La proposta

Fascicolo Digitale del Cittadino: sì, no, forse

Le Regioni lanciano la proposta di Fascicolo Digitale del Cittadino come evoluzione del Fascicolo Sanitario Elettronico: un’ottima idea, a patto di fare (una volta tanto) le cose per bene

19 Mar 2015
Paolo Colli Franzone

presidente, Osservatorio Netics

bureaucrat-150220192751

Arriva dal CISIS, nell’ambito delle proposte avanzate dalle Regioni per accelerare la strategia governativa di Crescita Digitale, l’idea del Fascicolo Digitale del Cittadino (FDC).
Roberto Moriondo, rappresentante delle Regioni in seno al comitato di indirizzo dell’AgID, ce lo ha anticipato nei giorni scorsi: si può partire dal Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) e implementare un Fascicolo capace di “mettere insieme” una pletora di “fascicoli settoriali”.
Un’ottima idea, non c’è che dire. Lodevole e interessante, soprattutto sotto il profilo della potenziale semplificazione per il cittadino. Ma anche un’idea “terribilmente sexy” in quanto questo Fascicolo potrebbe diventare uno dei primi “grandi clienti” di SPID e dell’ANPR (anagrafe nazionale della popolazione residente).

Fascicolo digitale del cittadino, cos’è e perché Milano l’ha realizzato

LEGGI IL FASCICOLO DIGITALE DEL CITTADINO, PERCHE’ UNIFICARLO

Parafrasando il Dottor Frankestin, verrebbe da esclamare: “si può fare!”
Ed è sicuramente così: si può fare.

A patto di.

Far derivare il FDC dal FSE è un’ottima idea, anche se leggermente viziata da un eccessivo ottimismo.
Come ben sappiamo tutti, il FSE è qualcosa di ancora molto lontano dalla realtà quotidiana: esiste in tre Regioni (Emilia Romagna, Lombardia, Toscana) e in una Provincia Autonoma (Trento), e non si può certo affermare che sia utilizzato da milioni di cittadini. Nella migliore delle ipotesi, secondo le dichiarazioni delle Regioni interessate, stiamo parlando di piattaforme utilizzate da meno di un milione di utenti.

Stiamo parlando anche di piattaforme che – ad oggi, e al netto da buone intenzioni e progetti in corso – non sono assolutamente interoperabili fra loro: un lombardo non è in grado di far leggere il suo FSE a un medico toscano, e viceversa.
Stiamo parlando, inoltre, di piattaforme “datate” (Lombardia ed Emilia-Romagna sono partite più di dieci anni fa), progettate intorno all’accoppiata “PC – smart card” e ad una user experience “d’antan”.
Nella migliore delle ipotesi, si può affermare che il FDC potrebbe nascere facendo tesoro di un’esperienza progettuale significativa e dell’analisi degli errori (non pochi) commessi in oltre un decennio di FSE.

A partire dalla “madre di tutti gli errori”: considerare il FSE (e il FDC) come “un repository” significa perpetuare l’equivoco che ha ad esempio fatto fallire il primo progetto britannico di fascicolo.
E chi quotidianamente lavora all’interoperabilità dei FSE regionali italiani sa benissimo che il problema vero non è “far parlare repository diversi” (questo è facilissimo), quanto piuttosto “chiamare le cose allo stesso modo” e “organizzare i processi di erogazione dei servizi il più uniformemente possibile”.
Si parte dai processi e dalla semantica, quindi.
Se ci pensiamo bene, è proprio qui che le decine di grandi progetti di e-government hanno fallito: concentrandosi sugli aspetti meramente tecnologici facendo finta che “n” amministrazioni (con “n” piccolo a piacere) gestissero i processi in modo uniforme e con un “vocabolario” condiviso.
L’alternativa è quella di creare un FDC che in realtà diventa una sorta di “cassettone” all’interno del quale si immagazinano informazioni pluriscopo e multifonte. Alternativa che – si badi bene – può funzionare ottimamente, a patto di non concederle “virtù aggiuntive” ad esempio in termini di capacità di analisi  e di “predizione di bisogni”.

Dobbiamo quindi decidere: un FDC “contenitore” o un FDC “piattaforma”?
E ancora: un FDC davvero multiscopo (cittadino, studente, imprenditore, turista, utente dei servizi sociali, automobilista, ecc.) quante probabilità ha di vedere la luce in tempi rapidi?
Qualcuno se le ricorda, le riunioni convocate dall’allora Ministro Nicolais quando si parlava di unificare carta di identità, tessera sanitaria e patente?
Due mesi solo per mettere d’accordo le agende dei partecipanti. E poi, un delirio di paletti e distinguo. Non se ne fece nulla, ovviamente.

E infine: quanti FDC vogliamo realizzare? Uno per ciascuna Regione, come rischiamo di fare col FSE?

Ecco che il tema diventa il solito: la regia, le risorse, il trust fra le diverse amministrazioni.
Con un addendum: la focalizzazione verso quel povero Cristo di cittadino al quale vogliamo offrire uno strumento davvero utile.
Talmente utile – e qui parto con la provocazione – da poter persino pensare di chiedere al cittadino medesimo il pagamento di una fee (piccola a piacere) in cambio di un servizio concretamente percepibile in termini di valore.

In questo modo, il problema relativo alle risorse potrebbe diventare meno complesso, specialmente se le Regioni – una volta tanto – dessero vita ad un progetto unitario mettendo insieme fondi e competenze.

Ben venga il FDC, quindi. Sempre che non sia l’ennesimo “rilancio” a un tavolo da poker. Perchè intorno al tema della digitalizzazione della PA e della Sanità si è già creata sin troppa suspence.

Il momento in cui il cittadino (elettore, non dimenticatelo!) pronuncerà a voce alta il suo “Vedo!” si sta inesorabilmente avvicinando.
Non facciamo che poi avete in mano un tris di 7.

Regalo di Natale - Diego Abatantuono - Sfida a Poker (part 1°)

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2