l'analisi

5G e salute, perché le fake news danneggiano l’economia italiana

In un sistema economico globale sempre più digitalizzato, l’Italia non può permettersi un auto-sabotaggio nell’adozione del 5G, che ad oggi rappresenta uno dei pochi elementi della trasformazione digitale in cui il nostro Paese non risulta in ritardo. Vediamo cosa dice il Piano Colao e facciamo chiarezza sui punti più caldi

Pubblicato il 26 Giu 2020

Sara Frizziero

Senior Consultant ICT Consulting

Antonio Filippo Giangrande

Manager ICT Consulting

Filippo Lucarelli

Partner ICT Consulting

5G

La nostra economia non può permettersi, proprio ora, nel momento di massima fragilità di rallentare il 5G a causa delle fake news che lo riguardano. E che già hanno portato a 500 sindaci a disporre lo stop delle antenne.

Stiamo vivendo un paradosso: mentre il 5G viene indicato dagli esperti come l’innovazione tecnologica che potrebbe trainare la ripresa post-pandemica, finisce bersagliato per l’accusa, infondata, di effetti nocivi sulla salute umana che causerebbe.

Così, per frutto del paradosso: da un lato le istituzioni si stanno muovendo per promuovere e facilitare lo sviluppo delle nuove reti 5G, dall’altro si è assistito ad una vera e propria campagna di fake news che ha dipinto il nuovo standard come nocivo per la salute, veicolo di diffusione del virus SARS-COV-2 e, negli scenari più distopici, come mezzo per controllare la popolazione.

Tralasciando le ipotesi più fantasiose, è necessario che le istituzioni, gli operatori e la stampa di settore si impegnino a fornire un quadro chiaro ed esaustivo, seppur semplificato, circa gli aspetti tecnologici e sanitari del 5G. A tal fine è necessario rispondere ad alcune domande.

Che cosa è la tecnologia 5G e perché è così importante per il nostro paese?

Il 5G (disponibile con Tim e Vodafone e a breve anche con Wind 3, Fastweb, Iliad, ndr) è l’ultima evoluzione delle tecnologie di rete mobile, che consente di garantire velocità di trasmissione dei dati fino a 10 volte superiori a quelle delle attuali reti 4G, e altresì di abilitare nuovi servizi caratterizzati da alta affidabilità e bassissima latenza.” Tra le numerose applicazioni abilitate dal 5G si annoverano: sistemi di automazione e controllo dell’Industria 4.0, telemedicina, reti per la gestione delle emergenze, monitoraggio di infrastrutture e ambiente, realtà aumentata, veicoli interconnessi e a guida autonoma.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità

La rilevanza economica del 5G per il Paese, stimata in un impatto sul PIL pari a 80 miliardi nei prossimi 15 anni, è ribadita anche dal cosiddetto “Piano Colao”. Il 5G è infatti identificato tra gli elementi cardine per favorire la ripresa economica. Il Piano indica la necessità di prevedere interventi su scala nazionale per ridurre il divario digitale, permettendo così l’ampia diffusione tra aziende e privati delle applicazioni abilitate dalle tecnologie innovative e rimarca come a tal fine sia necessario il rapido e pieno sviluppo delle reti 5G.

In cosa differisce la tecnologia 5G rispetto alle precedenti in termini di emissioni elettromagnetiche?

Di per sé, il passaggio al 5G non comporta un aumento dell’esposizione elettromagnetica complessiva. Al contrario, l’architettura 5G presenta delle caratteristiche che potrebbero portare ad un impatto elettromagnetico invariato o addirittura inferiore rispetto a quello delle generazioni precedenti.

