banda ultra larga

Futuro della rete: ecco le scelte di politica industriale più urgenti

Il 2023 sarà l’anno di attuazione dei piani operativi di diversi bandi di grande rilievo per l’aggiornamento ed il completamento delle infrastrutture digitali nazionali. Servono ora scelte di politica industriale che rendano interessante investire nel settore Telecom-Media-Technology italiano

Pubblicato il 10 Gen 2023

Giuseppe Donatelli

TMT Italy leader per la service line Strategy & Transaction e Transaction Strategy & Execution Italy leader at EY Parthenon

Futuristic,Road,Transportation,Technology,With,Digital,Data,Transfer,Graphic,Showing

L’anno 2022 che si è appena concluso ha segnato alcuni passaggi importanti nell’ambito delle infrastrutture digitali nazionali, con l’assegnazione di una serie di bandi di assoluto rilievo per l’aggiornamento ed il completamento delle infrastrutture stesse (es. Italia 1 Giga, Italia 5G, Polo Strategico Nazionale, etc); per il 2023, quindi, se da un lato ci si aspetta una focalizzazione di tutti gli stakeholder coinvolti nel lancio dell’execution dei piani relativi ai suddetti bandi e l’avanzamento deciso anche dell’execution di bandi precedenti (es. Aree Bianche), dall’altro lato l’auspicio è che sia anche un anno di riflessioni e decisioni strategiche in particolare su TIM e sulla rete unica (o nazionale, secondo l’ultima definizione proposta dal neo sottosegretario Butti), e più in generale per il rilancio dell’intero settore delle telecomunicazioni.

Tutti quelli sopracitati sono passaggi cruciali anche per non perdere il treno dei nuovi trend attesi, tra cui quello relativo alla tecnologia come elemento in grado di rivoluzionare ogni aspetto del settore delle infrastrutture non solo digitali ma anche in ambito energia, trasporti, logistica, etc.

Infrastrutture digitali nel PNRR, occhio alla governance: ora evitare ritardi, rinvii e inefficienze

Il 2023 anno cruciale per il lancio dei piani operativi dei vari bandi assegnati nel 2022

Il 2022 ha visto l’assegnazione di una serie di bandi importanti, tra i quali ricordiamo a titolo non esaustivo i principali:

WHITEPAPER
Come abilitare elevati standard di sicurezza, crittografia e monitoraggio dei dati?
Datacenter
Datacenter Infrastructure Management
  • il ‘Piano Italia a 1 Giga’, con 15 lotti assegnati tra Maggio e Giugno 2022 per un totale di 3,4 miliardi di Euro, che ha l’obiettivo di fornire connettività ad almeno 1 Gbps in download (e 200 Mbps in upload) alle unità immobiliari che, a seguito della mappatura delle infrastrutture presenti o pianificate al 2026 dagli operatori di mercato, sono risultate non coperte da almeno una rete in grado di fornire in maniera affidabile velocità di connessione in download pari o superiori a 300 Mbit/s.
  • il ‘Piano Italia 5G’, con 2 bandi assegnati a Giugno 2022 per circa 1,1 miliardi di Euro, che ha l’obiettivo di realizzare entro il 2026 i) rilegamenti in fibra ottica per oltre 10.000 Stazioni Radio Base (Bando 1 – 5G Backhaul) al fine di garantire una capacità di almeno 150 Mbit/s in downlink e 30 Mbit/s in uplink, e ii) nuovi siti 5G in oltre 1.200 milleduecento aree in cui non è presente e non risulta pianificata al 2026 alcuna rete idonea a fornire connettività a 30 Mbit/s in tipiche condizioni di punta del traffico (Bando 2 – 5G Densificazione).
  • il ‘Piano Sanità Connessa’, con un bando assegnato a Giugno 2022 per circa 0,3 miliardi di Euro, con l’obiettivo di connettere entro Giugno 2026, con velocità simmetriche di almeno 1 Gbps e fino a 10 Gbps, le oltre 12 mila strutture del servizio sanitario pubblico distribuite in tutta Italia.
  • Il ‘Piano Scuole Connesse’, con un bando assegnato a Giugno 2022 per circa 0,2 miliardi di Euro, che prevede interventi per connettere, con velocità simmetriche di almeno 1 Gbps, quasi 10 mila sedi scolastiche.
  • Il ‘Polo Strategico Nazionale’, il cui contratto è stato firmato ad Agosto 2022 per circa 2,7 miliardi di Euro, e che prevede la realizzazione di 2 coppie di Data Center con elevati standard di qualità per ospitare e gestire dati e servizi pubblici considerati critici e strategici delle amministrazioni pubbliche più rilevanti (le amministrazioni centrali, le principali amministrazioni locali incluse le Regioni e i comuni con più di 250.000 abitanti, le ASL, etc).

