Nuovo governo

La PA manca la scadenza 28 febbraio, ecco come recuperare

La data del DL Semplificazione è rispettata solo da alcuni, ma è perlopiù simbolica perché ciò che serve davvero sono servizi ripensati in digitale. Il nuovo Governo sposi una logica diversa, basata su pianificazione, progettazione, finanziamento, attuazione e controllo

28 Feb 2021
Giovanni Manca

consulente, Anorc

amministrazione digitale_260152466

Oggi 28 febbraio 2021, come stabilito dal Decreto Legge “semplificazione e innovazione digitale”, è la data entro la quale le PPAA devono:

  • integrare nei propri sistemi informativi SPID e CIE come unico sistema di identificazione per l’accesso ai servizi digitali;
  • integrare la piattaforma pagoPA nei sistemi di incasso per la riscossione delle proprie entrate;
  • avviare i progetti di trasformazione digitale necessari per rendere disponibili i propri servizi sull’App IO.

I 5mila Comuni con meno di 5mila abitanti hanno ottenuto una proroga fino alla fine dell’emergenza (con la conversione del decreto).

Certamente tantissime amministrazioni soprattutto locali si sono mosse anche sostenute dall’iniziativa per i Comuni del Fondo per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione peraltro con bassa disponibilità economica per ciascun Comune.

Tantissime amministrazioni, ma non tutte – com’è evidente facendo un giro dei diversi siti dei Comuni.

Spid e transizione dei servizi

Ma il problema non è tanto questo, perché la data del 28 ha un valore perlopiù simbolico.

Per prima cosa,  anche da chi ha rispettato la data, ci si aspetta l’attivazione di pochi servizi SPID se non addirittura uno soltanto perché lo spirito delle amministrazioni è quello dell’adempimento minimo.

WHITEPAPER
Troppe piattaforme IT? Non serve cambiarle! Scopri come farle dialogare
Digital Transformation
Software

Certamente l’accesso tramite SPID non è complesso se la PA ha già disegnato i servizi online per l’accesso tramite PIN.

Se questo non è stato fatto, l’accesso tramite SPID ha fisiologicamente a disposizione servizi che sono fittizi o comunque basati su procedimenti di natura cartacea e quindi non efficienti.

Fondo innovazione, le prossime scadenze per i Comuni: come arrivare preparati

Come recuperare i ritardatari

Un recupero è possibile se gli obblighi saranno estesi ad un numero di servizi minimo per tutte le amministrazioni individuando per gli Enti Locali un insieme di servizi di base ma anche alcune indicazioni operative fondamentali.

Le indicazioni fornite dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione si sono concentrate su SPID, CIE, PagoPA e APP IO ovvero sull’autenticazione utente e sull’interfaccia operativa.

Ad esempio nulla si è detto su metodi di invio documentazione e modalità di sottoscrizione. L’APP IO è importante ma da sola non si riempie di contenuti reali.

Questi elementi generali sono confermati dal fatto che dal 2001 ogni Governo mette in campo risorse economiche per la digitalizzazione della PA. I nomi cambiano e-Government, digitalizzazione, trasformazione digitale ma l’obiettivo è sempre lo stesso, rendere digitali i procedimenti della PA che fisiologicamente fa da volano a settore privato.

Il settore privato infatti non è certo molto più digitale della PA se non per certe attività particolari oppure se il privato è una Banca di grosse dimensioni o un soggetto nato per il Commercio elettronico come i servizi di biglietteria elettronica.

Spingere sull’accesso ai servizi quando i servizi non sono al meglio è come costruire una strada verso il nulla. Questo, purtroppo è stato il risultato della politica digitale dal 2001 ad oggi pur non negando tanta buona volontà e tante idee.

Eppure non è complicato di base attuare delle valide soluzioni visto che l’unica differenza operativa è nei dati. Dati utilizzati per i procedimenti interni alla PA che si utilizzano per rispondere alle richieste dei cittadini e delle imprese.

I problemi che non si risolvono

I problemi che non riescono a trovare soluzioni sono ben noti:

  • eccesso di sistemi elaborativi e loro prevalente obsolescenza tecnologica;
  • procedimenti cartacei simulati in digitale;
  • offerta di servizi con picchi di richieste non gestibili con software non adeguato;
  • banche dati non cooperanti;
  • sicurezza cibernetica carente;
  • protezione dei dati personali in crescita ma insufficiente;
  • formazione del personale insufficiente o non didatticamente organizzata.

Progetti non sostenibili

Tante altre carenze sono presenti ma un problema persistente potremmo identificarlo come la “sindrome del primo della classe”. Tutti hanno fatto qualcosa di unico, il dirigente apicale per il referente politico e questo per il politico e questo per il vertice politico, ecc. Si parla periodicamente di svolta epocale, di inizio di una era anche se in realtà dal 2001 ad oggi si fanno le stesse cose, cambiando la norma, magari il nome del progetto, anche un po’ di tecnologia ma il risultato  è sempre stato lo stesso. I progetti partono anche con finanziamenti adeguati e poi pian piano muoiono perché non sono in grado di autosostenersi. Manca la sostenibilità.

