la strategia

Italia a 1 Giga, dal bando Infratel alle regole dell’Agcom: tutti i tasselli del Piano

Con il Piano Italia a 1 Giga si persegue l’obiettivo di sviluppare reti a banda ultra larga nelle zone del Paese in cui si registra una carenza di investimenti da parte degli operatori a causa di una minore redditività rispetto ad aree più profittevoli. I primi bandi sono appena partiti. Tutto quello che c’è da sapere

27 Gen 2022
Silvia Compagnucci

vicepresidente di I-Com

reti infrastrutture

Il 15 gennaio scorso è stato pubblicato da Infratel il bando per la concessione di contributi pubblici per la diffusione della fibra in Italia. Il bando, che dà ufficialmente avvio al Piano Italia a 1 Giga, punta a erogare in ogni unità immobiliare presente nei singoli civici servizi di connettività con una velocità pari ad almeno 1 gigabit al secondo (Gbps) in download e 200 megabit al secondo (Mbps) in upload per un contributo complessivo di quasi 3,7 milioni di euro.

Italia a 1 Giga, come garantire il successo del piano governativo

Dagli obiettivi europei alla strategia nazionale

Dopo una serie di interventi, sia diretti che a contributo, avviati a partire dal 2012, nel marzo 2015 è stata lanciata la Strategia per la banda ultralarga, con la quale i decisori politici intendevano colmare il gap infrastrutturale e di mercato e soddisfare gli obiettivi dell’Agenda digitale Ue 2020 (pubblicata nel 2010). Quest’ultima, in particolare, prevedeva lo sviluppo di connettività ad almeno 30 megabit per secondo per tutta la popolazione, di cui oltre il 50% abbonata con connessioni ad almeno 100 Mbps.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

Un obiettivo che è stato tradotto nella strategia italiana con la copertura di almeno l’85% della popolazione con una connettività maggiore a 100 megabit per secondo. Si trattava di traguardi coerenti con la Comunicazione Gigabit Society del 2016, che prevede entro il 2025 connettività in fibra con capacità fino a 1 Gbps per i principali motori socioeconomici e per le imprese ad alta intensità digitale. Ma pure una copertura 5G ininterrotta in tutte le aree urbane e su tutti i principali assi di trasporto terrestre e accesso ad almeno 100 Mbps (potenziabile fino a 1 Gbps) per tutte le famiglie europee, anche quelle residenti delle aree rurali. Tali obiettivi sono stati rivisti dalla Commissione nel marzo 2021 con la comunicazione “2030 Digital Compass: the European way for the Digital Decade”, che ha previsto per il 2030 connessioni gigabit per tutti e 5G ovunque.

Il nostro Paese, tradizionalmente in ritardo sul tema digitalizzazione (soprattutto lato domanda), ha alzato la posta con l’adozione della nuova Strategia nazionale per la banda ultra larga (pubblicata il 27 maggio scorso). Nello specifico ha previsto di raggiungere una velocità di connessione delle reti fisse ad almeno 1 gigabit per secondo su tutto il territorio nazionale entro il 2026, in anticipo di ben quattro anni rispetto alle tempistiche Ue.

Le azioni del PNRR

La nuova strategia, in attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), definisce le azioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi di trasformazione digitale indicati dalla Commissione europea con la Comunicazione sulla Connettività per un mercato unico digitale europeo Gigabit Society e con la Comunicazione sul decennio digitale Digital Compass. In generale, le azioni sono sette, di cui due già in atto, ovvero il Piano aree bianche (infrastrutturazione aree a fallimento di mercato) e il Piano Voucher (incentivi alla domanda), alle quali si aggiungono il Piano “Italia a 1 Giga”, il Piano “Italia 5G”, il Piano “Scuole connesse”, il Piano “Sanità connessa” e il Piano “Isole Minori”.

Più nello specifico, con il Piano Italia a 1 Giga si persegue l’obiettivo di sviluppare reti a banda ultra larga nelle zone del Paese in cui si registra una carenza di investimenti da parte degli operatori a causa di una minore redditività rispetto ad aree più profittevoli, nella logica di assicurare pari opportunità di crescita su tutto territorio nazionale.

In particolare, lo scopo è fornire connettività ad almeno 1 gigabit per secondo in download e 200 megabit per secondo in upload alle unità immobiliari che, a seguito della mappatura delle infrastrutture presenti o pianificate al 2026 dagli operatori di mercato, sono risultate non coperte da almeno una rete in grado di fornire in maniera affidabile velocità di connessione in download maggiore di 300 Mbps.

