La critica

Scuola, la rivoluzione immobile di Letta e Carrozza

Un primo bilancio a sei mesi dall’insediamento del Governo. Un bilancio negativo, parola del noto docente della Bicocca. Nessuna traccia dell’Agenda digitale nella Scuola. Solo i “famosi” 15 milioni per il Wi-Fi: del tutto insufficienti. Ma ricordiamo quali sono i tre pilastri per un vero progresso dell’istruzione

11 Nov 2013
Paolo Ferri

Professore Ordinario di Tecnologie della formazione, Università degli Studi Milano-Bicocca

ferri-121029185146

Dopo un iter molto complesso, che ha visto anche le dimissioni del relatore alla camera Malan, (PDL) il “Decreto Scuola” del ministro Carrozza (DL 104 8 Settembre 2013) è stato approvato, in extremis, alla Camera dei Deputati il 31 ottobre e inizierà il suo iter al Senato. Se lo si considera dal punto di vista dell’innovazione o dell’attuazione dell’Agenda digitale della scuola il decreto è, in effetti molto deludente.

Se si eccettua, infatti, il lodevole passaggio relativo alla liberalizzazione delle adozioni dei libri di testo e alle caratteristiche dei nuovi contenti digitali per l’apprendimento (argomento da me diffusamente trattato su questa testata), ma anche nella legge di stabilità, a quanto è dato capire, figurano solo 15 milioni di euro stanziati per la copertura wireless degli istituti “prevalentemente” superiori. Questo “ingente” investimento, a più riprese, e anche molto di recente, sbandierato sia dal premier Letta sia dal Ministro dell’Istruzione Carrozza è l’unico somma realmente stanziata per l’innovazione digitale della scuola.

Ma perchè mai dotare le scuole di una infrastruttura wireless se la stragrande maggioranza degli istituti scolastici, sicuramente più del 90% è ben lontana dall’avere la banda Internet per poter far funzionare realmente l’infrastruttura wireless? In questa domanda, un po’ sconsolata, può essere sintetizzato il bilancio dell’azione “innovativa” del governo per quando riguarda l’attuazione dell’Agenda digitale della scuola.

Dopo sei mesi, infatti, – Letta e Carrozza si sono insediati il 28 aprile del 2013 – si può cominciare a tracciare un primo bilancio della loro azione in tema attuazione dell’Agenda digitale e di innovazione nella digitalizzazione del mondo della scuola. Un bilancio ampiamente deficitario, come accennavamo più sopra, vediamo perché.

I primi passi si Carrozza la Ministero sono stati caratterizzati dal lodevole “annuncio” di una rinnovata attenzione al mondo della scuola e della ricerca: “Mai più tagli alla scuola”. E’ vero sia il “decreto del fare” che il successivo “Decreto scuola” non hanno tagliato su questo capitolo fondamentale per lo sviluppo e l’innovazione del sistema Italia, ma purtroppo nei vari provvedimenti non c’è traccia di investimenti per la digitalizzazione del sistema formativo. Nell’insieme si tratta di misure, che elencheremo di seguito, che provano a “tamponare” un situazione ormai quasi al collasso ma che non danno attuazione alla linea di discontinuità con il passato di Monti e Profumo. Se si scorrono i provvedimenti principali, troviamo, infatti, norme che si affannano nella manutenzione ordinaria di una scuola pubblica ormai prossima soprattutto in alcune realtà regionali italiane. Vediamole più in dettaglio, sarà definito un piano triennale di immissioni in ruolo del personale docente, educativo ed ATA, per gli anni scolastici 2014/2016 (69 mila docenti e 16 mila Ata nel triennio) “i precari della scuola”; 6,6 milioni (1,6 per il 2013 e 5 per il 2014) sono mirati al miglioramento dell’orientamento degli studenti della scuola secondaria di secondo grado; 13,2 milioni (3,3 per il 2014 e 9,9 per il 2015) per potenziare l’insegnamento della geografia generale ed economica. 3 milioni per il 2014 sono volti a finanziare progetti didattici nei musei e nei siti di interesse storico, culturale e archeologico.

