PA digitale

La digitalizzazione a portata dei Comuni: il progetto DigiPalm della Regione Marche

Attraverso il progetto DigiPALM, l’Assessorato alla digitalizzazione della Regione Marche ha deciso di aiutare le municipalità a centrare gli obiettivi di digitalizzazione imposti dallo switch off del 28 febbraio. Il punto su traguardi e prossimi obiettivi

Pubblicato il 18 Mag 2021

Mirco Carloni

Vice Presidente Regione Marche

Responsabile transizione digitale

I piccoli comuni marchigiani, impegnati nella preparazione allo switch off digitale della PA scattato il 28 febbraio, avrebbero senz’altro avuto notevoli difficoltà senza un’attività di supporto e accompagnamento da parte della Regione. Per questo l’Assessorato alla digitalizzazione ha deciso di aiutare le municipalità tramite il progetto DigiPALM. La risposta dei territori marchigiani – dove, ricordiamo, 172 comuni su 232 sono realtà sotto i 5 mila abitanti – è stata quasi inaspettata, a testimonianza della necessità di un intervento in tal senso: 171 comuni (comprese 7 Unioni) hanno aderito in una settimana. Altri 16 hanno richiesto il supporto tecnologico della Regione in un secondo momento, pur avendo aderito al bando emanato successivamente da Pago PA per i singoli comuni.

Ora che il progetto DigiPALM è nella fase due, facciamo il punto sul ruolo della Regione Marche nel processo di digitalizzazione dei piccoli comuni e sui prossimi obiettivi.

PA Digitale, il flop del 28 febbraio: un brutto colpo alla credibilità istituzionale

Il ruolo di intermediazione della Regione Marche

Il ruolo di intermediazione non è nuovo per la Regione Marche, anticipando la necessità di facilitare gli enti locali nell’integrazione di sistemi, piattaforme e infrastrutture uniche con investimenti per circa 7,5 milioni di euro del POR/FESR 2014/2020 destinati al bando «Smart Government», al quale hanno partecipato 220 comuni marchigiani (il 93% del totale). Un importantissimo progetto che si sta concludendo e che ha portato all’armonizzazione dei sistemi degli enti locali inerenti al pagamento online verso le pubbliche amministrazioni (Mpay), la fatturazione elettronica (Intermedia Marche), la conservazione dei documenti digitali (polo di conservazione digip), i procedimenti online (Procedimarche) la diffusione del software libero (Sigmater e Good Pa).

EVENTO DIGITALE 23 marzo
Industry4.0, sfide, incentivi e tecnologie per un futuro in crescita. Ti aspettiamo online!
IoT
Manifatturiero/Produzione

Le future iniziative di transizione digitale delle PA del territorio previste per il prossimo settennio seguiranno la necessità di fare “rete”, tenendo conto sia della programmazione dei Fondi Europei 2021-2027 e degli assi di investimento riferiti a ICT e competenze digitali, sia dell’implementazione del progetto regionale «Borgo Digitale Diffuso», presentato alla Conferenza Regioni e Province Autonome a valere sul PNRR (Recovery Fund). Ed è proprio partendo da questa “rete” che, su forte impulso dell’attuale Giunta regionale e dello stesso vicepresidente, la P.F. Informatica e Crescita Digitale ha promosso azioni di comunicazione e informazione verso i comuni marchigiani, anche tramite specifici incontri con i capofila dei progetti a valere sul POR/FESR, al fine di stimolare e incentivare la partecipazione del maggior numero di enti del territorio e informare in maniera capillare anche le realtà più piccole.

Il progetto DigiPALM

La scadenza ha rappresentato una sfida colta con determinazione. Gli obiettivi previsti erano ambiziosi, se non altro per il limitato tempo a disposizione degli enti locali per colmare il divario nelle modalità di erogazione dei servizi digitali, già evidente solo pochi mese fa. I piccoli comuni avrebbero senz’altro avuto notevoli difficoltà senza un’attività di supporto e accompagnamento da parte della Regione. Per questo l’Assessorato alla digitalizzazione ha deciso di aiutare le municipalità tramite il progetto DigiPALM. La risposta dei territori marchigiani è stata quasi inaspettata, a testimonianza della necessità di un intervento in tal senso: 171 comuni (comprese 7 Unioni) hanno aderito in una settimana. Altri 16 hanno richiesto il supporto tecnologico della Regione in un secondo momento, pur avendo aderito al bando emanato successivamente da Pago PA per i singoli comuni.

