Meta & co

Big tech, violare la concorrenza lede i diritti fondamentali: gli interventi Ue

Recenti interventi delle istituzioni Ue nei confronti di Meta hanno evidenziato come le violazioni relative all’abuso di posizione dominante possano non solo determinare una contrarietà alle norme in materia di concorrenza, ma anche impattare sulla garanzia dell’esercizio di diritti fondamentali e di diritti del consumatore

Pubblicato il 23 Feb 2023

Flavia Bavetta

dottoranda in “Legal Studies”, Università Bocconi, Milano

Pietro Dunn

Dottorando in Law, Science and Technology, University of Bologna

ricerca bing chatgpt

Le istituzioni europee stanno dimostrando una sempre maggiore consapevolezza della convergenza, nel contesto della società digitale, tra le due sfere, tradizionalmente distinte, della tutela della concorrenza e della tutela dei diritti costituzionali e fondamentali. A livello europeo, in effetti, si è assistito con sempre maggiore intensità a uno slittamento delle istituzioni stesse da un approccio prettamente liberale-antitrust a una prospettiva orientata, invece, alla tutela dei cittadini europei, in quanto consumatori ma anche in quanto titolari, soprattutto, di un assetto di diritti.

Un nuovo antitrust per le big tech: i fari sul Digital Markets Act europeo

Esaminiamo di seguito recenti interventi delle istituzioni europee, avviati nei confronti del colosso Meta Platforms Inc. ma potenzialmente applicabili anche ad altri giganti di internet, che hanno posto in evidenza come, all’interno del mercato unico digitale, le violazioni relative all’abuso di posizione dominante possano non solo determinare una contrarietà alle normative di diritto europeo in materia di tutela della concorrenza, ma altresì impattare significativamente sulla garanzia dell’esercizio di diritti fondamentali e di diritti del consumatore protetti, in primis, dalla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea.

A tal proposito, sia il parere preliminare della Commissione Europea del 19 dicembre 2022 sia le conclusioni presentate dall’Avvocato Generale Athanasios Rantos nella Causa C-252/21, Meta Platforms, Inc. e a. contro Bundeskartellamt (l’autorità federale garante della concorrenza in Germania) dinanzi alla Corte di Giustizia dell’UE mostrano come tali abusi comportino la presenza di seri rischi per il godimento, inter alia, del diritto alla protezione dei dati personali e di quello all’autodeterminazione individuale.

Le conclusioni dell’Avvocato Generale Rantos

In primo luogo, dalle conclusioni dell’AG in Meta Platforms, Inc è possibile evincere non solo una violazione del principio di divieto di abuso di posizione dominante (art. 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea), ma anche l’impossibilità di garantire l’autodeterminazione degli individui, nonché il loro diritto alla protezione dei dati personali. In questo contesto, particolarmente rilevante era il tema dello sfruttamento della posizione dominante della piattaforma ai fini della collezione dei dati degli utenti e della conseguente personalizzazione dei contenuti e delle offerte pubblicitarie proposti loro. Secondo l’AG Rantos, sebbene la personalizzazione dei contenuti possa, in una certa misura, essere nell’interesse dell’utente in quanto consente di presentare, in particolare nel feed di notizie, contenuti che, in base ad una valutazione automatizzata, corrispondono agli interessi dell’utente, non è evidente che essa sia anche necessaria per la prestazione del servizio del social media in questione, di modo che il trattamento dei dati personali per tali finalità non richieda il consenso di tale utente. Del pari, sebbene un collegamento tra i vari servizi offerti da Meta possa essere utile all’utente, non è certo che un trattamento dei dati personali derivati da altri servizi del gruppo sia necessario per la prestazione dei servizi Facebook. Pertanto, le pratiche poste in essere dalla società non solo limitano fortemente il controllo degli utenti sui propri dati personali, ma anche, in ultima analisi, la loro capacità di autodeterminazione.

