sanità sostenibile

Continuità delle cure: tecnologie e strategie per mettere il paziente al centro



Indirizzo copiato

Occorre un cambio di approccio per raggiungere obiettivi quali la continuità assistenziale e la qualità delle cure, il decongestionamento degli ospedali e dei pronto soccorso, la gestione delle malattie croniche, offrendo appropriatezza ed efficienza e risposte alle emergenze sanitarie. Ecco come rendere sostenibile il Servizio Sanitario Nazionale, grazie alla trasformazione digitale in ambito sanitario

Pubblicato il 12 feb 2024

Marco Mencacci

Sistemi Informatici e Transizione all’Amministrazione Digitale – Azienda Ospedaliera di Perugia

Alfiero Ortali

Consulente ICT



Continuità delle cure: come mettere il paziente al centro

Il dibattito sulla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale è oggi più rilevante che mai. C’è l’urgente necessità di una trasformazione radicale e di un’integrazione più
stretta tra l’assistenza ospedaliera e quella territoriale.

Il DM 77/2022 ha delineato le linee guida per riorganizzare i servizi territoriali e migliorare il collegamento tra le diverse aziende sanitarie.

Ecco come la nuova organizzazione del territorio, gli investimenti del PNRR sulla sanità di prossimità, sul FSE 2.0 e telemedicina hanno come obiettivo principale quello di
ridisegnare un sistema sanitario sostenibile per gli anni a venire.

I settori dove serve maggiore integrazione ospedale-territorio

Alcuni dei settori in cui una maggiore integrazione Ospedale-Territorio può apportare
notevoli benefici per l’utenza sono:

  • continuità assistenziale;
  • decongestionamento degli ospedali e dei pronto soccorso;
  • gestione delle malattie croniche;
  • qualità delle cure;
  • appropriatezza ed efficienza;
  • risposta alle emergenze sanitarie.

Una maggiore integrazione permette di definire percorsi coerenti e coesi per il paziente, dalla presa in carico ai successivi controlli, riducendo i tempi di attesa e migliorando l’accesso alle cure. La continuità assistenziale significa garantire ai pazienti la possibilità di ricevere cure appropriate e tempestive, riducendo il rischio di complicanze e ricoveri ripetuti.

Migliorando l’assistenza territoriale e mettendola in grado di dare una risposta rapida ed efficace, si riducono gli accessi non necessari in emergenza-urgenza e si
decongestionano gli ospedali. Il decongestionamento degli ospedali e dei pronto soccorso permette di liberare risorse preziose per gestire le situazioni realmente gravi e complesse.

Un’efficace assistenza territoriale è fondamentale per la gestione delle malattie croniche. Integrando i servizi, i pazienti possono essere monitorati più efficacemente e ricevere cure preventive, riducendo gli episodi acuti.

L’integrazione favorisce un approccio multidisciplinare alla salute, con una maggiore cooperazione tra specialisti ospedalieri e medici di base o altri professionisti sanitari territoriali. Questo approccio migliora sia la qualità delle cure che la soddisfazione del paziente.

Migliorando inoltre l’integrazione, si ottimizzano le risorse, riducendo gli sprechi e i costi dovuti a ricoveri inappropriati, esami duplicati e pareri discordanti, basati su informazioni parziali. Appropriatezza ed efficienza non solo migliorano la qualità della vita del paziente, ma permettono anche notevoli risparmi per il sistema nel suo insieme.

L’esperienza della pandemia COVID-19 ha evidenziato la necessità di un sistema sanitario integrato e reattivo.
L’integrazione tra ospedale e territorio è vitale per una rapida risposta alle emergenze sanitarie, permettendo un monitoraggio efficace e una gestione decentralizzata dei pazienti.

Per raggiungere questi obiettivi, occorre dunque un cambio di approccio, ovvero, mettere il paziente al centro del sistema e non la patologia.

Il rovescio della medaglia della estrema specializzazione della medicina è, tuttavia, il rischio di focalizzarsi sulla patologia e perdere di vista i bisogni della persona. Curare una frattura di femore nell’anziano, per esempio, non significa solo mettere una protesi, ma indagare le cause che hanno portato alla caduta, gestire una rapida riabilitazione per farlo tornare a camminare, assicurare un corretto apporto nutrizionale e verificare l’aderenza terapeutica, anche a domicilio.

L’obiettivo non deve essere infatti la qualità dell’intervento, ma la qualità della vita della persona.

Il paradigma della rete

Per questo cambio di paradigma è fondamentale ragionare in ottica di rete tra i professionisti sanitari e le diverse strutture. Ognuno con il suo ruolo e le sue specificità ma in grado di cooperare per raggiungere un fine comune. In quest’ottica abbiamo due livelli che permettono di raggiungere l’obiettivo, entrambi previsti nell’ambito dell’organizzazione delineata dal DM 77: livello organizzativo e tecnico.

