fibra e dintorni

Connettività e digital transformation per la ripresa: ecco perché siamo a una svolta

Droni sorveglianti, robot in corsia, analisi video real-time, wearable-IoT e teleconsulti da semplici sperimentazioni per le reti di nuova generazione sono diventati strumenti per contrastare una minaccia globale, ma allo stesso tempo mettono a dura prova le reti tlc, sempre più strategiche per la tenuta del sistema Paese

16 Apr 2020
Silvestro Demarinis

Senior Manager di EY

Fabio Dotti

Advisory Med Tmt leader di EY

Roberto Mastropasqua

Senior Advisor di EY

voucher banda larga pmi

In questa fase acuta di emergenza che stiamo vivendo, l’ICT gioca un ruolo determinante per il superamento delle enormi criticità legate alla pandemia, sia per quanto concerne la vita degli individui, sia per le attività delle aziende e della Pubblica amministrazione.

Droni sorveglianti, robot in corsia, analisi video real-time, wearable-IoT e teleconsulti da remoto, da semplici sperimentazioni per le reti di nuova generazione sono diventati strumenti per contrastare oggi una minaccia globale.

Tutto questo rappresenta una solida conferma della strategicità delle reti per il sistema Paese, in cui aziende, start up ma anche i singoli cittadini rivestono un ruolo centrale per portare ancora più valore al Paese attraverso le nuove tecnologie.

Il digitale per la ripartenza

Oggi sono numerosissime le aree nelle quali il digitale interviene a sostegno anche della ripartenza e dello sviluppo futuro: dallo smart working alle applicazioni di eGovernment, dalla telemedicina all’eLearning, ma anche eCommerce, remote banking, digitalizzazione della supply chain e della logistica, collaborazione a distanza, sino al video streaming nel consumer.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Di fatto nessuna di queste applicazioni è una novità. La novità è la necessità di farvi ricorso e quindi l’estensione prevedibile della loro adozione che, a fronte di un utilizzo non omogeneo, come è stato finora, dovrebbe diventare massiva generando una significativa accelerazione del processo di digital transformation del nostro Paese.

Ovviamente tutto ciò non è già disponibile, né immediato, per cui dobbiamo attendere una gradualità nell’adozione di queste soluzioni ICT, che a loro volta richiedono un forte impegno di system integration e cybersecurity, generando, inoltre, ritorni anche in tema di adozione di Cloud computing, IoT, big data, AI e in prospettiva 5G ecc.

L’accelerazione della digital transformation

Che si tratti di un processo che si sviluppa nel tempo, e non di una “fiammata” una tantum, lo dimostrano anche alcune stime distribuite di recente da uno dei più accreditati analisti internazionali, secondo cui a livello europeo nel 2020 assisteremo a una contrazione della spesa ICT del 4% (dopo una crescita del 3% nel 2019), a cui seguirà una sostanziale stabilità nella spesa nel 2021 e una nuova crescita dal 2022 in poi. A essere maggiormente penalizzata nel 2020 dovrebbe essere la spesa in hardware mentre il comparto software dovrebbe registrate una pur lieve crescita, a dimostrazione che l’attenzione alle applicazioni ICT a valore aggiunto è cruciale in questo periodo. Secondo quanto emerge dal comportamento degli utenti, collaborazione, cybersecurity e Cloud dovrebbero essere le aree nelle quali si concentra il maggior sviluppo della domanda.

Ciò che invece sta accadendo qui e ora è l’incremento nell’utilizzo della connettività sia essa di rete fissa o mobile, le cui prestazioni sono molto più “sollecitate” rispetto a qualche settimana fa, sia per l’aumento degli utenti in rete sia per le applicazioni utilizzate online.

Lo stress test delle nostre reti Tlc

Lo potremmo definire come un vero e proprio stress test quello che le nostre reti di telecomunicazione stanno affrontando in questo periodo. Smart working, gaming on line, streaming video, video conference, eLearning, telemedicina sono solo alcuni delle principali attività che stanno mettendo a dura prova le reti fisse e mobili del nostro Paese.

Dall’inizio della crisi dli operatori italiani hanno registrato in media un incremento superiore al 55% sulla rete fissa, e sulla rete mobile un incremento superiore al 30%. Questi numeri sono da imputare non solo all’aumento dell’utilizzo della rete, ma anche a nuovi abbonati che, prima di due/tre settimane fa, non avevano un collegamento broadband a casa o non avevano mai utilizzato servizi “bandivori” come il video streaming. Alcune delle principali piattaforme pay-OTT, infatti, nelle ultime due settimane hanno registrato incrementi pari a quelli registrati in un intero anno. Da analisi EY emerge che, a gennaio 2020, gli utenti che utilizzavano i servizi video streaming pay erano 13,8 milioni, quasi il 10% in più rispetto al trimestre precedente. Ad aprile 2020 ci aspettiamo dei tassi completamente stravolti e un’esplosione anche del numero di nuovi abbonati grazie all’ingresso di nuove piattaforme sul mercato.

Le reti ultraveloci

La tenuta delle nostre reti è frutto degli investimenti continui che gli operatori hanno realizzato nel corso degli ultimi anni. Durante il 2019, infatti, è continuata a crescere la copertura delle reti miste rame+fibra, raggiungendo oltre l’80% della popolazione, e in parallelo gli operatori infrastrutturali hanno intensificato le attività di scavo e deployment delle reti FTTH.

Infatti, secondo l’Osservatorio EY, a fine 2019 le Unità immobiliari che potevano attivare un servizio FTTH erano circa 6,8 milioni in oltre 200 comuni, oltre 2 milioni di unità immobiliari in più rispetto al 2018. Le attività di copertura FTTH non si sono concentrate solamente nei capoluoghi di provincia, ma si sono estese anche in tutti quei comuni non capoluogo (65% sul totale dei comuni FTTH) e di medie dimensioni (peso dei comuni con popolazione compresa tra 10.000 e 50.000 è del 45% sul totale dei comuni FTTH). Tali valori non comprendono le aree in concessione nelle quali la rete è in corso di realizzazione per conto dell’ente pubblico appaltatore.

Durante il 2019, la rete FTTH non è stato l’unica di nuova generazione a crescere in estensione e in numero di UI, anche le reti 5G hanno incominciato il loro percorso di copertura. A febbraio 2020, infatti, dall’analisi EY risultano raggiunte dai servizi 5G dieci grandi città e 28 piccoli comuni per un totale di popolazione coperta di poco inferiore al 10%.

È il 2020, però, l’anno delle reti ultra-performanti, dove si vedrà crescere in modo esponenziale la curva del numero di comuni coperti dalle reti FTTH, si prevede una cifra compresa tra gli 800 e i 1000 comuni FTTH, e un 5G che incomincerà ad essere fruibile per 10-12 milioni di persone (emergenza permettendo).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati