i rischi

Blockchain, il decreto semplificazione nasce vecchio: servono regole tecniche precise per creare fiducia

Le novità del Governo sul valore giuridico dei dati garantiti dalle tecnologie DLT e blockchain, non sono proprio così “nuove”. Senza contare le criticità legate ai conflitti coi principi basilari del diritto costituzionale. Ecco perché sarebbe preferibile approvare regole tecniche basate su precisi standard

09 Nov 2018
Andrea Lisi

Coordinatore Studio Legale Lisi e Presidente ANORC Professioni

blockchain e gdpr, privacy, diritto all'oblio

Sulle tecnologie blockchain e di registro distribuito (Dlt) il nostro Governo ha scelto – con il decreto semplificazioni 2019 – di procedere ex lege con una “dichiarazione di intenti” piuttosto generica e di corto respiro, dal sapore più politico che giuridico, la cui formulazione lascia spazio a un pericoloso equivoco e al rischio di “impazzimento” del nostro sistema normativo.

La vera novità, piuttosto, sarebbe l’approvazione di regole tecniche validate a livello europeo o nazionale – come il Regolamento eIDAS e il CAD del resto pretendono – le quali stabiliscano con certezza cosa una tecnologia basata su DLT possa o non possa garantire, seguendo precisi standard.

DLT e Blockchain, cosa si muove in Europa

Il punto di partenza, dicevamo, è il cosiddetto “Decreto Semplificazioni 2019” volto apparentemente ad introdurre alcune interessanti novità sul valore giuridico dei dati garantiti (e “certificati”) dalle tecnologie di registro distribuito e blockchain, evidentemente sulla scia di quanto approvato dal Parlamento Europeo con una risoluzione in materia, risalente agli inizi di ottobre di quest’anno (Tecnologie di registro distribuito e blockchain: creare fiducia attraverso la disintermediazione).

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software

Com’è noto, la Commissione europea ha dato vita negli ultimi mesi a diverse iniziative volte ad “esplorare” le potenzialità delle cosiddette “tecnologie di registro distribuito” (DLT – distributed ledger technologies) delle quali la blockchain è solo una delle possibili varianti.

La strada in Europa sembra essere così segnata: con la Risoluzione del 3 ottobre, il Parlamento Europeo ha, infatti, chiesto alla Commissione di sviluppare uno studio per valutare i potenziali scenari di sviluppo derivabili da una più ampia diffusione della tecnologia, in diversi settori di attività (ambientale ed energetico, sanitario, dei trasporti, di supply chain, istruzione, industrie creative e diritti d’autore, finanziario). Questo perché la DLT “è una tecnologia in continua evoluzione che necessita di un quadro favorevole all’innovazione che consenta e incoraggi la certezza del diritto e rispetti il principio della neutralità tecnologica, promuovendo nel contempo la protezione dei consumatori, degli investitori e dell’ambiente, aumentando il valore sociale della tecnologia, riducendo il divario digitale e migliorando le competenze digitali dei cittadini”, come espresso dallo stesso Parlamento, tra i considerando del documento.

Il decreto italiano

Evidentemente, la strada europea non è stata solo tracciata, ma prosegue la sua evoluzione, per diverse ragioni, da soppesare con attenzione. E l’Italia? A fronte dell’avanzamento continentale, il decreto del nostro Governo è intriso di una (deludente) evanescenza.

Una volta fornita una definizione di “tecnologie basate su registri distribuiti”[1], secondo il principio di neutralità tecnologica – si riconosce ai dati in essi registrati la stessa validità giuridica attribuita a informazioni e dati certificati attraverso l’uso di altre tecnologie. La formulazione, nella sua indeterminatezza, contiene un (pericolosissimo) equivoco di fondo: lascia intendere che il principio della neutralità tecnologica giustifichi l’equiparazione di tutte le tecnologie, così utilizzabili allo stesso modo e dunque valide giuridicamente in re ipsa. Se ciò trovasse fondamento, dovremmo meditare per il prossimo futuro una specifica normativa per ogni nuova tecnologia che potrebbe essere potenzialmente utile a determinati scopi giuridicamente rilevanti! E credo che un’ipotesi del genere non sia utile anche solo immaginarla.

I rischi di una normativa che insegue la tecnologia

Occorre tuttavia ricordare un principio tanto elementare, quanto di difficile applicazione: la normativa – quella primaria e più generale – non deve mai porsi come obiettivo quello di inseguire una tecnologia. Tale principio si può comprendere ancora meglio da un punto di vista logico-giuridico, se pensiamo che le caratteristiche di generalità e astrattezza – caratteristiche che dovrebbero essere poste a fondamento di qualsiasi norma giuridica – disegnano il potere che ha ogni norma di spaziare per ricomprendere casistiche ampie e complesse regolamentate secondo diritto. Diversamente, nel caso in cui il legislatore affermasse un comportamento di codificazione teso a rinnovare di volta in volta il suo intervento in ambito tecnologico, ciò costituirebbe una deroga automatica e implicita a giustificare a priori un corredo di “norme speciali”. Comportamento quest’ultimo da ritenersi -appunto- inaccettabile perché, di fatto, confliggerebbe con i principi basilari del diritto costituzionale, ma soprattutto con il buon senso, determinando un impazzimento del nostro già martoriato sistema normativo (non solo in materia di diritto dell’informatica, in verità).

