Istruzione

È la Scuola italiana quella che discrimina di più

Risulta evidente da un recente rapporto Ocse. Siamo ultimi in Europa per capacità di compensare le diseguaglianze culturali tra ricchi e poveri. Facciamo peggio di Romania, Bulgaria e Ungheria. Tradito il mandato costituzionale. Ma non è colpa degli insegnanti. Ecco alcune proposte

02 Mar 2015
Paolo Ferri

Professore Ordinario di Tecnologie della formazione, Università degli Studi Milano-Bicocca

scuola-140622150546

La scuola italiana, non solo è quella che da più compiti a casa agli studenti, ma è anche la più discriminatoria d’Europa: lo afferma l’OCSE. Approfondiamo in questo articolo questo tema rilevantissimo di equità sociale, che nel precedente articolo per Agendadigitale.eu ho toccato solo tangenzialmente (P. Ferri, Studiare tanto imparare poco).

Uno dei risultati più impressionanti dell’analisi dell’OCSE è quello che colloca l’Italia e la Cina al vertice delle diseguaglianze (nell’apprendimento della matematica a questo si riferisce il report) tra studenti di condizione socio-economica svantaggiata e studenti di famiglie colte e abbienti. Già il titolo del Report dell’OCSE, che prendiamo e abbiamo preso di recente in considerazione, orienta la nostra analisi: Does homework perpetuate inequities in education? (I compiti a casa non fanno che perpetuare le differenze sociali nella scuola?). La domanda per gli esperti dell’OCSE è retorica e la risposta non può essere che affermativa, soprattutto analizzando la figura 1 che presentiamo in questo articolo più sotto. L’OCSE nel suo report afferma: “I compiti sono un’opportunità per l’apprendimento, ma possono anche rafforzare le disparità socio-economiche in relazione al rendimento degli studenti. Le istituzioni scolastiche e gli insegnanti dovrebbero cercare di attivare una serie di iniziative per facilitare gli studenti svantaggiati nello svolgimento dei compiti. Potrebbero, ad esempio, aiutare i genitori a motivare i loro figli a svolgere come maggior attenzione compiti. Oltre a fornire loro servizi in modo che gli studenti svantaggiati abbiano luoghi, a scuola (digitali o reali), dove poter completare il lavoro di classe ove questi luoghi siano “disponibili” nelle loro case.”

Ora proviamo ad analizzare meglio i dati che l’OCSE ci fornisce osservano la figura 1 qui sotto.

Fonte: Ocse, dicembre 2014

Come si evidenzia in maniera chiara dalla presentazione in forma grafica dei dati, gli scostamenti dalla media dei punteggi nel test OCSE PISA dovuti alla condizione socio-economica sono molte bassi in tutti i paesi d’Europa, a volte irrilevanti come in Germania. Fanno eccezione in ordine di gravità in questa classifica per l’Italia (sciaguratamente prima in Europa) la Romania (seconda), la Bulgaria e l’Ungheria (rispettivamente terze e quarte nel nostro continente). Qualcosa non va nella scuola italiana e nella sua infrastruttura, i dati evidenziano i seguenti elementi di riflessione:

1. la scuola italiana è un moltiplicatore di diseguaglianze e non un “ascensore sociale” per gli studenti in condizioni economiche svantaggiate;

2. La condizione economico-culturale delle famiglie è il vero motore del successo formativo degli studenti e le famiglie svantaggiate si trovano gravate di un ruolo che non spetta loro e che dovrebbe essere assolto dall’istituzione scolastica.

3. La scuola italiana tradisce il mandato costituzionale dal momento che l’articolo 34 del titolo II della prima parte della Costituzione recita: “La scuola è aperta a tutti. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.

E’ proprio quest’ultimo elemento che rende la situazione della nostra scuola, e non ovviamente per colpa degli insegnanti e dei dirigenti, davvero “poco sostenibile” e profondamente ingiusta.

E’ la forma organizzativa e l’infrastruttura della nostra scuola che la rende inadeguata, non la professionalità dei suoi dipendenti! I nostri studenti non solo studiano il doppio a casa rispetto ai loro colleghi europei, ma questo eccesso di responsabilizzazione della famiglia non fa che rendere più ingiusta, censitaria e classista la nostra scuola pubblica.

A maggior ragione alla luce dei dati OCSE che più diffusamente presentiamo in questo articolo e del dibattito che si è sviluppato – vivace ed a volte polemico – sul mio precedente articolo, mi sento di ribadire, alla vigilia della presentazione del decreto attuativo relativo alla Buona Scuola del Governo Renzi, alcune priorità d’intervento per riportare la scuola italiana ad un buon livello di competitività con le migliori esperienze europee.

1. Il Governo dovrebbe finanziare con un piano straordinario per fornire la “connessione” a banda di tutte le aule delle scuole italiane. Non è possibile che in Italia sono il 9% delle classi abbia accesso a Internet, permettendo in questo modo solo a pochissimi insegnati e studenti di accedere ai contenuti educational free di ottima qualità orami largamente disponibili sul web.

2. Il governo dovrebbe dare attuazione ad un altrettanto “straordinario” piano di formazione degli insegnati e dei dirigenti, che vada molto oltre il recente e davvero esiguo stanziamento di un milione di euro per la loro formazione al digitale dei docenti. Senza una reale e capillare formazione metodologica alla didattica aumentata dalla tecnologia la scuola italiana non potrà mai adeguarsi agli standard di qualità ed efficacia della formazione che l’Europa ci richiede di raggiungere nel 2020, come infatti prevede l’Agenda digitale europea, almeno nella parte dedicata alle competenze digitali.

3. Il governo dovrebbe dare concreta attuazione alle indicazioni positive contenute nell’allegato tecnico al decreto Carrozza sui contenuti e sugli ambienti digitali di apprendimento. In particolare dovrebbe rendere obbligatoria l’adozione per tutte le scuole di ogni ordine e grado di quelle “piattaforme interoperabile di gestione dei contenuti e della didattica” che vengono solo evocate come suggerimento nel testo. Solo potendo contare su “ambienti virtuali per l’apprendimento” efficienti, i docenti potranno “pilotare”, attraverso un cruscotto digitale, le attività al di fuori della scuola degli studenti, i “compiti a casa” ad esempio. Si tratterebbe di un contributo concreto per ridurre le ore di “compiti a casa”, ma soprattutto per ridurre il gap drammatico, nei risultati scolastici, tra le famiglia più avvantaggiate economicamente e quelle più svantaggiate. Sarebbe la scuola in questo caso e non la famiglia a farsi carico dello studio personale dei singoli studenti.

Si tratta solo di alcune “modeste proposte” che richiedono stanziamenti e risorse ingenti ma che riteniamo “necessarissime”, se vogliamo che a livello internazionali e nella stessa percezione famiglie italiane la scuola ritorni ad essere, come lo è stato nella seconda metà del secolo scorso, un luogo di promozione della giustizia sociale e delle pari opportunità tra cittadine e di cittadini piuttosto che un moltiplicare di diseguaglianza, come il report dell’OCSE ci indica.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3