Il parere preliminare della Commissione

In secondo luogo, il parere preliminare della Commissione ha posto in evidenza come i termini e le condizioni unilaterali imposte da Meta ai servizi di annunci pubblicitari online concorrenti, che autorizzano l’azienda a usare i dati relativi a questi annunci a vantaggio di Facebook, sarebbero «ingiustificati, sproporzionati e non necessari per fornire i servizi di pubblicità online sulle piattaforme Meta». Pertanto, tali condizioni non solo andrebbero a imporre oneri “sleali” ai concorrenti, avvantaggiando unicamente Facebook Marketplace in violazione della normativa in materia di antitrust, ma frustrerebbero la reale capacità degli utenti di disporre effettivamente dei propri dati personali, in violazione del diritto alla protezione dei dati personali.

Il tema della monetizzazione dei dati personali

Sia la posizione espressa dalla Commissione nel suo parere preliminare sia le conclusioni dell’AG Rantos riflettono precisamente tale evoluzione, ponendo in luce come, nel panorama digitale, la tutela del diritto alla riservatezza e alla protezione dei dati personali, divenuti a tutti gli effetti “valuta” e oggetto di scambio nel mondo dei servizi digitali, si intersechi inevitabilmente con la predominanza, nel mercato, di pochi “giganti”. Tali posizioni si inscrivono all’interno dell’ampio e ormai risalente dibattito che interessa da anni Meta e le aziende di settore, da un lato, e gli altri stakeholder rilevanti, dall’altro lato, sul tema della monetizzazione (commodification) dei dati personali e delle informazioni degli utenti. Tale monetizzazione si manifesta in particolare tutte quelle volte in cui, a fronte di un servizio reso gratuitamente, la controprestazione dell’utente consista nella cessione dei suoi dati personali.

Ebbene, la supremazia di poche imprese IT di dimensioni straordinarie determina in effetti squilibri di potere non solo tra gli stessi fornitori di servizi di intermediazione online, creando barriere pressoché insormontabili a carico di piccole-medie imprese e drogando, di fatto, il mercato, ma determina lo sviluppo di forme di dominazione, da parte di quei giganti, sull’utente-individuo e sull’utente-consumatore. Tale impatto, peraltro, non interessa soltanto l’ambito della tutela dei diritti connessi alla tutela della riservatezza e della protezione dei dati, ma ha una rilevanza ben più estesa laddove si consideri, per esempio, la posizione di dominio esercitato dalle maggiori piattaforme digitali rispetto all’esercizio da parte degli utenti della loro libertà di espressione nel contesto di internet.

Conclusioni

Poste in questa luce, le opinioni espresse dalle istituzioni dell’Unione nei casi sopra descritti confermano la sostanziale adozione, all’interno del contesto euro-unitario, di un approccio di “costituzionalismo digitale” avente il fine di limitare, olisticamente, l’impatto potenzialmente negativo che l’esistenza di un oligopolio in campo tecnologico potrebbe comportare in capo ai cittadini europei. Del resto, tale approccio sembra trovare il suo corrispettivo nell’ambito dell’attività di produzione legislativa. I recentemente approvati Digital Services Act (DSA) e Digital Markets Act (DMA), infatti, riflettono precipuamente le preoccupazioni sollevate dalla detenzione di significativi poteri di governo del digitale nelle mani di attori privati di grandi dimensioni, ovverosia, nel linguaggio dello stesso DMA, nelle mani dei cosiddetti “gatekeepers

È curioso osservare, tra l’altro, come le menzionate reazioni nei confronti delle piattaforme, in quanto detentrici di posizioni dominanti sul mercato, e conseguentemente sui cittadini, siano pervenute da soggetti esponenti o depositari europei dei tre tradizionali poteri dello Stato: esecutivo (parere della Commissione); giudiziario (conclusioni dell’Avvocato Generale); e legislativo (DSA e DMA). Ciò dimostra ancor di più la direzione unitaria intrapresa in ultima analisi dagli organi dell’Unione europea, orientata a una promozione generale del benessere del mercato unico digitale, nonché del benessere dei valori e dei principi e interessi costituzionalmente rilevanti.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2