Posta elettronica certificata

La PEC compie un nuovo passo verso l’Europa: cosa cambia con lo standard ETSI

L’adozione dello standard ETSI sui sistemi REM è un passo significativo sia per rendere la PEC interoperabile con gli altri recapiti certificati adottati in Europa, sia per aiutare a diffondere questo strumento “made in Italy” anche al di fuori del nostro paese. La strada per il successo globale però è ancora lunga

01 Lug 2022
Riccardo Berti

avvocato Centro Studi Processo Telematico

Franco Zumerle

Avvocato Coordinatore Commissione Informatica Ordine Avv. Verona

pec-posta_408362719

Con un comunicato diffuso il 27 giugno l’AgID plaude all’approvazione di uno standard ETSI (European Telecommunications Standards Institute) dedicato all’interoperabilità a livello comunitario di firme digitali e dei sistemi REM (Registered Electronic Mail) tra cui rientra anche la PEC nostrana.

L’impulso verso questa standardizzazione della PEC parte proprio dall’Italia, con AgID che ha iniziato a lavorare sullo standard ancora nel 2019, coinvolgendo i gestori PEC e AssoCertificatori.

PEC europea, che cos’è e come funziona: tutti i requisiti

Gli standard ETSI

Gli standard ETSI sono di importanza significativa in quanto vengono esplicitamente menzionati dal Regolamento Europeo eIDAS (Re. UE 910/2014), disciplina dedicata all’identificazione elettronica e ai servizi fiduciari per le transazioni elettroniche all’interno dell’Unione e pilastro nel processo di “europeizzazione” degli standard tecnologici.

WHITEPAPER
Sfruttare l’AI per smistare e catalogare le PEC
Dematerializzazione
Intelligenza Artificiale

In particolare il Considerando 72 del Regolamento recita: “In sede di elaborazione degli atti delegati o di esecuzione, la Commissione dovrebbe tenere debito conto delle norme e delle specifiche tecniche elaborate da organizzazioni e organismi di normalizzazione europei e internazionali, in particolare il Comitato europeo di normalizzazione (CEN), l’Istituto europeo delle norme di telecomunicazione (ETSI), l’Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) e l’Unione internazionale delle telecomunicazioni (UIT), al fine di assicurare un livello elevato di sicurezza e interoperabilità dell’identificazione elettronica e dei servizi fiduciari.”

Per questo motivo l’adozione di uno standard è un passo significativo sia per rendere la PEC interoperabile con gli altri recapiti certificati adottati in Europa, sia per aiutare a diffondere questo strumento “made in Italy” anche al di fuori del nostro paese.

La strada però è ancora lunga, specie perché uno standard costituisce una semplice proposta di regolazione del fenomeno giuridico/tecnologico, ma non ne impone l’adozione.

E, con riguardo alla tecnologia PEC, l’entusiasmo italiano non ha fatto sinora grandi proseliti a livello comunitario e mondiale.

La PEC nel mondo

Il fenomeno della “globalizzazione” della PEC in effetti non è stato finora travolgente.

Spesso si cita l’esempio di Hong Kong e del suo sistema e-cert (l’inclusione di questo sistema fra gli strumenti simili alla PEC non sembra però completamente a fuoco, il sistema e-cert risulta essere sostanzialmente uno strumento di firma elettronica emesso dalle Poste di Hong Kong quale ente certificatore).

Un altro sistema menzionato spesso è quello svizzero, con IncaMail, sistema che è stato lanciato nel 2017, è erogato dalle poste centrali svizzere e consente di “certificare” email ordinarie verso particolari destinatari.

Infine, il progetto tedesco, De-Mail, la cui normativa è stata introdotta nel 2011 ma che non pare aver conquistato i tedeschi, sebbene sia il sistema che dalle specifiche somiglia più da vicino a quello della PEC italiana.

Forse però lo standard appena adottato consentirà (anche se verosimilmente in un futuro non prossimo) alla diffusione di questa tecnologia che ha il merito di trasferire la raccomandata postale nel mondo digitale, con tutti i vantaggi derivanti dal processo tecnologico in termini di velocità, affidabilità e sicurezza.