Il bando Infratel e l’avvio del piano Italia a 1 giga

Il bando pubblicato da Infratel il 15 gennaio scorso punta ad assegnare contributi per un totale di 3,7 milioni di euro suddivisi in quindici lotti territoriali: Sardegna, Puglia, Abruzzo, Molise, Marche e Umbria sono le regioni che necessitano di maggiore intervento pubblico e, dunque, sono anche quelle che beneficeranno di più delle risorse a disposizione. Al lato opposto della classifica, invece, ci sono le province autonome di Trento e Bolzano, la Basilicata e la Lombardia. Il termine finale per la presentazione delle offerte è fissato al prossimo 16 marzo.

L’attuazione del progetto di investimento avrà inizio a decorrere dalla data di sottoscrizione della Convenzione e si concluderà entro il 30 giugno 2026. A questa deadline si aggiungono una serie di obiettivi semestrali e un sistema di garanzie e penali in caso di mancata copertura dei civici e ritardo dei tempi di realizzazione dei lavori. Tra i criteri di assegnazione, il bando individua l’offerta economica, le caratteristiche delle reti impiegate, l’architettura e il dimensionamento della rete. E ancora, la qualità dei piani di assunzione e formazione del personale e di gestione del progetto, nonché impegni relativi a inclusione, diversità di genere, persone con disabilità e sostegno a categorie svantaggiate.

Lo stesso bando consente a ciascun partecipante di aggiudicarsi uno o più lotti nel limite massimo di otto (a meno che il numero di offerte pervenute sia insufficiente), prevedendo che il contributo possa ammontare, al massimo, al 70% delle spese ammissibili. Il residuo 30% resta a carico del beneficiario, che rimane esclusivo proprietario dell’infrastruttura realizzata.

I proponenti, all’atto della presentazione dell’offerta, sono chiamati a presentare un Progetto d’Investimento articolato in una parte tecnico-progettuale e un’altra economico-finanziaria che espliciti i costi operativi, gli investimenti infrastrutturali direttamente sostenuti, i ricavi previsti sulla base della penetrazione ipotizzata per i servizi e i relativi costi di manutenzione.

La stipula della convenzione deve avvenire entro 15 giorni dall’aggiudicazione (e comunque non oltre il 31 luglio 2022) con conclusione a giugno 2026 mentre il periodo di monitoraggio per l’applicazione dell’eventuale recupero della sovracompensazione (verifica della clausola di clawback) si estende ai 10 anni successivi alla data di conclusione dei lavori.

Una volta decorso tale termine, permangono in capo al beneficiario gli obblighi di offerta di servizi di accesso wholesale verso gli altri operatori.

In base a quanto definito dal bando, infine, il proponente, dovrà assumersi l’obbligo di offrire accesso in conformità con quanto indicato dagli Orientamenti e dalla delibera Agcom n. 406/21/CONS.

Le linee guida Agcom e l’accesso alle reti destinatarie di contributi pubblici con modello di intervento a incentivo

Con la delibera n. 406/21/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom), in esito alla consultazione pubblica n. 294/21/CONS, ha adottato le Linee guida che identificano le condizioni di accesso wholesale alle reti a banda ultralarga destinatarie di contributi pubblici mediante il modello di intervento a incentivo. Nelle Linee guida, in particolare, vengono definiti l’insieme minimo di servizi di accesso wholesale all’infrastruttura di rete sussidiata che i beneficiari del contributo pubblico sono tenuti a offrire e i relativi prezzi da applicare, la procedura per l’approvazione del listino dei servizi offerti dall’aggiudicatario (Listino) e le modalità di applicazione del principio di non discriminazione.

Partendo dagli Orientamenti del 2013 (o “Linee Direttrici”) che fissano in capo al beneficiario della misura di aiuto obblighi di accesso all’ingrosso più ampi rispetto a quella fornita dall’operatore SMP (ossia quello con significativo potere di mercato) e dalla disciplina contenuta nella delibera n. 120/16/CONS, l’Autorità ha previsto che i soggetti terzi abbiano la possibilità di utilizzare, sulla base del Listino approvato, le infrastrutture di posa e le connesse risorse di fibra spenta a disposizione, oltre ai servizi wholesale attivi disponibili nell’area. Inoltre, ha ritenuto giustificato l’obbligo in capo all’operatore aggiudicatario di fornire i servizi attivi, qualora non sia previsto diversamente dal bando, ovvero servizi wholesale di tipo VULA e bitstream Ethernet. Le stesse linee guida hanno disposto che la prima versione del Listino sia pubblicata almeno 6 mesi prima dell’avvio della commercializzazione dei servizi all’ingrosso da parte dell’aggiudicatario alle proprie divisioni retail nel caso di operatore verticalmente integrato e alle divisioni retail degli altri e che l’avvio della commercializzazione dei servizi all’ingrosso in uno specifico Comune sia reso noto al mercato con un anticipo di almeno 3 mesi.

