approfondimento

E-archiving, ecco come funziona il servizio eIDAS 2



Indirizzo copiato

La bozza di eIDAS 2 introduce il concetto di e-Archiving: vediamo di che cosa si tratta e cosa cambia per il settore dei servizi fiduciari

Pubblicato il 26 mar 2024

Raffaele Pomarico

VP Trust Technologies per Assoconservatori Assintel



documenti digitali

Con eIDAS 2 nasce il concetto di e-Archiving. Le nuove norme porteranno i servizi fiduciari a emergere quali pilastri fondamentali per garantire l’interoperabilità, la sicurezza e l’affidabilità nella trasmissione e nel trattamento delle informazioni e dei documenti elettronici.

Da sottolineare che alla luce della pubblicazione della bozza di eIDAS 2 è sempre più evidente la volontà di rendere più semplice per i cittadini europei accedere ai servizi pubblici ed effettuare transazioni online.

Ricordiamo che il regolamento eIDAS n. 910/2014 (Electronic Identification, Authentication and Trust Services) è entrato in vigore nel 2016 con l’obiettivo di fornire una base normativa comune per le interazioni elettroniche sicure tra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni nell’Unione Europea. Il regolamento disciplina l’utilizzo delle firme elettroniche, dei sistemi di identità elettronica e dei servizi fiduciari, tra cui il servizio elettronico di recapito certificato e qualificato (come la PEC).

e-Archiving, che cos’è

eIDAS 2.0 è una proposta di revisione avanzata dalla Commissione Europea che segna un ulteriore passo verso un ambiente normativo mutuamente riconosciuto a livello europeo e introduce per la prima volta, tra gli altri, il concetto di e-Archiving, molto vicino alla soluzione di Conservazione a norma, definito “un servizio che garantisce la ricezione, l’archiviazione, il recupero e la cancellazione di dati e documenti elettronici al fine di garantirne la durabilità e la leggibilità nonché di preservarne l’integrità, la riservatezza e la prova dell’origine durante tutto il periodo di conservazione”.

Il 29 febbraio 2024 la revisione è stata ufficialmente approvata dal Parlamento Europeo e passerà ora al vaglio del Consiglio, la cui approvazione è prevista entro il mese di marzo.

Seguirà, probabilmente in aprile, la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’UE.

Conservazione a norma, cosa cambia

La Conservazione a norma, servizio nato in Italia e previsto dall’art. 44, comma 1 del Codice dell’Amministrazione Digitale (D.lgs. n. 82/2005), è un processo che permette di conservare i documenti in formato digitale garantendone autenticità, integrità, affidabilità, leggibilità e reperibilità nel tempo. Questo processo è fondamentale per assicurare il mantenimento del valore probatorio degli oggetti conservati, mantenendo le informazioni accessibili e fruibili nel tempo, indipendentemente dalle evoluzioni tecnologiche.

Risale al 23 dicembre 2014 la pubblicazione dell’elenco pubblico dei primi soggetti accreditati per attività di conservazione dei documenti informatici, i c.d. Conservatori, ai quali, dopo un iter particolarmente stringente e impegnativo, l’AgID aveva riconosciuto il possesso dei requisiti del livello più elevato, in termini di qualità e sicurezza, determinando al contempo la necessità di operare sugli stessi una vigilanza periodica.

e-Archiving e conservazione digitale

La Commissione Europea, con l’introduzione dell’e-Archiving, annovera la Conservazione digitale nell’elenco dei servizi fiduciari qualificati con l’obiettivo di garantire la conservazione di documenti e dati informatici all’interno di una cornice normativa europea.

Quanto riportato nel testo di modifica al Regolamento, approvato dal Parlamento il 29 febbraio scorso, delinea in maniera inequivocabile la direzione intrapresa, con il fine di armonizzare gli effetti giuridici della conservazione di documenti e dati informatici appartenenti ad amministrazioni pubbliche, imprese e cittadini di qualsiasi Paese membro.

Nel passaggio “[…] Tali disposizioni dovrebbero applicarsi ai dati e ai documenti elettronici creati in formato elettronico nonché ai documenti cartacei che sono stati scansionati e digitalizzati […]” o ancora […] Il presente regolamento non dovrebbe distinguere tra dati elettronici e documenti elettronici creati in formato elettronico e documenti fisici che sono stati digitalizzati […] si apre al riconoscimento completo della conservazione sia nativa digitale che ‘sostitutiva’ del cartaceo.

È evidente come l’esperienza fino ad oggi maturata in ambito italiano rappresenterà un valore aggiunto e giocherà un ruolo importante nell’applicazione del nostro legislatore e nelle conseguenti azioni di vigilanza.

I prestatori di servizi fiduciari qualificati italiani sono già in possesso di standard di qualità necessari a erogare servizi fiduciari alla PA abituati alla vigilanza governativa. Dunque, non ci aspettiamo impatti considerevoli e, anzi, è naturale pensare alla possibilità concreta che il modello italiano possa essere esportato all’interno di un contesto europeo così come accaduto per la Posta Elettronica Certificata.

PEC europea: un modello per l’e-Archiving

La Posta Elettronica Certificata (PEC) in Italia è una realtà consolidata che assicura alle comunicazioni via e-mail la stessa validità giuridica della raccomandata con ricevuta di ritorno. Questo strumento, nato in Italia, ha fatto da pioniere e sta ora evolvendo verso uno standard europeo, la Registered Electronic Mail (REM), o PEC europea.

Il percorso che porterà alla REM sembra essere avviato su un “binario parallelo” a quello che avvicinerà la Conservazione a norma “italiana” all’e-Archiving “europeo”.

La transizione a REM della PEC (quest’ultima normata agli artt. 29 e 48 del Codice dell’Amministrazione Digitale) viene avviata da Decreto-legge n. 135 del 14 dicembre 2018 che ha stabilito le misure necessarie a garantire la conformità della PEC al Regolamento eIDAS.

L’Agenzia per l’Italia Digitale, per dare concretezza alla necessità di modificare il CAD, a partire dal 2019 ha avviato un gruppo di lavoro con il coinvolgimento dei Gestori PEC italiani accreditati, con l’obiettivo di calare il Regolamento eIDAS nel contesto italiano. Come? Mediante l’attuazione di regole tecniche basate sugli standard ETSI per giungere alla trasformazione del servizio PEC in servizio REM, assicurando altresì l’interoperabilità del nuovo sistema di messaggistica e il minimo effort per la migrazione degli standard già esistenti e implementati dai Gestori PEC nazionali.

Il risultato è stato:

  • La pubblicazione dei REM Services – Criteri di adozione standard ETSI e
  • Le Regole tecniche per i servizi di recapito certificato a norma del regolamento eIDAS n. 910/2014 – Criteri di adozione standard ETSI – REM.

Questa digressione storico-normativa sulla PEC vuole essere in qualche modo spunto per immaginare quali possano essere i prossimi passi, dall’emissione del Regolamento eIDAS 2 all’adozione di nuovi standard per i Conservatori qualificati.

REM ed e-Archiving, le similitudini  

La REM (o PEC Europea) e l’e-Archiving presentano già delle caratteristiche “comuni”:

  • si configureranno quali “servizi di respiro europeo”, basati sul regolamento eIDAS (eIDAS 2.0) ovvero su un insieme di norme comuni con lo scopo di facilitare la circolazione dei documenti elettronici tra gli Stati membri, garantendo il loro riconoscimento legale e la loro interoperabilità;
  • entrambi i servizi dovranno garantire l’integrità e l’inalterabilità dei documenti elettronici, che devono essere protetti da modifiche, alterazioni o cancellazioni non autorizzate. Per questo motivo, sia la REM che la Conservazione a norma utilizzeranno meccanismi di firma elettronica qualificata e/o di sigillo elettronico qualificato, che attestano l’origine e il contenuto dei documenti;
  • entrambi i servizi devono mantenere la validità probatoria dei documenti elettronici, che devono essere equiparati ai documenti cartacei ai fini legali. Per questo motivo, sia la REM che la Conservazione a norma devono rispettare i requisiti di forma e di sostanza previsti dalla normativa vigente, e devono fornire le prove necessarie a dimostrare l’esistenza, la data, l’ora e il contenuto dei documenti.

Conclusione

L’adeguamento ai nuovi standard europei comporterà dei benefici sia per i prestatori di servizi fiduciari che per i loro clienti, in termini di maggiore sicurezza, affidabilità, validità legale e interoperabilità dei servizi elettronici. Inoltre, l’adeguamento ai nuovi standard europei aprirà nuove opportunità di mercato per i prestatori di servizi fiduciari, che potranno offrire nuovi servizi a una platea più ampia di utenti, sia pubblici che privati, in tutta l’Unione Europea.

Tutto ciò premesso, ci dobbiamo aspettare nel prossimo futuro uno scenario parallelo all’iter applicato alla REM nel quale AgID istituirà un tavolo di lavoro al quale saranno coinvolti tutti i Conservatori qualificati in Italia? I conservatori si devono aspettare nuove regole tecniche rispondenti ai requisiti ETSI anche per l’e-Archiving?

Il gruppo Assoconservatori Assintel auspica che il confronto sia prolifico e presti attenzione al panorama normativo italiano già consolidato, così da garantire un modello quanto più vicino a quello attuale, perché la PEC europea può essere davvero un modello per l’e-Archiving.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4