identità digitale

Politecnico di Milano: “Ecco come far decollare Spid in quattro mosse”

Un bilancio e un piano d’azione a cura di tre massimi esperti di Spid, per Agendadigitale.eu. Bisogna verificare che le PA implementino rapidamente i sistemi e attivino quei servizi realmente utili per il cittadino. Semplificare il processo di registrazione, e spingere gli Identity Provider a lavorare per l’adozione universale. Infine, sensibilizzare i cittadini affinché utilizzino questi sistemi, attraverso un piano di comunicazione mirato. Una volta creata un’ampia base di utenti, si potrà spostare l’attenzione sul nuovo mercato che si potrà generare

30 Mag 2016
Alessandro Perego

Politecnico di Milano

identità-140222002401

Il Sistema pubblico dell’identità digitale (SPID) è stato lanciato da pochi mesi e fin da subito ha suscitato un forte dibattito che vede contrapposti i “sostenitori” che ne sposano l’approccio e ne esaltano le opportunità, e i “detrattori” che vi guardano con scetticismo.

Proviamo a capire insieme i differenti punti di vista, esaminando con attenzione i tre obiettivi che si era posta AgID nel disegnare il modello SPID: rapidità del time-to-market, adozione elevata da parte degli utenti e limitati investimenti per lo Stato.

La prima finalità mette tutti d’accordo: in meno di 24 mesi dall’avvio dei lavori sono partiti i primi servizi. Tali tempistiche sono un’eccezione positiva per il nostro paese e su questo aspetto sia “sostenitori” sia “detrattori” plaudono al lavoro svolto dall’AgID, che ha saputo bruciare le tappe per colmare il gap digitale che affligge il nostro Paese.

Più controverso risulta il secondo obiettivo, quello relativo all’effettiva capacità di attrazione di utenti nel sistema. Se infatti si cerca di stimare quanti utenti attiveranno SPID nei prossimi 18-24 mesi, è evidente che la risposta non è per nulla scontata. Per favorirne la rapida adozione, l’AgID ha imposto che SPID fosse gratuito per le Pubbliche Amministrazioni e le ha obbligate ad aderirvi entro fine 2017 nella speranza che l’ampia base di servizi offerti dal pubblico possa trascinare nel “sistema” un elevato numero di utenti. I “sostenitori” credono che tali azioni, insieme ad un corretto piano di comunicazione verso i cittadini, otterranno il risultato desiderato, ovvero il raggiungimento di milioni di utenti attivi in pochi mesi dal lancio. I “detrattori”, invece, son convinti che queste azioni non siano sufficienti perché temono che così disegnato il sistema non sarà abbastanza attrattivo. Secondo i “detrattori”, AgID avrebbe dovuto prevedere azioni più incisive, come l’adozione in via esclusiva di SPID per l’erogazione di servizi online da parte delle Pubbliche Amministrazioni e un piano secondo cui far confluire gli utenti dei vecchi sistemi identificativi nel nuovo sistema SPID.

La terza e ultima finalità, ovvero limitare gli investimenti pubblici richiesti, rappresenta anche la principale sfida dell’AgID. L’Agenzia ritiene infatti che SPID, promosso come servizio di pubblica utilità e sviluppato con la collaborazione di aziende private, sia in grado di generare un nuovo mercato competitivo, che sosterrà gli investimenti degli Identity Provider. È qui che il dibattito si accende maggiormente. I “sostenitori” condividono il punto di vista di AgID: gli Identity Provider che svilupperanno il sistema avranno a disposizione un nuovo mercato, animato da service provider privati e dai cittadini, su cui offrire servizi di valore e ripagarsi così gli investimenti iniziali e i costi operativi di gestione. I “detrattori” invece temono che questo mercato addizionale non esista, o sia di piccolissime dimensioni, e che gli Identity Provider non investano a sufficienza nello sviluppo del sistema, rendendolo poco attrattivo per gli utenti, quindi per i Service Providers (SP) privati, innescando un circolo vizioso che porterà SPID a fare una fine simile a quella della PEC.

In realtà tra le posizioni estreme qui sopra delineate esistono molte sfumature intermedie che ben bilanciano i punti di forza e di debolezza della piattaforma. Crediamo che in questo momento il nostro paese abbia bisogno di prendere una via e percorrerla in modo convinto senza arretramenti e inutili titubanze. È importante che i “detrattori” continuino ad esprimere le loro opinioni e riserve, con l’accortezza però di convertirle in suggerimenti costruttivi volti a migliorare il sistema. Parimenti è importante che i “sostenitori” colgano gli spunti critici offerti e riflettano già ora su come poter migliorare SPID. Ciò detto, però, è giunto il momento di remare tutti nella medesima direzione.

In questo senso, AgID dovrebbe fare tesoro di questo vivace dibattito e di lavorare in tre direzioni per raggiungere in tempi rapidi l’obiettivo primario del livello di adozione (10 milioni di cittadini in due anni). In primo luogo è necessario verificare che le Pubbliche Amministrazioni implementino rapidamente i sistemi e attivino quei servizi che realmente vengono incontro alle esigenze del cittadino: più nutrito sarà il portafoglio di servizi che si potrà fruire con SPID, più gli utenti avranno una ragione per iscriversi. In secondo luogo è necessario semplificare il processo di registrazione, e spingere gli Identity Provider (grandi aziende di portata nazionale) a lavorare per l’adozione universale (incentivando all’adozione i loro utenti attuali, facendo leva sulla loro rete capillare di punti fisici per il riconoscimento, investendo sui canali da remoto per il riconoscimento). Infine sarà necessario sensibilizzare i cittadini affinché utilizzino questi sistemi, attraverso un piano di comunicazione mirato che metta in evidenza i vantaggi reali e concreti che si possono ottenere con il nuovo sistema.

Una volta creata un’ampia base di utenti, allora si potrà spostare l’attenzione sul nuovo mercato che si potrà generare; qui la sfida sicuramente avrà un orizzonte temporale più lungo e sarà necessario rendere attrattivo il servizio per i Service provider. In questa prospettiva, SPID è un sistema disegnato prestando moltissima attenzione al tema della sicurezza e protezione dei dati personali; è importante però che i Service Provider privati trovino SPID attrattivo almeno tanto quanto i sistemi di login (privati o social) che oggi usano e che spesso consentono di accedere ad un ampio patrimonio informativo. In questa direzione tutti dovranno fare uno sforzo perché quella che al momento è una originale creazione nostrana nel panorama dei sistemi pubblici di identificazione, possa avere un futuro, sostenuto da chiari differenziali competitivi rispetto ai sistemi oggi in uso.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2