Per i suddetti progetti il 2023 sarà l’anno di lancio dei relativi piani realizzativi, e di conseguenza c’è grande aspettativa e attenzione affinché l’avvio delle attività avvenga nel migliore dei modi, anche in relazione ad altri piani in corso, tra i quali ad esempio il Piano delle Aree Bianche, i cui 3 lotti sono stati assegnati tra fine 2017 e inizio 2019 ad Open Fiber, per un totale di 1,6 miliardi di Euro; vale la pena ricordare che il completamento di tali opere era previsto in 36 mesi, che l’ultima rimodulazione del Piano prevedeva il completamento delle opere entro il 2023, ma che il picco di attività previsto per lo stesso 2023 sembra essere molto sfidante.

Gli ostacoli che rischiano di rallentare l’attuazione dei piani

Il rischio maggiore è rappresentato dalla carenza di manodopera, che – secondo l’ultima stima del Gruppo System Integrator Reti di Telecomunicazioni di ANIE – ammonta a 15mila risorse per il 2023. Il problema era emerso già in maniera drammatica nel corso del Piano delle Aree Bianche, con inoltre il paradosso di un eccesso di domanda a fronte di una carenza di offerta che non ha portato a un significativo aumento dei prezzi per le imprese del settore.

Al suddetto rischio si sommano altri problemi non trascurabili, tra cui l’aumento del costo dei materiali, le tempistiche allungate per l’approvvigionamento degli automezzi, i tempi necessari per la formazione delle risorse, le politiche di immigrazione che bloccano l’ingresso da paesi extracomunitari (es. Sud America) anche di risorse formate.

La sovrapposizione dei piani di cui sopra (ad eccezione del PSN la cui realizzazione impatta su risorse di tipo in buona parte diverso) con il Piano delle Aree Bianche richiede nel 2023 una serie di riflessioni e decisioni anche politiche, per far si che l’obiettivo del 2026 della Strategia Italiana per la Banda Ultralarga “Verso la Gigabit Society” non debba essere messo già in discussione.

Le aspettative per le decisioni strategiche sull’intero settore delle telecomunicazioni

Gli ultimi punti di cui sopra introducono il tema delle decisioni strategiche che si rendono necessarie nel 2023 per il settore delle telecomunicazioni, per il quale si prevede un 2022 in chiusura con l’ennesimo calo dei ricavi aggregati come accade ormai almeno dal 2010, e con l’indicatore EBITDA-CAPEX che continua a ridursi (da 10,5 miliardi di Euro nel 2010 a 1,1 miliardi di Euro nel 2021).

È ormai condiviso da tutti gli esperti e gli addetti ai lavori che il settore necessita di riflessioni profonde per la definizione di una nuova politica industriale di lungo periodo a tutela di tutta la filiera delle telecomunicazioni, per non mettere a rischio investimenti, sviluppi, attività su infrastrutture e servizi digitali cruciali per il rilancio del paese. Tra i principali temi di riflessione ci sono sicuramente il consolidamento del settore, ritenuto ormai necessario anche da newcomers come Iliad, l’aumento dei prezzi (che in Italia sono nuovamente scesi nel 2021 vs un aumento medio a livello europeo) e il recupero dei margini, il ripensamento dei modelli di business, una riflessione sui limiti elettromagnetici in ottica 5G.

La situazione di TIM

In tale contesto ci sono situazioni che meritano una riflessione specifica, su tutte quella relativa alla situazione di TIM e della ‘Rete Nazionale’ (come è stata ribattezzata dal neosottosegretario Butti la ‘Rete Unica’). A tale proposito ricordiamo che lo scorso Maggio era stato sottoscritto un protocollo di intesa non vincolante (Memorandum of Understanding, MoU) da CDP, KKR, Open Fiber e TIM relativo al progetto di integrazione tra le reti di TIM e Open Fiber, con l’obiettivo di raggiungere un disegno vincolante entro il 31 Ottobre 2022, successivamente posticipato al 30 Novembre 2022; la comunicazione del Governo del 29 Novembre, relativa alla volontà di creare un tavolo di lavoro per la definizione di una nuova soluzione per la Rete Nazionale, ha fatto ovviamente cadere tutti i presupposti del sopracitato MoU.

