EY

Nuovi modelli di analisi per misurare gli affanni dell’Italia digitale

Nella fase di trasformazione digitale che l’Italia sta attualmente attraversando, emerge la necessità di disporre di un modello propedeutico alla pianificazione delle iniziative prioritarie e fornisca un’analisi sul livello di maturità digitale del Paese a 360°. La PA digitale e, più in generale, l’Italia digitale, non può prescindere da un framework di monitoraggio unico e onnicomprensivo, che colleghi tendenze evolutive, iniziative, risultati e fornisca insight utili a comprendere quali sono le barriere alla creazione di valore

02 Ago 2016
Andrea D’Acunto

Mediterranean Telco, Media & Technology Leader, EY

agenda-digitale-150712182805

Il percorso di trasformazione digitale è segnato da una serie di sfide, riconducibili alla necessità delle amministrazioni di fornire risposte fattive alle difficoltà economico-finanziarie, che, devono trovare risposte nella pianificazione delle progettualità se non nel riallineamento della programmazione.

· Produttività e investment review. Le amministrazioni devono ripensare i proprio modelli operativi secondo logiche di industrializzazione e semplificazione. A tal fine le istituzioni sono chiamate a definire le priorità per la crescita del Paese, attraverso un Investment Review che focalizzi le risorse disponibili su un numero limitato di priorità, riducendo il numero di soggetti decisori e mettendo in piedi anche un sistema di controllo dei risultati degli investimenti pluriennali

· Urbanizzazione Smart. Le istituzioni e gli operatori privati devono approcciare alla evoluzione delle città e dei quartieri secondo il “teorema” delle Smart City, definendo strategie e pianificando gli investimenti in particolare in infrastrutture di rete, di collegamento, di servizio (acqua, energia, telecomunicazioni).

· Sicurezza e inclusione sociale. Da un lato l’invecchiamento della popolazione, la disoccupazione giovanile, rappresentano le minacce per la sopravvivenza dei sistemi di welfare in essere, dall’altro la necessità di inclusione sociale delle fasce di popolazione svantaggiate e dei flussi migratori che interessano il nostro paese richiedono lo sviluppo di servizi e l’evoluzione della PA.

· Sicurezza globale. La gamma di minacce alla sicurezza globale genera una serie di problematiche di natura economica, sociale, geo-politica e ambientale. La capacità delle amministrazioni di costruire modelli e sistemi per la raccolta, l’analisi, l’utilizzo e la condivisione delle informazioni su identità e comportamento dei cittadini sul territorio, rappresenta un fattore di successo per rafforzare la sicurezza su scala nazionale e cross-nazionale.

· PA 4.0. Il settore manifatturiero evolve da singole entità automatizzate a complessi produttivi integrati e comunicanti, indirizzata, e inizialmente sostenuta, dall’evoluzione della PA. La P.A. 4.0 potrebbe rivedere la regolamentazione e le scelte di acquisto, sviluppando modelli di analisi, tipici del bilancio e della responsabilità sociale, pensati per l’innovazione, dando così un peso alle esternalità positive e alle ricadute sul sistema Paese. .

Italian Digital Maturity model

Nella fase di trasformazione digitale che l’Italia sta attualmente attraversando, emerge la necessità di disporre di un modello che, a partire dalla rilettura delle nuove sfide, sia propedeutico alla pianificazione delle iniziative prioritarie e fornisca un’analisi sul livello di maturità digitale del Paese a 360°.

La PA digitale e, più in generale, l’Italia digitale, non può prescindere da un framework di monitoraggio unico e onnicomprensivo, che colleghi tendenze evolutive, iniziative, risultati e fornisca insight utili a comprendere quali sono le barriere alla creazione di valore.

Si tratta di un modo per:

· misurare la performance digitale complessiva del Paese, usufruendo di una vista trasversale sugli hot topic della trasformazione digitale;

· monitorare le performance delle iniziative strategiche al fine di individuarne le giuste priorità di finanziamento;

· supportare la definizione delle politiche di innovazione e impostare le linee guida per le azioni che le Amministrazioni locali devono intraprendere.

Il Digital Economy and Society Index (DESI) della Commissione Europea, sembra non essere in grado di intercettare le iniziative previste nelle strategie di crescita digitale e nei piani attuativi del Governo e non ne indaga il ruolo abilitante. Le aree di monitoraggio non contemplano le analisi verticali sugli ecosistemi digitali (ad esempio scuola, turismo, trasporti,…) o sulla customer satisfaction (sul livello di soddisfazione dei cittadini e delle imprese rispetto ai servizi online della PA, su quanti e quali servizi impattano positivamente sulla qualità della vita) e gli indicatori utilizzati non sono pienamente coerenti con il contesto economico nazionale (ad esempio, le vendite online sono misurate prendendo in considerazione solo PMI con più di 10 dipendenti) e in alcuni casi non sono aggiornati.

Ad integrazione delle metodologia di misurazione della performance digitale proposta dal DESI, un modello innovativo di analisi dell’innovazione e benchmarking nazionale può essere utile alla pianificazione degli interventi e al monitoraggio della performance del sistema del valore digitale italiano.

Un esempio viene dall’Italian Digital Maturity Model” di EY. Come anche da un modello proposto dagli Osservatori del Politecnico di Milano.

