AGID

PA digitale, basta fare gli snob: bisogna ripartire dalle persone

Se i cittadini non conoscono i propri diritti, sarà difficile che qualcuno possa farli osservare. Uno dei limiti del nuovo piano triennale Agid è proprio quello di non mettere al centro il cittadino, continuando ad adottare un approccio elitario. Ecco perché il digitale non è ancora in grado di risolvere i nostri problemi.

07 Giu 2019
Andrea Lisi

Coordinatore Studio Legale Lisi e Presidente ANORC Professioni

digital_rights_2

Il nuovo Piano triennale per l’informatica nella pubblica amministrazione Agid ancora non sembra mettere al centro quello che dovrebbe essere il vero punto nevralgico di tutto il processo di trasformazione digitale: le persone.

L’approccio al digitale, insomma nel nostro Paese è ancora velatamente elitario e tecnocentrico quando invece dovrebbe partire dal “basso”, ossia dalla semplificazione e razionalizzazione giuridica, normativa, manageriale, culturale e solo dopo tecnologica.

Solo educando i cittadini, rendendoli edotti dei loro diritti in campo digitale nei confronti della pubblica amministrazione, rendendoli – in una parola – consapevoli, si potrà puntare sul decollo dei servizi come leva del cambiamento.

Un nuovo approccio – che è quanto abbiamo provato a trasferire con l’evento DIG.Eat – servirà anche all’Europa per ricalibrare le normative sulla “privacy su aspetti finora trascurati e che attengono allo strapotere delle piattaforme online.

DIG.Eat 2019, il lato oscuro del digitale

“People have the power” con questo ritornello Patty Smith, la poetessa del rock, irrompeva negli anni ’80 nelle classifiche mondiali, incoraggiando la presa di coscienza da parte delle persone e istigando il potere decisionale delle masse. Un accenno musicale non poteva d’altronde mancare, sulla scia delle forti suggestioni ed emozioni provocate dalla XII edizione del DIG.Eat che ha riscosso un grande successo presso il Teatro Eliseo di Roma lo scorso 30 maggio ed è riuscito nell’intento di “raccontare, attraverso un occhio irriverente, il lato oscuro del digitale”, diffondendo la convinzione che la società debba sforzarsi di uscire dall’oscurità per andare verso nuove dimensioni più “umane”. Non possiamo non riflettere, infatti, sul fatto che – come è emerso durante l’anti-evento romano – siamo oggi in presenza di un immenso, terribile potere che è in grado di schiacciare tutto, sottomettere e controllare singoli individui o peggio interi popoli, specie se mansueti e ammaestrati a colpi di “interazioni social”.

Il controllo dei poteri sovranazionali

Ignorare questo approccio equivale a chiudere gli occhi sul presente.

In un contesto socio-economico come quello attuale, in cui viviamo su Google (del resto oggi se non sei su Google non esisti), gestiamo il nostro business su Amazon (che ridisegna ogni giorno e inesorabilmente le nostre abitudini di acquisto) e conversiamo in modo ossessivamente intimo su Facebook (e pochi altri social), siamo direttamente noi stessi a consegnare il nostro patrimonio personale e informativo nelle mani di pochi, grandi player IT.

WHITEPAPER
Coinvolgi i tuoi dipendenti con una formazione che guardi alle loro esigenze, ecco come!
Risorse Umane/Organizzazione
Competenze Digitali

Si tratta di enormi imperi economici sovranazionali in grado di imporre il proprio controllo attraverso le tecnologie digitali, posizionando strategicamente propri chairman come modello commerciale. Ed è avvenuto in fin dei conti anche da noi: non è un caso, infatti, che l’Italia abbia avuto, per anni, Diego Piacentini, l’allora vice di Bezos, seduto a occupare il posto di Commissario Straordinario per il Digitale. Non possiamo dimenticarlo e non riflettere su questo.

