La Relazione del Garante

Garante, “La privacy non sia un lusso per pochi”: quali tutele contro il tecno-potere



Indirizzo copiato

Una relazione di alto spessore istituzionale, ma anche culturale, quella tenuta dal Presidente Pasquale Stanzione ed edificata sul binomio potere dell’innovazione/solitudine digitale. Una sintesi degli interventi portati avanti nel 2022 e delle sfide legate allo sviluppo inclusivo e umano-centrico del digitale

Pubblicato il 6 lug 2023

Rocco Panetta

Partner Panetta Studio Legale e IAPP Country Leader per l’Italia



nis 2

Attenzione a temi di frontiera come intelligenza artificiale, data economy e tutela dei minori da un lato, presidio costante sui grandi problemi delle società ipertecnologica, telemarketing in primis, dall’altro. Il tutto ricercando sempre il giusto bilanciamento tra tutela di diritti e libertà fondamentali ed esigenze del mercato. Così può riassumersi il 2022 dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, a poche ore dalla presentazione presso la Camera dei deputati della Relazione sulle attività svolte lo scorso anno.

Non c’è dubbio che il terzo mandato del Collegio composto da Pasquale Stanzione, Ginevra Cerrina Feroni, Agostino Ghiglia e Guido Scorza sia stato particolarmente intenso, complice anche la diffusa ripartenza dopo gli anni di freno causa Coronavirus. Proprio in un simile contesto di generale frenesia, questa Autorità, il suo Collegio e tutti i Dirigenti e i Funzionari che la compongono si sono dimostrati una fondamentale e insostituibile guida per cittadini e imprese, riuscendo così a rafforzare ulteriormente il legame di fiducia e il forte affidamento che società e mercato ripongono nel Garante.

Ed è proprio questa la parola d’ordine di questo anno, pronunciata dal Presidente Prof. Stanzione anche in inglese, a voler quasi indirizzare questo appello anche agli osservatori internazionali che con interesse e ammirazione hanno studiato e commentato i coraggiosi e pionieristici provvedimenti del Garante adottati nei riguardi di Replika e OpenAi, al fine di provare ad indirizzare questa fenomenale tecnologia basata su Intelligenza Artificiale Generativa verso il bene ed il servizio dell’uomo e fuori da ogni tentazione di potere e controllo fuori dalle regole e dall’etica.

Il 2022 del Garante in numeri

Sono innanzitutto alcuni dati numerici a dare un senso tangibile dello sforzo a cui l’Autorità è stata chiamata nel corso dell’anno di attività appena trascorso.

Sono stati infatti ben 442 i provvedimenti collegiali adottati del 2022, 317 quelli correttivi e sanzionatori, con circa 9 milioni e 500 mila euro di sanzioni riscosse. Nello stesso periodo, gli uffici del Garante hanno ricevuto 1.351 notifiche di data breach, hanno dato riscontro a 9.218 reclami e segnalazioni e fornito risposta a più di 16.400 quesiti. Nuovo impulso ha inoltre ricevuto l’attività ispettiva, con un numero di ispezioni (140) quasi triplicato rispetto a quanto registrato nel 2021.

Meritano poi di essere menzionati due ulteriori dati. Il primo riguarda la presenza internazionale del Garante. Con la partecipazione a oltre 216 riunioni e un rilevantissimo contributo in seno alle attività dell’European Data Protection Board, il 2022 conferma l’impegno di questo Garante per riportare la nostra Autorità al centro del dibattito internazionale, come accaduto al tempo di Stefano Rodotà e Giovanni Buttarelli. Il secondo attiene invece all’opera di informazione e comunicazione istituzionale, le cui prove e risultati sono sotto gli occhi di tutti, dimostrando così e ancora una volta l’importanza di poter contare su un’Autorità che sappia anche sensibilizzare ed educare.

