro paese sotto la media europea. E siamo lontani, troppo lontani dagli altri grandi Paesi e grandi economie europee, a cui dovremmo guardare se vogliamo avere un futuro, ancora, in quel paniere di “grandi economie”.

Davanti a noi sono saldamente posizionati tutti i paesi dell’Europa occidentale (nonché le tre repubbliche baltiche che da tempo si sono dimostrate campionesse di digitalizzazione) mentre ci seguono solamente Repubblica Ceca, Cipro, Croazia (a brevissima distanza), quindi Ungheria, Slovacchia, Polonia, Grecia, Bulgaria e Romania, che chiude questa classifica.

In particolare, come vedremo, i servizi pubblici digitali – quelli quindi più direttamente “governati” dall’amministrazione pubblica – si mostrano qui una cartina tornasole dell’Italia digitale. Progrediamo, sì, ma senza superare antichi problemi.

Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali

Come funziona l’indice DESI

Per capire il posizionamento dell’Italia è essenziale comprendere che elementi prende in considerazione l’indice DESI per classificare i vari stati UE. Innanzitutto, l’indice, sebbene presentato come DESI 2022, è ovviamente basato nella quasi totalità su dati del 2021, quindi non può tener conto degli investimenti nel settore tecnologico dell’ultimo periodo, cui fa da volano il PNRR. L’indice poi suddivide la propria classificazione in quattro macroaree che sono:

WHITEPAPER
Ambienti di lavoro smart: ecco una checklist di 7 punti per la MASSIMA EFFICIENZA
Risorse Umane/Organizzazione
Software
  • capitale umano;
  • connettività;
  • integrazione delle tecnologie digitali;
  • servizi pubblici digitali.

Il capitale umano misura il grado di digitalizzazione dei cittadini, assegnando punteggi diversi con riguardo alle competenze digitali delle persone comuni (l’obiettivo è che entro il 2030 l’80% della popolazione europea abbia una competenza digitale di base), al mercato degli specialisti ICT, all’offerta formativa nel settore privato rivolta a sviluppare competenze ICT e infine alla percentuale di laureati nel settore ICT. La connettività invece misura il grado di digitalizzazione delle infrastrutture di telecomunicazione, considerando la disponibilità di connessioni veloci, il numero di utenti che le utilizzano e la copertura su aree urbani e rurali.

Desi 2022, per l’Italia un risultato agrodolce: perché siamo l’emblema di un’Europa a due velocità

L’area dell’integrazione delle tecnologie digitali invece individua il grado di digitalizzazione del settore privato, considerando fattori come la presenza online delle imprese, l’utilizzo di social media, e-commerce (specie se transnazionale), sistemi di AI e cloud. La digitalizzazione dei servizi pubblici, infine, misura il livello di e-government cui sono arrivati i vari paesi UE. Lo studio prende in considerazione la percentuale di servizi pubblici (rivolti a cittadini ed imprese) disponibili online, e il loro utilizzo da parte degli utenti (fattore quest’ultimo che si intreccia con quello delle capacità digitali dei cittadini).

I risultati dell’Italia nelle varie classi

Il settore in cui l’Italia “brilla” maggiormente e si colloca al di sopra della media europea (in settima posizione e davanti addirittura alla Finlandia, prima nella classifica generale) è quello della connettività. In particolare, la posizione Italiana giova dell’ampia disponibilità di connessioni a banda larga, ed è un grande risultato se si pensa che in questo particolare ambito prima di noi ci sono solamente stati che vedono il compito infrastrutturale estremamente facilitato dalla geografia vantaggiosa e delle piccole dimensioni (Cipro è la prima, seguita da Malta, Lussemburgo, Paesi Bassi, Belgio, Danimarca e quindi l’Italia).

Se però abbiamo un’infrastruttura di prim’ordine sono ancora poche, in proporzione, le utenze che sfruttano queste connessioni veloci, complice forse anche la pubblicità molto poco chiara che è stata fatta di questo nuovo ventaglio di offerte, che ha scoraggiato molti.

Anche nel settore dell’integrazione delle tecnologie digitali l’Italia è al di sopra della media europea.

Quest’area, dove le prestazioni più positive sono registrare dai paesi scandinavi, vede l’Italia reggere il confronto con gli altri paesi UE nella classifica “generale”, preoccupanti però sono gli scarsi risultati in settori chiave in prospettiva economica, come ad esempio lo sfruttamento dei Big Data (l’Italia è diciottesima) e dell’intelligenza artificiale (sedicesima). Molto pochi sono anche i cosiddetti “unicorni” rilevati nel nostro paese dallo studio europeo. Gli “unicorni” sono delle start-up tecnologiche private che hanno un valore superiore al miliardo di dollari. In Italia ce ne sono cinque, mentre in Germania, la prima, sono ben 58.

In buona sostanza il nostro paese “produce” un dodicesimo delle start-up di successo che invece è in grado di produrre il sistema tedesco, una differenza abissale e che ci dà la misura della fatica con cui il nostro sistema-paese produce innovazione. Meno bene si piazza l’Italia per quanto riguarda la digitalizzazione dei servizi pubblici, critico in questa classifica è il punteggio assegnato all’Italia circa l’effettivo utilizzo dei servizi digitali messi a disposizione dei cittadini (siamo terzultimi prima di Bulgaria e Romania).

