Perché l’identità digitale Spid è paralizzata e come risolvere

Nonostante il Bonus per i diciottenni, ancora Spid non decolla. Diverse le ragioni di contesto, tra cui la lentezza dei service provider pubblici, la diffidenza dei privati, le carenze di competenze digitali. Per questo sono necessari obiettivi ambiziosi e una regia complessiva

14 Nov 2016
identità-140805233601

La settimana del 6-12 novembre è quella in cui, secondo i dati forniti da Google Trends, c’è stata la maggiore ricerca (con Google) su web del termine “Spid” in Italia.

Questo è anche il periodo di maggiore diffusione di Spid, con poco più di sessantamila identità rilasciate negli ultimi sessanta giorni, alla data attuale del 12 novembre sono in tutto 161mila. Certamente è anche l’effetto del “Bonus diciottenni”, che si evidenzia nella massiccia presenza di domande specifiche sull’utilizzo del Bonus nel gruppo Spid su Facebook gestito da AgID.

Un fenomeno che, se l’analisi è corretta, mostra un certo dinamismo della diffusione, ma agganciato in gran parte a una “killer application” specifica, e non tanto a un processo ormai avviato.

I numeri, tra l’altro, sono ancora molto al di sotto delle previsioni iniziali (a marzo si ipotizzavano ben tre milioni di nuove identità rilasciate e tre milioni di identità digitali “transitate” dal sistema dei pin). Sono dei numeri che non possono soddisfarci. E in una situazione di questo genere le notizie sui problemi di sicurezza rispetto al processo seguito per il rilascio delle identità (da parte di alcuni Identity Provider) non fa che rendere ancora più problematica l’auspicabile spinta verso quello che è stato lanciato come il “pin unico”. In un Paese che non ha posto come prioritario il programma sulla digital security nazionale, inserendolo nella strategia Crescita Digitale ma confinandolo all’ambito pubblico e con risorse limitate, ecco che il tema della sicurezza rischia di essere un pesante ostacolo da rimuovere. Come se non bastassero già, a rallentare Spid, la penuria di servizi digitali disponibili e la carenza molto significativa delle competenze digitali degli italiani.

E poiché Spid è la chiave di accesso per la realizzazione della “casa digitale del cittadino”, alla base dell’idea di ItaliaLogin, e comunque di qualsiasi impostazione organica dei servizi (pubblici) digitali verso il cittadino, ecco che il suo “mancato decollo” non può che preoccuparci. Impedendoci di restare alla finestra a guardare.

La diffusione di Spid, infrastruttura immateriale su cui si basa buona parte dell’impostazione sul fronte della “cittadinanza digitale” del modello dell’architettura IT per le pubbliche amministrazioni, rimane il tema centrale di questi mesi. Così, definire e monitorare l’attuazione della strategia di diffusione è pertanto fondamentale, e su questo tema è utile mantenere un’attenzione costante da parte di operatori e osservatori, cittadini e associazioni, pubbliche amministrazioni e imprese, perché l’obiettivo è certamente comune e quindi tutti i punti di vista sono importanti.

Riprendendo un’analisi fatta qualche mese fa, credo sia utile operare il monitoraggio su tre principali filoni:

  • l’approccio degli Identity Provider;
  • l’incremento dei service provider su Spid (pubblici e privati) e la significatività e usabilità dei servizi rilasciati;
  • la diffusione di servizi di facilitazione e supporto all’utilizzo dei servizi digitali (tramite Spid).

Identity Provider

La spinta promozionale è stata fin qui abbastanza bassa. Certamente gioverà l’ingresso di ulteriori provider (se ne prevede un quinto a breve), ma l’impressione è che non ci sia stata la campagna promozionale che ci si attendeva. Una campagna che non poteva, certamente, che coniugarsi con gli sviluppi dei servizi e accompagnare la conoscenza dei servizi digitali accessibili con Spid, ma che poteva costruire quel livello di attenzione necessario per destare interesse in una popolazione, come quella italiana, poco abituata a utilizzare i servizi digitali in generale, e ancor meno quelli pubblici. Il che richiede una strategia di diffusione forte e pervasiva.

Il fatto poi che non tutti gli IdP abbiano previsto modalità semplificate di autenticazione (es. riconoscimento a domicilio), il ritardo nella partenza della Carta d’Identità Elettronica (CIE), la mancanza di chiarezza sul quadro complessivo composto da CIE, CNS e Spid ha fatto il resto, costituendo un contesto quasi di deterrenza e scarsamente attrattivo.

L’evidenza, infine, di problemi di sicurezza su alcuni processi di riconoscimento non fa che evidenziare la necessità di cambiare approccio commerciale, considerando la sicurezza un “must” e ricercando la semplificazione nel rilascio delle identità su altri fronti: come il recupero identità pregresse o semplicemente il riuso dei dati degli utenti autenticati sui diversi portali delle amministrazioni.