Serve continuità di governance

Una cambio di rotta è sempre possibile ma deve essere attuato con decisione e senza ripensamenti tra Governo uscente e nuovo Governo. Il digitale deve essere stimolato e sostenuto da tutte le forze politiche e non decollerà mai se tutto si spegne nel corso della breve durata media di un Governo. Nell’Italia del dopo guerra solo due Governi sono durati un’intera legislatura e anch’essi sono stati soggetti ad un rimpasto. Il primo ad essere nominato Ministro per l’innovazione e le tecnologie Lucio Stanca ha operato per l’intera Legislatura ma in due Governi diversi.

Dati e cloud

Il metodo migliore che si può individuare per gestire le divisioni culturali, politiche e di risorse è che ogni entità, Ministero, Regione, Comune agisca in modo ragionevolmente autonomo e che scambi dati con le altre amministrazioni tramite interfacce standard in base alle esigenze del procedimento amministrativo.

Una serie di servizi possono anche essere utilizzati in modalità cloud SaaS realizzando economie di scala. Certamente un modello unico, nazionale, centralizzato non ha funzionato e difficilmente può funzionare.

L’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente è certamente la base dati cruciale per ogni processo di digitalizzazione per la sua fisiologica natura di indice del cittadino. Ad essa si affianca per le stesse motivazioni “mutatis mutandis” il Registro delle Imprese.

Sarebbe poi utile creare un procedimento amministrativo non parcellizzato a micro fasi ma unico, continuo e coordinato. Non sarebbe inutile consentire al cittadino di sottoscrivere documenti gratuitamente, senza dover pagare servizi al mercato direttamente (vedi il caso della cosiddetta firma “one shot” valida solo per una sottoscrizione).

L’utente dovrebbe sottoporre l’istanza o la dichiarazione e tutto procede fino alla conclusione senza bisogno di interagire n volte per il richiedente o addirittura non sapere l’andamento della pratica.  Tra l’altro il CAD prevede anche che il cittadino possa seguire l’andamento delle proprie istanze.

Chi scrive è ben conscio di ripetere per l’ennesima volta le stesse cose ma queste cose perché ripetute da tutti confermano che quella è la via.

Pianificazione, progettazione, finanziamento, attuazione e controllo. In carico ad Enti terzi che non durano il tempo di un Governo sempre troppo breve.

Formazione

La formazione deve essere strutturata in modo organico e didatticamente utile. Fare un seminario di un giornata diventa, anche con docenti di altissimo profilo, l’equivalente di uno spettacolo teatrale. E’ indispensabile che il corso sia registrato e rivisto dagli utenti anche per ottimizzare il tempo a disposizione dei singoli fruitori (elearning). Sui temi del corso bisogna mantenere attivo un canale con il docente per le domande, specifiche ovviamente non sostitutive della consulenza.

Infine il discente deve essere testato dopo il corso. Chi scrive raramente ha avuto in aula persone attente, interessate e non distratte da telefonate dell’ufficio o forse private.

Quindi periodicamente il personale deve partecipare a corsi dove alla viene esaminato al fine di valutare il reale livello di apprendimento. Anche in questo caso il metodo elearning e i questionari online possono ovviare a problemi organizzativi del personale o a una timidezza della persona.

Lo scopo non è punitivo ma formativo. Se spendo risorse per formare e non ottengo risultati bisogna cercare di capire quali sono i problemi per risolverli e non farne un uso punitivo e deterrente al miglioramento professionale.

Chi scrive raramente ha visto dirigenti in aula ma ha sentito tantissime volte la frase “Il dirigente vuole la carta” e anche di peggio.

I punti per il nuovo governo

Le tematiche per il nuovo Governo sono le solite. Coordinamento politico tra Trasformazione Digitale e PA, sostegno economico adeguato, soprattutto ai piccoli e medi Comuni e supporto tecnico organizzativo che richiede un potenziamento di AgID o di struttura analoga e, in ogni caso, un apporto di personale stabile nel tempo e non legato alle esigenze del momento.

Sia il Commissario Straordinario Piacentini che il neo Ministro Vittorio Colao hanno ipotizzato in loro documenti ufficiali un ruolo per AgID e una struttura parallela un numero di 500 persone.

Ma anche dire a priori quante persone servono non è corretta progettazione. Prima si deve decidere cosa fare, in che tempi, con quali risorse e poi si attua indicando anche le risorse che servono. Nel passato i progetti hanno anche ben funzionato ma non si sono sostenuti e sono morti e i fondi utilizzati sono stati praticamente sprecati.

I progetti devono partire e poi devono essere sostenuti da fondi annuali nel Bilancio dello Stato o devono autosostenersi.

Stavolta i fondi europei del cosiddetto Recovery Fund sono tanti, l’importante non sarà fare ma mantenere quello che si è fatto in armonia con il proverbio che l’importante non è portare il pane al bisognoso ma farlo imparare a panificare.

WHITEPAPER
Cloud: 8 punti per scoprire subito se serve alla tua azienda
Cloud
Cloud storage
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati