mercati finanziari

Clima, perché un’Africa forte conviene anche all’Occidente

L’appeal del Continente africano è da rivalutare utilizzando nuovi paradigmi che rappresentino una netta scissione tra passato e futuro, un approccio rinnovato capace di portare benefici all’economia mondiale e alla sostenibilità

Pubblicato il 18 Gen 2023

Mario Di Giulio

Professore a contratto di Law of Developing Countries, Università Campus Bio-Medico Avvocato, Partner Studio Legale Pavia e Ansaldo

africa

Cambiare in modo radicale il rapporto tra Occidente e Africa racchiude in sé più effetti positivi che non riguardano soltanto i mercati finanziari e di capitali ma si estendono a tutta l’economia, con ricadute anche sui temi ambientali e della sostenibilità. Un percorso non privo di criticità che va però affrontato con decisione e imparzialità a beneficio di tutti.

Agenda 2030, i punti fondamentali per innovazione e infrastrutture

Agenda 2030 e mercato dei capitali

Mentre in Italia si accende l’attenzione sul Continente africano, spolverando vecchie ricette e immaginando nuove relazioni improntate a un diverso approccio, basta fare delle brevi ricerche su Google per comprendere quanto e come il nostro rapporto sia stato influenzato da un atteggiamento spesso paternalistico e fondamentalmente di mero sostegno umanitario, con scarsa attenzione, almeno sino a qualche anno fa, su quegli interventi che possono effettivamente promuovere lo sviluppo, affrancando chi è in stato di bisogno e creando opportunità per tutti.

WHITEPAPER
ESG nel Manifatturiero: metodi e KPI per misurare le prestazioni dell'impianto sostenibile
Manifatturiero/Produzione
Sviluppo Sostenibile

Tra questi interventi appaiono essere assai limitati, se non assenti, quelli relativi all’evoluzione dei mercati finanziari. È ormai assodato che lo sviluppo di un’economia si basa su alcuni pilastri senza i quali è difficile immaginare un’espansione economica che assicuri un diffuso benessere.

Uno dei pilastri fondamentali è costituito dal sistema bancario, un altro è la creazione di un mercato dei capitali ed è importante al riguardo notare che i vari studi esistenti sottolineano la correlazione tra lo sviluppo del mercato dei capitali e lo sviluppo dell’economia intesa in senso ampio.

Il reperimento dei capitali è fondamentale anche per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030, dove si stima un fabbisogno di 10mila miliardi di dollari americani solo per quanto concerne i paesi in via di sviluppo.

Una notazione positiva che riguarda il nostro paese è l’iniziativa della nostra Cassa depositi e prestiti (Cdp) volta a dare supporto alle piccole e medie imprese africane per l’acceso al mercato dei capitali, attraverso il programma Archipelagos a valere su fondi Ue, che è in corso di attuazione.

Quali fattori di criticità?

In Africa i mercati borsistici appaiono avere un relativo sviluppo e sembrano impostati alle good practices internazionali. Per quanto concerne gli emittenti privati, le masse scambiate sono ancora limitate, anche a causa delle difficoltà legate all’acquisizione di informazioni affidabili in termini quantitativi e qualitativi.

La stessa concorrenza dei bond governativi non aiuta dal momento che, laddove gli stessi offrano rendimenti elevati, rendono di fatto difficile la vita agli emittenti privati. Nel processo di sviluppo del mercato dei capitali un ruolo importante lo assumono anche le agenzie di rating (a dirlo è uno studio dell’IFC di gennaio 2020), il che dovrebbe fare riflettere tutti coloro che, non comprendendone il valore del giudizio, trovano sempre il tempo per disconoscerne l’utilità.

Questo non avviene solo in Italia, ma anche in Africa con giudizi accesi ogniqualvolta il rating espresso non corrisponde alla propria autovalutazione. Le agenzie internazionali sarebbero tacciate di utilizzare, nel valutare i rischi connessi al cambiamento climatico, un giudizio più severo per i Paesi in via di sviluppo rispetto a quelli sviluppati. Inoltre, non considererebbero gli sforzi compiuti per mitigare gli effetti sul clima ed è anche a causa di questi giudizi che viene promossa da più parti l’istanza di avere agenzie di rating africane.

Venendo al paragone tra l’Africa con altri Paesi in via di sviluppo in diverse zone geografiche (Asia meridionale e America latina) si nota, anche se lo studio che approfondisce il tema è del 2014 (Milken Institute), una scarsa consistenza degli scambi e un mercato dei bond fondamentalmente sorretto dai bond governativi.

Tornando alla rilevanza del mercato dei capitali quale fattore di sviluppo, è importante notare le azioni di supporto svolte dalle organizzazioni internazionali, quali ad esempio l’assistenza da parte della World Bank insieme all’IFC che hanno lanciato a metà 2017 il Joint Capital Market Program (J-Cap) per lo sviluppo di mercati di capitali locali.

L’influenza del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico che, si accanisce particolarmente sui Paesi in via di sviluppo, non aiuta l’Africa sotto il profilo dell’appetibilità per gli investitori sul mercato dei capitali, costituendo un fattore di rischio, sia sotto il profilo diretto dei danni all’economia, sia sotto il profilo dei conflitti che esso può innescare a livello sociale e internazionale.

