servizi digitali in Regione

PA digitale in Puglia, azioni e obiettivi in vista del Recovery Plan: focus su competenze e formazione

Formare, semplificare, condividere: sono le parole d’ordine della transizione digitale in Puglia, avviata qualche anno fa. Ora è il momento di fare il punto e programmare azioni che rendano possibile una trasformazione che vada oltre la dotazione tecnologica e punti sulle persone, le loro professionalità e competenze

01 Apr 2021
Alessandro Delli Noci

Assessore allo Sviluppo economico, Politiche internazionali, Ricerca industriale, Energia, Innovazione e Politiche giovanili della Regione Puglia

pa digitale1

Quello della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e delle imprese è un tema all’ordine del giorno nell’agenda dell’attuale governo. Lo ha ribadito il ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao e lo testimoniamo – tra le altre cose – i 35 milioni di euro del Decreto Sostegni destinati a colmare il digital divide nelle regioni del Mezzogiorno.

La rivoluzione digitale in Puglia

La rivoluzione digitale però, con i suoi stop e le sue ripartenze, è stata avviata in Puglia qualche anno fa. Lo testimoniamo i numerosi interventi infrastrutturali, quelli per l’implementazione della rete a banda larga così come il processo avviato nei Comuni pugliesi finalizzato a dare impulso al processo di transizione digitale e al raggiungimento degli obiettivi prefissati dalle normative vigenti.

dIGITAL TALK
Droni, AI, Machine Leraning: l'esperienza di Terna sulla transizione energetica

La Regione Puglia a gennaio 2019 ha sottoscritto un Accordo con l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e l’Agenzia per la Coesione Territoriale (ACT) un “Accordo di collaborazione per la crescita e la cittadinanza digitale nella regione Puglia”, con il quale si impegna ad assumere il ruolo di Soggetto Aggregatore Territoriale per il digitale. A questo accordo, ha fatto seguito l’approvazione del Programma “Puglia Digitale”, il quale rappresenta lo sviluppo proiettato nei prossimi tre anni, proprio in chiave di supporto al territorio, delle innovazioni digitali realizzate negli anni precedenti con il Programma “Puglia Login”, recentemente riconosciuto da ACT come “Best Practice” nazionale di attuazione degli obiettivi dell’OT2 della programmazione 2014-2020.

La Puglia digitale al tempo del coronavirus: “Così siamo arrivati preparati all’emergenza”

Affiancare, sostenere e formare i comuni nel processo di digitalizzazione è stato l’obiettivo del progetto “Innovazione Enti Locali della Regione Puglia”, attualmente in corso, finalizzato ad accelerare le procedure, previste dalla normativa nazionale, per la trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione.

Sono stati 133 i Comuni che hanno delegato la Regione alla gestione diretta delle risorse dell’apposito “Fondo Innovazione” del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, fondo attraverso il quale, con il supporto e l’assistenza degli uffici regionali, i Comuni hanno potuto espletare le attività necessarie per rendere accessibili i propri servizi attraverso SPID,  a portare a completamento il processo di migrazione dei propri servizi di incasso verso la piattaforma pagoPA e a rendere fruibili ai cittadini i propri servizi digitali tramite l’App IO.

L’occasione del Recovery plan

Questo processo, che ci ha portato a incontrare e ad ascoltare molte volte gli amministratori pubblici, ci ha consentito di conoscere in maniera approfondita quali sono le difficoltà e quali le criticità che rallentano il processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Informazioni di cui tenere conto se vogliamo favorire in maniera concreta la trasformazione digitale della nostra regione e rendere i servizi ai cittadini e alle imprese veramente innovativi. Il Recovery plan ci offre l’occasione di fare il punto e di programmare azioni che rendano possibile una rivoluzione digitale che non deve passare solo dalla mera dotazione tecnologica ma dalle persone, dalle loro professionalità e dalle competenze. A questo proposito, come ho avuto modo di sottolineare nel primo incontro del Tavolo tecnico nazionale per la transizione digitale, organizzato dal Comune di Milano alla presenza del Ministro Colao, la vera rivoluzione digitale nella Pubblica amministrazione passa dall’assunzione di nuove figure professionali con competenze digitali.

Dati aperti e trasparenza per gli aiuti: così la Puglia affronta il Covid-19

Competenze digitali e formazione

Al fine di ripensare i processi è indispensabile avere delle figure con comprovate competenze digitali che rivoluzionino dall’interno la pubblica amministrazione. Si tratta di figure professionali che possono svolgere funzioni trasversali ed essere impegnate anche in funzioni amministrative. È necessario, pertanto, definire nuovi profili professionali che, oltre a tener conto delle specificità delle singole amministrazioni pubbliche e soprattutto locali, devono poter essere condivisi e partecipati da tutta la PA, e quindi definiti attraverso standard nazionali ed europei che si basino giocoforza su un sistema di riconoscimento, validazione e certificazione delle competenze.

L’Italia ha recepito per prima le indicazioni fornite dalla Commissione Europea attraverso il framework e-CF (European Competence Framework) e, con la norma UNI 11506:2013, ha efficacemente definito le competenze digitali specialistiche, stabilendo requisiti di conoscenza, skills e buone pratiche. Ora occorre introdurre tutto questo nella PA.

A questo si aggiunge la formazione destinata a tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione. Perché sia offerta a tutti i comuni di tutte le dimensioni la stessa opportunità è necessario cooperare, condividere, al di là delle esigenze del singolo ente. Occorre semplificare le procedure perché siano alla portata di tutti e rendere protagonisti del processo di formazione e condivisione gli stessi cittadini e le imprese, che solo attraverso la pandemia hanno scoperto di poter accedere ad alcuni servizi senza il bisogno di recarsi negli uffici comunali e affrontare traffico, file, disagi.

Conclusioni

Tra gli obiettivi che ci poniamo nel processo di digitalizzazione della Puglia non vi è solo quello di facilitare il lavoro delle imprese che si rivolgono alla Pubblica amministrazione ma di mettere le stesse imprese nella condizione di essere connesse nel migliore dei modi possibili. Per questo motivo nel piano della banda ultra larga finalizzato a coprire le cosiddette aree bianche abbiamo chiesto che per il 2021 si predisponga la progettazione e si avviino i lavori nelle aree industriali assicurando connettività ad almeno 30 Mbps.

Formare, semplificare e condividere: sono questi gli obiettivi che ci poniamo per una Puglia Digitale, per rendere la scelta dei servizi digitali l’unica possibile. La nostra sfida è quella di lanciare a breve un nuovo Piano per la transizione digitale, in linea con le indicazioni nazionali, in grado di coinvolgere tutti i portatori di interesse.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2