Nello specifico l’Autorità ha previsto che il beneficiario dei contributi fornisca ai terzi richiedenti, con riferimento alle reti realizzate con utilizzo dei fondi pubblici in oggetto, servizi wholesale passivi e attivi almeno equivalenti all’elenco di quelli previsti in capo all’operatore SMP dalla regolamentazione vigente (con l’aggiunta del servizio di accesso FWA in aree C&D di Open Fiber).

In linea con gli Orientamenti europei 2013, inoltre, ha disposto che qualora garantire tutti i tipi di prodotti di accesso nelle aree rurali aumentasse i costi d’investimento in modo sproporzionato senza produrre benefici significativi in termini di aumento della concorrenza, sarà possibile prevedere che questi siano offerti soltanto in presenza di una domanda ragionevole da parte di un operatore terzo. È rimessa all’Autorità, su richiesta di una delle parti interessate (ovvero le Stazioni appaltanti), la valutazione di un onere sproporzionato rispetto ai benefici sulla concorrenza e l’indicazione dei parametri utili a misurare quando una domanda può qualificarsi come “ragionevole”.

Con riguardo alla definizione dei prezzi dei servizi di accesso all’ingrosso alle reti in fibra ottica realizzate con modello di investimento a incentivo, l’Autorità ha adottato come riferimento i valori definiti nell’Analisi di Mercato vigente recepiti nell’Offerta di Riferimento dell’operatore SMP16 (c.d. prezzi OR) prima dei bandi (2021) con applicazione del meccanismo di claw-back per rettificare eventuali sovrastime di costi fatte in fase di business plan. I prezzi di riferimento dei servizi wholesale individuati nelle Linee guida rappresentano, in particolare, il tetto massimo (price cap) a cui fare riferimento sia per quanto concerne le condizioni economiche ricorrenti (canoni) sia quelle one-off (contributi una-tantum).

Per quanto concerne la validità del listino formulato a valle dell’aggiudicazione, questa è fissata a due anni trascorsi i quali l’Autorità potrà procedere a una verifica della validità di tali condizioni, su richiesta avanzata dalla Stazione appaltante, nel caso di eventuali variazioni significative: i) delle condizioni di costo di fornitura dei servizi, anche sulla base di benchmark di mercato, ii) delle condizioni di take-up dei servizi rispetto a quelle prevedibili in fase di prima approvazione, iii) del rendimento del costo del capitale (WACC), iv) delle condizioni generali del mercato nelle aree interessate nonché in aree più competitive. Le eventuali nuove condizioni tecniche ed economiche di accesso, laddove fissate con il suddetto processo di rivalutazione, rimarranno in vigore per un periodo minimo di ulteriori due anni, a valle dei quali l’Autorità potrà procedere a una nuova verifica, su eventuale richiesta della Stazione appaltante, alle stesse condizioni sopra rappresentate.

Le linee guida fanno salvo comunque il potere di vigilanza dell’Autorità, esercitabile in ogni momento, in corso di esecuzione del contratto su richiesta della Stazione appaltante in merito alla conformità delle condizioni tecniche ed economiche di fornitura, per ciascun specifico servizio, al quadro regolamentare previsto dalle presenti Linee guida.

Conclusioni

L’adozione del Piano nazionale di ripresa e resilienza e della nuova strategia e la formulazione del Piano Italia a 1 Giga rappresentano strumenti straordinariamente rilevanti per l’impatto che potranno esercitare sul sistema Paese. Si tratta di ingenti risorse che, se impiegate bene e rapidamente, faranno la differenza, ma che necessitano di ulteriori azioni per il raggiungimento dei più ampi obiettivi di transizione digitale. Molte di queste sono previste nello stesso Pnrr, con l’obiettivo di garantire non solo il superamento del deficit di professionalità specializzate da impiegare nei cantieri nel nostro Paese, ma anche di favorire la definitiva maturazione di una domanda che, ad oggi, appare ancora poco consapevole dei benefici offerti dalla digitalizzazione.

WHITEPAPER
Industry 4.0 con IoT e RTLS: tra sfide e vantaggi!
IoT
Supply Chain Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4