STRATEGIE DIGITALI

Trasformare la PA, abolire il CAD

Il discorso di Renzi sulla trasformazione della PA attraverso l’agenda digitale sottolinea ancor di più l’esigenza di un cambiamento profondo che passa anche dall’abolizione del CAD, che ha perso di senso nella forma e nella sostanza, e la creazione di un testo unico delle policy dell’amministrazione aperta, che affermi i principi della nuova PA

22 Ott 2014
agenda-digitale-111209124505

Uno degli elementi principali mancanti nel disegno delega di riforma della Pubblica Amministrazione lo ha delineato con poche frasi il presidente Renzi nel suo intervento alle Camere sul “programma dei mille giorni”: “La digitalizzazione della pubblica amministrazione serve a progettare il futuro, non a digitalizzare l’esistente” e ancora “Questo è l’elemento di base della nostra riforma della pubblica amministrazione che è attualmente all’esame del Senato: l’agenda digitale come occasione di trasformazione esistenziale del sistema della pubblica amministrazione e contemporaneamente il messaggio per il quale questo Paese può essere, nel giro dei mille giorni, il Paese leader sull’innovazione digitale della pubblica amministrazione”.

Quindi la riforma della PA come trasformazione che fa perdere di senso lo stesso concetto di “PA digitale”, perché il digitale diventa elemento integrante della nuova PA che cambia nel suo profondo, a livello di processi, di competenze, di organizzazione, di concezione della relazione con i cittadini. E qui c’è il sentore, ma purtroppo non affermazioni esplicite, del passaggio ad una “PA aperta” e a forme di amministrazione condivisa.

Ma se questa è la visione che si vuole rendere realtà nei prossimi mille giorni, ha senso ancora il Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), nella forma e nella sostanza in cui è adesso?

La perdita di senso nella forma

Il CAD nasce nel 2005 con Stanca con l’obiettivo di creare un testo unico per tutte le nuove norme introdotte per il passaggio ad un’amministrazione che si relaziona in rete con i cittadini “Per la prima volta viene sancito da una legge sia il diritto dei cittadini di relazionarsi con le amministrazioni pubbliche attraverso le tecnologie telematiche (ossia attraverso Internet e il computer), sia l’obbligo per le amministrazioni di attrezzarsi in conseguenza in modo da rendere effettivamente esigibili i nuovi diritti” sulla base di principi già introdotti nel 2000 con il piano e-government di Bassanini “A nessun cittadino sarà richiesto più un certificato, anzi saranno vietati. Anche l’autocertificazione sarà pressochè eliminata, poichè tutte le amministrazioni in rete si scambieranno i dati necessari in tempo reale“. Il “nuovo CAD” del 2010, con Brunetta, aggiorna il testo precedente cercando di introdurre elementi in grado di riuscire finalmente a realizzare quanto previsto normativamente, per “creare le condizioni giuridiche e organizzative perché si possa finalmente completare il passaggio da un’amministrazione basata su carta e sul riconoscimento de visu dei cittadini ad una “amministrazione digitale”.

L’impostazione rimane però essenzialmente quella originaria, con l’innovazione tecnologica sostanzialmente ridotta e concepita (vedi le affermazioni di Renzi) come digitalizzazione dei processi esistenti nelle amministrazioni e con un focus pronunciato sugli elementi tecnici piuttosto che su quelli di processo. Non trovano posto, se non marginale, temi come la partecipazione dei cittadini, la nuova concezione dei servizi, una diversa organizzazione per promuovere la logica di processo rispetto alla frammentazione per funzioni e competenze.

Il CAD è rimasto così il contenitore delle norme associate alla digitalizzazione e legate ad una finalità specifica: assicurare “la disponibilita’, la gestione, l’accesso, la trasmissione, la conservazione e la fruibilita’ dell’informazione in modalita’ digitale“. Forse utile dieci anni fa, inutile e ingombrante oggi, da un lato perché avvalora la percezione del digitale come un “affare tecnico” per tecnici, dall’altro perché oggi tutte le nuove leggi in tema di pubblica amministrazione non possono non contenere previsioni in tema di digitale. E sono sempre più, in gran parte, al di fuori del CAD.

