l'editoriale

Italia digitale, usciamo dalla nebbia

Tanti piani per il cambiamento. Tante incertezze alimentate dalla particolare stagione politica vissuta dall’Italia. L’Agenda digitale è in questo guado. Per superarlo serve collaborazione tra le parti. E coraggio. Ecco i tasselli da considerare. E a Forumpa2019 qualche strumento per provarci davvero

08 Mag 2019
Alessandro Longo
Alessandro Longo

Direttore agendadigitale.eu

Nebbia digitale e faro

Dall’eterna stagione dei piani – tanti, a volte persino conflittuali tra loro – a quella del vero cambiamento. Percepibile da cittadini, imprese. Quante volte abbiamo auspicato questo passaggio, per l’innovazione dell’Italia con il digitale?

Dopo tante speranze deluse, nessun analista con onestà intellettuale sarà pronto a dirvi che “questa è la volta buona”. Proprio adesso, poi; in questa fase politica di confusione (in Italia, in Europa; nel mondo, se consideriamo anche le questioni geopolitiche Usa-Cina che attraversano anche il nostro Paese).

Confusione che a cascata fa male anche all’innovazione: perché il digitale è di per sé forza innovatrice che procede scardinando il consolidato (per migliorarlo, si spera). Cosa possibile, in un Paese democratico, solo con la collaborazione di tutti gli interessati. Cosa impossibile, in un Paese democratico particolare come l’Italia, quando gli interessati – non appena si alza quel po’ di nebbia che accompagna le fasi di confusione – hanno l’abitudine di paralizzarsi.

Inchiodano, invece di provare a sviluppare radar migliori per interpretare il presente e procedere così, fuori dalla nebbia, verso un presente migliore.

“Paralisi isterica”, l’ha chiamata più volte il presidente di Fpa (creatori di Forumpa) Carlo Mochi, riferendosi alla pubblica amministrazione; ma forse è metafora (psicoanalitica) che vale per tutti gli ambienti dove la politica ha un peso in Italia (ossia davvero tutti o quasi).

Forumpa 2019

Al contrario, un momento di chiarezza e collaborazione tra le parti, per il cambiamento, può essere vissuto la prossima settimana, a Forumpa 2019.

WHITEPAPER
IoT Platform: trasforma le promesse del 4.0 in realtà
IoT
Integrazione applicativa

Evento con cui questo speciale di Agendadigitale.eu sulle politiche digitali è gemellato (è oggi nelle caselle degli iscritti alla nostra newsletter. Lo è per molti motivi.

Primo, perché innovare la PA serve a renderla motore di cambiamento per l’intero Paese: l’abbiamo detto dal 2012, anno di fondazione di Agendadigitale.eu, e l’hanno detto da quello stesso anno tutti i governanti che hanno affrontato l’Agenda Digitale italiana.

“Nessuno degli obiettivi di questa ambiziosa Agenda è infatti raggiungibile senza una Pubblica Amministrazione efficace, collaborativa e aperta”, scrive Carlo Mochi per questo speciale.

Ma, a un livello più profondo, è anche vero che gli stessi valori alla base di una nuova, innovativa ed efficiente PA, sono gli stessi che devono animare una nuova Italia tutta.

I valori di un buon cambiamento Paese

“Una PA più collaborativa, più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di lavorare insieme a cittadini ed imprese per restituire valore ai contribuenti, innovazione al Paese, garanzia di diritti per tutti”, scrive ancora Mochi.

Ogni parola qui è pesata. Ha peso. Collaborazione tra le parti (e i suoi correlati: apertura, trasparenza dei meccanismi di potere), snellezza (meno burocrazia e sprechi), modernità/innovazione sono gli strumenti necessari per arrivare agli obiettivi sociali: sviluppo del sistema economico, garanzia dei diritti (sociali, civili, politici) dei cittadini.

Vale per la PA, certo, ma deve animare anche la trasformazione digitale delle nostre aziende e del sistema economico in generale, a tutela degli interessi collettivi e dei lavoratori. Il nostro speciale sul lavoro, per il primo maggio, riflette appunto sul fatto che il digitale non è garanzia di progresso sociale e civile, ma addirittura può acuire l’iniquità.

Se questi sono gli obiettivi, di fronte a sfide epocali l’Italia sta procedendo in modo disordinato. Poco concertato e con un mix di ricette di breve termine.

La confusione dei piani

È un po’ la critica che diversi esperti del nostro speciale fanno ai tanti piani con cui l’Italia sta progettando oggi l’innovazione. Il Piano triennale ICT per la PA, certo, a cui abbiamo dedicato una rubrica con decine di articoli pubblicati. Ma anche il piano Industria 4.0, ora entrato nella seconda stagione.

