i consigli

“Firma con spid” e altri modi utili per semplificare le pratiche digitali

Marche da bollo digitali utilizzando il sigillo elettronico, firma con Spid, firma elettronica avanzata con Cie o Cns. Tre modi per semplificare l’interazione tra utente e fornitori di servizi in rete sia pubblici che privati. E anche migliorare la protezione dei dati personali

06 Mag 2020
Giovanni Manca

consulente, Anorc

cittadinanza_733582210

L’emergenza sanitaria sta portando particolare entusiasmo sulla nuova fattispecie di sottoscrizione denominata “firma con SPID” o formalmente “sottoscrizione ex articolo 20 del CAD”. Ma anche altre modalità stanno scoprendo una nuova primavera, tutte all’insegna della semplificazione dei servizi pubblici digitali.

Vediamo anche come alcune tecnologie efficaci sul piano probatorio e più semplici sul piano operativo non sono prese in considerazione anche se il loro utilizzo sarebbe di grande aiuto nella semplificazione del procedimento amministrativo. Naturalmente, come si è scritto più volte, non è la tecnologia a semplificare ma avendone a disposizione di adeguata è un peccato non stabilire regole di efficacia e efficienza.

Tratteremo in particolare di SPID connesso al sigillo elettronico al fine di avere una marca da bollo elettronica, di presentazioni di istanze e dichiarazioni per via telematica e di sottoscrizioni con la Carta d’Identità Elettronica (CIE 3.0).

Firma con Spid per le istanze telematiche verso la PA

La “firma con SPID” è possibile utilizzarla per sottoscrivere le istanze e dichiarazioni presentate alle pubbliche amministrazioni per via telematica come stabilito nell’articolo 65 del Codice dell’amministrazione digitale.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

Questo è stabilito nel comma 1, lettera a) dell’articolo citato. Peraltro la lettera b) stabilisce che le istanze e dichiarazioni sono valide “quando l’istante o il dichiarante è identificato attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID)”. Questa opportunità è operativamente più semplice delle 14 operazioni necessarie per la “firma con SPID”. Si accede al servizio tramite SPID; in un possibile scenario si forma il documento informatico tramite il servizio di rete. Per l’anagrafica e il codice fiscale si hanno anche i dati derivanti dal procedimento di conferma dell’identità SPID da parte del gestore dell’identità digitale. Il documento viene proposto per l’approvazione all’utente e una volta che si è ottenuta, il documento è sottoscritto dall’utente (con un servizio della PA) che poi dispone di una ricevuta dell’amministrazione (magari anche il numero di protocollo) che è sottoscritta o sigillata dalla stessa.

Questo meccanismo è utilizzabile anche da un soggetto privato ma con un approccio leggermente diverso. Lo SPID è utilizzabile senza differenze ma il soggetto privato deve essere un fornitore di servizi attivo secondo le regole di questo sistema. L’utente accede al servizio e utilizza le regole della firma elettronica avanzata (FEA). Il fornitori di servizi poi firmerà o sigillerà in base alla specificità documentale. In particolare negli ambiti bancari e assicurativi sarà necessaria almeno una FEA e ovviamente è utilizzabile anche la firma digitale.

L’accesso al servizio è possibile anche tramite la CIE, sia per il pubblico che per il privato. Il sigillo potrebbe essere utilizzato solo a fronte di una modifica normativa.

Marche da bollo digitali e sigillo elettronico

Si può anche fare emissione di marche da bollo digitali utilizzando la fattispecie del sigillo elettronico. Questo è definito nel regolamento europeo eIDAS come “dati in forma elettronica, acclusi oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati in forma elettronica per garantire l’origine e l’integrità di questi ultimi”. Quindi se vogliamo associare il bollo digitale al documento per il quale è dovuto il tributo è possibile richiedere il bollo (che sarà in generale in formato XML e sigillato dall’ente emettitore).

