LA SCHEDA

Il competence center del Politecnico di Milano per la fabbrica 4.0

Il progetto del Politecnico di Milano si concentra sulla manifattura discreta con l’obiettivo di fornire alle imprese gli strumenti necessari per diventare fabbriche 4.0, partendo dall’orientamento attraverso il Dreamy che misura la maturità digitale

27 Feb 2018
Polimi

«Intendiamo lavorare sul concetto di industria 4.0 e di fabbrica 4.0, quindi di una fabbrica integrata, flessibile, a cui il competence center deve dimostrare cosa vuole dire utilizzare le tecnologie digitali nella maniera corretta, dalla progettazione alla produzione e distribuzione del prodotto» Così Marco Taisch, ordinario di Sistemi di Produzione Automatizzati e Tecnologie Industriali del Politecnico di Milano, descrive le linee fondamentali del progetto di competence center dell’ateneo milanese. «L’idea è di focalizzarci sul fatto che oggi le tecnologie digitali sono alla base dell’integrazione dei sistemi di progettazione e di prodotto dei sistemi produttivi». Il PoliMi è capofila del progetto, che coinvolgerà anche importanti imprese e produttori di tecnologia a livello nazionale e internazionale.

IL QUADRO DEI COMPETENCE CENTER INDUSTRY 4.0

I partner vengono selezionati in base alle competenze che sono in grado di fornire. Sono importanti anche le tecnologie, ovvero l’hardware e il software che i partner industriali e tecnologici saranno in grado di assicurare, ma il criterio di fondo è di andare a cercare le competenze che sono ritenute centrali per il competence center. Che è focalizzato sulle tecnologie per la fabbrica 4.0.

I competence center, sottolinea Taisch, che fa anche parte della cabina di regia Industria 4.0, devono fondamentalmente garantire il fatto di essere efficaci, e in grado di sviluppare quei servizi per le imprese che non sono quelli tipicamente offerti dalle università. Poi, una volta nato, il competence center potrà fare alleanze, partnership, e usare competenze che si trovino sul territorio nazionale o anche fuori, ad esempio in Europa. Quindi, il competence center del PoliMi non esclude successive collaborazioni, oltre a quelle dei soggetti che firmeranno il partenariato pubblico-privato. «Sarebbe sbagliato se il competence center fosse una struttura chiusa, autarchica», mentre è corretto che sia una struttura snella, aperta al mercato.

Il progetto del PoliMi comprende tutte e tre le aree di intervento previste dal bando, ovvero orientamento, formazione, e progetti innovativi. Per quanto riguarda l’orientamento, Taisch ritiene che la creazione della awareness, consapevolezza, sia il livello base che non può mancare. Significa «mostrare alle imprese, attraverso casi reali, che cosa voglia dire fare industria 4.0». Il Politecnico d Milano metterà a disposizione uno strumento che già utilizza da un anno e mezzo, il Dreamy 4.0. Il digital readiness assessment maturity model è uno strumento che valuta il livello di digitalizzazione dell’impresa. «Ce ne sono due versioni: una più approfondita, per aziende di medie e grandi dimensioni, e una piu snella, leggera, per aziende di piccole dimensioni. Consente di misurare la maturità digitale di tutte le aree dell’impresa: progettazione, prodotto, gestione della qualità, manutenzione, produzione, logistica interna ed esterna, skill e competenze». E’ già stato applicato a circa 40 casi, è in corso un progetto, portato avanti insieme ad Assolombarda, su 27 aziende del territorio, è stato reso disponibile a tutti i digital innovation hub. Con il Dreamy si fornisce, oltre che un servizio alla singola impresa, uno strumento all’intero sistema italiano (associazioni, Regioni, ministero dello Sviluppo economico) per mappare il grado di digitalizzazione, e avere di conseguenza dei dati che consentano di costruire meglio le politiche industriali.

Per quanto riguarda l’attività di formazione, il target fondamentale è quello delle pmi, alle quali offrire una formazione molto tecnologica, un training on the job sulle tecnologie. Un’attività che si concentra sulla formazione delle persone che lavorano in azienda non in ruoli manageriali, ma in ruoli più operativi, affiancando dunque la formazione tradizionale di insegnamento dell’ateneo rivolta a laureati e phd.

Il settore su cui si concentra il progetto del competence center del PoliMi è il manifatturero discreto, valorizzando il tessuto di pmi molto forte sul territorio italiano, che sono il target di questo competence center, e fornendo loro tecnologie orizzontali. Non c’è quindi una verticalità settoriale, come in altri competence center, ma una strategia che accompagna l’intero percorso dell’azienda verso la fabbrica 4.0. Ci saranno alcuni servizi gratuiti, grazie al fatto che la struttura riceve finanziamenti pubblici. «Se per esempio una pmi vuole venire a visitare le tecnologie che saranno mostrate nel competence center non pagherà nulla. Se invece vuole essere accompagnata in un percorso di crescita e supporto alla trasformazione digitale, pagherà un corrispettivo». Taisch sottolinea un aspetto interessante, ovvero al possibilità, per le pmi, di utilizzare strumenti come i voucher digitali delle Camere di Commercio.

Nel competence center ci sarà uno spazio fisico in cui sono presenti esempi di queste tecnologie: impianti, pezzi di impianto. Un visitatore avrà l’impressione di entrare in porzioni di fabbriche. Saranno le imprese partner a fornire impianti e tecnologie, nel rispetto della mission fondamentale del competence center, che non è quella di fare ricerca, ma di mostrare alle imprese qualcosa che è già allo stato dell’arte, che già funziona e si può fare, ma che magari non è diffuso. In parole semplici, diffondere le tecnologie industriali.

I competence center sono il tassello mancante al piano industria 4.0, che Taisch promuove a pieni voti. E’ un piano «già decollato abbondantemente. Le imprese hanno comprato macchinari. Nel 2018 c’è l’incentivo sulla formazione. Noi al Politecnico riceviamo già parecchie richieste di attività di formazione per le imprese. Ora saranno operativi i competence center, insieme a digital innovation hub di Confindustria e Punti di impresa digitale di Unioncamere. Credo che, quando sarà al completo, sarà un bellissimo progetto». Anche sulla base del confronto con Francia e Germania, nell’ambito della cooperazione trilaterale su Industria 4.0, «il modello italiano non ha nulla da invidiare a quello che riscontro negli altri due paesi partner». Il sistema Italia, grazie al piano, sarà in grado di stimolare l’industria ad accogliere con più efficacia il trend macroeconomico internazionale. Il valore aggiunto del piano, Industria 4.0, oltre al positivo impatto degli incentivi, è rappresentato dal fatto che «abbiamo costretto l’intero sistema industriale italiano a prendere consapevolezza della rivoluzione tecnologica in atto. Lo strumento fondamentale non è dire all’impresa dove va bene o male con il digitale. Ma è rappresentato dla fatto che l’impresa, dopo l’interazione con persone esperte, acquisisce una vision sul mondo che non conosceva. In parole semplici, aver creato una cultura sul tema 4.0 è il vero grande risultato che il piano ha raggiunto». Ora sta anche alle imprese mettere in campo strategie orientate in modo efficace alla trasformazione digitale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati