IL SONDAGGIO

“Una politica industriale per la crescita digitale”: la richiesta degli esperti al Governo

Primo dei due articoli in cui è suddiviso il report con il nostro sondaggio a 35 esperti. Sostanziale condivisione dei settori dove è più urgente la definizione di una politica industriale, e anche sugli strumenti che il governo dovrebbe utilizzare per incentivare la crescita digitale e l’innovazione del mercato italiano

17 Nov 2015
ripresa-crescita-111212151931

Dopo la discussione scaturita dalle nostre valutazioni sulla necessità di una politica industriale per il digitale, abbiamo proposto la stessa riflessione agli esperti che collaborano più frequentemente con AgendaDigitale.eu. Hanno risposto alle nostre domande in trentacinque, di varia provenienza, ma con una prevalenza di attori istituzionali (14) e dalle imprese (8), oltre che dalla politica (4), dal mondo dell’education (6) e da associazioni della società civile (3). Ne sono scaturiti degli spunti di riflessione molto interessanti, a tal punto che abbiamo pensato di suddividere in due articoli il report sui riscontri ricevuti, uno (questo) focalizzato sulle valutazioni e un altro (che pubblicheremo nei prossimi giorni) in cui cerchiamo di integrare le ricche e interessanti riflessioni dei nostri esperti, soprattutto in tema di ostacoli da superare, provando anche una sintesi per una proposta di approccio per una politica industriale per la crescita digitale.

Necessità di una politica industriale

La prima domanda chiedeva una valutazione della politica industriale attuale rispetto alle esigenze della crescita digitale nazionale, proponendo una scala di giudizi da 1 a 5 (da del tutto insoddisfacente a del tutto soddisfacente). Qui la risposta prevalente (50%) si è assestata sul giudizio intermedio, con il 47% di giudizi negativi e solo 1 esperto con un giudizio positivo.

Segno evidente di una diffusa percezione che i margini di miglioramento sono molto pronunciati e che quindi è utile e opportuno approfondire il tema. E così abbiamo fatto.

Quali sono i settori strategici

Con le due successive domande abbiamo proposto pertanto di entrare nel merito, chiedendo di specificare i settori che si ritenevano strategici e, rispetto a questi, di esprimere una valutazione sull’adeguatezza della politica industriale già definita. Sottolineando, allo stesso tempo, cosa intendessimo per politica industriale, definendola comel’insieme strutturato di interventi (policy, programmi e strumenti) deciso e organizzato dal soggetto pubblico, finalizzato ad influenzare il sistema industriale secondo direzioni, tempi ed entità diversi da quanto sarebbe avvenuto in assenza degli interventi stessi, per perseguire finalità di carattere micro e macro-economico e sociale”.

Basandoci sugli studi e sulle proposte maggiormente diffusi, abbiamo proposto otto settori da valutare primariamente (Abbigliamento, Agricoltura, Education, Energia, Information Technology, Manifatturiero, Telecomunicazioni, Turismo), lasciando naturalmente la possibilità di aggiungerne altri. Solo 4 esperti hanno segnalato l’opportunità di estendere i settori da considerare strategici, in particolare includendo la Sanità, la Ricerca (come settore a sé stante, soprattutto su nuovi materiali, algoritmi, batterie, sistemi di logistica), e anche proponendo un diverso punto di vista “ le politiche industriali ‘settoriali’ tendono ad essere distorsive. Meglio politiche ‘fattoriali’ che operano sui fattori abilitanti di un’economia: istruzione, pubblica amministrazione, fisco”.

Le risposte, come si rileva anche dal grafico qui sotto presentato, sono state molto convergenti sull’identificare, come settori strategici di una politica industriale per la crescita digitale (nell’ordine, tutti con segnalazioni oltre il 40%), Information Technology, Education, Telecomunicazioni, Turismo, Manifatturiero, Energia.

Interessante quindi la valutazione correlata rispetto alla priorità di definizione di una politica industriale nei settori strategici, naturalmente conseguenza di una valutazione negativa sulla politica attuale. In questo caso si abbassano (di poco) le percentuali e cambia, solo per un settore, anche l’ordine: Information Technology, Education, Turismo, Telecomunicazioni, Manifatturiero, Energia. Con l’eccezione del settore Telecomunicazioni, infatti, la maggioranza di chi identifica un settore come strategico ritiene anche che sia necessario intervenire su quel settore per una migliore definizione della politica industriale.

