acceleratore

La Nato alla prova delle tecnologie emergenti

L’acceleratore per l’innovazione, lanciato dall’Alleanza Atlantica, servirà a coordinare il lavoro di startup, ricercatori ed aziende tecnologiche, creando sinergie a supporto del settore della difesa e della sicurezza. Ecco come

Pubblicato il 15 Dic 2022

Luigi Lo Porto

ricercatore dell’Area Digitale&ICT di AWARE

diana nato

Nell’attuale scenario internazionale, lo sviluppo tecnologico ha un effetto diretto e prorompente sul settore della sicurezza. Dall’Intelligenza artificiale alle tecnologie quantiche, passando per le tecnologie spaziali e le biotecnologie, le Emerging and disruptive technologies (EDTs), hanno il potenziale di rivoluzionare il nostro stile di vita, il concetto di sicurezza e le pratiche ad essa connesse. Al fine di monitorare tali tecnologie, la Nato istituì nel giugno 2020 l’Advisory Group on Emerging and Disruptive Technologies. Questo gruppo indipendente, composto da 12 esperti nel settore selezionati dal mondo accademico e privato, è incaricato di fornire consulenza all’Alleanza su come ottimizzare i propri processi innovativi.

Neuroscienze e sicurezza: il progetto Inail per formare alla gestione del rischio

Nel suo primo report, l’Advisory Group invitava l’Alleanza a sviluppare un ecosistema dell’innovazione con l’obiettivo di creare sinergie fra pubblico, privato ed università nel campo dell’innovazione tecnologica. In particolare, si auspicava la creazione di una agenzia specializzata in EDTs sul modello della statunitense DARPA.

I primi passi di DIANA

La risposta della Nato non è stata la creazione di una DARPA dell’Alleanza, ma piuttosto di un acceleratore, il Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA), con un approccio che si auspica essere snello e orientato al mercato.

WHITEPAPER
Garantisci maggiore trasparenza dei tracciamenti nella Supply Chain, grazie all'Internet of Things
IoT
Industria 4.0

Il lancio di DIANA è stato concordato al Summit NATO del 2021 a Bruxelles. Successivamente la Charter of the Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic è stata approvata dagli alleati il 7 Aprile 2022 e la rete iniziale di test centres ed acceleratori è stata definita nell’ambito del Summit NATO di Madrid nel 2022.

Nelle intenzioni della Nato, DIANA servirà a coordinare il lavoro di startup, ricercatori ed aziende tecnologiche, creando sinergie a supporto del settore della difesa e della sicurezza. In particolare, DIANA lancerà dei Challenge Programmes a partire da problemi critici e concreti presenti nei suoi ambiti di azione, alla ricerca di quelle tecnologie capaci di avere un impatto profondo sulle capacità dell’Alleanza.

Le tecnologie e gli innovatori selezionati potranno contare su una rete di acceleratori e test centres messi a disposizione dagli stati membri su entrambe le sponde dell’Atlantico, su finanziamenti non diluitivi, su una rete di investitori accreditati, tutoraggio aziendale e sulla possibilità di stipulare contratti di sviluppo e adozione tra stati per le tecnologie duali sviluppate.

Di conseguenza, l’approccio della Nato alla ricerca tecnologica si è modificato in senso duale, andando a collaborare con le aziende private nello sviluppo di tecnologie per risolvere problemi relativi a difesa e sicurezza, le cui applicazioni nei settori civili permettono maggiori ritorni economici.

Lo stesso Advisory Group on Emerging and Disruptive Technologies ha affermato, infatti, nel suo ultimo report (Annual Report 2021, Nato) indica che la valutazione dell’efficienza di DIANA dovrebbe basarsi non solo sui successi riportati nei classici confini del settore della difesa ma anche sullo sviluppo di tecnologie le cui applicazioni risultino essere prevalentemente civili.

Le sfide

L’Advisory Group on Emerging and Disruptive Technologies identifica le principali sfide per DIANA:

  • Maggiore agilità e flessibilità rispetto alle altre entità Nato;
  • Sviluppo di una comunicazione efficace e trasparente;
  • Coordinamento con il resto dell’Organizzazione pur mantenendo una propria autonomia operativa necessaria per adattarsi alle sfide che l’innovazione tecnologica porrà.

I test centres

Uno degli aspetti cruciali di DIANA consiste nella rete di acceleratori e test centres che viene messa a disposizione degli innovatori selezionati. La rete comprenderà più di 9 acceleratori e 63 test centres distribuiti nei territori dell’Alleanza.

NATO sharpens technological edge with innovation initiatives

Immagine: NATO sharpens technological edge with innovation initiatives

I Paesi maggiormente rappresentati nella rete iniziale sono la Polonia, con sette test centres, e la Slovacchia, con sei test centres. L’Italia ospiterà un acceleratore a Torino presso la Città dell’aerospazio e le Officine Grandi Riparazioni, come comunicato per la prima volta dall’ex-sottosegretario alla Difesa, Giorgio Mulè, nell’ambito dell’Innovation Cybersecurity Summit il 28 aprile. La Città dell’aerospazio è un progetto che ha visto investimenti per oltre 1 miliardo di euro, in gran parte provenienti dal PNRR, che ambisce a portare 70 nuove imprese sul territorio e creare 2500 posti di lavoro. Ruolo dell’acceleratore sarà quello di coordinare ed incentivare la ricerca degli innovatori nazionali grazie ai bandi e ai fondi messi a disposizione dall’Alleanza.

A Capua, l’Alleanza intende affidarsi al già operativo Centro italiano di ricerche aerospaziali (CIRA), che si occupa sia di ricerca teorica di base che di sperimentazione tecnologica. A La Spezia, il Centro di supporto e sperimentazione navale (CSSN), si occuperà dei programmi di sviluppo scientifico e tecnologico della Marina militare e diventerà, nell’ambito Nato, un test centre per le tecnologie in ambito navale.

Spazio, un’arena di conflitto strategico per gli Stati: gli scenari di sicurezza e difesa

La sinergia con il NIF

Le attività di DIANA saranno supportate anche dall’Innovation Fund (NIF), fondo di venture capital multi-sovrano , con una dotazione finanziaria di 1 miliardo di euro. La decisione di istituire il NIF è stata presa al Summit Nato di Bruxelles nel 2021 mentre, la cerimonia di lancio e la lista degli Stati partecipanti, è coincisa con il Summit di Madrid del 2022.

Il Fondo intende fornire alle startup che sviluppano tecnologie duali nei settori ritenuti prioritari dalla Nato: fra questi Intelligenza Artificiale, big-data processing, tecnologie quantiche, biotecnologie, nuovi materiali, energia, propulsione e spazio.

Il NIF fornirà un supporto finanziario per un lasso di tempo più esteso di DIANA, segnatamente 15 anni, proponendosi come partner per lo scale-up delle imprese selezionate. La regia del fondo, riporta Wired.it, sarà affidata ad un consiglio indipendente composto da nove esperti, di cui tre provenienti dal mondo accademico, tre dal venture capital e tre dal settore della difesa.

Intelligenza artificiale, la grande speranza di sbloccare l’innovazione mondiale

I prossimi passi

Al momento DIANA è principalmente impegnata nella creazione del proprio apparato amministrativo. Entro fine anno si dovrebbe nominare il Direttore generale e poi sarà il turno della formulazione di piani d’azione specifici ogni due anni.

Nel 2023 ci saranno le prime tre gare, di cui la prima prevista per aprile, mentre importanti decisioni potrebbero essere prese al Summit Nato a Vilnius (Lituania) in programma l’11 e il 12 luglio 2023.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4