L'ANALISI

Archivi e documenti informatici, pro e contro del piano triennale Agid

Sul fronte documentale il nuovo Piano triennale per la prima volta chiama in causa tutti gli stakeholder. Non solo istituzioni e amministrazioni ma anche esperti del settore. Restituendo complessità e specificità a un ambito spesso sottovalutato. Giusta la strada intrapresa, ma rimangono alcune criticità. Ecco il panorama

18 Apr 2019
Mariella Guercio

Università Sapienza di Roma, Anai

documents_dematerialises

Non possiamo che concordare con i numerosi commentatori che valutano positivamente il Piano triennale per l’informatica nella PA 2019-2021 sia nel metodo adottato sia nel merito dei progetti da realizzare nel prossimo triennio. In particolare appare positiva la strategia condivisa adottata per la gestione di archivi e documenti digitali. Anche se emergono alcune criticità.

Una strategia condivisa

Innanzitutto è opportuno rilevare che – a differenza di quanto avvenuto in anni passati – il documento di pianificazione per il prossimo triennio considera prioritario il coinvolgimento delle istituzioni competenti per le diverse materie e l’apporto delle persone già impegnate in iniziative rilevanti per il raggiungimento degli obiettivi strategici individuati.

WHITEPAPER
8 benefici dell’hybrid work che faranno bene al tuo business
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Non si tratta solo di una dichiarazione di principio, poiché sono numerose le linee d’azione che valorizzano tale contributo. Certamente, il rispetto per la dimensione istituzionale e l’apporto degli esperti interni ed esterni appaiono meno problematici che in passato dal momento che gli obiettivi della trasformazione digitale sono ormai largamente condivisi dal Paese, a tutti i livelli.

Il documento di Agid ha, tuttavia, anche il merito di identificare con concretezza fasi da definire e risultati da ottenere per ogni iniziativa, mostrando di comprendere la complessità e specificità dei contesti (istituzionali e tecnici) che devono caratterizzarne l’implementazione. Pragmatismo, quindi, senza per questo rinunciare a traguardi impegnativi.

Documenti digitali, una svolta strategica

L’impressione di trovarsi di fronte a un metodo di lavoro credibile trova conferma anche quando si analizza l’ambito dedicato alla trasformazione degli archivi e dei sistemi documentari, su cui da più di vent’anni si accanisce, non sempre con ragionevolezza, il nostro legislatore. Soprattutto le iniziative dedicate alla digitalizzazione delle fonti documentali – pur circoscritte, come vedremo, a un numero limitato di linee d’azione – prevedono la presenza attiva delle comunità di pratiche e delle amministrazioni competenti cui è, infatti, affidato il compito di guidare i progetti in questione o di concorrere alla loro realizzazione.

E’ evidente, e non è casuale, anche l’attenzione per un uso finalmente corretto del linguaggio e dei concetti di riferimento, frutto – riteniamo – di un confronto accettato, se non addirittura ricercato, con i professionisti di settore. Nell’area di intervento dedicata al Sistema di gestione dei procedimenti amministrativi (6.7 SGPA) lo scenario prospettato (6.7.1) corregge finalmente la sequenza di azioni e strumenti che deve accompagnare l’informatizzazione dei documenti e dei procedimenti amministrativi di cui i primi costituiscono sedimentazione e supporto (registrazione, segnatura di protocollo, classificazione e fascicolazione, sistema di conservazione), riconoscendo alla classificazione d’archivio il giusto peso nel governo razionale della produzione documentale e nella formazione degli archivi digitali.

Inoltre si prevedono, a conferma della concretezza dell’impianto complessivo, una valutazione (a partire da un campione significativo) delle informazioni e dei dati che i sistemi di gestione documentale delle PA producono ormai da tempo e la selezione (a fini applicativi) dei procedimenti amministrativi di maggior impatto per la trasparenza amministrativa e per la qualità e l’efficienza dei rapporti con i cittadini e le imprese.

Quali sono le linee d’azione del Piano triennale per i documenti informatici

La linea d’azione LA45 (Linee guida per la formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici) vede interessate e coinvolte oltre ad AGID, la Conferenza Stato-Regioni, il Garante Privacy e, soprattutto, le amministrazioni centrali tra cui pensiamo non possano mancare la Direzione generale degli archivi e l’Archivio centrale dello Stato. Certamente, i tempi previsti sono molto stretti (giugno 2019) e non del tutto compatibili con quel confronto approfondito che – dopo i numerosi interventi normativi di questi anni – sarebbe necessario per assicurare organicità, coerenza e qualità alla nuova normativa. Obiettivi, questi, di gran lunga più importanti a fronte della emanazione, comunque non tempestiva rispetto alle indicazioni del d.lgs 217/2017 in materia di linee guida.