Dall’altro lato però può diventare fattore di promozione rispetto agli strumenti che sono volti a finanziare la lotta la sostenibilità, come ad esempio: green bonds, strumenti finanziari ESG compliant, soprattutto laddove l’attenzione sia posta sulla “E” di Environment.

Principi ESG, quando un’azienda può dirsi sostenibile: criteri di valutazione e impatti

ESG, a che punto siamo in Africa

Sulla finanza sostenibile e gli ESG (Environmental, Social and Governance) il Continente africano è più attivo di quanto si possa pensare, tant’è che se ne possono riportare esempi di rilievo.

Il Kenya, fin dal 2008, si è mosso nella direzione di una finanza sostenibile. Le prime iniziative sono state lanciate dall’allora presidente Mwai Kibaki che lanciò Vision 2030 al fine di trasformare il Paese in un’economia avanzata, che assicurasse una buona qualità della vita ai suoi cittadini in un ambiente sano e sicuro.

Nel novembre 2021, il Nairobi Stock Exchange ha pubblicato un manuale per le società quotate al fine di fornire informazioni relative ai fattori ESG. Le linee guida non sono obbligatorie ma le società quotate devono fornire le informazioni ESG in ogni caso: manca quindi un’uniformazione nell’applicazione dei criteri e questo fattore potrebbe non essere negativo, se appaiono chiari nei vari rendiconti quali criteri sono presi in considerazione e come questi sono applicati.

Dal canto suo la Central Bank of Kenya ha introdotto delle linee guida obbligatorie dal 2023, imponendo alle società sulle quali vigila di adottare procedure di gestione del rischio climatico.

In Tanzania, il Dar Es Salaam Stock Exchange ha emesso quest’anno linee guida per le informazioni da rendere sui fattori ESG. Le società quotate sono inoltre obbligate a pubblicare le informazioni ESG e un rapporto di sostenibilità.

In Nigeria, le autorità dei mercati vigilati già dal 2019 hanno emesso linee guida per le informazioni ESG e reso obbligatoria la pubblicazione delle informazioni non finanziarie.

Del resto, buona parte delle borse africane partecipano alla Sustainable Stock Exchanges Initiative sostenuta da varie organizzazioni internazionali in connessione con il raggiungimento dell’SDG 12 (Responsibile Consuption and Production) che intende garantire alla popolazione l’accesso alle risorse alimentari, energetiche e idriche riducendo però il gli sprechi delle risorse naturali.

I vantaggi per l’Occidente

In un articolo focalizzato sui rapporti tra Stati Uniti e Cina, della Franklin Templeton datato 27 gennaio 2021, si evidenzia come il settore della finanza nei rapporti di forza mondiali sia non meno importante di quello dell’energia. La finanza comporta un sistema di controlli che conducono non solo al trasferimento della ricchezza ma anche alla verifica puntuale di come la ricchezza si trasferisce.

Basti pensare alle implicazioni per la Russia in seguito all’esclusione dalla partecipazione delle sue banche al sistema SWIFT oppure al fatto che le società quotate nelle borse degli Stati Uniti devono avere bilanci certificati da società di revisione che accettano controlli da parte delle autorità locali. Quest’ultimo punto sta portando a de-listing di molte società cinesi che forse in questo modo si esporrebbero al rischio, nella propria prospettiva,  di un’eccessiva trasparenza anche in termini di applicazione delle sanzioni.

Senza addentrarsi troppo nelle varie dinamiche e criticità, basti pensare a come un’Africa meno dipendente dagli aiuti esterni possa essere un’autorevole interlocutrice per le scelte che riguardano l’intero pianeta, come dichiarato durante il summit con i paesi africani del dicembre 2022 dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.

Spesso dimentichiamo inoltre che le scelte cinesi nell’approccio all’Africa, che non considerano ad esempio il rispetto dei diritti umani o il raggiungimento di determinati obiettivi di sicurezza sociale, hanno conseguenze per noi europei non indifferenti: non soltanto perché di quei valori ne saremmo paladini, ma cinicamente perché ne paghiamo le conseguenze a seguito dei conflitti, anche sociali, e delle migrazioni che conseguono all’assenza di tutela dei diritti umani e di uno sviluppo equo e distribuito.

Sicurezza dei pagamenti, Swift e blockchain a confronto

Il ruolo dei mercati emergenti

Esiste però un secondo aspetto: la popolazione europea invecchia e i sistemi pensionistici faticano ad assicurare le rendite per coloro che lasciano l’attività lavorativa. La ricerca di rendimenti adeguati in giurisdizioni sicure porterà gioco forza sempre più a guardare ai mercati emergenti, la cui gran parte è in Asia, per assicurare rendimenti elevati alle relative gestioni pensionistiche che possano colmare il gap dei mancati contributi da parte della popolazione attiva.

È nostro interesse che presto la stessa Africa possa considerarsi attrattiva sotto il profilo degli investimenti finanziari, garantendo quei rendimenti che solo le economie emergenti riescono a offrire.

WHITEPAPER
Automazione manifatturiera: ecco come ridurre consumi energetici ed emissioni di CO2. Scopri di più!
Sviluppo Sostenibile
Utility/Energy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4