Per quanto riguarda le frequenze, rispetto alle tecnologie precedenti, il 5G introduce le bande a 700 MHz e a 3,4 – 3,8 GHz, del tutto assimilabili a quelle già attualmente in uso nei sistemi 2G, 3G e 4G[1], e le frequenze in banda 26 GHz – anche dette “onde millimetriche”[2] – che rappresentano il vero e proprio elemento di novità. L’architettura 5G prevede di sfruttare le onde millimetriche per densificare la copertura dispiegando Small Cell, cioè piccole stazioni trasmissive caratterizzate da ridotti raggi di copertura. Infatti, a tali frequenze le onde radio faticano ad attraversare ostacoli come gli edifici, e sono inoltre soggette a fenomeni di assorbimento da parte della pioggia e della vegetazione. La densificazione della rete non comporta necessariamente un aumento generalizzato delle esposizioni poiché le Small Cell sono impiegate per servire aree ridotte e sono caratterizzate da potenze più basse di quelle tipiche di una macro-cella. Inoltre, anche i terminali mobili – che rappresentano la più prossima fonte di esposizione per gli umani – potranno comunicare con le Small Cell trasmettendo ad una minor potenza, in ragione della distanza ridotta tra il terminale e l’antenna.

Un ulteriore elemento di novità presente nell’architettura 5G è rappresentato dalla possibilità di interconnettere alla rete fino a milioni di oggetti e sensori, realizzando così la Internet of Things. Anche in questo caso non vi è una diretta correlazione tra la quantità di oggetti interconnessi e i livelli di esposizione elettromagnetica; infatti larga parte di tali dispositivi opera con livelli di potenza molto bassi, con un impatto trascurabile sull’esposizione elettromagnetica complessiva.

Inoltre, grazie all’utilizzo delle tecniche di beamforming, le antenne 5G generano campi elettromagnetici focalizzati nella regione in cui sono necessari (ad esempio verso una persona che utilizza un telefono cellulare), piuttosto che distribuiti su un’area più estesa, in modo che non vi sia potenza “sprecata” nelle direzioni ove non ci sono utenti attivi, determinando così una riduzione dell’esposizione complessiva.

Infine, in generale, si deve tenere in considerazione che quando viene introdotta una nuova tecnologia di comunicazione wireless, gli operatori sfruttano, se possibile, i siti fisici già realizzati per le precedenti generazioni tecnologiche. Le nuove attivazioni si inseriscono in un contesto di sostituzione tecnologica di medio e lungo periodo che prevede il progressivo spegnimento di molti dei segnali oggi utilizzati per il 2G e il 3G per “fare spazio” ai segnali dei servizi 4G e 5G.

Che cosa dice la letteratura scientifica attuale in relazione ai rischi per la salute legati al 5G?

Una disamina completa delle conoscenze scientifiche in merito agli effetti sulla salute umana dovuti all’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza è stata condotta dall’ICNIRP[3] nell’ambito della realizzazione delle Linee Guida “ICNIRP 2020 2020 guidelines for limiting exposure to electromagnetic fields (100 KHZ TO 300 GHZ)”. In particolare l’ICNIRP osserva che dopo decenni di ricerca scientifica, gli unici effetti documentati e rilevanti per la salute umana riconducibili all’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza sono quelli di breve termine, dovuti al riscaldamento dei tessuti esposti. Solo al di sopra di determinati livelli di soglia, l’esposizione alle onde elettromagnetiche e il relativo aumento della temperatura corporea possono portare effetti quali colpi di calore e bruciature. Al contrario, effetti di breve o di lungo termine al di sotto dei livelli di soglia sono stati ampiamente studiati senza dimostrare definitivamente effetti nocivi sulla salute umana.

Sulla base delle attuali conoscenze scientifiche, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC)[4] ha attribuito ai campi elettromagnetici a radiofrequenza la classificazione nel gruppo 2B ovvero “possibilmente cancerogeni per gli esseri umani”, poiché “c’è un’evidenza tutt’altro che conclusiva che possano provocare il cancro negli esseri umani”[5].

Nel complesso, la valutazione della comunità scientifica sui risultati ottenuti finora dalla ricerca in merito all’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza nei limiti consentiti, è che difficilmente questi siano associabili a effetti nocivi per la salute.

Quanto sono adeguate le misure di protezione attualmente in vigore?

Per evitare pericoli per la salute dovuti agli effetti di breve termine, la normativa internazionale e nazionale raccomanda di limitare l’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza in modo che la soglia alla quale le interazioni diventano dannose non venga mai raggiunta.