Logicamente è possibile anche comprendere come oggi sia vano lo sforzo di considerare – come sembrerebbe voler ottenere questo decreto – il dato digitale in qualche modo sempre “certificato” da una “tecnologia blockchain” e quindi giuridicamente sempre valido. Come ho già avuto modo di precisare in diverse occasioni, un dato, un’informazione, un documento, se connotati da un contenuto giuridicamente rilevante, non possono non avere un generico rilievo giuridico. Ovvio che il loro valore formale e probatorio deve essere, però, valutato a seconda della loro affidabilità (anche dal punto di vista informatico). La tecnologia blockchain o comunque tutte le tecnologie DLT sono sempre in grado di assicurare provenienza, integrità, sicurezza e immodificabilità a dati, informazioni e documenti informatici? Se la risposta è affermativa allora la loro valenza formale e probatoria è già ben custodita nell’alveo di una normativa primaria come il Codice dell’amministrazione digitale (si fa riferimento ovviamente all’attuale art. 20 contenuto nel D. Lgs. 82/2005[2]). Ma queste cose ce le ripetiamo dagli anni ’90, in verità!

Dopotutto questo è lo stesso approccio tenuto dalle regole tecniche di cui al DPCM 13 novembre 2014: l’art. 3 di tali regole tecniche non muta il valore giuridico e probatorio del documento informatico (oggetto della normativa primaria), ma chiarisce attraverso quali tecnologie si possa arrivare alla documentazione di un atto, un dato o un fatto giuridicamente rilevante. E quindi, oltre che nella citata normativa primaria generale, anche nelle generiche definizioni dell’art. 3 citato può quindi rientrare il documento informatico quale registrazione informatica delle informazioni risultanti da transazioni o processi informatici (lett c) o quale generazione o raggruppamento anche in via automatica di un insieme di dati o registrazioni, provenienti da una o più basi dati, anche appartenenti a più soggetti interoperanti (lett d). Se poi queste definizioni non venissero ritenute idonee – e non se ne comprenderebbero comunque le ragioni – a ricomprendere i DLT nella natura già regolamentata del documento informatico giuridicamente rilevante, allora sarebbe comunque più corretto intervenire allungando questo elenco piuttosto che agire sconsideratamente e in modo poco sistematico sulla normativa primaria, come si è pensato di procedere oggi.

Repetita iuvant. Ma è sempre così?

E in quest’ottica, la vera rivoluzione normativa a cui brindare in futuro, potrebbe essere un’altra, ossia l’approvazione di regole tecniche validate a livello europeo o nazionale – come il Regolamento eIDAS e il CAD del resto pretendono – le quali stabiliscano con certezza cosa una tecnologia basata su DLT possa o non possa garantire, seguendo precisi standard (attualmente in corso di approvazione).[3]

Alla luce di queste considerazioni, non sembra essere la strada della ripetizione quella giusta per accostare le tecnologie digitali al diritto, ma dovrebbe essere piuttosto quella di sviluppare una visione di ampio respiro in grado di prevedere non già il domani, ma il dopo domani.[4]

__________________________________________________________________

  1. Come “le tecnologie e i protocolli informatici che usano un registro condiviso, distribuito, replicabile, accessibile simultaneamente, architetturalmente decentralizzato su basi crittografiche” in modo da garantire la registrazione, la convalida, l’aggiornamento e l’archiviazione di dati, o in chiaro o ulteriormente crittografati, purché “verificabili da ciascun partecipante, non alterabili e non modificabili
  2. In particolare, l’art. 20 1-bis del CAD precisa che il documento informatico soddisfa il requisito della forma scritta e ha l’efficacia prevista dall’articolo 2702 del Codice civile quando vi è apposta una firma digitale, altro tipo di firma elettronica qualificata o una firma elettronica avanzata o, comunque, è formato, previa identificazione informatica del suo autore, attraverso un processo avente i requisiti fissati dall’AgID ai sensi dell’articolo 71 con modalità tali da garantire la sicurezza, integrità e immodificabilità del documento e, in maniera manifesta e inequivoca, la sua riconducibilità all’autore. Si ricorda che lo stesso comma continua riferendo che in tutti gli altri casi, l’idoneità del documento informatico a soddisfare il requisito della forma scritta e il suo valore probatorio sono liberamente valutabili in giudizio, in relazione alle caratteristiche di sicurezza, integrità e immodificabilità. Giusto per completezza si ribadisce che per il combinato disposto di eIDAS e CAD il documento informatico è, oggi, definito come il documento elettronico che contiene la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti, quindi anche un dato registrato in modo affidabile può possedere una natura documentale, secondo la nostra normativa generale.
  3. Sono ben 11 gli standard ISO in fase di sviluppo, per quanto riguarda il settore di DLT e Blockchain; è sufficiente consultare la pagina del Comitato ISO/TC 307, preposto a tale scopo: https://www.iso.org/committee/6266604.html
  4. Parafrasando un estratto delle Lettere dalla prigionia di Aldo Moro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4