IL PUNTO

Covid, così combatte l’Europa: Green pass, vaccini e altre misure di contenimento

A ridosso delle vacanze di Natale, vediamo come l’Unione europea ha deciso di agire, tra strette e Green pass, con regole tendenzialmente univoche. Una panoramica delle principali misure

24 Dic 2021
Chiara Ponti

Avvocato, Privacy Specialist & Legal Compliance e nuove tecnologie – Baccalaureata

L’Europa si blinda col green pass e non solo, per combattere il covid.

Ma lo fa in modo diverso tra Paese e Paese e soprattutto con norme dinamiche: i continui cambiamenti italiani sul green pass – per durata, ora ridotta a sei mesi da febbraio col decreto Festività di ieri, e per modalità, vedi nascita del super green pass – ben rappresenta il caos che stiamo vivendo. La politica si sforza di adattarsi al covid, che però colpisce in modo diverso a seconda del momento e del luogo.

Tutto ciò mentre al contempo l’Europa cerca un minimo di regole comuni per proteggere quella libertà di movimento nella Comunità, caposaldo dell’Unione.

Vediamo come l’Europa sta vivendo, nei diversi Paesi, con un mix di regole e caos, questo momento difficile e inusitato.

Viaggiare sicuri con il Green pass

Una cosa è certa. A prescindere dai colori delle nazioni, e stante le raccomandazioni costantemente reperibili sul sito viaggiaresicuri.it, il leitmotiv è sempre lo stesso: per viaggiare sicuri, di questi tempi, occorre essere in possesso di un valido Green pass.

WHITEPAPER
Employee engagement da remoto: i tool che aumentano partecipazione e produttività
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

Green pass per la mobilità internazionale: tutti i problemi da risolvere

Non importa tanto come lo si voglia chiamare, l’importante è che abbia caratteristiche comuni, e cioè deve/dovrà essere:

  • in formato digitale e/o cartaceo;
  • con QRCode;
  • gratuito;
  • nella lingua nazionale e in inglese;
  • sicuro e protetto;
  • valevoli in tutti i paesi della Unione europea.

Il gateway europeo

La Commissione europea ha da poco creato un gateway al fine di garantire che tutte le firme dei certificati siano verificate in tutta la UE, volte non di meno a garantire la privacy e la sicurezza. I dati personali del titolare del certificato/interessato, infatti, non passeranno attraverso tale gateway, sì da essere conforme alla disciplina in materia di data protection.

Il certificato Covid digitale UE a prova di privacy

Il certificato Covid digitale UE risponde al principio di minimizzazione di cui al GDPR, osiamo dire. Esso contiene infatti informazioni fondamentali quali nome, data di nascita, data di rilascio, informazioni pertinenti su vaccino/test/guarigione e identificativo unico.

Questi dati rimangono sul certificato e non sono memorizzati o conservati quando un certificato viene verificato in un altro Stato membro.

Green pass sì, Green pass no: in viaggio (virtuale) in alcuni Paesi europei

È notizia di questi giorni: l’Unione europea ha deciso di cambiare la validità del Green pass per i viaggi, ponendo nove mesi come durata raccomandata.

Ecco tutte le nuove regole in vigore dal prossimo 1° febbraio per spostarsi tra Stati membri.

In Austria

Il governo austriaco intende rendere obbligatorie le vaccinazioni dal 1° febbraio 2022, e dallo scorso 12 dicembre è stato applicato un lockdown solo per chi non si è ancora vaccinato. Il Green pass parrebbe funzionare secondo il sistema del “2G”: persona “geimpft” = vaccinata, o “genesen” = guarita) permettendo l’accesso agli eventi/luoghi pubblici.

Per accedere al lavoro è previsto anche il tampone.

In Francia

La Francia è una delle antesignane del Green pass per accedere nei luoghi pubblici, nei trasporti, in ospedali, case di cura e altri luoghi di lavoro al fine di contenere i contagi. Secondo le ultime notizie, il Presidente Macron avrebbe imposto ulteriori strette in vista delle vacanze natalizie chiudendo le frontiere specie agli inglesi.

In Germania

Il Governo tedesco tra quello uscente ed entrante ha approvato varie misure di contenimento dei contagi, applicate poi autonomamente dalle regioni in base ai numeri di ospedalizzazioni. Sul Green pass “3G” vale a dire “geimpft, genesen, getestet” = persone vaccinate/guarite/con tampone negativo per entrare al lavoro e salire sui mezzi pubblici.

Altre misure di contenimento del contagio consistono nel raccomandare caldamente il ripristino del lavoro da casa. Se poi lo stato di allerta dovesse ulteriormente salire, verrà applicato il sistema “2g plus” che prevede misure ancora più restrittive come l’uso di mascherine o del numero di persone ammesse in un locale al chiuso.

In Grecia

In Grecia dalla scorsa metà di novembre, molte sono le proteste contro il Green pass.

In Romania

Come in Grecia anche in Romania moltissime sono le proteste contro il Green pass le quali, proprio in questi giorni a ridosso del Natale, hanno avuto il sopravvento: niente (più) Green pass per tornare alla socialità.

In Svezia

La Svezia ha introdotto da inizio dicembre un cosiddetto “Covid pass” attestante la vaccinazione per (poter) accedere agli eventi al chiuso con più di cento (100) persone, nel senso cioè di grandi eventi.

Il leitmotiv svedese è: vaccini e tamponi, senza imporre, al momento, alcun lockdown rimettendosi alle misure volontarie e individuali, a garanzia del distanziamento sociale.

Le principali esperienze extra UE

Ne riportiamo principalmente due, le più significative: Israele e il Regno Unito

Israele

Israele spicca per l’avanzamento nelle dosi dei vaccini: parrebbero in fase di somministrazione della quarta (4) dose; senza “esclusione di colpi” dai grandi ai piccini, con cautela si spera. Per quanto, secondo le note fonti, gli israeliani siano stati i primi a vaccinare i bambini.

Sul fronte “lasciapassare” occorre dire che è attivo il Green pass ovvero la consueta attestazione digitale che consente a chi ha ricevuto il vaccino di accedere ovunque.

Regno Unito

Anche nel Regno Unito occorre esibire il certificato verde.

Il governo londinese avrebbe dichiarato di essere pronto ad introdurre un “piano B” al fine di rallentare la diffusione della variante Omicron.

Proprio quel Piano B richiesto da mesi dai medici che avrebbe evitato il collasso sanitario di questi giorni.

Ulteriori strette, dunque, si impongono dal ripristino dell’obbligo delle mascherine allo smart working nonché passaporti vaccinali per tutti se si vuole accedere ai locali chiusi. Sul Green pass le opinioni, per il vero, non sono così unanimi: alcuni, i conservatori lo ritengono finanche una violazione delle libertà individuali troppo per gli standard britannici; altri lo ritengono invece l’unica via di uscita. Forse un compromesso sarebbe quello di (iniziare ad) imporlo limitatamente ai grandi eventi, come ha fatto la Svezia.

È chiaro ed evidente che il tutto vada, ancora una volta, nella direzione di una chiara spinta alla vaccinazione di massa, specie almeno alla terza dose, poiché purtroppo si vocifera anche di vaccini su base trimestrale.

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2