A tal scopo, ICNIRP ha definito dei limiti di esposizione, chiamati “restrizioni di base”, fissati in relazione alle soglie per le quali si rilevano effetti negativi; i limiti così determinati sono ulteriormente ridotti (fino a 50 volte), per tenere conto dell’incertezza scientifica nella determinazione dei livelli di soglia. I livelli di esposizione al di fuori del corpo sono chiamati “livelli di riferimento” e sono derivati a partire dalle restrizioni di base utilizzando ipotesi realistiche basate sul caso peggiore.

ICNIRP ha pubblicato una prima versione delle proprie Linee Guida nel 1998[6], recepita a livello europeo, con la Raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea del 12 luglio 1999. I limiti definiti dalla normativa italiana risultano significativamente più restrittivi delle linee guida ICNIRP del 1998 (già molto conservative), come mostrato dai confronti in figura nel range di frequenze 500 MHz – 30 GHz, intervallo di analisi che include tutte le frequenze 5G.

Figura : Intensità del campo elettrico – Confronto

Figura : Densità di potenza – Confronto

Proprio in virtù di tale scollamento tra la normativa internazionale e quella Italiana, il Piano Colao evidenzia l’opportunità di innalzare i limiti alle emissioni elettromagnetiche vigenti in Italia, al fine di evitare che le infrastrutture 5G italiane possano essere penalizzate rispetto a quelle degli altri paesi, con le conseguenti ripercussioni sul piano economico. Per fare un parallelo, sarebbe come limitare a due il numero di corsie delle autostrade, mentre gli altri pesi costruiscono carreggiate a 6 corsie.

ICNIRP ha pubblicato nel 2020 una revisione delle proprie linee guida[7], affinando la metodologia e valutando le caratteristiche specifiche del 5G. I limiti definiti dalla normativa italiana risultano significativamente più restrittivi anche delle linee guida ICNIRP del 2020. Tuttavia, le nuove linee guida forniscono anche indicazioni sulla metodologia di applicazione dei limiti, è pertanto opportuno che siano recepite nell’impianto normativo italiano.

Il rischio dell’auto-sabotaggio

Gli elementi tecnici e i riferimenti della letteratura scientifica consolidata evidenziano un quadro complessivo che non giustifica in alcun modo le recenti ondate di allarmismo nei confronti della tecnologia 5G, che hanno portato recentemente molti comuni ad emettere ordinanze “NO 5G” bloccando di fatto lo sviluppo delle nuove reti in alcune parti del Paese.

In un sistema economico globale sempre più digitalizzato, l’Italia non può permettersi il lusso di un auto-sabotaggio nell’adozione del 5G, che ad oggi rappresenta uno dei pochi elementi nella corsa alla trasformazione digitale in cui il nostro Paese non risulta in ritardo, come emerso dalla recente pubblicazione Digital Economy and Society Index (DESI) 2020. Le autorità nazionali devono quindi intervenire in modo deciso ed evitare che le amministrazioni locali possano compromettere lo sviluppo delle nuove reti sulla base di presunti principi di precauzione non sostenuti da evidenze scientifiche consolidate.

  1. Alcuni sistemi Fixed Wireless utilizzano già da anni una porzione della banda 3,4 – 3,8 GHz.
  2. Sebbene quest’ultime corrispondano più precisamente allo spettro tra 30 e 300 GHz, dove le lunghezze d’onda sono comprese tra 1 e 10 mm. Frequenze adiacenti alla banda 26 GHz, rispettivamente a 24 GHz e 28 GHz sono già utilizzate da qualche anno in diverse reti fisso wireless.
  3. Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti.
  4. https://monographs.iarc.fr/list-of-classifications
  5. International Agency for Research on Cancer (IARC), “IARC Monographs Questions and Answers”, 2015. https://www.iarc.fr/en/media-centre/iarcnews/pdf/Monographs-Q&A.pdf
  6. https://www.icnirp.org/cms/upload/publications/ICNIRPemfgdl.pdf
  7. https://www.icnirp.org/cms/upload/publications/ICNIRPrfgdl2020.pdf

WHITEPAPER
Il PNNR stanzia più di 7 miliardi per le strutture sanitarie: come sfruttarli per la Smart Health
Sanità
Smart health
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3