COMPETENZE DIGITALI

Nelle competenze di e-leadership l’Italia è malata grave

Siamo penultimi in Europa secondo l’e-leadership Scoreboard, e non a caso ultimi secondo il DESI per la percentuale di imprese che vende online. A fronte di poche note positive, tra cui la policy sulle competenze digitali, il quadro complessivo rimane grave e necessita del riconoscimento della centralità del tema delle competenze

22 Lug 2015
innovazione-120207152836

La pubblicazione del rapporto sull’Italia dell’e-Leadership Scoreboard, realizzato dal Consorzio LEAD (guidato dalla società Empirica) nell’ambito dell’iniziativa della Commissione Europea “e-Leadership Skills for Small and Medium Sized Enterprises” è una buona occasione per fare il quadro dello stato delle competenze digitali di manager e imprenditori nelle piccole e medie imprese.

E poiché consideriamo la presenza di competenze adeguate come una delle condizioni principali per lo sviluppo delle imprese e per l’acquisizione di un ruolo importante nei mercati, ecco che il rapporto ci fornisce elementi importanti di correlazione con un altro indicatore cardine per la misurazione della salute delle nostre imprese (soprattutto PMI), e cioè quello che misura la loro capacità attuale di utilizzare la rete per una diffusione nazionale e internazionale, prima di tutto attraverso le vendite online. Indicatore che, secondo il DESI (Digital Economy and Society Index, per la valutazione dei progressi sull’Agenda Digitale, da parte della Commissione Europea), ci pone all’ultimo posto in Europa con il 5,1% di imprese che vendono online per oltre l’1% del proprio fatturato (la media europea è del 14,5%).

Interrogarsi quindi sul livello di competenze digitali, di e-leadership, dei manager e degli imprenditori è utile per capire se il “malato” sia già su un percorso di ripresa o ha bisogno di forti sostegni e scosse per intraprenderlo.

La posizione complessiva dell’Italia purtroppo è di retroguardia, e tra l’altro in peggioramento, se nel rapporto intermedio di marzo 2015 figurava prima nel gruppo di coda dei “Late Beginners” e quindi con davanti 22 dei 28 Paesi europei, dalla Lettonia in su, fino al gruppo dei Paesi leader (nell’ordine: Irlanda, Regno Unito, Finlandia, Paesi Bassi, Svezia, Danimarca), mentre nel rapporto per paese pubblicato a maggio si posiziona al penultimo posto, davanti soltanto alla Romania.

Il modello della e-leadership Scoreboard

Il modello della Scoreboard comprende quattro dimensioni, articolate in 7 “building block” e 24 indicatori, che sono poi aggregati nell’indice di e -Leadership globale:

  1. la dimensione “e-leadership skilling” è costituita da un building block, “Istruzione e formazione”, con quattro indicatori: il numero di programmi formativi a livello di Master, il numero di programmi indirizzati all’ e-leadership, la quota di imprese che fornisce formazione per gli specialisti ICT e la qualità delle scuole di management;
  2. nella seconda dimensione, “potenziale di e-leadership della forza lavoro”, sono individuati due blocchi (professionisti e-Leader e percorso per l’e-Leadership) e si cerca di valutare l’adeguatezza della presenza di lavoratori con competenze digitali, ICT e e-leadership, ma focalizzandosi in particolar modo sugli specialisti ICT, cercando così di stimare i potenziali e- leader in ogni paese;
  3. una terza dimensione è ” lo sfruttamento competenze di e – leadership”, cercando di valutare quanto il contesto di un Paese favorisca il pieno sfruttamento delle opportunità offerte dall’ICT. Si articola in tre blocchi che si focalizzano sul contesto di business, sulle opportunità di innovazione e sui trend tecnologici in atto nel paese in esame;
  4. la quarta dimensione, ” promotori delle competenze di e- leadership” valuta le policy dei paesi , nella convinzione che i paesi con meccanismi di abilitazione efficienti (politiche iniziative , ecc ) sono ben posizionati per produrre il giusto mix di competenze di e-leadership , in linea con la dinamiche della domanda del mercato del lavoro e il requisito del talento e delle competenze.