Merita attenzione anche la Linea di azione LA46 (Modelli per l’interoperabilità tra sistemi di gestione documentale della PA) che per la prima volta chiama in causa apertamente anche le associazioni di categoria e i consulenti di settore, con un indirizzo che sarebbe stato corretto, anzi indispensabile rispettare anche in passato, poiché si fa qui riferimento allo sviluppo di modelli e applicativi standard di interoperabilità tra sistemi di formazione, gestione e conservazione dei documenti in un ambito di cruciale rilevanza per la qualità delle memorie documentarie destinate alla tenuta nel lungo periodo.

Il termine previsto (giugno 2020) è questa volta più ragionevole, così come credibili nei tempi e nei modi risultano anche l’area di azione Poli di conservazione (6.8) e la relativa Linea di azione LA47. Progetto di redazione di linee guida di interoperabilità tra sistemi di conservazione. Apprezzabile è, inoltre, la decisione di ricondurre al nodo della conservazione la complessa e differenziata massa di informazioni documentarie di natura archivistica, sia nei casi in cui siano prodotte attraverso i sistemi tradizionali del cosiddetto protocollo informatico (che in realtà riguardano l’intera gestione documentale), sia quando accumulate nelle banche dati, nei sistemi informatici complessi, nei siti web e nei canali social della PA.

Si osserva inoltre che in questa sezione del piano dedicata alla conservazione, Agid ricorre all’espressione archivi digitali (quasi mai presente nella regolamentazione tecnica precedente) per affrontare il nodo della memoria storica e il raccordo con le disposizioni di natura archivistica, in particolare nello sviluppo di modelli per la realizzazione dei Poli strategici nazionali e di regole stringenti per l’interoperabilità dei patrimoni documentari pubblici, alla cui definizione (prevista entro il 31 dicembre 2021) sono chiamati esplicitamente a concorrere, tra gli altri, la Direzione generale degli archivi e l’Archivio centrale dello Stato.

Due rilievi richiedono, infine, spazio in questa analisi complessivamente positiva del Piano. La prima riguarda la linea LA48. Progetto di dematerializzazione documenti della PA che invita le pubbliche amministrazioni a digitalizzare per ridurre i contratti di locazione degli spazi di stoccaggio degli archivi cartacei. Si tratta di un invito che qui correttamente è limitata alla “progressiva dematerializzazione degli archivi correnti”, senza tuttavia avvertire le PA che tali operazioni, allorché implicano la digitalizzazione di originali analogici e, ancor più, la loro distruzione, richiedono l’autorizzazione degli organi di tutela e vigilanza sugli archivi (come ricordato dalle circolari della Direzione generale degli archivi 40 e 41 del dicembre 2015).

Quante amministrazioni, prive di personale tecnico competente (nonostante gli obblighi previsti dall’articolo 61 del dpr 445/2000 che stabiliscono l’obbligo di creare servizi dedicati alla gestione documentale affidandoli a personale “comunque in possesso di idonei requisiti professionali o di professionalità tecnico archivistica”) sono in grado di comprendere il significato e i limiti di queste indicazioni? Considerato l’elevato numero di enti ancora inadempienti, non sarebbe stato inutile un richiamo alla normativa di tutela e alla collaborazione delle istituzioni archivistiche per guidare opportunamente tale azione ed evitare inutili e costose operazioni di digitalizzazione della documentazione semi-attiva conservata negli archivi di deposito.

Poco spazio alla produzione archivi digitali

La seconda osservazione riguarda la tendenza a restringere le funzioni di guida e tutela archivistiche ai soli patrimoni documentari formati e gestiti nei sistemi di protocollo, trascurando le numerose aree e sezioni del Piano dedicate alla produzione di archivi digitali e alla formazione e tenuta di documenti giuridicamente rilevanti, anzi di veri e propri documenti amministrativi informatici gestiti e conservati in ambito pubblico, come nel caso degli archivi di stato civile, dell’archivio delle opere pubbliche, degli archivi automatizzati in materia di immigrazione e asilo, dell’archivio nazionale dei numeri civici delle strade urbane, dell’archivio anagrafico dei lavoratori extra-comunitari.

La contraddizione con i principi affermati nella linea d’azione 47, che invece riconosce a fini conservativi il valore documentario di sistemi informativi diversi da quelli di protocollo, è evidente e testimonia che l’incertezza nell’applicazione dei principi archivistici non sia ancora del tutto superata, nonostante l’attenzione progressiva per la loro utilità e rilevanza nel processo di trasformazione digitale in ambito pubblico.

Le responsabilità in questo caso vanno, peraltro, ricercate anche nella debolezza che ha caratterizzato nel passato l’azione di tutela del Ministero per i beni e le attività culturali, non sempre capace di dare peso (con risorse e persone) al settore archivistico che pur ne costituisce una componente cruciale, certo non per lo sviluppo turistico del Paese, ma per garantire ai suoi cittadini i diritti alla trasparenza, alla lotta alla corruzione, alla protezione dei dati e alla memoria.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4