Come potrebbe non essere un semplice caso che oggi la stessa Amazon si sia posizionata in Italia sul mercato cloud per le PA e che magari abbia tra le sue fila persone che nel recente passato rivestivano importanti ruoli istituzionali nell’Agenda digitale italiana. Ma l’esempio di Amazon – sia chiaro – può valere per una qualsiasi delle grandi sorelle IT, oggi in grado di controllare le nostre esistenze digitali. Del resto, le economie europee e nazionali rischiano di piegarsi inesorabilmente di fronte alle incredibili pressioni economiche di chi detiene dati e informazioni e con essi ha costruito il suo impero.

Durante il Digeat 2019, Giovanni Buttarelli, European Data Protection Supervisor, ha dichiarato che – considerata l’evoluzione delle tecnologie – “l’Europa deve già iniziare a pensare di ridisegnare l’intero scenario normativo legato alla nostra privacy, perché spariranno i concetti di dato personale e di dato anonimo e si parlerà solo di informazione”. Occorrerà, secondo Buttarelli, occuparsi di più degli aspetti sociali, economici, collettivi perchè non è possibile che il benessere, il tornaconto, il vantaggio siano solo nelle mani di tre o quattro operatori commerciali. Questo, a prescindere dall’invasione sulla privacy, è un problema (appunto) di potere.

Mettere il cittadino al centro

In altre parole, occorre aiutare il cittadino a pretendere di essere il soggetto primario dal quale partire nelle strategie nazionali di natura digitale: la memoria digitale, la protezione dei dati personali, come la sicurezza informatica oggi sono (o dovrebbero essere) riconosciute emergenze nazionali ed europee alle quali rimediare con efficacia.

E non posso quindi che condividere appieno quanto sostenuto dall’attuale Commissario per l’attuazione dell’Agenda Digitale, Luca Attias[1], nel momento in cui ha ricordato che l’Italia è un Paese in continua emergenza, occupazionale, di emigrazione, di qualità, di immigrazione, di criminalità organizzata, di evasione fiscale, di corruzione. Ma esiste un’altra emergenza, trasversale a tutte le altre e pervasiva, ed è l’unica che, se affrontata strutturalmente, può aiutarci anche in tutte le altre: quella digitale. Ma l’emergenza digitale va trattata con intelligenza e non con eccessiva fretta, adottando facili scorciatoie. E le scorciatoie non possono essere solo tecnologiche, magari confidando nell’usabilità delle soluzioni IT offerte “gratuitamente” o a buon mercato proprio dai grandi player IT che rischiano di schiacciarci come individui e come Stati.

Cosa manca nel piano triennale Agid

A livello nazionale, il Piano Triennale dovrebbe essere lo strumento chiave – il più possibile chiaro e operativo – di quest’opera di salvaguardia, utile così a promuovere la trasformazione digitale dell’amministrazione italiana e del Paese facendola ruotare intorno ai diritti del cittadino nell’ecosistema digitale. Nel nuovo Piano Triennale per l’informatica nella PA 2019-2021 stilato da AGID non può non riconoscersi lo sforzo profuso nel razionalizzare una materia complessissima (specularmente pachidermica alla situazione in cui versa la nostra PA). Tuttavia, qualcosa “manca” e forse si tratta proprio della lettura dettagliata della PA, di ciò che essa è nelle sue articolazioni più complesse e soprattutto nella sua componente più umana.

Si incontrano moltissimi slogan corretti, parole d’ordine efficaci, ma poco che possa davvero raccogliersi tra le dita della mano e che possa rassicurare il futuro digitale del nostro Sistema Paese. Per carità, non solo pessime notizie e sul riuso, ad esempio, stiamo muovendo dei passi importanti ed è giusto ricordarlo. Ma la sensazione è che ancora ci sfugga qualcosa e che in mano continuiamo ad avere poco di concreto.

Per alcuni continuano a mancare le sanzioni, ma è giusto affidare le strategie digitali del nostro Paese – mentre affonda nelle sabbie mobili di poteri digitali incontrollati – alla maledetta e semplice paura di una sanzione esemplare?

