LO STUDIO polimi

Tutta l’Italia è in ritardo digitale: come agire nel 2017

Non ci sono grandi differenze tra le regioni, secondo l’analisi del Politecnico di Milano. Vediamo perché e su quali leve agire, nei diversi ambiti, per una svolta auspicabile il prossimo anno

19 Dic 2016
Luca Gastaldi

Direttore dell'Osservatorio Agenda Digitale Politecnico di Milano

regioni-141213193536

L’arretratezza digitale italiana ha un carattere strutturale e sistemico, non ci sono grandi differenze tra le regioni: è questo, in estrema sintesi, il risultato dell’analisi condotta dall’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.

La valutazione è importante perché la definizione del piano di recupero del ritardo che ha l’Italia in ambito di maturità digitale, misurata dal DESI (Digital Economic and Society Index), passa necessariamente dall’analisi delle sue caratteristiche, in termini di aree tematiche e geografiche di arretratezza. La disamina delle “performance digitali” delle regioni è quindi indispensabile per comprendere se le aree misurate dal DESI e in cui l’Italia riporta valori bassi vedono comunque dei territori di eccellenza o se l’arretratezza è un fattore comune. Perché l’efficacia del piano di intervento dipende strettamente dalla considerazione della situazione di partenza.

Analizzando le 5 aree di cui si compone il DESI, il gap maggiore si registra nell’area relativa alla connettività in cui la regione italiana peggiore dista dalla media europea circa 18 punti percentuali, segue l’area uso di internet con un gap del 15% e le aree capitale umano e servizi pubblici digitali con un divario del 13%. Meglio invece l’area integrazione delle tecnologie digitali che vede 5 Regioni con un valore superiore rispetto alla media europea (quella con la migliore posizione registra un valore di 4 punti percentuali in più). Tutte queste Regioni si trovano nel Nord Italia. Un’analisi relativa alla media italiana, conferma la presenza di una differenza ancora presente, anche se oggi meno evidente, tra Nord e Sud del Paese in termini di attuazione dell’Agenda Digitale. In tutte le aree del DESI, almeno 5 delle 9 Regioni del Nord si trovano sempre al di sopra della media nazionale. Opposta è la situazione delle Regioni del Sud, in cui 4 Regioni su 6 si trovano sempre al di sotto della media nazionale. La Sardegna è la più virtuosa tra le Regioni del Sud essendo l’unica sopra la media italiana per capitale umano, uso di internet e servizi pubblici digitali.

Figura 1. Posizione relativa delle Regioni italiane sul DESI nel 2015

L’Osservatorio Agenda Digitale, grazie a degli studi di caso condotti su 12 Regioni (2 nel Nord-Est, 4 nel Nord-Ovest, 3 al Centro e 3 nel Sud e nelle Isole) ha delineato lo stato dei programmi regionali, le criticità da affrontare e le leve per migliorare la posizione regionale relativamente alle 5 aree del DESI. La sintesi è riportata in Tabella 1. Le analisi condotte hanno permesso di identificare alcune azioni prioritarie per ciascuna delle aree.

Area del DESI

Connettività

Capitale umano

Uso di internet

Integrazione delle tecnologie digitali

Servizi pubblici digitali

Stato attuale

Problema di copertura del territorio a 30 Mbps

Assenza di interventi di inclusione digitale e di creazione di competenze digitali

Pochi interventi programmati per il miglioramento su quest’area

Criticità elevate soprattutto per le PMI

Piani definiti, ma poco fruibili e privi di indicatori

Criticità

Conformazione del territorio che non agevola la copertura

Alta dispersione dei comuni sul territorio

Mancata consapevolezza diffusa dei benefici connessi a una maggiore diffusione di competenze digitali

Carenza di competenze digitali

Bassa usabilità e diffusione dei servizi digitali

Carenza di banda larga

Carenza di competenze digitali di base e specialistiche nelle aziende

Integrazione, collaborazione e governance dell’innovazione

Scarsa cultura organizzativa e tecnologica

Incapacità di gestire i fondi EU

Leve su cui agire

Gestione efficace ed efficiente dei fondi BUL, in sinergia con il MISE

Diffusione e disponibilità di servizi online

Diffusione e disponibilità dei servizi online

Diffusione della banda larga

Diffusione servizi sanitati digitali

Diffusione Open Data

Diffusione competenze digitali

Tabella 1. Stato attuale dei programmi regionali, criticità e leve su cui agire relativamente alle 5 aree del DESI