Il nodo delle competenze

Questo scarso risultato fa il paio con le nostre pessime prestazioni per quanto riguarda il settore del capitale umano (se abbiamo riguardo solo a quest’aspetto l’Italia è terzultima davanti solo a Bulgaria e Romania, peraltro poco distanti). In Italia la carenza più incisiva è quella di specialisti ICT (se guardiamo solo a questa classifica siamo gli ultimi in Europa), mentre i cittadini “comuni” hanno una competenza digitale che ci consente di superare anche la Polonia, oltre alle già menzionate Bulgaria e Romania.

Il problema, è evidente, è drammatico specie nel lungo termine, con l’Italia che deve recuperare in fretta questo gap per evitare di trovarsi in futuro senza personale specializzato in settori in crescita dirompente, con il rischio che la carenza di personale finisca per fare da argine alla stessa crescita di questi settori. La situazione è gravissima anche se si pensa al grado di errore nelle rilevazioni. Se l’errore statistico sulle capacità digitali della popolazione può essere ampio, l’errore statistico sul numero degli specialisti e laureati nei settori ICT non può che essere minimo.

La PA digitale va meglio ma non troppo

Se va riconosciuto all’Italia uno sforzo per la digitalizzazione dei servizi pubblici digitali è evidente che la strada da fare è ancora lunga e complessa. Come riporta la relazione sul nostro paese che accompagna il DESI 2022: “È necessario proseguire negli sforzi già intrapresi per consentire all’Italia di realizzare l’obiettivo del decennio digitale relativo alla disponibilità online del 100 % dei servizi pubblici principali per le imprese e i cittadini dell’Unione, e di rendere pienamente operativi i fascicoli sanitari elettronici. Benché solo il 40 % degli utenti di internet italiani faccia ricorso ai servizi pubblici digitali (rispetto a una media UE del 65 %), tale indicatore ha registrato una crescita considerevole negli ultimi due anni (con un aumento di 10 punti percentuali tra il 2020 e il 2022).”

Ci sono però anche dati positivi che emergono dalla relazione, ad esempio l’Italia è sopra la media quanto all’implementazione di politiche sugli Open Data, e particolarmente promettenti sono gli sviluppi di digitalizzazione portati avanti dai tre “alfieri” SPID, CIE e App IO.

In chiaroscuro è invece il dato relativo ai fascicoli sanitari elettronici, con l’UE che plaude ai 57 milioni di fascicoli attivi ma non può tenere in considerazione l’assurda frammentazione di questi sistemi, che offrono a seconda della regione in cui ci si trova servizi diversi e spesso non interoperabili.

La digitalizzazione del paese passa anche da una nuova prospettiva di centralizzazione del processo di sviluppo software, e da una puntuale applicazione delle disposizioni del CAD che indirizzano le amministrazioni verso il riutilizzo del software e l’acquisizione di software il più possibile libero e a sua volta disponibile per il riutilizzo, affinché non si debba più assistere a moltiplicazioni di spese ed enormi sprechi come ad esempio quelli che sono derivati dalla immotivata parcellizzazione dei software per la telematizzazione dei processi in Italia. L’UE poi cita come esempio positivo la “Strategia Cloud Italia”, che vorrebbe migrare in cloud il 75% delle PA entro il 2026. In buona sostanza l’Italia sembra avviarsi nella direzione giusta e sta investendo nella digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

I problemi da risolvere per il futuro

Per un cambio di passo serve un cambio di mentalità circa i meccanismi attraverso cui si acquisisce e sviluppa il software della PA.

Beninteso, colmare il ritardo rispetto alla media europea e procedere ad un ritmo significativamente superiore rispetto a molti altri paesi UE è senz’altro un ottimo risultato, ma non dobbiamo dimenticare gli aspetti che fanno ancor oggi da collo di bottiglia e in questo senso è evidente che il più grande problema che emerge dall’indice DESI per il nostro paese è il divario fra le “dimensioni” della digitalizzazione, ben evidenziato dalla tabella che segue, diffusa dalla Commissione UE:

Non possiamo infatti pensare alla digitalizzazione come ad un fenomeno fatto di comparti stagni, dove possiamo essere campioni in un settore e lasciarne indietro un altro. L’approccio al fenomeno deve essere necessariamente olistico e in questo senso è evidente che se non si interviene sulla capillare diffusione della cultura digitale dei cittadini, la digitalizzazione della PA si risolve in un grande sforzo cui fa da contraltare un modesto risultato perché non ci sono utenti in grado di fruire dei servizi che il pubblico mette a disposizione.

Conclusione

Se nel complesso il nostro paese sembra correre più di altri nel processo di digitalizzazione, non possiamo quindi dimenticare che si deve trattare di un processo armonico, senza “dimensioni” lasciate indietro, o queste presenteranno, presto o tardi, il conto.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4