In virtù dell’accordo con il Dipartimento Transizione Digitale (approvato con DGR n. 1512 del 14/12/2020), la PF Informatica e Crescita Digitale ha dunque provveduto a guidare gli enti verso lo «switch off» e l’integrazione dei servizi digitali locali con le piattaforme nazionali Spid, PagoPA e AppIO.

Alla data del 28 febbraio, in virtù degli obblighi e delle disposizioni di legge, nonché degli impegni concordati con le istituzioni centrali nell’ambito del progetto DigiPALM, i comuni marchigiani hanno attivato due nuovi servizi di pagamento on-line attraverso il sito web o l’app mobile dell’ente (modalità 1) e tramite i canali fisici o virtuali dei sistemi bancari, postali o di altri intermediari quali Lottomatica (modalità 3); un nuovo servizio di notifica di pagamento, a seguito della sottoscrizione del contratto di adesione alla piattaforma AppIO; il sistema d’accesso tramite SPID (sistema pubblico nazionale di identità digitale). Alla data di scadenza stabilita, sono stati attivati 585 nuovi servizi di pagamento per 169 comuni e ulteriori 21 per le 9 Unioni di Comuni. Oggi la maggior parte dei cittadini della Regione, per il saldo degli avvisi di pagamento resi disponibili tramite la piattaforma Mpay, possono utilizzare il cosiddetto «modello 3», ovvero l’avviso stampabile e pagabile sui circuiti bancario, postale, bancomat, atm e tabaccherie. Inoltre, Regione Marche ed Ufficio Speciale Ricostruzione hanno inteso attivare sull’AppIO un servizio di notifica circa lo stato di avanzamento delle pratiche di ricostruzione post sisma presentate da cittadini e professionisti. Per 178 Comuni risulta attivo almeno un servizio, ad erogazione diretta o mediante una piattaforma di aggregazione quale lo Sportello Unico alle Attività Produttive (SUAP), accessibile con credenziali SPID o CIE-ID (Carta d’Identità Elettronica), tipicamente grazie all’avvenuta federazione con il sistema regionale di autenticazione Cohesion (SAML2). Il vicepresidente Carloni si è mostrato soddisfatto dei risultati del progetto: «Questo è un passo avanti sostanziale per il sistema dei servizi pubblici marchigiani. I comuni contribuiranno a rendere funzionale questo nuovo servizio ormai essenziale per i cittadini.

La fase due del progetto

La fase 2 del progetto DigiPALM prevede entro la scadenza del 31 dicembre 2021 la migrazione e l’attivazione di almeno il 70% dei servizi di incasso erogati dai comuni, tra quelli censiti nella tabella «Tassonomia dei servizi di Incasso», e la migrazione e l’attivazione di almeno 10 servizi digitali sull’AppIO. Per raggiungere gli obiettivi finali e completare il passaggio di transizione, la P.F. Informatica e Crescita Digitale sta mettendo in campo azioni di accompagnamento per il coordinamento organizzativo degli enti locali aderenti e dei loro fornitori di servizi digitali, l’aggiornamento delle tassonomie sui pagamenti online, la formazione di utenti pilota e gestori (a distanza, attraverso le piattaforme a disposizione della scuola di formazione regionale: Marlene e GoToWebinar, e quando sarà possibile in presenza), la disseminazione dei risultati, sondaggistica e altre attività per il coinvolgimento attivo dei cittadini.

L’obiettivo finale e ambizioso del progetto è raggiungere tutti i marchigiani, dando valore di sistema per le altre Regioni, incentivando la possibilità di riuso delle piattaforme e valorizzando il «Sistema Paese» nell’ottica di una graduale unificazione dei servizi per tutti gli abitanti, dalle metropoli ai più piccoli comuni montani.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3