Sicuramente nel Piano Triennale 2019-2021 si è approfondita di più rispetto al passato la materia della gestione documentale, della conservazione ed è anche teoricamente corretto (pur se poco praticabile) l’approccio alla figura del “manager della transizione digitale” ex art. 17 del CAD. Non c’è nulla di sostanzialmente “sbagliato” nel documento che, con pazienza, va letto nelle sue circa 300 pagine di riepilogo su ciò che oggi è l’Agenda Digitale nel nostro sistema Paese.

Il Piano è, infatti, una completa e sintetica mappatura di ciò che c’è e si deve proseguire a fare (e infatti esso è in continuità con il Piano precedente…e per una volta si è deciso di non buttare tutto all’aria), dalla normativa minuziosamente citata (forse per trovare un appiglio di coraggio in ogni affermazione scritta), alle basi di dati, ai data center da razionalizzare, alle piattaforme abilitanti, dai poli strategici nazionali fino alla fede cieca verso il cloud.

Tecnologia innovativa, insomma, al servizio di concetti correttissimi come accessibilità, usabilità, riuso, interoperabilità, open source, e ovviamente sicurezza informatica (ricordando che ancora non abbiamo le regole tecniche per la sicurezza ICT delle PA previste da oltre 15 anni dall’art. 51 del CAD, pur se – con un certo imbarazzo – si sottolinea che almeno in soccorso c’è la buona, ma non sufficiente, circolare AGID n. 2 del 18 aprile 2017[2]). Ma resta un ma di fondo…

Meno speculazione, più contaminazione

Non potrà mai esserci una piena partecipazione democratica elettronica come sognata dall’art. 9 del Codice dell’amministrazione digitale, se non compiamo lo sforzo collettivo di credere davvero nella contaminazione culturale, lasciando da parte le aride speculazioni tecnologiche che non fanno altro che lasciar terreno fertile ai grandi player IT.

Insomma, vanno bene SPID, Cloud, ANPR, PEC, CIE, PSN e così via. Ma la chiave è (ri)mettere al centro la persona, generando consapevolezza diffusa anche sui rischi del digitale, oltre che sulle opportunità. Questo potrà (forse) alimentare esigenze di trasparenza e anche richieste di maggiore sicurezza e magari (finalmente) si inizierà anche a riflettere un po’ di più sui rischi insiti in una semplicistica centralizzazione.

Per concludere, un Piano di trasformazione digitale della PA dovrebbe porre al centro non la tecnologia, ma le persone accostandole a questi termini: alfabetizzazione, formazione e specializzazione. Poi a ruota seguirebbe tutto il resto. In modo finalmente consapevole[3].

Del resto, se i cittadini non conoscono pienamente i propri diritti in una dimensione digitale, sarà difficile che qualcuno possa farli osservare. E invece un cittadino consapevole sa anche apprezzare la stessa trasparenza che altrimenti rischia di essere un ricco e copioso dovere compilativo di cui nessuno si interessa. Come purtroppo sta accadendo oggi.

__________________________________________________________________

  1. Nel corso dei lavori del DIG.Eat 2019.
  2. In realtà, in passato di questi temi pur si discuteva e si producevano utili documenti, come proprio – ad esempio – delle Linee Guida AGID sulla Sicurezza ICT del 2006, documento oggi introvabile, se non su un vecchio sito di raccolta giuridico-informatica ormai dismesso (e da me fondato molti anni fa), e in nostro possesso grazie alle ricerche attente di Giovanni Manca che ringrazio.
  3. Quello italiano infatti è un problema di consapevolezza e i dati restituiscono specularmente questo deficit nei riguardi del digitale: nel Transparency International (l’indice di Percezione della Corruzione 2018) l’Italia occupa il 53° posto su 180 Paesi nel mondo, mentre nel DESI (Digital Economics Society Index) l’indicatore attraverso il quale la Commissione Europea misura il livello di attuazione dell’Agenda Digitale di tutti gli Stati membri l’Italia si posiziona al 25° posto fra i 29 Stati membri dell’UE: la correlazione tra questi due ranking è quasi pari all’unità. Emerge dunque chiaramente la trasversalità del “problema” digitale.

WHITEPAPER
8 benefici dell’hybrid work che faranno bene al tuo business
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4