Tutto questo sembra semplice e veloce per una Autorità che ci ha abituati all’eccellenza in oltre 25 anni di esercizio, ma così non è. Il Garante opera sottorganico da sempre. Di questo discutevamo sempre con Stefano Rodotà e Giovanni Buttarelli negli anni in cui ho lavorato da Dirigente in quell’Autorità – all’epoca del mio ingresso nel 2000 eravamo circa 50 tra funzionari e dirigenti – e da allora, sebbene l’organico si sia triplicato, le funzioni, soprattutto dopo l’entrata in vigore del GPDR sono cresciute esponenzialmente ed è palpabile, per chi opera in questo mercato, l’urgenza almeno di un raddoppio dell’organico, soprattutto in vista dell’imminente adozione dell’AI Act.

I principali interventi del 2022

Due sono le direttive sulle quali possono essere raccolti e ordinati gli interventi più rilevanti dell’Autorità nel corso dell’anno appena trascorso, anche tenendo conto della relazione di alto spessore istituzionale tenuta dal Presidente Pasquale Stanzione ed edificata sul binomio potere dell’innovazione / solitudine digitale («Dalla bioetica all’intelligenza artificiale, dai poteri privati delle piattaforme al cyberbullismo; dai discorsi d’odio all’oblio; dagli invisibili digitali della gig economy alla telemedicina: in tutti questi ed altri contesti il Garante fornisce il proprio contributo, a tutela di chi viva la solitudine digitale (per assenza di protezione, per asimmetrie cognitive, per necessità) come soggezione all’altrui potere»).

I provvedimenti d’urgenza emanati nei confronti di OpenAI e Replika

Il Garante ha innanzitutto dedicato una particolare attenzione ad alcuni temi di nuova emersione, intervenendo in certi casi addirittura con un approccio pionieristico a livello europeo. È il caso, ad esempio, dei due provvedimenti d’urgenza emanati nei confronti di OpenAI e Replika (così commentati dal Presidente Stanzione: «Nell’esigere il rispetto degli obblighi di trasparenza, di verifica dell’età e di liceità del trattamento, il Garante ha infatti potuto sollecitare l’attenzione (non solo europea) sulla necessità che il progresso non si affermi in danno della persona, limitandone la libertà e sacrificando i diritti sul terreno del mercato, ma promuova invece un ragionevole equilibrio tra iniziativa economica, innovazione, tutela della persona»), ma anche della sanzione comminata a Clearview. Tutti interventi che testimoniano la decisa e reattiva attività di controllo e tutela dei diritti messa in campo dall’Autorità in relazione all’impiego di algoritmi di intelligenza artificiale.

La tutela dei minori online

Allo stesso tempo, la tutela dei minori online è stata al centro di diversi provvedimenti, ivi inclusi alcuni di quelli appena citati, senza dimenticare la vicenda sulla pubblicità personalizzata di TikTok, rispetto alla quale emerge anche un altro grande tema di questi ultimi giorni.

C’è stata poi la partita ancora aperta sulla monetizzazione, rispetto alla quale è possibile rimandare integralmente alle parole del Presidente Stanzione: «Un’ulteriore criticità del capitalismo delle piattaforme riguarda la tendenza alla remunerazione del consenso al trattamento dei dati personali, assunto come parte di uno scambio tra dati e servizi. Il Garante se ne sta occupando, in particolare, nell’ambito dell’istruttoria, avviata lo scorso autunno, sull’uso dei cookie wall da parte di molte testate giornalistiche on-line, che subordinano l’accesso ai contenuti alla prestazione del consenso ad attività di profilazione o, alternativamente, al pagamento di un prezzo. Per non derubricare i dati personali, oggetto di un fondamentale diritto di libertà a mera risorsa economicamente sfruttabile, va delineato un confine tra data-economy e monetizzazione della privacy, con tutti i rischi, in termini di libertà ed eguaglianza, suscettibili di derivarne […]. Benché il modello capitalistico attuale (non meno “estrattivo” del suo archetipo) si fondi sempre più sulla deduzione dei dati nel sinallagma negoziale, bisogna evitare ogni deriva che renda la privacy un lusso per pochi, contraddicendo quel percorso che l’ha resa, da tradizionale prerogativa borghese, uno straordinario presidio di tutela di tutte e tutti, soprattutto dei più vulnerabili».