Il modello è articolato e interessante, include valutazioni specifiche di Empirica nell’ambito dell’e-leadership, e si avvale di misure di provenienza Eurostat e World Economic Forum (soprattutto per le rilevazioni su valutazioni qualitative), discretamente aggiornate (la meno recente è del 2011): una ottima base di riflessione su questo nuovo ambito delle condizioni di crescita delle imprese. Un aspetto opinabile è la considerazione di una correlazione molto stretta (troppo, a mio avviso) tra l’e-leadership e le professionalità ICT. L’e-leader ha certamente delle forti competenze digitali per comprendere appieno come sfruttare le potenzialità dell’ICT per le attività di impresa (per nuovi prodotti/servizi, nuovi processi, nuovi mercati), ma non ha nessuna necessità di essere uno specialista ICT. Certamente ha bisogno di avvalersene, e la quantità di specialisti ICT presenti nel mercato del lavoro e valorizzati adeguatamente è certamente una misura della capacità delle imprese di cogliere l’opportunità digitale. Ma non è un’indicazione diretta della potenzialità di sviluppare competenze di e-leadership. Non a caso, proprio nelle Linee Guida citate positivamente nel rapporto questo aspetto è esplicitato molto chiaramente.

Gli elementi valutati positivamente

Il principale segnale positivo per l’Italia è dato dalla valutazione di 4 punti (su 5) attribuiti alla policy nazionale sul fronte della formazione, raddoppiando la valutazione dell’anno precedente, grazie alla citazione esplicita del tema dell’e-leadership sia nel documento di Strategia Digitale del 2014 sia nelle Linee Guida – Indicazioni Strategiche e Operative, realizzate nell’ambito del Programma Nazionale Competenze Digitali (purtroppo, nella versione corrente della Strategia per la Crescita Digitale la citazione non c’è più, anche se comunque nelle pagine del sito web Agid dedicate alle competenze digitali e nelle iniziative della Coalizione Nazionale la e-leadership ha mantenuto l’enfasi iniziale).

Anche in alcune Agende Digitali regionali (il rapporto cita Umbria, Toscana, Lombardia, Veneto) il rapporto riscontra una trattazione adeguata delle necessità di sviluppo della e-leadership e delle linee di intervento da praticare, così come rileva significative e positive iniziative sul fronte universitario e delle scuole di management.

Altra valutazione positiva (superiore alla media europea) è sullo stato di definizione e sviluppo dei cluster (distretti), basata su una rilevazione del 2013 a cura del World Economic Forum, oltre che della percentuale di lavoratori in settori “ICT intensive”.

Gli elementi valutati negativamente

Naturalmente gli elementi negativi prevalgono, e riguardano tutte e quattro le dimensioni di valutazione.

Innanzitutto è negativa la valutazione sulle azioni in atto (“Skills for digital entrepreneurship”), che sono valutate poche e per la maggior parte provenienti da incubatori e acceleratori focalizzati sul dominio digitale.

Le altre valutazioni particolarmente negative sono su tutte le dimensioni:

  • sulla dimensione formativa (e-leadership skilling– solo il 4% delle imprese fornisce formazione a specialisti ICT, meno della metà della media UE),
  • sulla dimensione della popolazione lavorativa (e-leadership workforce potential– in Italia c’è ad esempio solo lo 0, 7% di professionisti ICT, metà della media UE, e siamo ultimi per tasso di laureati in ICT e in business administration),
  • sulla dimensione dell’innovazione delle imprese legata alle competenze di e-leadership (e-leadership skills exploitation– ad esempio solo il 14% delle imprese impiega specialisti ICT contro il 24% della media UE, e siamo valutati terzultimi per la capacità di “assorbimento tecnologico” delle imprese).

La valutazione che se ne ricava è che soltanto affrontando il problema in tutte le sue dimensioni (dalle policy ai piani operativi, dai sistemi educativi al mondo del lavoro, dal contesto normativo-economico alla spinta all’innovazione delle imprese) l’Italia possa intraprendere un percorso virtuoso di rapido recupero. La carenza di competenze di e-leadership rappresenta, in questo quadro, una conseguenza della mancata centralità del tema delle competenze nelle politiche di sviluppo del Paese, ma anche lo specchio di un mondo imprenditoriale che stenta ad affrontare, se non in alcune sue parti ancora minoritarie, la sfida di un mondo che sta radicalmente cambiando, nelle dinamiche di mercato ma anche nelle modalità di relazione con gli utenti-prosumer.

E la mancanza di una politica industriale che correli esplicitamente strategie sulle competenze con strategie per lo sviluppo è certamente uno dei problemi principali da risolvere.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4