Questo bollo viene associato al documento e il legame tra le due entità è stabilita con un sigillo elettronico non necessariamente di tipo qualificato. In altre parole si può ripetere l’associazione logica tra documento informatico sottoscritto (ma anche non sottoscritto) e la marca temporale. Il ruolo della marca temporale è in questo scenario svolto dal bollo digitale (ai fini fiscali e non di riferimento temporale opponibile ai terzi). Il sigillo elettronico genera un ulteriore legame non violabile tra documento informatico e bollo digitale.

Inserire nella struttura del bollo l’impronta del documento coinvolto evita la duplicazione dell’oggetto. Il sigillo elettronico emesso da un’entità “fiscale” consente di stabilire che quel bollo è apposto a quel documento. Le entità che possono essere coinvolte sono l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato che potrebbe in tal modo mantenere gli introiti dei bolli adesivi oppure la società PagoPA vista la sua missione istituzionale.

Alle tabaccherie potrebbe essere assegnato il ruolo di intermediari sul territorio per i soggetti da tutelare sul “divario digitale”.

Queste ipotesi ovviamente non sono sostenute da una base legale e quindi quanto scritto vuole essere una proposta ai decisori amministrativi e politici.

Firma elettronica avanzata tramite CIE o CNS

La terza semplificazione, in questo caso a normativa vigente, è quella della firma elettronica avanzata tramite CIE o Carta Nazionale dei Servizi (ad oggi attivabile sulla tessera sanitaria).

L’articolo 61 del DPCM 22 febbraio 2013 stabilisce regole per le soluzioni di FEA. In particolare il comma 1 consente l’invio di Posta Elettronica Certificata in modalità “ricevuta completa” ( ) al fine di sostituire nei confronti della PA la vigente FEA.

Il comma 2 del medesimo articolo stabilisce che:

“L’utilizzo della Carta d’Identità Elettronica, della Carta Nazionale dei Servizi, del documento d’identità dei pubblici dipendenti (Mod. ATe), del passaporto elettronico e degli altri strumenti ad essi conformi sostituisce nei confronti della pubblica amministrazione, la firma elettronica avanzata ai sensi delle presenti regole tecniche per i servizi e le attività di cui agli articoli 64 e 65 del codice”.

Prima di proseguire, due note esplicative. Il codice citato alla fine del comma è il CAD e il passaporto elettronico non ha caratteristiche tecnologiche tali da consentire una FEA.

Come si vede è possibile sottoscrivere istanze e dichiarazioni per la PA tramite CIE o CNS. I soggetti privati possono utilizzarle purché sia soddisfatte le regole stabilite nel Titolo V del DPCM 22 febbraio 2013.

I privati possono anche attivare servizi con controllo di accesso tramite CIE operando al di fuori delle regole di SPID e quindi senza obblighi di sottoscrizione della convenzione con AgID per i fornitori di servizi SPID. In questo caso, ovviamente, non si tratta di sottoscrizione ma di controllo di accesso.

Conclusioni

Quanto descritto evidenzia che esistono molte possibilità operative per semplificare l’interazione tra utente e fornitori di servizi in rete sia pubblici che privati. La disponibilità di SPID e di CIE consente anche di migliorare l’approccio alla protezione dei dati personali visto che è possibile definire con esattezza di tratta il dato in conformità al registro dei trattamenti. Fondamentale in questo utilizzo lo SPID rilasciato per uso professionale.

E’ evidente che in una PA basata sull’adempimento, l’ampia scelta di opzioni per l’identità e la firma non ha portato ad adeguati utilizzi di questi strumenti per l’utente in rete.

Il metodo più utilizzato è ancora quello dell’invio della carta firmata con la penna e scansionata insieme al documento di identità. Lo scanner in queste operazioni è sostituita dalla foto dei documenti.

La conclusione non può che essere sempre la solita. Solo la semplificazione dei procedimenti sul piano organizzativo consente di individuare i migliori strumenti tecnici per la conformità alla normativa. Si continua invece a pensare spesso a procedimenti cartacei resi digitali dove le spesso complesse incombenze sono generalmente a carico dell’utente, che ha l’unico scopo di arrivare all’obiettivo e deve accettare per forza i bizantinismi del procedimento.

WHITEPAPER
Tutto quello che c'è da sapere oggi per la collaboration nella PA
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2