Un nuovo sistema di regole per il telemarketing

Affianco all’impegno, per così dire, di frontiera, nel 2022 l’Autorità ha continuato, e in certi casi persino intensificato, la propria attività di controllo, prevenzione e repressione su fronti tutt’altro che di nuova emersione. È il caso, su tutti, del telemarketing. Qui il Garante non si è limitato a portare avanti la propria instancabile attività ispettiva e sanzionatoria, a protezione dei diritti e delle libertà dei cittadini, ma si è posto in prima linea con i principali operatori di settore per costruire un nuovo sistema di regole volto ad arginare definitivamente il fenomeno del telemarketing aggressivo. È stato così approvato il nuovo Codice di condotta per le attività di telemarketing e teleselling, uno strumento di normazione secondaria che potrebbe presto diventare un nuovo standard per l’intero mercato di riferimento, che va ad aggiungersi agli altri due Codici di condotta vigenti nel settore delle informazioni commerciali ed in quello dei sistemi di informazioni creditizie – alla cui stesura, con estremo piacere ho contribuito.

Al contempo, il Garante ha mantenuto altissimo il livello di guardia sul mondo delle pubbliche amministrazioni e della sanità digitale, con fondamentali interventi incentrati anche sui trattamenti realizzati nel contesto lavorativo, nel settore della giustizia e in relazione alle attività di cronaca giornalistica.

Uno sguardo al futuro: le sfide che attendono il Garante

I dati raccolti nella Relazione annuale sulle attività del 2022, così come le parole pronunciate dal Presidente Stanzione, non lasciano dubbi sul fatto che questa Autorità si stia preparando al meglio per affrontare le sfide del futuro. Sfide politiche, tecnologiche, etiche e sociali, tutte accomunate dall’importanza della protezione dei dati personali.

Un futuro che è più prossimo che mai se si considera l’imminente approvazione del nuovo regolamento europeo sull’intelligenza artificiale. Questo inedito tassello normativo si aggiungerà ad altri già approvati, come il Data Governance Act, il Digital Services Act e il Digital Markets Act, o di prossima approvazione, come il Data Act o la recentissima proposta di regolamento che andrà a integrare il GDPR con nuove norme relative alle procedure di enforcement. Al netto della questione relativa a eventuali nuove competenze che questi regolamenti europei potrebbero attribuire all’Autorità, resta fermo che la disciplina sulla circolazione e protezione dei dati assumerà ancora più importanza per gli anni avvenire, rappresentando il punto fermo e il substrato comune di ogni legislazione tesa a governare il complesso fenomeno della data economy. Sul punto, ancora una volta, occorre richiamare le parole del Presidente Stanzione: «[…] se ieri si trattava di “democratizzare” la privacy, emancipandola dalla dimensione tradizionalmente borghese del right to be let alone, oggi la sfida è rendere questo straordinario diritto di libertà – con l’evoluzione che l’ha caratterizzato – protagonista di uno sviluppo inclusivo e umano-centrico del digitale. Con l’urgenza delle più forti istanze democratiche emerge infatti, progressivamente più chiara, la necessità di uno statuto, giuridico ma anche etico, delle neotecnologie, che ne promuova massimamente lo sviluppo, ma al servizio della persona, della solidarietà, dei diritti fondamentali».

E allora ecco che al centro del futuro sistema economico, sociale e regolatorio ci sarà e ci dovrà essere il Garante, magari proprio un “Garante dei Dati”, e non più il “Garante della Privacy”, perché ad esso cittadini e imprese guarderanno quale punto di riferimento responsabile, coerente e aperto al dialogo.

Conclusioni

La sfida più importante per l’Autorità oggi diventa allora quella di fare ancora e sempre più perno su questi essenziali attributi, perché da essi dipenderanno tanto la tutela dei diritti fondamentali dei cittadini quanto la stabilità e l’attrattività del mercato italiano e, più in generale, gli stessi valori fondanti la nostra democrazia.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3