Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

l'opinione

Def, Sacco: “Tante cose positive sul digitale, ma manca una strategia chiara per il futuro”

Il Def riassume i provvedimenti in materia di digital già fatti dal Governo. Tanti gli aspetti positivi, ma la percezione è che manchi un quadro d’insieme ben definito e una strategia per il lungo periodo, di cui tuttavia gli imprenditori e tutto il Paese avrebbero bisogno in questo momento

10 Apr 2019

Francesco Sacco

docente di management consulting all'Università Bocconi di Milano


Il Def richiama provvedimenti già fatti sul digitale. È un riassunto ed è quindi un momento utile per fare il punto sulla strategia del Governo sul tema. È il caso del provvedimento sulla blockchain, che è positivo e del quale entro maggio aspettiamo le linee guida Agid. Oppure le nuove regole del procurement pubblico per favorire le startup e pmi innovative: molto positive. Idem l’Innovation Act.

Un quadro complessivo poco chiaro

Per Industria 4.0, gli incentivi cloud sono vera novità, il ritorno del super ammortamento è una cosa intelligente. Ma tutte queste cose sono episodiche: un imprenditore non riesce a programmare gli investimenti. Il credito d’imposta non c’è più per le grandi aziende e per le piccole è stato ridotto.

Il problema del digitale in Italia è l’adozione, l’implementazione. Emblematico il caso dei voucher per sovvenzionare gli abbonamenti alla banda ultralarga. I voucher – 1,2 miliardi di euro – non arrivano ancora eppure sarebbero utili per spingere il settore. Sono partiti in Regno Unito, Grecia; noi abbiamo avuto l’idea per primi, con il governo Renzi, e ora siamo sorpassati da tutti. Il def richiama gli investimenti fatti sul Wi-Fi pubblico, ma bisogna capire quanto serva davvero all’Italia in un momento in cui bisognerebbe forse aiutare gli operatori a sviluppare il 5G e la fibra.

Sempre sull’aspetto dell’implementazione, mi sono sembrati demotivati – da incontri pubblici recenti – il dg dell’Agid e il commissario dell’Agenda digitale. Perché è complicato far partire la trasformazione digitale nella PA. In generale: tante cose positive, nel piano del Governo per l’innovazione, ma il quadro è poco chiaro. E soprattutto per il lungo periodo non si riesce a capire quale sia la strategia complessiva. Ma è proprio ciò di cui gli imprenditori e l’Italia hanno davvero bisogno ora.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3