Siamo passati così all’approfondimento conseguente, cercando ancor di più di entrare nel merito della politica industriale che si propone.

Quali tipologie di intervento

Naturalmente senza pretendere di poter esaurire il tema o di portarlo su un piano già progettuale, abbiamo cercato di comprendere in che modo si pensava di comporre gli interventi di politica industriale sui settori strategici per la crescita digitale.

Come sempre, abbiamo proposto alla valutazione alcune delle tipologie di intervento più note, lasciando comunque lo spazio per integrazioni.

Come si rileva dal grafico, c’è un’altissima convergenza sulle semplificazioni normative e burocratiche (89% di giudizi positivi), seguite da supporto alla costruzione di ecosistemi di innovazione (72%), incentivi e decontribuzioni (70%) , mentre sono contrastanti le valutazioni sugli investimenti diretti del settore pubblico per la fornitura di servizi e infrastrutture per l’innovazione del settore strategico, per cui al 67% di giudizi positivi si contrappone il 14% di giudizi esplicitamente negativi.

Su questo fronte sono interessanti le diverse proposte di integrazione, che consentono di delineare meglio i tipi di intervento su cui costruire una politica industriale. Ecco qui una breve sintesi di alcune delle proposte, che ampliano o dettagliano le tipologie presentate:

  • incentivi verso Start-up innovative (Andrea Penza);
  • riduzione drastica dei tempi della giustizia aumentandone la capacità dissuasiva;
  • partnership pubblico privato;
  • contratti di Programma;
  • digital Bond pubblici a sottoscrizione finalizzata (Antonello Busetto);
  • definizione di standard di interoperabilità utili alla creazione di ecosistemi digitali, senza però che le PA si sostituiscano alle imprese private con piattaforme pubbliche (Edoardo Colombo);
  • supporto alla definizione di distretti territoriali, e sviluppo di sinergie con centri di ricerca/università (Marco Bani);
  • allargamento del mercato, cessando progressivamente il supporto ai grandi gruppi per favorire imprese nuove (Enrico Consolandi);
  • definizione quadro normativo stabile e semplificato (Andrea Lisi, Enrico Consolandi);
  • utilizzo di un approccio strutturato con la definizione di un Piano Strategico, di una campagna di comunicazione a sostegno del piano e dei risultati ottenuti, la costituzione di team di execution e di un responsabile della realizzazione del Piano (Stefano Pileri);
  • in un’ottica di obbligatorietà delle soluzioni digitali, incentivi alla migrazione, all’utilizzo e quindi allo switch-off delle modalità tradizionali di interazioni (Rossella Lehnus);
  • ammortamento abbreviato per investimenti in tecnologie ad alto valore aggiunto (Cristina Bargero);
  • reti d’impresa per le PMI con supporto ICT embedded;
  • riduzione tariffaria per chi usa pagamenti elettronici;
  • servizi online della PA come killer application: significativamente meno costosi rispetto a quelli analogici, semplici, sempre disponibili (Carlo Mochi Sismondi);
  • promozione dell’incontro tra “clienti”: aziende, scuole …in modo che gli sviluppi siano fatti su una vision sullo sviluppo nei prossimi anni (Giovanni Biondi);
  • piattaforme di scambio di offerte e richieste (Valerio Eletti);

Gli interventi che però vengono sottolineati in modo diffuso come indispensabili sono quelli che riguardano lo sviluppo delle competenze e, in particolare, investimenti in cultura e conoscenza (Alessandro Perego), sostenendo le attività di ricerca e sviluppo, ma anche investendo sulla formazione (Piero Dominici, Paolo Ferri), nella scuola e nell’università, per poter offrire una nuova classe dirigente aperta all’innovazione e all’internazionalizzazione (Gianluigi Cogo), e anche formando “evangelisti” del digitale in ambito scolastico, universitario e PMI (Valerio Eletti) e diffondendo nelle imprese cultura sulle possibilità offerte dalla gestione documentale (Patrizia Saggini).

La cultura e le competenze, che devono essere la nostra ossessione, visto anche il ritardo in cui ci troviamo, costituiscono, non a caso, l’infrastruttura immateriale più importante, indispensabile per qualsiasi politica industriale.

Naturalmente i nostri esperti non si sono fermati qui e hanno identificato anche gli ostacoli che bisogna superare per impostare e attuare una politica industriale per la crescita digitale rispetto ai settori strategici individuati. Ma questo è argomento del secondo articolo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4