Prendendo in considerazione tutti gli attori (public e private) coinvolti nella realizzazione delle iniziative strategiche e tutti i possibili beneficiari (cittadini, imprese e le stesse amministrazioni), si valutano gli effetti sistemici delle azioni di crescita digitale, di innovazione e connettività su ambiti identificabili come “sfide” per la trasformazione.

Il posizionamento attuale dell’Italia

Italian Digital Maturity Model – posizionamento dell’Italia

Dalla prima release dell’“Italian Digital Maturity Model” è possibile ottenere il posizionamento dell’Italia per ogni ambito di analisi:

· Visioning: l’Italia si colloca al 25esimo posto nel ranking europeo per tasso di utilizzo di Internet da parte degli utenti (16-74 anni), il numero di utilizzatori sta registrando un aumento rispetto allo scorso anno (+3%, 2015 Global Web Index) dovuto principalmente ad un incremento delle competenze digitali di base. Il trend è destinato a crescere poiché sono ingenti gli investimenti che attori pubblici e privati stanno sostenendo per supportare l’alfabetizzazione digitale fornendo dati in formato aperto (è costante il numero di dataset pubblicati su dati.gov.it tra il 2015 e il 2016). Un dato rilevante emerso in seguito alla crisi economica riguarda la riduzione dei consumi e in particolare la spesa media annua nel mercato TLC e IT da parte di cittadini e imprese che ha registrato un calo vertiginoso (rispettivamente -8% e -3% tra il 2013 e il 2014, Sirmi 2015).

· Innovation: le imprese italiane, registrano un ritardo in termini di innovatività rispetto alla media europea, ma negli ultimi anni il numero di imprese innovative è aumentato notevolmente (+20% dal 2010 al 2012, Istat). Il 79% delle innovazioni (2012, Istat) è stato effettuato da PMI (99,9% del tessuto connettivo del nostro Paese, e il 26% di esse (2012, Istat) ha collaborato con altre aziende per produrre innovazioni di prodotto o processo. Inoltre, tra il 2014 ed il 2015 le Start-up innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle imprese in Italia sono aumentate del 17% (Infocamere).

· Infrastructure: La copertura dalla banda larga nel nostro Paese è ormai completa (99% delle abitazioni) ed è in corso la rivoluzione verso la diffusione della banda ultralarga che tra il 2014 e il 2015 ha raggiunto il 44% delle abitazioni (Desi 2015). E’ costante il numero di amministrazioni comunali con copertura HiperLAN-WiMax (Smart City Index EY) tra il 2013 e il 2014 mentre è ancora ridotto il numero di Comuni capoluogo che fornisce punti di acceso WiFi gratuiti (75% nel 2015, Smart City Index EY).

· Cyber Security: Il tasso di individui che acquistano beni e servizi online è in costante crescita (+3%, Desi) , ma il numero delle aziende del nostro Paese che si rivolge al canale web per la vendita è ancora ridotto (6,5% nel 2015, Desi) e solo il 5,2% (2015, Desi) commercializza i propri prodotti al di fuori del contesto nazionale. Le imprese stanno dotandosi sempre più di software per la raccolta e informazioni sulla clientela (+15% nel 2014, Istat) e questo dato denota un’affidabilità crescente dei dati.

· Industry: la Smart Mobility è un fenomeno in continua evoluzione nel nostro Paese: si registra che l’86% dei comuni capoluogo detiene l’ingresso in ZTL informatizzato e il 59% il sistema di bigliettazione elettronica per il TPL (2016, Smart City Index EY). Sul fronte della Sanità Digitale: il 53% dispone di servizi di prenotazione on line, nel 49% dei casi è possibile ritirare i referti online e nel 29% effettuare pagamenti dai portali ufficiali (2016, Smart City Index EY). Il Turismo Digitale, necessita di forti investimenti per la promozione del nostro territorio: il 66% dei Comuni capoluogo detiene un portale per il turismo e il 25% un APP, ma solo nel 19% dei casi è possibile prenotare on line (2016, Smart City Index EY).

· Urbanizzazione Smart: lo Smart City Index 2016 dimostra che il grado di innovazione dei comuni capoluogo italiani continua a migliorare: nelle città italiane cresce in particolare la diffusione di banda larga fissa (il numero di comuni coperti da VDSL per oltre il 20% della popolazione è raddoppiato rispetto al 2014), il 70% dei comuni capoluogo offre oggi almeno un servizio di mobilità in sharing ed il 41% almeno un servizio di pagamento on-line sul proprio portale. L’Italia, però, è ancora divisa in due: ad esclusione di alcune eccellenze, le città più innovative sono infatti localizzate al Centro-Nord, mentre si conferma il ritardo del Sud.

· Customer Experience: le famiglie e le imprese italiane in possesso di un PC sono in costante aumento (rispettivamente il 63% e il 98% nel 2014, Istat). Nel 2014 gli individui utilizzano internet per accedere a Social Network (58% della popolazione, DESI), per effettuare download di musica, video e game (52%, DESI) e per leggere news (57% ma in calo rispetto all’anno prima di 3 punti percentuali, DESI). Tuttavia, le competenze digitali del nostro Paese sono ancora limitate: nel 2014 solo l’1,4% dei laureati ha scelto indirizzi scientifici/tecnologici e il 2,5% dei lavoratori ha competenze specifiche IT (Desi).

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2