Per quanto riguarda l’area connettività è secondo noi necessario agire contemporaneamente sia sulla copertura di banda ultralarga sia sul suo utilizzo. A metà 2015 infatti solo il 44% delle abitazioni italiane erano raggiunte da una banda a 30 Mbps e solamente il 3% dei cittadini aveva sottoscritto un abbonamento a tale velocità. Per incrementare la copertura è necessario garantire una gestione efficace ed efficiente dei fondi dedicati alla banda ultralarga in stretta sinergia con il MISE e spingere gli investimenti di PA e privati. È inoltre opportuno prevedere degli incentivi affinché i cittadini utilizzino in modo più pervasivo la banda larga. Solo in questo modo sarà possibile raggiungere gli obiettivi fissati dall’Europa e dal Governo.

Con riferimento alle aree capitale umano e uso di Internet sarebbe opportuno:

  • definire azioni mirate e programmi di formazione specializzati basati su framework comuni, da presidiare e utilizzare in modo coordinato tra le Regioni (ad esempio DIGCOMP, e-CF, eLeadership), creando centri di competenza, reti di formatori e luoghi fisici in cui si possa fare co-progettazione e co-design (es. laboratori urbani) oltre che presìdi permanenti per i cittadini (ad esempio punti di accesso assistiti); quest’azione si propone di raggiungere obiettivi diversi, rispetto alle tre tipologie di attori chiave a livello locale:

o PA: inserire nuova forza lavoro e favorire lo sviluppo di competenze digitali nelle persone già presenti;

o cittadini: sviluppare le competenze digitali di base, accompagnandoli nell’utilizzo delle tecnologie digitali tramite campagne di formazione per l’utilizzo di internet e iniziative ad hoc;

o imprese: valorizzare e sviluppare le competenze digitali delle persone già presenti in azienda;

  • aggregare la domanda, raccogliendo esigenze e fabbisogni di ogni scuola (in particolare sul fronte tecnologico) e portarli a fattor comune grazie alle Regioni, che devono diventare degli intermediari tra scuole e MIUR nell’ambito dell’attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale.

Le azioni identificate per l’area integrazione delle tecnologie digitali sono correlate al contesto nazionale, e vedono come obiettivo finale la definizione di condizioni favorevoli per la realizzazione di ecosistemi di innovazione e per un rapporto più virtuoso tra PA e imprese. A questo proposito sarebbe opportuno:

  • reingegnerizzare le architetture e le infrastrutture digitali delle PA, separando front-end e back-end in modo da rendere più facilmente integrabili le soluzioni sviluppate dai privati, e favorendo la costruzione di ecosistemi di innovazione;
  • favorire il procurement dell’innovazione.

Le azioni identificate nell’area servizi pubblici digitali hanno l’obiettivo di promuovere un rapporto virtuoso tra PA centrali e locali, all’interno di un percorso di trasformazione digitale condiviso e con tappe forzate. Sarebbe al proposito opportuno:

  • identificare nicchie applicative prioritarie per le quali adottare un approccio di switch-off tramite cui forzare la PA locale a digitalizzare alcuni dei suoi processi, sfruttando l’occasione per standardizzarli e rivederli in chiave sistemica, con l’obiettivo di renderli più efficaci ed efficienti;
  • adottare il modello architetturale nazionale basato sulla logica dei servizi attivabili tramite API, focalizzando la sfera di competenza della PA locale su gestione dei dati (soprattutto di quelli sensibili) e offerta di servizi centrati sulle esigenze del cittadino, accettando di esternalizzare progressivamente lo sviluppo applicativo al mercato e di sfruttare in modo proattivo le aziende private e i cittadini nella generazione di valore;
  • definire un percorso di raccordo sistematico tra gli interventi previsti in Strategia per la crescita digitale e i programmi regionali, migliorando il coordinamento tra PA centrali e locali tramite sistemi di governance multi-livello e perseguendo una semplificazione amministrativa volta a riorganizzare e a ripensare le modalità con cui sono erogati i servizi a cittadini e imprese;
  • costruire poli specialistici territoriali che consentano di sviluppare e trasferire expertise tra diverse PA, andando oltre la logica del riuso e misurando i benefici progressivamente ottenuti e trasferibili.


In gran parte, quindi, tutti interventi che declinano a livello regionale (e di tutte le regioni) le strategie e i programmi definiti a livello nazionale. Solo in parte, interventi specifici per regione.

Con una necessità di governance complessiva e di pianificazione dell’accompagnamento al cambiamento che costituisce, forse, uno dei nodi principali per lo sviluppo digitale del Paese.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2