Ci sono anche plausi all’impegno del Governo – e il nostro speciale ne rende atto. Ma la critica comune a questa nuova stagione dei piani per il digitale in Italia è una scarsa coesione strategica delle misure e una ridotta apertura verso le parti, soggetti del cambiamento.

Pa digitale, Sanità, Scuola

Nel piano triennale, per esempio, i territori lamentano la scarsa chiarezza di alcune indicazioni e un loro ridotto coinvolgimento; anche se proprio l’accompagnamento dei territori anima adesso l’azione fattiva dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

Quanto ai progetti, si apprezza l’accelerazione su ANPR e PagoPa, anche grazie all’azione del Team Digitale, mentre il destino di Spid resta nel limbo.

Non si sa come andrà poi la razionalizzazione dei datacenter pubblici (su cui ci sono piani contrastanti) e il percorso di trasformazione digitale della Sanità (su cui ci sono le prime grandi prove di collaborazione tra Agid e il ministero, mancando ancora una collaborazione aperta tra le parti, pubblico-private, dell’ecosistema).

Su tutti questi capitoli, pesa l’incognita generale su come sarà la governance dall’anno prossimo, quando le funzioni del Team Digitale saranno inglobate sotto la presidenza del Consiglio (non si sa ancora in che modo di preciso) e nascerà la prima società dedicata a questi temi, per PagoPA.

Il capitolo più statico sembra qui la Scuola digitale, per cui abbiamo scritto quattro domande al Governo (per ora inevase).

È evidente da mesi, noto a tutti gli addetti e qui ribadito da mesi, che è in corso un braccio di ferro politico tra M5S e Lega sul controllo del digitale; e sarà difficile arrivi chiarezza prima della seconda metà del 2019 (pendendo gli esiti delle elezioni europee).

Cyber security nazionale

Incertezza politica che sta rallentando anche l’avvio di un’azione comune, in Italia, per la cyber security.

Tema che invece richiederebbe un rapido e coeso intervento, come richiesto per tutti gli scenari di guerra (“cyber”).

Industria 4.0, startup, banda ultralarga

Il clima di incertezza non fa bene nemmeno all’attuazione delle misure industria 4.0, che per la prima volta sono pensate per le pmi, asse portante della nostra economia.

Per accompagnarle al cambiamento, che comincia (ma non finisce) con l’adozione degli incentivi Industry 4.0, servirebbe (di nuovo) una azione collaborativa e aperta ai diversi stakeholder e un forte impegno di comunicazione dal Governo; sono le lacune lamentate da Confindustria e da vari esperti al momento.

Più impegno sembra esserci al momento per il piano di innovazione delle startup (Fondo Nazionale per l’Innovazione), con molte risorse messe in campo; ma dato che è un piano fortemente connotato politicamente (sotto il vicepremier Di Maio) è anche molto soggetto ai probabili contraccolpi politici all’orizzonte.

Per completezza, va citata anche la strada avviata dall’Italia verso il 5G e la banda ultralarga. Dove sono sì stati posati pilastri importanti (l’asta frequenze, il piano e i bandi fibra). Ma si sconta adesso – anche qui – qualche incertezza politica su come agire rapidamente per facilitare l’azione degli operatori. Per la diffusione del 5G e l’avvio della fase 2 del piano banda ultralarga.

Tra l’altro, la politica dovrebbe avere il coraggio di affrontare in modo razionale il nodo dei limiti sulle emissioni elettromagnetiche (su cui abbiamo aperto una rubrica chiamando a raccolta i principali esponenti del tema) e i tanti orpelli burocratici che rallentano l’infrastrutturazione.

In conclusione

Uno dei problemi dell’Italia, che ci incatena al passato, è l’incapacità di pensare al bene comune di cui certi progetti si fanno portatori. Li si associa invece a particolari politici e stagioni politiche. E con loro rapidamente si eclissano.

Ma allora la speranza e l’invito è che si faccia tutto l’opposto. Che uscendo dal proprio particolare, i decisori abbiano il coraggio di guidare il Paese attraverso la nebbia.

L’attesa non ci gioverà. In questa fase storica particolarmente. Altrimenti, al diradarsi della nebbia, ci risveglieremo tutti immersi nelle nostre usuali e consumate cose, conflitti di borgata. Più vecchi e più stanchi. E il resto del mondo ormai irraggiungibile all’orizzonte.

WHITEPAPER
Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro
Automotive
IoT
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4