Il nuovo Governo attraverso il sottosegretario Butti ha confermato l’intenzione di avviare nelle prossime settimane un tavolo di lavoro con gli operatori del settore delle telecomunicazioni, con l’auspicio che da tale iniziativa possa conseguire la definizione di nuove linee guida strategiche per il rilancio del settore stesso.

Per quanto concerne TIM, oltre a una definizione del tema relativo alla Rete Nazionale ed anche al tema collegato relativamente alla compagine degli azionisti, il 2023 dovrebbe vedere anche la realizzazione di una serie importante di iniziative annunciate lo scorso Luglio, tra le quali la separazione della NetCo dalla ServiceCo; in particolare:

  • la NetCo è stata concepita come Wholesaler responsabile della gestione delle infrastrutture di rete del Gruppo TIM, incluse FiberCop e Sparkle;
  • la ServiceCo sarà responsabile della gestione di Clienti finali e servizi, e sarà suddivisa tra i) la parte ‘TIM Enterprise’ che includerà la divisione Business, Noovle, Telsy, Olivetti, ii) la parte ‘TIM Consumer’ che includerà la divisione Consumer, la parte Small Medium Enterprise, TIM Vision e KENA, e iii) TIM Brasil.

In questo modo TIM si prepara a possibili operazioni straordinarie volte a valorizzare parti di azienda allo scopo di ridurre il debito notevole che continua a gravare sul Gruppo, e ad avere risorse per continuare ad investire su infrastrutture e servizi.

Per TIM il 2023 è anche un anno di conferme importanti sul mercato ed in termini di risultati, dopo che nel 2022 i) è tornata ad essere l’operatore leader nel segmento FTTH, ii) è parte di quasi tutti i raggruppamenti risultati vincitori dei bandi sopracitati (Italia 1 Giga, Italia 5G, Sanità Connessa, PSN).

Avendo già accennato ai settori della banda larga e dei Data Center con il PSN, un’ultima nota va al settore delle torri, in particolare broadcasting, per il quale si attende una posizione Governo in relazione alla possibile fusione tra RaiWay ed EI Towers nell’ottica di efficientare il settore stesso.

I nuovi trend sulle infrastrutture di telecomunicazioni (e non solo)

Il settore delle infrastrutture italiane TMT (Telecom-Media-Technology) nel 2022 si è confermato al 4° posto dopo i settori Energy, Transportation e Social Infra tra quelli nei quali sono stati coinvolti gli stakeholder del settore infrastrutturale, secondo l’ultimo EY Infrastructure Barometer (Luglio 2022). Uno degli aspetti interessanti è che il settore TMT ha recuperato posizioni nella classifica relativa alla percezione della qualità delle infrastrutture italiane: circa i 2/3 degli intervistati hanno dichiarato infatti che la qualità delle infrastrutture TMT è in linea o superiore alla media europea.

In termini di prospettive, il settore delle infrastrutture TMT è risultato attrattivo per il 10% degli investitori intervistati nei successivi 12 mesi, alle spalle delle infrastrutture energetiche (35%), delle infrastrutture dei trasporti (18%) e di quelle sociali (17%).

L’ulteriore evidenza estremamente interessante dell’ultimo EY Infrastructure Barometer è relativa alla tecnologia come elemento in grado di rivoluzionare ogni aspetto del settore delle infrastrutture: in tal senso il 55% degli intervistati include infatti investimenti in tecnologia nella propria strategia, mentre il 33% ha dichiarato che gli investimenti in tecnologia rappresenterà una delle principali aree di interesse nei prossimi 3-5 anni. A beneficiare della spinta fornita dalla tecnologia saranno principalmente i segmenti dell’energia (38%), della logistica (23%) e del TMT stesso (18%), grazie ad alcune applicazioni tecnologiche ritenute chiave anche in ottica M&A e rappresentate dall’Artificial Intelligence, dal Cloud, dall’IoT e dalla Cybersecurity.

Affinché il paese non perda il treno dei suddetti nuovi trend, è ancor più rilevante che nel 2023 vengano fatte scelte di politica industriale che permettano di rendere interessante nel medio lungo termine investire nel settore delle infrastrutture TMT italiane.

EVENTO DIGITALE 23 marzo
Industry4.0, sfide, incentivi e tecnologie per un futuro in crescita. Ti aspettiamo online!
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4