Ora come si vede, da questi esempi, nessuna traccia di fonti per l’attuazione dell’Agenda Digitale della scuola. Solo i “famosi” 15 milioni da impiegare immediatamente per la connettività wireless nelle scuole secondarie, con priorità per quelle di secondo grado.

Secondo un fortunata espressione di un docente Girolamo De Michele, intervistato da Salvatore Cannavò su Il Fatto Quotidiano Il Decreto “rimette a posto le sdraio del Titanic” e la Legge di stabilità non pare fare di meglio. L’atteggiamento del Governo in tema di innovazione mi pare improntato ad un”attivo immobilismo”, e questo purtroppo vale anche per la maggior parte degli altri provvedimenti altri comparti economici, sociali, ed istituzionali, ad esempio.

E’ vero che Carozza si è dovuta confrontare con la “pesante” e “preziosa” eredità di Monti e Profumo. L’Agenda digitale (Decreto Sviluppo Decreto Legge, testo coordinato 22.06.2012 n° 83 , G.U. 11.08.2012) aveva riavviato dopo più di un decennio di colpevole incuria e di tagli indiscriminati alla scuola e alla ricerca un processo di innovazione molto forte che investiva tutto i paese, ma che aveva forti ricadute anche sul sistema scolastico e universitario italiano. I pilastri dell’Agenda digitale Sella scuola erano e sono costituiti da tre ambiti di intervento.

  1. Le infrastrutture Internet. Nell’agenda digitale è delineato in modo chiaro, anche se non finanziato, un piano di cablaggio “definitivo” ed efficiente delle scuole attraverso il Piano nazionale per la banda larga (Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83 (cosiddetto “Decreto Sviluppo”) pubblicato in Gazzetta Ufficiale 26 giugno 2012 );
  2. La dematerializzazione. Sempre Nell’Agenda digitale (Decreto Sviluppo) viene sancita la “inderogabilità” e la “irreversibilità” del processo di dematerializzazione delle procedure e delle pratiche amministrative della scuola. La necessità, cioè, di dotarle tutto il sistema della formazione italiana di un’infrastruttura software digitale di gestione e amministrazione che le permetta finalmente di uscire dalla morsa la gestione burocratica “gutenberghiana” e dalle sue strutturali lentezze.
  3. Le competenze di cittadinanza. La necessità, cioè, di adottare una innovazione metodologica e didattica che porti anche la scuola italiana a offrire ai suoi allievi e studenti reali competenze digitali – non come voleva Moratti la patente europea del computer (sic!). Ma la capacità concreta di apprendere e di costruire i saperi attraverso strumenti quali i tablet e gli ambienti virtuali di apprendimento ma non solo; anche il diritto a scuola di divenire “cittadini digitali” che possono vivere studiare e in futuro lavorare in un modo che benefici del dividendo sociale delle tecnologie digitali

Di tutto questo non vi è traccia nel “decreto scuola” e soprattutto non vi è traccia di investimenti, neanche nella legge di stabilità, che si dirigano nella direzione dell’attuazione dell’Agenda digitale della scuola, né sul capitolo infrastrutture, né su quello della formazione metodologica degli insegnanti e tanto meno sulla ridefinizioni di ordinamenti e indicazioni nazionali accolgano la sfida dei nuovi stili di apprendimento dei nostri figli: i nativi digitali. Alcune buone intenzioni (le norme sui libri digitali) e un “oblomoviana” inerzia sul fronte dell’innovazione. Possiamo affermare che esiste un “larga intesa” all’interno della politica italiana a restare immobili rispetto ad un Agenda digitale che, se attuata, potrebbe valere 2 o 3 punti percentuali di PIL: “Continuiamo così a farci del male”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4