La soluzione italiana, spesso trascurata in altri stati che spesso si affidano a “portali” che associano le operazioni ad un utente dopo la creazione di un account e “attribuiscono” allo stesso tutte le operazioni dopo il login, anche nei confronti di una pubblica amministrazione, oppure saltano a piè pari il processo di transfer della raccomandata nel mondo digitale preferendo affidarsi a sistemi più agili (ma meno garantiti) come ad esempio il legislatore cinese che ha abbracciato a tal punto il sistema di messaggistica WeChat da rendere obsolete le caselle postali in certe province cinesi.

Lo standard

Lo standard partorito da ETSI è in effetti ritagliato sul modello italiano della PEC, di cui eredita caratteristiche e formati.

La novità più interessante contenuta nello standard è costituita però dalla proposta di un’interfaccia tecnologica condivisa (CSI – Common Service Interface) che potrebbe costituire la base per una effettiva internazionalizzazione della PEC.

In buona sostanza questa interfaccia condivisa si occuperebbe di armonizzare i vari sistemi REM nazionali e creando un sistema che garantisca la “trasmissibilità” di quella “fiducia” fra i vari domini in cui si dipanano i protocolli di Registered Mail, assicurando identico valore ad una comunicazione “registrata” fra mittente e destinatario.

Lo standard si occupa anche di precisare il quadro normativo minimo necessario per garantire il funzionamento della macchina tecnologica del sistema REM, che necessita di una disciplina uniforme anche dal punto di vista delle firme digitali e delle marche temporali che ne consentono il funzionamento (la PEC “funziona” perché al tradizionale postino si sostituisce un certificatore che firma (digitalmente) e marca temporalmente il messaggio trasmesso, e ne dà atto al mittente con la ricevuta di consegna).

La PEC e eIDAS

Nel frattempo, anche la PEC però non rimane immobile e si discute di una sua evoluzione che consenta di “iscrivere” la nostra posta elettronica certificata tra i servizi elettronici di recapito certificato qualificato previsti dal Regolamento eIDAS.

Secondo quanto riportato dalla stessa AgID, infatti, la PEC non raggiunge il massimo livello previsto da eIDAS quanto ai servizi di recapito, ed infatti sul suo sito l’Agenzia riporta:

“La Posta Elettronica Certificata soddisfa i requisiti previsti dal Regolamento eIDAS per il servizio elettronico di recapito certificato, ma non soddisfa appieno i requisiti previsti sempre dal Regolamento per il servizio elettronico di recapito certificato qualificato. In particolare, attualmente non è prevista la verifica certa dell’identità del richiedente della casella di PEC. Inoltre, non è previsto che il gestore debba obbligatoriamente sottoporsi alle verifiche di conformità da parte degli organismi designati.”

Il motivo per cui lo spam e le truffe si presentano anche sulle nostre mail certificate discende proprio dalle procedure semplificate per l’identificazione del soggetto che richiede la PEC (più “leggere” di quelle previste invece per lo SPID).

E gli effetti giuridici della PEC (a livello di normativa UE), si fermano a quanto previsto dal comma 1 dell’art. 43 eIDAS, ovvero:

“Ai dati inviati e ricevuti mediante un servizio elettronico di recapito certificato non sono negati gli effetti giuridici e l’ammissibilità come prova in procedimenti giudiziali per il solo motivo della loro forma elettronica o perché non soddisfano i requisiti del servizio elettronico di recapito certificato qualificato.”

Mentre al solo servizio elettronico di recapito certificato qualificato il legislatore europeo riserva gli effetti di cui al comma 2 dell’art. 43, ovvero:

“I dati inviati e ricevuti mediante servizio elettronico di recapito certificato qualificato godono della presunzione di integrità dei dati, dell’invio di tali dati da parte del mittente identificato, della loro ricezione da parte del destinatario identificato e di accuratezza della data e dell’ora dell’invio e della ricezione indicate dal servizio elettronico di recapito certificato qualificato.”

Sebbene la normativa italiana “tamponi” le previsioni comunitarie, è evidente che l’evoluzione della PEC come strumento di recapito UE debba passare per un’evoluzione normativa riguardo ai suoi requisiti, che le consenta di “salire di grado” divenendo un recapito certificato qualificato.

Anche questo step, forse ancor più dell’emanazione dello standard ETSI, potrà contribuire all’effettivo utilizzo della PEC in ambito comunitario, senza che debbano necessariamente sorgere strumenti alternativi come paventa l’introduzione nell’art. 1, co. 1 lett. n-ter del Codice dell’Amministrazione Digitale, da parte del D.Lgs. 217/2017, della nuova definizione di domicilio digitale, secondo cui si tratta di “un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato”.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4