La perdita di senso nella sostanza

Dal punto di vista della sostanza, se possibile, va peggio. Il CAD è un insieme di articoli con una struttura ed un dettaglio di scarsa leggibilità, con troppi riferimenti a norme esterne, e pieno di articoli con dettaglio tecnico elevato, con indicazioni operative che starebbero bene in una regola tecnica (tra i tanti, ad esempio, l’art.29). Un testo per tecnici e per giuristi. A questo si aggiunge l’uso ormai sempre maggiore, dal 2012 in poi, di collocare norme su temi trattati nel CAD anche al di fuori di questo (ad esempio, sui compiti dell’AgID in tema di coordinamento delle strutture di ICT delle PA, sull’open data, sulla sicurezza, sull’acquisizione di sistemi informatici) con una sempre maggiore riduzione del valore di “testo unico” e sempre minore garanzia che tutte le norme siano adeguatamente allineate.

A questi problemi, se ne sono sommati altri due, con sempre maggiore rilevanza negli ultimi anni:

• la presenza di norme con data di effettività già trascorsa, ma ancora in gran parte inapplicate, come quelle relative alla Continuità operativa (art. 50bis), il Riuso del software (art.69 e 70), e che, se applicate, avrebbero consentito già di disporre di dati essenziali e quindi richiesti nuovamente, ma come altro adempimento, alle amministrazioni (vedi ad esempio la richiesta di comunicazione delle basi di dati prevista dal DL 90/2014);

• la mancanza del monitoraggio annuale previsto sull’attuazione del CAD, e che impedisce di definire un programma di attuazione o una revisione ragionata sulla base dei risultati dell’attuazione. Magari sulla base di indicatori di efficacia della norma e quindi di miglioramenti di prestazione dell’organizzazione.

Dal punto di vista della sostanza, quindi, semplificando, un contenitore che non contiene tutto quanto dovrebbe contenere, e che non sappiamo quanto si discosta dalla realtà. Dal punto di vista programmatico, poco utilizzabile.

Una proposta: il Testo Unico dei principi dell’amministrazione aperta

Ecco che allora, grazie anche alla grande opportunità della legge delega, sarebbe bene attuare fino in fondo gli indirizzi espressi da Renzi, e accompagnare la trasformazione anche culturale che comporta l’abbandono irreversibile dell’agenda digitale come “settore”.

Questo passa anche dall’abolizione del CAD, come contenitore non più attuale, non più utile. Allo stesso tempo sarebbe invece da mantenere e anzi recuperare il valore del “testo unico” per i principi della nuova PA che si vuole costruire. In concreto, si potrebbe:

· definire un Testo Unico dei principi, delle policy dell’amministrazione aperta, accogliendo qui (rivisti e aggiornati) i principi e le norme di indirizzo più significative del CAD, insieme a quanto si sta costruendo (e si deve ancora costruire) in tema di Open Government e di Comunità Intelligenti, di telelavoro e di smart working, affermando la prevalenza della logica del funzionamento per processi. Un testo unico chiaro, leggibile (esempio di un nuovo modo di comunicare legislativamente), che poi possa essere declinato a livello territoriale e di singola amministrazione con un accompagnamento di regole tecniche;

· abolire l’attuale CAD come contenitore di norme, ridotto a questo punto a glossario e norme tecniche, aggregandole in modo coerente, come regole tecniche, su alcuni temi fondamentali (validità e certificazioni di firme, documenti, e così via), come già sta avvenendo su altri campi (es. Cybersecurity).

Sarebbe un segnale forte di un cambiamento reale e profondo. Da accompagnare al più presto con un rapporto sullo stato di attuazione delle diverse misure in ambito di pubblica amministrazione e la definizione di progetti di cambiamento, con chiare responsabilità e risorse e tempi realistici. Così costruiamo il futuro.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2