Service Provider

Il rilascio con Spid del SUAP (Sportello Unico Attività Produttive), e che ha permesso a 3300 comuni di essere inseriti tra le amministrazioni aderenti, è ancora l’elemento che indice in modo preponderante. Le amministrazioni attive, oltre quelle su cui incide il SUAP, sono poco più di 400 (anche se i numeri sul sito dedicato sono più bassi di quelli esposti nella pagina del monitoraggio). Sono registrabili, però, dei costanti ingressi di nuove amministrazioni, e un sempre più diffuso approccio alla creazione di piattaforme trasversali di servizio che si preoccupano di sollevare i singoli (piccoli) comuni dal realizzarne una specifica. Piattaforme di questo genere sono disponibili per il Friuli Venezia Giulia, per la Toscana, ma anche per i comuni dell’area vasta di Lecce. È un approccio da favorire e da spingere anche attraverso uno sforzo di raccordo che AgID può fare di supporto a organismi come Anci e alle Regioni. Con un’evoluzione che è coerente con l’indirizzo di spinta dele amministrazioni verso il modello delle “API”.

Siamo però ancora, sul fronte delle amministrazioni locali, ancora a un impegno da avanguardie, con poche correlazioni. In altri termini, si ha la percezione che una strategia di accompagnamento non sia significativamente presente e che invece sarebbe più che necessaria. Non solo per definire dei percorsi di riferimento per ciascuna amministrazione, ma anche per prevedere uno scambio sistematico di esperienze “in progress”.

Manca, purtroppo, ancora, tutto il settore privato. E, in generale, sarebbe bene che la strategia diffusione nazionale accelerasse interventi di coinvolgimento, facilitazione e accompagnamento anche per i privati nel rilascio di servizi su Spid. In particolare dal settore bancario (quello che più facilmente potrebbe integrare con Spid i propri servizi e far transitare i propri utenti) ci si attende a breve, in questo quadro, un approccio più attivo, anche in considerazione del fatto che la leva di Spid (e in generale dell’evoluzione del livello di consapevolezza digitale) può essere cruciale per la diffusione ampia dell’home banking (dove l’Italia in ambito europeo mantiene una posizione di retroguardia).

Servizi di facilitazione digitale

Uno dei problemi maggiori è, però, l’attrazione dei cittadini. Attrazione che ha due facce: verso i “consapevoli digitali” e verso gli “analfabeti digitali”.

Per i primi, contano i benefici (la presenza di servizi) e la semplicità nel passaggio dai pin che possiedono (e sono milioni, ad esempio per l’Agenzia delle Entrate o l’INPS) a Spid. Bisogna qui al più presto definire modalità semplificate e una strategia omogenea per la transizione dei milioni di italiani già autenticati ai servizi digitali pubblici. E non aspettare che ciascuna amministrazione trovi la propria ricetta. I risultati sono evidenti.

Per i secondi, il tema è chiaramente centrato sullo sviluppo di un’adeguata cultura e consapevolezza digitale degli italiani, che si può affrontare solo in modo organico, su tutte le fasce d’età (non solo a scuola) e in modo capillare e pervasivo. Un percorso che credo sia utile sviluppare è quello indicato dalle Linee Guida – Indicazioni Strategiche e Operative realizzate da AgID nel 2014, basato in particolare sulle esperienze dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Veneto, e che prevede la costituzione sul territorio di punti capillari di facilitazione digitale. Anche Roma sta andando in questa direzione, con l’istituzione dei punti Roma Facile. Il nuovo testo del CAD attribuisce una responsabilità specifica alle amministrazioni sull’alfabetizzazione digitale. Ed è sempre più urgente una politica nazionale di supporto e spinta organica per attuare pervasivamente questo approccio di “presìdi permanenti di facilitazione”.

Sarebbe opportuno che il programma Spid prevedesse la definizione (da parte del Commissario Piacentini, probabilmente) di una governance forte e complessiva, non limitata ai soli aspetti tecnici e normativi, ma che includesse il tema, fondamentale, della diffusione, vista come specchio di un’evoluzione verso una maggiore facilità di esercizio della cittadinanza e della vita socio-economica della popolazione, ma anche presupposto di crescita per le imprese.

Per questa ragione credo che, a livello nazionale, sia necessario definire obiettivi ambiziosi e organizzarsi adeguatamente per raggiungerli. Indicare come obiettivi 2018 del programma Spid il 15% dei cittadini, il 5% delle imprese, 3000 service provider pubblici, come indica la nuova versione della Strategia Crescita Digitale, non va, temo, in questa direzione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4