Livello organizzativo:

  • centrali Operative Territoriali (COT): costituiscono il fulcro dell’integrazione, agendo come ponte tra gli ospedali e i territori. Per comprendere pienamente il loro impatto e le opportunità di miglioramento, è indispensabile un’analisi approfondita dello stato attuale di queste strutture;
  • ospedali di comunità;
  • case della salute;
  • infermiere di famiglia;
  • casa come primo luogo di cura.

Livello tecnico:

  • la telemedicina, elemento chiave in questo contesto, permette di evolvere le dinamiche di cura, rendendo possibili visite virtuali, consulenze e monitoraggio a distanza, superando le barriere geografiche e migliorando l’accesso alle cure;
  • l’evoluzione del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) verso la versione 2.0 apre nuove prospettive nella gestione condivisa e sicura delle informazioni sanitarie del paziente;
  • L’IoT (Internet delle cose), ovvero tutti i dispositivi indossabili collegati alla rete che permettono un monitoraggio 24 ore su 24 dei pazienti.

Su questa struttura di base vanno innestate le tecnologie emergenti, come l’intelligenza artificiale (IA), che promettono di rivoluzionare ulteriormente il panorama sanitario. L’IA non è solo un assistente nelle diagnosi, ma una forza motrice nella personalizzazione delle cure e nella prevenzione delle complicanze.

Adottare un paradigma di rete è essenziale anche all’interno delle aziende ospedaliere, creando delle strutture in staff trasversali ai dipartimenti sanitari che si occupano della continuità delle cure, sia nei percorsi interni all’azienda stessa che verso il territorio. Una rete di professionisti che supera il concetto di Dipartimento per mettere al centro i bisogni della persona e collegare le diverse strutture e professionisti necessari a garantire la loro soddisfazione.

L’importanza dell’interoperabilità

Sebbene il paradigma della “rete” sia insito nelle tecnologie stesse, non sempre queste
sono in grado di comunicare in maniera proficua tra loro. Questo limite è particolarmente presente nei sistemi informativi sanitari per una moltitudine di fattori, molti dei quali non tecnici:

  • concezione “a silos” dei sistemi;
  • difficoltà nell’innovare;
  • gestione dei dati sanitari;
  • resistenza al cambiamento;
  • opposizione dei fornitori;
  • scarsità di risorse interne.

I sistemi informativi sanitari sono spesso nati in epoche diverse, con scopi specifici e una personalizzazione estrema, creando così silos informativi che rendono difficile la comunicazione sinergica.

Il settore sanitario affronta inoltre vincoli di budget sempre più stringenti, e il fenomeno del lock-in (quella particolare condizione di monopolio di fatto per cui cambiare il fornitore di un software comporta costi e rischi eccessivi) impedisce l’adozione di nuove soluzioni a causa dei costi elevati, della formazione del personale e dei rischi di interruzione del servizio.

La corretta applicazione delle normative sulla protezione dei dati personali aggiunge ulteriori complessità, creando difficoltà nell’implementare sistemi interoperabili quando si trattano dati a maggior tutela come quelli sanitari.

Settori come la Pubblica Amministrazione spesso si scontrano con la resistenza al cambiamento, ostacolando l’adozione di nuove tecnologie che porteranno benefici nel medio e lungo termine ma, di fatto, nel breve termine stravolgono modelli e metodi di lavoro consolidati da decenni

Alcuni fornitori possono vedere l’approccio “API first” e l’interoperabilità come una minaccia o una porta di ingresso per aziende concorrenti in un settore in cui hanno avuto per anni un controllo praticamente esclusivo.

La mancanza di risorse interne alle aziende sanitarie, dedicate alla progettazione e, soprattutto, alla governance del cambiamento, è infine uno dei fattori che maggiormente rallenta la trasformazione digitale.

Il successo di questa trasformazione dipende fortemente dall’interoperabilità, ovvero la capacità dei diversi sistemi e servizi di “operare insieme” in maniera fluida e significativa, senza la necessità dell’intervento umano. L’interoperabilità è una condizione necessaria per rendere possibile la telemedicina e per garantire una continuità delle cure efficace ed efficiente. Permette infatti di “far muovere i dati e non i pazienti o i professionisti”, con un risparmio considerevole di tempi e costi.

L’intero processo deve essere dunque accompagnato dall’interoperabilità organizzativa, che va oltre la semplice connessione tra sistemi tecnologici. Coinvolge la collaborazione tra diverse entità, come ospedali, aziende territoriali, regioni e amministrazioni centrali.

Governo e ministero giocano un ruolo fondamentale nel facilitare l’adozione di standard e promuovere lo scambio di dati. La creazione di linee guida chiare e l’implementazione di politiche che incentivano la collaborazione e la condivisione dati sono essenziali per superare le barriere attuali e garantire un futuro in cui l’interoperabilità diventa la norma, facilitando così il progresso del sistema sanitario.

I fondi allocati dal PNRR per il Fascicolo Sanitario, la telemedicina e il COT non devono
essere visti come un mero adempimento per raggiungere target e milestone, ma come un investimento strategico per il sistema. Solo raggiungendo l’interoperabilità trasformeremo questi finanziamenti in un motore di progresso; in caso contrario, la manutenzione dei nuovi sistemi sarà l’ennesimo fattore di costo a pesare su un sistema già in crisi, senza apportare alcun beneficio.

L’interoperabilità, infine, fatta con le dovute regole, in applicazione al modello di
Interoperabilità italiano ed europeo (EIF) nel rispetto della protezione dati e dei più diffusi standard in ambito sanitario (HL7, FHIR), è la tecnologia che permette di valorizzare il patrimonio informativo, creando big data di qualità. Prerequisito per qualunque applicazione proficua dell’intelligenza artificiale.

Agenda Digitale 2020-2030

Astraendo dalla sanità, l’interoperabilità è uno dei pilastri dell’Agenda Digitale 2020-2030. La Commissione Europea, nella relazione di accompagnamento alla proposta di
regolamento “Interoperable Europe Act”, stima che l’interoperabilità può portare a risparmi nell’ordine di miliardi di euro alla Pubblica Amministrazione, oltre che concretizzare il principio dello “once only”, per cui la Pubblica Amministrazione non può richiedere al cittadino informazioni di cui è già in possesso (o l’amministrazione che gestisce il procedimento o una qualsiasi altra amministrazione).

L’importanza delle persone

Mentre le tecnologie avanzano, è fondamentale non trascurare l’importanza delle risorse umane. La formazione continua degli operatori sanitari è il pilastro su cui si basano le innovazioni.
Senza competenze non può esserci trasformazione digitale e quella delle competenze è la sfida principale per la Pubblica Amministrazione, in particolare, per il Servizio Sanitario Nazionale.
Non a caso, la Missione 6 del PNRR, specifica per il settore Salute, dedica un’importante quota degli investimenti alla formazione del personale sanitario e alla comunicazione nei confronti dei cittadini. La formazione infatti, per essere efficace, deve essere fatta a tutti i livelli:

  • professionisti sanitari: conoscere le possibilità offerte dalle nuove tecnologie e le minacce che queste comportano, per la sicurezza dei dati e per la salute stessa del paziente, se non usate con consapevolezza;
  • leadership: nessuna tecnologia, da sola, può essere utile senza rivedere i modelli di cura e di presa in carico dei pazienti. È necessario un cambio di prospettiva, una visione che metta l’utente, il paziente, al centro di ogni decisione, anche in ottica di co-progettazione e design thinking con associazioni di pazienti e reti di patologie;
  • caregiver: l’apporto dei caregiver e dei pazienti stessi per la telemedicina e il telemonitoraggio è fondamentale per il funzionamento del sistema;
  • cittadini: la trasformazione digitale è un processo che coinvolge tutti, dalla semplice consultazione di un referto, alla prenotazione di una visita specialistica, tutto passerà dalle nuove piattaforme digitali e dall’utilizzo dell’identità digitale.

Una popolazione che sappia utilizzare i nuovi strumenti in maniera consapevole, evitando le minacce della cyber criminalità, è fondamentale per mantenere il sistema sicuro e affidabile. Una cultura del cambiamento e della partecipazione, anche grazie alle piattaforme di comunicazione e collaborazione, è il cambio di passo necessario per la trasformazione digitale anche in ambito sanitario e, di conseguenza, per garantire la sostenibilità del sistema.

L’importanza dell’organizzazione

La nuova organizzazione del territorio tracciata dal DM77, gli investimenti del PNRR sulla sanità di prossimità, sul FSE 2.0 e telemedicina hanno come obiettivo principale quello di ridisegnare un sistema sanitario sostenibile per gli anni a venire, in uno scenario in cui cronicità e età media della popolazione saranno in costante aumento.
L’uso intelligente delle tecnologie, la semplificazione dei percorsi, la formazione continua e l’attenzione prioritaria alla sicurezza e alla privacy convergono verso un unico obiettivo: rimettere il paziente al centro dell’attenzione.

La tecnologia non deve essere un ostacolo o una barriera, ma uno strumento per favorire la creazione di una rete di supporto e di condivisione intorno al paziente.
Il cambiamento di paradigma, che vede come fulcro del sistema il paziente anziché la
patologia, richiede un’organizzazione che superi personalismi e soluzioni isolate,
abbracciando una visione multidisciplinare e transmurale. La trasformazione digitale deve essere supportata non solo da competenze tecniche, ma da una formazione a tutti i livelli, a partire dalla leadership.

La fiducia del paziente nella digitalizzazione e la tutela dei dati personali rappresentano elementi cruciali in questo scenario. Si rende indispensabile un approccio ‘by design’ alla sicurezza e alla privacy in tutte le fasi della progettazione.
La tecnologia è uno strumento, non è l’obiettivo. Solo con una maggior consapevolezza e cultura del cambiamento sarà possibile ridisegnare il sistema a partire dai bisogni del
paziente.

Solo creando modelli più efficaci e disegnati sui bisogni reali dei pazienti si può vincere la sfida della sostenibilità. E, allo stesso tempo, migliorare la qualità della vita delle
persone.

Bibliografia

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4